DotComGuy riemerge dall'esilio digitale

Il ragazzo che ha saputo attirare l'attenzione di sponsor e media ha concluso l'anno di permanenza volontaria in una casa dove ha dovuto vivere, senza uscirne, acquistando quanto necessario da Internet. Pochi soldi molta.. gloria?

Dallas (USA) - Dopo un anno di "reclusione" Ŕ finalmente tornato in libertÓ DotCom Guy ("l'uomo.com"), il ragazzo che il primo gennaio del 2000 si Ŕ chiuso in un appartamento giurando che sarebbe uscito solo dopo un anno e affermando di voler vivere solo "via Internet". Una iniziativa che all'epoca finý sulle prime pagine dei media e che ha catturato l'attenzione di molti sponsor.

Dopo un anno, l'attenzione attorno alla vicenda Ŕ decisamente scesa e dei 100mila dollari che il ragazzo aveva detto di voler guadagnare dalle sponsorship pare che ben pochi siano effettivamente arrivati nelle sue tasche.

Lui ce l' ha senz'altro messa tutta, creando online forum e chat con chi lo ha guardato vivere grazie a 20 telecamere web installate all'interno della propria residenza. E lui, che ora intende sposarsi con una ragazza incontrata in chat nel corso dell'anno, ha persino trasformato il proprio nome, come permesso dalle leggi americane, passando da Mitch Maddox a DotComGuy. Pare ora che, concluso l'esperimento, tornerÓ ad essere anche legalmente il Mitch di prima.
Subito dopo lo scoccare del nuovo anno, DotComGuy ha salutato il Web, Ŕ uscito da quella casa e si Ŕ allontanato, pare, su un motorino.
TAG: mondo