Novell: MS ha affondato WordPerfect

Le beghe tra le rivali Microsoft e Novell non sono finite. Quest'ultima ha ora deciso di denunciare il big di Redmond sostenendo che ha operato per distruggere il mercato di WordPerfect

Waltham (USA) - Il mezzo miliardo di dollari che, proprio pochi giorni fa, Microsoft ha versato nelle casse di Novell per dirimere una vertenza antitrust, non è bastato a cancellare l'annosa ostilità che da sempre caratterizza i rapporti fra le due aziende. La dimostrazione è arrivata venerdì, quando Novell ha fatto causa alla rivale accusandola di aver spinto l'elaboratore di testi WordPerfect ai margini del mercato utilizzando tattiche anticoncorrenziali.

Novell afferma che tra il 1994 e il 1996, ossia il breve arco di tempo in cui è stata proprietaria di WordPerfect, Microsoft le avrebbe tenuto nascosto delle "informazioni tecniche cruciali", impedendole così di "sviluppare una nuova versione di WordPerfect e altre applicazioni per la produttività d'ufficio". Spingendosi oltre, Novell accusa Microsoft di aver deliberatamente ostacolato la diffusione di WordPerfect in due modi: integrando in Windows "certe tecnologie studiate per escludere WordPerfect ed altre applicazioni di Novell da importanti settori del mercato"; facendo leva "sul suo monopolio per impedire alle proprie partner che vendevano hardware di offrire ai clienti WordPerfect e altre applicazioni".

La mamma di NetWare ha spiegato che la propria causa si basa, in parte, sulle prove presentate nel processo antitrust americano conclusosi nel 2002, lo stesso in cui Microsoft venne ritenuta colpevole di abuso di posizione dominante.
In una nota, Microsoft ha replicato seccamente alle accuse di Novell affermando che la popolarità di WordPerfect nel mercato era già in declino prima che questo fosse acquistato dalla rivale.

"Attraverso la sua azione legale, Novell cerca di incolpare Microsoft della sua cattiva gestione e delle infelici decisioni imprenditoriali", ha scritto Microsoft in un comunicato. "E' evidente che le scelte infelici e gli errori commerciali sono la causa del disinteresse dei consumatori verso WordPerfect". Il big di Redmond si è poi detto sorpreso del fatto che Novell abbia deciso di portare in tribunale una questione relativa ad un prodotto "che ha venduto oltre 8 anni fa per un brevissimo periodo di tempo".

A tal proposito Novell lamenta il fatto che, in seguito alle presunte politiche di concorrenza sleale di Microsoft, sarebbe stata costretta a svendere la propria suite di prodotti per l'ufficio a Corel. Più nel dettaglio, l'azienda sostiene che dopo la fusione con WordPerfect Corporation, avvenuta nel 1994, e l'acquisto del programma Quattro Pro di Borland, questi prodotti avevano un valore complessivo di 1 miliardo di dollari: Corel li acquisì nel marzo del 1996 per 170 milioni di dollari.

Microsoft conclude la sua nota affermando che il caso antitrust del 2002 tirato in ballo da Novell "non ha nulla a che fare con il software per la produttività d'ufficio, focalizzandosi quasi esclusivamente su altri mercati e tecnologie".

WordPerfect nacque nel lontano 1980 come elaboratore di testi per DOS, e dunque basato su di un'interfaccia a caratteri. La prima versione per Windows uscì nel 1991, circa un anno e mezzo dopo il rilascio, da parte di Microsoft, di Windows 3.0.
TAG: mercato
55 Commenti alla Notizia Novell: MS ha affondato WordPerfect
Ordina
  • Aprite una ditta di informatica, create un prodotto che entri in concorrenza con microsoft, quindi fallite.
    Poi chiedete i danni a Microsoft. Niente di più facile.
    non+autenticato
  • hai per le mani la più bella creatura mai apparsa sulla sfera degli OS, da quando una certa Be inc. forgiò BeOS5pro

    ora non perderti in stupide beghe con microsoft, lascia passare 5 o 6 mesi perché il tuo gioiellino cresca, e non appena sarà maturo lo potrai scagliare contro il [alien mode on] draga [alien mode off] e prenderti la tanto sospirata rivincita.

    wordperfect quando era nelle tue mani era un gioiello... quanto sarebbe stato bello averlo oggi per le mani della community, ma oggi i tuoi gioielli hanno altri nomi, e rispondono ai nomi di Red Carpet, Evolution, tutto condensato dentro il neonato NLD, tientelo stretto che ti darà tante ma tante soddisfazioni.

    un felice utente di
    Novell Linux Desktop
    non+autenticato
  • Visto che si raccoglie solo cacca nell'essere obiettivi (e perfino quasi gentili con ms), tanto vale...

