Come fu che Xbox invase la Rete

Con le sue fotografie, non ufficiali e non volute da Microsoft, che invece aspetta la Befana per presentare la console. Ma le foto di EGM ormai hanno fatto il giro di Internet. MS non commenta e cerca collaudatori per Xbox

Come fu che Xbox invase la ReteWeb - Dopo averle pubblicate, alcuni siti pare abbiano ricevuto l'invito di Microsoft a rimuovere rapidamente le immagini di Xbox, la console videoludica che l'azienda si appresta a presentare con un annuncio ufficiale il giorno della Befana. Le immagini "non ufficiali" hanno iniziato a circolare online dopo essere apparse nel numero di gennaio del magazine "Electronic Gaming Monthly" di Ziff-Davis. Ora sono riprese da molti siti e basta girare tra quelli dedicati al gaming per trovare altre immagini "non ufficiali" di Xbox.

Sulla questione, nelle scorse ore Microsoft ha deciso di non commentare, seguendo la solita policy secondo cui non si danno commenti su "notizie non ufficiali", come sarebbero appunto quelle immagini. Intanto Xbox365.com, il più noto tra i siti "unofficial" dedicati a Xbox, ha comunicato di aver ricevuto da Ziff-Davis la gentile richiesta di togliere le immagini dal proprio sito, essendo frutto della scansione delle pagine della rivista. E il sito ha obbedito. Ma questo non basta certo ad impedire che le immagini continuino a girare...

In realtà, la circolazione delle fotografie nei giorni che precedono il lancio ufficiale previsto per sabato a Las Vegas sembra entrare a pieno titolo nell'atmosfera di grande attesa che proprio Microsoft ha contribuito a creare attorno a Xbox da lungo tempo, quando ancora la console non era che un lontano progetto.
Il tutto accade, infine, mentre l'azienda ha iniziato a cercare giovani collaudatori per la console e per i primi giochi disegnati per Xbox. Per chi vive vicino al quartiere generale di Microsoft, a Redmond, sarà possibile diventare "Xbox tester" e giocare con la console in un'area attrezzata del campus Microsoft. Non sono previste retribuzioni ma l'azienda assicura "roba in regalo", e c'è da scommetterci che le richieste di partecipazione fioccheranno copiose...
TAG: mondo