Ecomm, l'Italia insegue l'Europa

Presentato nei giorni scorsi dal Politecnico di Milano in collaborazione con ANEE-Assinform il rapporto sullo sviluppo del mercato elettronico. Che cresce anche da noi

Milano - Seppure più lentamente di quanto qualcuno aveva previsto e meno di quanto accade negli altri grandi paesi europei, anche in Italia cresce il valore del commercio elettronico, un dato tutt'altro che trascurabile visto l'impatto che questo settore è destinato ad assumere non solo sul commercio ma anche, più in generale, sull'impiego di internet da parte delle imprese nostrane.

Stando ad un rapporto presentato dal Politecnico di Milano in collaborazione con ANEE-ASSINFORM nel 2004 si prevedono vendite elettroniche per 1.950 milioni di euro, ovvero il 68 per cento in più rispetto all'anno precedente, che già aveva visto una crescita sostenuta quasi eguale.

A "tirare" qui da noi sono turismo e trasporti (+ 140 per cento rispetto al 2003), in particolare la vendita online dei biglietti aerei. A seguire sono assicurazioni, informatica, elettronica di consumo, abbigliamento, alimentari ed editoria musicale ed audiovisiva. Tra gli altri settori si segnala in crescita la vendita delle ricariche telefoniche online.
Per fare un paragone con le altre realtà europee, nel Regno Unito si registreranno vendite per 24,7 miliardi di euro nell'anno in corso, vale a dire un volume superiore di più di dieci volte rispetto a quello italiano. A seguire la Germania (13 miliardi), la Francia (8 miliardi) e la Spagna (2,9 miliardi).
2 Commenti alla Notizia Ecomm, l'Italia insegue l'Europa
Ordina