    <alien>
    Ha ragione Novell!
    Morte al draga e ai suoi loski pretoriani!!!
    micro$oft deve sputare sangue e pagare!
    </alien>

    meglio così?
    Terra2
    2332
  • - Scritto da: Terra2
    > Visto che si raccoglie solo cacca
    > nell'essere obiettivi (e perfino quasi
    > gentili con ms), tanto vale...
    >
    > <alien>
    > Ha ragione Novell!
    > Morte al draga e ai suoi loski pretoriani!!!
    > micro$oft deve sputare sangue e pagare!
    > </alien>
    >
    > meglio così?

    [ironic-trolling mode on]

    SIIII!!! GLIEA!!! Micro$oft è il male sulla terra! Bill Gates è l'anticristo e Ballmer il suo braccio destro. A Redmond si trova la sede terrestre dell' Inferno e ci sono sette sparse per l'intero pianeta!

    :p:p:p:p

    E' giunto il momento di fermarli! Una bella spedizione per esorcizzare il mondo da questa contaminazione!

    :D:D:D:D:D:D:D

    [ironic-trolling mode off]

    TAD

    Ovviamente il commento è ironico!

    ==================================
    Modificato dall'autore il 15/11/2004 16.49.48

  • > Ovviamente il commento è
    > ironico!


    naaaa... tanto non la capiscono lostesso... Sorride
    Terra2
    2332
  • E' ridicolo ignorare il fatto che ms, conoscendo prima della concorrenza quali saranno le nuove features dei propri OS, parta enormemente avvantaggiata nello sviluppo delle applicazioni.

    Altrettanto ridicolo, è negare la spietata concorrenza che ms pratica nei confronti delle società che producono software antagonisti (vi piaceva winamp? ma che peccato...).

    Non credo che comunque microsoft sia colpevole.
    (si... sono sempre io e non sono diventato cretino... o almeno, non più di quanto non lo fossi venerdì scorso...)

    Colpevoli sono quei governi che non si accorgono ancora di come le vecchie leggi atte a regolare il mercato non siano all'altezza di gestire realtà come l'industria del software.

    Se non ci sono leggi specifiche che impongano a ms tempi e modalità per aggiornare la concorrenza sugli sviluppi dei propri OS, ms è legalmente autorizzata a prendersi delle "libertà" che possono risultare fatali alla concorrenza.

    Se invece queste leggi esistono, ed impongono ai produttori di OS il rilascio delle specifiche in tempi che la concorrenza giudica ragionevoli, e se esistevano anche all'epoca dei fatti contestati da Novell, beh... in questo caso ms ha torto.

    Terra2
    2332

  • - Scritto da: Terra2
    > Se non ci sono leggi specifiche che
    > impongano a ms tempi e modalità per
    > aggiornare la concorrenza sugli sviluppi dei
    > propri OS, ms è legalmente
    > autorizzata a prendersi delle
    > "libertà" che possono risultare
    > fatali alla concorrenza.

    Discorso analogo si potrebbe fare sul libero mercato, in teoria dovrebbero farsi concorrenza, nella pratica fanno accordi taciti, cartelli e chi se lo piglia ner culo e sempre l'ultimo anello della catena: l'ITALIOTA.

    > Se invece queste leggi esistono, ed
    > impongono ai produttori di OS il rilascio
    > delle specifiche in tempi che la concorrenza
    > giudica ragionevoli, e se esistevano anche
    > all'epoca dei fatti contestati da Novell,
    > beh... in questo caso ms ha torto.

    Dubito esistano leggi così restrittive, non vanno bene le dittature.
    non+autenticato
  • > Dubito esistano leggi così
    > restrittive, non vanno bene le dittature.

    Beh, prendi le regolamentazioni sull'insider trading... non è molto dissimile.

