Denunciata Buongiorno Vitaminic

Le accuse parlano di utilizzo abusivo di dati personali, frode informatica e accesso abusivo a sistemi informatici. L'azienda si difende ma chi denuncia insiste: danni gravissimi (UPDATE)

Denunciata Buongiorno VitaminicMilano - La più importante società italiana di gestione di newsletter e da tempo multinazionale dei servizi internet e di quelli mobili, Buongiorno Vitaminic, quotata a Milano e al Nasdaq, è stata denunciata dalla Guardia di Finanza per illecito trattamento dei dati personali, frode informatica e accesso abusivo ad un sistema informatico.

L'operazione condotta dal Nucleo Regionale di Polizia Tributaria della Lombardia sotto il coordinamento del Sostituto procuratore presso il Tribunale di Milano Gianluca Braghò, come si legge in una nota diffusa dalle Fiamme Gialle, "ha consentito di porre fine all'illecito trattamento dei dati personali di oltre 450.000 soggetti".

Le indagini, seguite dai cybercop del Gruppo Repressione Frodi, già distintesi in altre importanti operazioni, hanno portato alla denuncia del Rappresentante legale e del Responsabile del trattamento dati personali della società per i reati di cui sopra.
Secondo le Fiamme Gialle, l'azienda era stata incaricata di gestire, per conto di altra impresa online, il database degli iscritti ad una newsletter abbinata ad un noto sito internet. Tuttavia, dopo la risoluzione del contratto con il titolare del sito, la stessa avrebbe continuato ad utilizzare il sistema informatico di gestione del servizio di newsletter inviando migliaia di e-mail pubblicitarie agli abbonati senza averne richiesto il preventivo consenso, un'azione che la GdF definisce spamming.

"Immediato e rilevante - stando alla polizia tributaria - il vantaggio derivante dal mancato pagamento degli introiti al legittimo concedente del servizio (titolare del sito Internet) e dall'abusiva diffusione dei messaggi pubblicitari concernenti la propria attività".

"Problemi, invece - continua la GdF - per gli utenti che, in molti casi, si sono trovati nell'impossibilità di eliminare i messaggi non autorizzati dalla propria casella di posta elettronica e di cancellarsi dalla newsletter".

Gli elementi probatori acquisiti sono stati comunicati anche al Garante per la protezione dei dati personali che dovrà pronunciarsi sull'irrogazione della sanzione amministrativa a titolo di risarcimento danni.

"Tenuto conto che la società oggetto d'indagine gestisce altri database contenenti i dati personali di quasi 50 milioni di utenti italiani e stranieri iscritti a varie newsletter - conclude la nota - le indagini sono ora volte ad accertare eventuali ulteriori violazioni alla vigente normativa sulla privacy".

Di seguito la replica di Buongiorno Vitaminic e, in terza pagina, il successivo comunicato della società che ha sporto denuncia.
TAG: italia
154 Commenti alla Notizia Denunciata Buongiorno Vitaminic
Ordina
  • almeno per quanto riguarda lo spamming!
    Mi ero iscritto due anni fa e quando in seguito decisi di togliere l'iscrizione non ricevetti più nulla.

    La cosa singolare, se così si può dire, era il motivo della mia disiscrizione. Quei bravi redattori di Buongiorno diffusero nella newsletter la famosa Bufala sull'ADSL di cui potete ancora leggerne i contenuti sull'interessante sito di Paolo Attivissimo e io da bravo cittadino segnalai la notizia anche ai miei colleghi. La sera stessa scoprii che la notizia era falsa così il giorno seguente comunicai ai miei colleghi la falsità della notizia e annullai l'iscrizione da Buongiorno.
    http://www.attivissimo.net/antibufala/spammer_adsl....
    Questo dovrebbe dirla lunga sulla loro professionalità, o al limite su quella del singolo redattore che aveva scritto l'articolo.

    Ho vissuto un'odissea simile a quelle descritte in questo forum con E-dreams dal quale non riuscivo ad annullare l'iscrizione perché nessuno rispondeva alle mie comunicazioni. Molto spesso le aziende non cancellano realmente l'indirizzo di posta elettronica ma si limitano a spuntare l'indirizzo dalla lista delle spedizioni per poi riattivare la newsletter circa un anno dopo, quando l'utente probabilmente si è dimenticato dell'ultima disiscrizione e magari non ha nemmeno più la copia della mail inviata.

    Rimane il fatto che in Italia siamo ancora lontani da una vera cultura della privacy che spesso è vista solo come un "bastone tra le ruote" alla crescita economica di una azienda ma che rimane ovviamente a carico dell'utente come tempo perso, cioè come costo della connessione fisica alla rete. Provate a moltiplicare i 10 minuti persi dietro queste newsletter e spamming per circa 330 giorni all'anno e vedrete quanto incide sulle vostre bollette.
    non+autenticato
  • Mi dispiace usare questi toni, ma ogni giorno ricevo Spam per colpa di Buongiorno e altri...cerchi di cancellarti, ma di emails indesiderate te ne arrivano sempre di piu'....no comment. Rosalba Faraci, Genova

  • - Scritto da: rfaraci
    > Mi dispiace usare questi toni, ma ogni
    > giorno ricevo Spam per colpa di Buongiorno e
    > altri...cerchi di cancellarti, ma di emails
    > indesiderate te ne arrivano sempre di
    > piu'....no comment. Rosalba Faraci, Genova

    Non ti scusare, visto che loro non lo fanno.
    E i loro toni sono MOLTO più scoccianti dei tuoi.

    Ciao
    non+autenticato
  • La vecchia informativa però avvertiva che "Iscrivendoti ad un qualsiasi servizio di Buongiorno Vitaminic S.p.A., ti verranno periodicamente inviate mail e/o SMS di aggiornamento sulle novità del nostro sito (nuovi servizi, concorsi a premi, etc.): potrai naturalmente cancellare in qualsiasi momento la tua iscrizione a questi servizi di news, seguendo le istruzioni riportate in coda ad ogni messaggio" http://web.archive.org/web/20030928003022/www.buon...

    La nuova informativa addirittura si allarga ancora di più:
    "Iscrivendoti ad un qualsiasi servizio di Buongiorno Vitaminic S.p.A., ti verranno periodicamente inviate e-mail e/o SMS di aggiornamento sulle novità del mondo B! e comunicazioni e/o informazioni commerciali, promozionali e pubblicitarie riguardanti partners da noi selezionati. Tra queste, Ti invieremo anche messaggi di propaganda elettorale. In coda a ciascuno di tali messaggi saranno sempre riportate le istruzioni che Ti invitiamo a seguire qualora voglia chiederci di non ricevere più quel servizio"
    http://www.buongiorno.com/it/consumer/privacy.html

    Il problema è che con questa complicatissima legge sulla privacy le piccole aziende sono sommerse da una marea di adempimenti assurdi, mentre il vero spam non lo puoi bloccare perchè basta che uno ti dica - in un'informativa lunghissima e nascosta, che nessuno mai legge - che lo autorizzi a fare dei tuoi dati quello che vuole e sei fregato!!!!

    Per fortuna (...) che Buongiorno ha omesso di cancellare dalla lista persone che avevano chiesto più volte la cancellazione e, se non ho capito male, ha continuato ad utilizzare dati che non aveva più il permesso di usare (entrambe le cose violano la legge sulla privacy), altrimenti, almeno formalmente, erano a posto inviando tutte le loro newsletter "non richieste", perchè in realtà te l'avevano detto, sei tu che non leggi l'informativa....
    Tutela del consumatore? mah...

    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | Successiva
(pagina 1/13 - 63 discussioni)