E io appendo il modem al chiodo

Quanto costa Internet ad un heavy user che non ha la fortuna di abitare in una zona coperta dall'ADSL? Secondo un lettore la via è obbligata: rinunciare alla rete

Roma - Dopo otto anni sono costretto ad appendere internet al chiodo, o meglio, appendere il modem al chiodo. Non ce la faccio più: i costi di connessioni ad internet sono ormai non più sostenibili.

Telecom Italia ha deciso che nella mia cittadina di 11.000 abitanti non debba esserci la ADSL, una tecnologia internet a larga banda che in tutti i Paesi sviluppati costa poco ed è garantita come l'acqua, tranne che in Italia.

E così a me una "mezza internet" costa molto di più di un qualsiasi altro italiano, che invece puo' godersi una favolosa internet, a larga banda, in modo illimitato e a costi molto inferiori.
Tanto per farvi capire: è come se io potessi ricevere la radio solo sulle Onde Medie, per tre ore al giorno, pagando un canone notevolmente superiore a quello pagato da tantissimi altri italiani i quali, invece, possono ricevere tutti i canali TV e Radio FM illimitatamente.

Dell'alice sul satellite, con telefonata urbana a tempo, non so che farmene: è ridicola; basta poco per capire che si pagano sempre gli odiosi scatti della tariffa urbana a tempo, come una normale connessione 56k.

Ma che volete che sia.
L'importante è che ci sia "Grande fratello" sul digitale terrestre: questo significa "larga-banda" in Italia; questa è l'Italia di Telecom Italia e di Gasparri.

Francesco Parisi
San Gennaro Vesuviano, NA
TAG: adsl
167 Commenti alla Notizia E io appendo il modem al chiodo
Ordina
  • Dopo cinque mesi San Gennaro Vesuviano ha avuto l'ADSL (il tempo di metterla in pianificazione).
    A Somma Vesuviano ad aprile 2008, stiamo ancora aspettando!
    non+autenticato
  • Ops: ho sbagliato topic! scusate
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 18 agosto 2006 20.03
    -----------------------------------------------------------
  • Se vi può rincuorare, i problemi di connessione ADSL esistono anche nella capitale (sì sto parlando di Roma, quella città che accoglie tutte le istituzioni nazionali, dove c'è la sede centrale di Telecom e di tutte le maggiori compagnie telefoniche). Abito nel quartiere Montesacro Alto (le case sono recenti del '95) ma la centrale Telecom condominiale è in fibra ottica (avete capito bene FIBRA OTTICA, l'ho vista con i miei occhi) e un tecnico Telecom un giorno mi ha spiegato che non è possibile collegare questo tipo di centrali per le connessioni veloci. Pensate, la fibra ottica giù in cortile, e la linea 56k in casa (mah!).
    Coraggio.
    non+autenticato
  • Fan Linux
    E' a dir poco vergognoso che telecom Italia neghi la banda larga in alcune zone. Pensate che un mio amico abita in una zona non coperta e deve sopportare, oltre al danno, la beffa, in quanto spesso gli arrivano telefonate promozionali di alice adsl dalla Telecom stessa!!! Dico io... Makkekkazzo, evitate almeno di fare figure dimmerda con i vostri stessi utenti incacchiati, fra l'altro, perchè gli negate un servizio del quale hanno tutti i diritti.
    E' UNA VERGOGNA!!!
    VERGOGNA TELECOM!!!:@
    non+autenticato
  • Anche noi siamo, purtroppo, residenti a San Gennaro Vesuviano. Il nostro è un problema ancora più grosso in quanto gestiamo un'azienda informatica. Quindi oltre alla lentezza e ai costi che possono avere una connesisone dial up (ISDN o 56K), abbiamo il problema di non poter provare e configurare i PC con i modem ADSL a quei clienti invece raggiunti da ADSL che magari abitano solo un ad km dalla ns. sede.

    In passato abbiamo anche fatto una petizione con raccolta firme di tanti concittadini ed aziende locali, inviata sia a telecom che al ministero delle comunicazioni ..... ma ovviamente nulla si è mosso.


    Che facciamo ??? cambiamo sede ?
    Marcello Ciccone resp. tecnico della
    SMS Software Machines and System
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | Successiva
(pagina 1/10 - 48 discussioni)