    O la legge sul decoder unico. Sky sta esattamente facendo quello che MS ha fatto e fa. Eppure esiste una legge che gli impedirebbe di farlo, se fosse applicata.
  • esiste anche una voce nella licenza oem di windows che ne garantirebbe il rimborso nel caso in cui non venisse accettato il contratto al momento dell'avvio del computer, ma ottenere questo rimborso e' praticamente impossible. in questo caso secondo me gran parte della colpa e di chi rinuncia in partenza a sbattersi per far valere i propri diritti.
    non+autenticato
  • pretendere che ms riveli ai concorrenti cosa accade tra le loro 4 mura e' utopico. non c'e' legge che lo possa garantire.
    io mi accontenterei di una tra queste due opzioni:

    1) la piu' difficile da ottenere ma la piu' corretta per il mercato: chi produce e vende un sistema operativo non puo' allo stesso tempo produrre e vendere il software applicativo
    2) giusto un primo passo verso una situazione piu' decente: i produttori di hardware sono obbligati a rendere opzionale l'acquisto del software preinstallato il cui costo deve essere una distinta voce di listino.

    In ogni caso credo che la soluzione ottimale sia che il sistema operativo di riferimento sia di pubblico dominio. linux e' un'ottima base di partenza, per molti gia' il meglio che si possa avere, per altri forse no, ma la sua "non proprieta'" di fatto taglia le gambe a strategie come quelle adottate fin ora da ms. certo non garantisce che altri colossi giochino sporco, ma sicuramente la licenza con cui viene distribuito e' un ostacolo da superare.
    non+autenticato
  • Su un cosa concordo appieno. Sul grande mercato MS ha uno strapotere enorme dovuto al fatto che conosce in anticipo gli sviluppi del sistema operativo, e internamente opera su tutti i suoi applicativi in modo da seguire tali sviluppi. Non crediate che l'ufficio Sistemi Operativi non conosca il numero di telefono dell'Ufficio applicativi..
    E' questo e' dimostrato dal fatto (che grazie ad alcuni che hanno reversato parti di codice) ci siano alcune "ottimizzazioni" (chiamiamole cosi') interne al sistema operativo che vanno a vantaggio dei soli altri prodotti MS.

    Ora .. vi ricordate la causa che reggeva il giudice Jackson? quella per smembrare la MS.. beh guarda caso il vecchio Billy era uno sponsor della campagna elettorale di Bush.. ed eletto Bush jackson e' andato "in vacanza".. Non aspettiamoci quindi cambiamenti derivati da leggi o simili.. perche' il risultato lo conosciamo gia'.. Supportiamo invece le applicazioni e i software liberi.. ad esempio che siano seguiti porgetti come reactos (un sistema operativo libero e compatibile con windows..) che muove i suoi primi passi.. Aiutiamo e magari finanziamo qui bravi ragazzi che sviluppano codice libero..

    Ma tanto siamo in italia.. non si paga per le licenze che si dovrebbero comprare ... figuriamoci se si supportano i progetti liberi..

    non+autenticato
  • > Ma tanto siamo in italia.. non si paga per
    > le licenze che si dovrebbero comprare ...
    > figuriamoci se si supportano i progetti
    > liberi..
    >
    Si paga e come, chiuque acquista un pc e' costretto a pagare la licenza del sistema operativo. Possiamo piratarci photoshop, 3dstudio, l'antivirus o tutt'al piu' una copia di windows server 2003 (certamente + per sfizio che per utilita'), ma di licenze di un sistema operativo ms ne abbiamo regolarmente acquistata tutti almeno una.
    non+autenticato
  • convinto tu...
    e comunque anche con una licenza windows a disposizione la maggioranza degli utenti domestici ha piratato tutto il resto del software.. la situazione non cambia molto.

    cosi' come la mentalita' dell'italiano medio in fatto di softwareù
    .. ovvero "se posso scaricarlo perche' pagarlo?"

    e la cosa triste e' che esistono tanto software liberi che per l'uso quotidiano sono altrettanto validi.. chissa' perche' nessuno (o ben pochi li usano..)

    non+autenticato
  • > E' questo e' dimostrato dal fatto (che
    > grazie ad alcuni che hanno reversato parti
    > di codice) ci siano alcune "ottimizzazioni"
    > (chiamiamole cosi') interne al sistema
    > operativo che vanno a vantaggio dei soli
    > altri prodotti MS.
    >

    io nei sorgenti di windows ho visto molte "ottimizzazioni" per molti software non MS
    che si basavano su funzioni non documentate o che usavano strani modi per allocare la memoria etc. etc.
    per compatibilita MS ha introdotto degli IF in modo che l'utente non dovesse aspettare le nuove versioni dei suoi software piu' amati
    con molte incazzature da parte dei programmatori che hanno riempito il codice di commenti poco carini verso i loro colleghi delle altre software house
    questo pero' va a favore di MS, non a suo sfavore

    > Ora .. vi ricordate la causa che reggeva il
    > giudice Jackson? quella per smembrare la
    > MS.. beh guarda caso il vecchio Billy era
    > uno sponsor della campagna elettorale di
    > Bush.. ed eletto Bush jackson e' andato "in
    > vacanza".. Non aspettiamoci quindi

    Gates era un gran finanziatore anche di Clinton
    non vuol dire nulla in concreto
    Il sistema americano e' diverso
    le cose si fanno alla luce del sole
    e i finanziamenti sono pubblici

    > cambiamenti derivati da leggi o simili..
    > perche' il risultato lo conosciamo gia'..
    > Supportiamo invece le applicazioni e i
    > software liberi.. ad esempio che siano
    > seguiti porgetti come reactos (un sistema
    > operativo libero e compatibile con
    > windows..) che muove i suoi primi passi..
    > Aiutiamo e magari finanziamo qui bravi
    > ragazzi che sviluppano codice libero..
    >


    si ok, sono d'accordo
    ma ms che c'entra con wordperfect che e' morto?

    > Ma tanto siamo in italia.. non si paga per
    > le licenze che si dovrebbero comprare ...
    > figuriamoci se si supportano i progetti
    > liberi..

    appunto

    non+autenticato

  • - Scritto da: Terra2
    > E' ridicolo ignorare il fatto che ms,
    > conoscendo prima della concorrenza quali
    > saranno le nuove features dei propri OS,
    > parta enormemente avvantaggiata nello
    > sviluppo delle applicazioni.

    forse questo non vale anche per Apple, Ibm, Hp, sun e tutte le altre ditte.

    E non tirarmi in ballo la storia del monopolio, che in questo caso c'entra come i ceci a merenda.

    > Altrettanto ridicolo, è negare la
    > spietata concorrenza che ms pratica nei
    > confronti delle società che producono
    > software antagonisti (vi piaceva winamp? ma
    > che peccato...).

    ma quanti l'avevano comprato questo winamp? forse troppo pochi e se non vendi non c'e' Ms che tiene.


    > Non credo che comunque microsoft sia
    > colpevole.
    > (si... sono sempre io e non sono diventato
    > cretino... o almeno, non più di
    > quanto non lo fossi venerdì
    > scorso...)

    Colpevole che nessuno comprava Novel Office? ma in quanti lo conoscevano?
    Quanto costava?

    >
    > Colpevoli sono quei governi che non si
    > accorgono ancora di come le vecchie leggi
    > atte a regolare il mercato non siano
    > all'altezza di gestire realtà come
    > l'industria del software.

    Le leggi vanno bene, sono che ci vuole troppo tempo ad applicarle (quando vengono applicate), 10 anni nel settore meccanico sono accettabili, nel mondo informatico no.

    >
    > Se invece queste leggi esistono, ed
    > impongono ai produttori di OS il rilascio
    > delle specifiche in tempi che la concorrenza
    > giudica ragionevoli, e se esistevano anche
    > all'epoca dei fatti contestati da Novell,
    > beh... in questo caso ms ha torto.

    perche' solo a chi produce OS e non

    produttori di HW
    produttori di librerie?
    di auto
    di tutto quello che puo' interfacciarsi con prodotti della concorrenza?

    >
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Terra2
    > > E' ridicolo ignorare il fatto che ms,
    > > conoscendo prima della concorrenza quali
    > > saranno le nuove features dei propri OS,
    > > parta enormemente avvantaggiata nello
    > > sviluppo delle applicazioni.
    >
    > forse questo non vale anche per Apple, Ibm,
    > Hp, sun e tutte le altre ditte.
    >

    piccolo dettaglio che a te sfugge....non hanno la stessa massa critica che ha MS per influenzare decisamente il mercato....

    > E non tirarmi in ballo la storia del
    > monopolio, che in questo caso c'entra come i
    > ceci a merenda.
    >
    non parlare di cose che ti sfuggono allora...quale parte non ti viene in mente de "MS ha il monopolio degli OS installati sui computer e quindi ha influenze sul mercato che neppure SUN IBM e Apple possono avere"...pssst S HP non produce OS!

    direi che la tua affermazione oltre che priva di argomentazioni, è proprio fuori luogo.


    > > Altrettanto ridicolo, è negare la
    > > spietata concorrenza che ms pratica nei
    > > confronti delle società che
    > producono
    > > software antagonisti (vi piaceva
    > winamp? ma
    > > che peccato...).
    >
    > ma quanti l'avevano comprato questo winamp?
    tanti.....

    > forse troppo pochi e se non vendi non c'e'
    > Ms che tiene.
    >
    prova a chiederti come mai ha fatto la fine che ha fatto....

    >
    > > Non credo che comunque microsoft sia
    > > colpevole.
    > > (si... sono sempre io e non sono
    > diventato
    > > cretino... o almeno, non più di
    > > quanto non lo fossi venerdì
    > > scorso...)
    >
    > Colpevole che nessuno comprava Novel Office?

    quale parte di "ha imposto MS Office chiudendo la strada alle alternative" non ti è chiara?

    > ma in quanti lo conoscevano?
    > Quanto costava?
    >
    usare google no?


    > >
    > > Colpevoli sono quei governi che non si
    > > accorgono ancora di come le vecchie
    > leggi
    > > atte a regolare il mercato non siano
    > > all'altezza di gestire realtà
    > come
    > > l'industria del software.
    >
    > Le leggi vanno bene, sono che ci vuole
    > troppo tempo ad applicarle (quando vengono
    > applicate), 10 anni nel settore meccanico
    > sono accettabili, nel mondo informatico no.
    >
    non è questione del tempo per applicarle, bensì la rapidità con la quale vengono discusse nel parlamento e finalmente vengono adottate....e quando questo succede spesso sono superate.


    > >
    > > Se invece queste leggi esistono, ed
    > > impongono ai produttori di OS il
    > rilascio
    > > delle specifiche in tempi che la
    > concorrenza
    > > giudica ragionevoli, e se esistevano
    > anche
    > > all'epoca dei fatti contestati da
    > Novell,
    > > beh... in questo caso ms ha torto.
    >
    > perche' solo a chi produce OS e non
    >
    > produttori di HW

    hw senza OS che lo sfrutta a che serve?

    > produttori di librerie?
    le librerie girano sull'OS

    > di auto
    > di tutto quello che puo' interfacciarsi con
    > prodotti della concorrenza?
    >
    se proprio vuoi allargare il discorso a "n'importe quoi"...prego

    non+autenticato
  • Se vi leggete "Alla ricerca della stupidità / 20 anni di disastri hi-tech" troverete spiegato come Novell si sia affossata da sola.
    Qui non centra una mazza MS ma centra molto la straffotenza di una compagnia che si riteneva intoccabile, portatrice di intelligenza, ma che non aveva assolutamente fatto i conti col mercato e con quello che il mercato chiedeva.

    Dai, con sto sistema tutti potrebbero fare casa a tutti se vengono scalzati dal mercato.

    Si chiama competitività, marketing, business.

    Fare una causa cosi mi sembra cercare di estorcere denaro in vista di una sicura chiusura.
    Del tipo:" arrivati a sto punto che si fa? Si fa causa a MS..."
    non+autenticato
  • Poi se vogliamo dire che MS e' il diavolo, la causa di tutti i mali, la pecora sacrificale... ok, facciamolo.
    Ma si scade tutti nel ridicolo e nelle diatribe da bar...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Poi se vogliamo dire che MS e' il diavolo,
    > la causa di tutti i mali, la pecora
    > sacrificale... ok, facciamolo.
    > Ma si scade tutti nel ridicolo e nelle
    > diatribe da bar...

    No, figurati. Microsoft ha mille colpe ed è la condanna per concorrenza sleale è passata in giudicato, ma non c'entra niente col declino di WordPerfect.

    Il fatto è che, semplicemente, quando finisce una fase del mercato capita spesso che le compagnie troppo tronfie e sicure di se inizino a declinare.

    Questo e' gia' successo ad IBM e Novel negli anni ottanta, e sta succedendo a Microsoft in questo momento.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Se vi leggete "Alla ricerca della
    > stupidità / 20 anni di disastri
    > hi-tech" troverete spiegato come Novell si
    > sia affossata da sola.
    > Qui non centra una mazza MS ma centra molto
    > la straffotenza di una compagnia che si
    > riteneva intoccabile, portatrice di
    > intelligenza, ma che non aveva assolutamente
    > fatto i conti col mercato e con quello che
    > il mercato chiedeva.

    Ma all'epoca WordPerfect non era prodotto dalla Corel?
    La Corel e' stata acquisita dalla Novel solo in seguito giusto?

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Se vi leggete "Alla ricerca della
    > > stupidità / 20 anni di disastri
    > > hi-tech" troverete spiegato come Novell
    > si
    > > sia affossata da sola.
    > > Qui non centra una mazza MS ma centra
    > molto
    > > la straffotenza di una compagnia che si
    > > riteneva intoccabile, portatrice di
    > > intelligenza, ma che non aveva
    > assolutamente
    > > fatto i conti col mercato e con quello
    > che
    > > il mercato chiedeva.
    >
    > Ma all'epoca WordPerfect non era prodotto
    > dalla Corel?
    > La Corel e' stata acquisita dalla Novel solo
    > in seguito giusto?
    >

    eh?
    non+autenticato
  • Altra cosa :

    ma se domani volessi scrivere un Word Processor in C per Windows , essendo un "discreto" programmatore quali segrete diavolerie dovrei conoscere per realizzarlo ?!?!

    Sicuramente un integrazione col sistema è necessaria , ma non mi sembra sia irrealizzabile ..

    Salvo che nell'avvio di Windows ci fosse del codice tipo:

    Select case App.name
        case "word perfect"
                call BlueScreen
        case else
    end select
    :D

       
    non+autenticato
  • quello che scrivi fa presumere, anche se non ne da certezza, che tu non sia il discreto programmatore che dici di essere.
    le applicazioni microsoft (tutte) utilizzano un discreto numero di funzioni che fanno parte di un API non dichiarata. la prova ne e' il wine (ossia l'emulatore windows sotto unix) che rimappa l'intera API windows ed e' in grado di far funzionare praticamente qualunque applicazione ad eccezione di quelle microsoft, fatta eccezzione della versione commerciale (crossover) che e' in grado di far funzionare anche office, ma quello che c'e' dentro nessuno lo sa e comunque e' il frutto di un lavoro di reverse enginering e non si basa quindi sulla documentazione ufficiale. Inoltre, avere la possibilita' di imporre gli standard futuri (e supportarli a livello di s.o. e' certo un bel vantaggio), permette di essere molto avanti rispetto ai concorrenti nello sviluppo delle proprie applicazioni. come esempio banale, quando microsoft comincio' a presentare la tecnologia COM come mezzo per lo sviluppo di componenti riusabili e condivisibili nelle applicazioni windows, i vari produttori di software poterono cominciare a studiarla e implementarla all'interno delle proprie soluzioni, ma il lavoro di integrazione all'interno dei prodotti microsoft era cominciato molto tempo prima e quindi le prime release che la supportavano erano agli occhi dell'utente molto piu' evolute perche' si avantaggiavano di una tecnologia su cui microsoft era ovviamente all'avanguardia. questo e' solo un esempio, basta rifletterci con un po' di obiettivita' per trovarne molti altri.
    sempre su questo esempio vorrei inoltre aggiungere che COM non e' detto che fosse la miglior tecnologia per lo sviluppo di componenti, ma nessun altro soggetto aveva la possibilita' di svilupparne una alternativa, visto il livello di integrazione con il sistema operativo, e anche se avesse avuto la possibilita' di farlo, nessuno avrebbe avuto i mezzi per promuoverla e affermarla quanto microsoft che invece aveva gia' fatto i propri investimenti contando su una certa forma di "chiaroveggenza" datagli dalla propria "posizione dominante".
    non+autenticato
  • eccezzione
    non+autenticato
  • >>essendo un "discreto" programmatore quali segrete >>diavolerie dovrei conoscere per realizzarlo ?!?!

    > quello che scrivi fa presumere, anche se non
    > ne da certezza, che tu non sia il discreto
    > programmatore che dici di essere.

    La frase era intesa in senso ipotetico e non affermativo !

    Sostituisco "essendo" con "immaginando di essere"
    :D

    Sono pienamente d'accordo sul fatto che MS abbia un inevitabile vantaggio rispetto ai concorrenti , ma credo sia impossibile che ciò non avvenga dal momento che lei stessa decide le basi su cui si baseranno tutti i suoi Sw secondari , compresi i suoi !!


    Se valutiamo la diffusione di questo ultimo periodo di FireFox, mi chiedo come abbiano fatto a realizzare un navigatore senza conoscere tutte le API non documentate ?!?

    O MS ha cambiato "gioco" oppure è possibile sviluppare buon software anche senza Api segrete , ma "essendo un discreto programmatore" ..

    Non credo inoltre che un buon word processor si basi esclusivamente sulle ultime tecnologie disponibili , ma su tanti piccoli dettagli che lo rendono diverso e magari più produttivo del solito bestione MS!

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    [cut]

    > Sono pienamente d'accordo sul fatto che MS
    > abbia un inevitabile vantaggio rispetto ai
    > concorrenti , ma credo sia impossibile che
    > ciò non avvenga dal momento che lei
    > stessa decide le basi su cui si baseranno
    > tutti i suoi Sw secondari , compresi i suoi
    > !!
    >
    >
    > Se valutiamo la diffusione di questo ultimo
    > periodo di FireFox, mi chiedo come abbiano
    > fatto a realizzare un navigatore senza
    > conoscere tutte le API non documentate ?!?
    >
    [cut]

    Hai fatto un esempio infelice: infatti l'unico difetto di Firefox è la lentezza all'avvio (impiega a partire tra il doppio e il triplo rispetto a Internet Explorer), pur avendo poi un motore di rendering più veloce che lo avvantagga nella navigazione.
    Questo è dovuto al fatto che IE è integrato nel sisitema operativo e non perché lo hanno voluto gli dei, ma perchè Microsoft ha deciso di fare così, scaricando la lentezza di IE sul sistema. Chi non ci crede può provare il vecchio win95 con o senza IE 4. Il rallentamento del sistema è notevole.
    Semplicemente quando avvii Windows in realtà carichi un buon 80% delle libreire di IE e c'è ancora gente che dice "preferisco IE perché è più veloce".
    Saluti
    Prospero
    non+autenticato

  • > unix) che rimappa l'intera API windows ed e'
    > in grado di far funzionare praticamente
    > qualunque applicazione ad eccezione di

    flash MX no per esempio
    doom3 no per esempio
    e ce ne sono tanti altri

    > quelle microsoft, fatta eccezzione della
    > versione commerciale (crossover) che e' in
    > grado di far funzionare anche office, ma

    chissa come mai..

    > quello che c'e' dentro nessuno lo sa e

    no, nessuno lo sa..
    forse solo Dio lo sa..

    > comunque e' il frutto di un lavoro di
    > reverse enginering e non si basa quindi
    > sulla documentazione ufficiale. Inoltre,

    ma va?

    > avere la possibilita' di imporre gli
    > standard futuri (e supportarli a livello di
    > s.o. e' certo un bel vantaggio), permette di
    > essere molto avanti rispetto ai concorrenti
    > nello sviluppo delle proprie applicazioni.
    > come esempio banale, quando microsoft
    > comincio' a presentare la tecnologia COM
    > come mezzo per lo sviluppo di componenti
    > riusabili e condivisibili nelle applicazioni
    > windows, i vari produttori di software
    > poterono cominciare a studiarla e
    > implementarla all'interno delle proprie
    > soluzioni, ma il lavoro di integrazione
    > all'interno dei prodotti microsoft era
    > cominciato molto tempo prima e quindi le
    > prime release che la supportavano erano agli
    > occhi dell'utente molto piu' evolute perche'
    > si avantaggiavano di una tecnologia su cui
    > microsoft era ovviamente all'avanguardia.


    nel gruppo che sviluppo COM c'erano un sacco di aziende
    e c'era pure Don Box che e' uno che alle presentazioni del .net framework editava i sorgenti con xemacs
    ma di che parli?

    > questo e' solo un esempio, basta rifletterci
    > con un po' di obiettivita' per trovarne
    > molti altri.

    ma queste fantmatiche api non documentate cosa farebbero di cosi' mirabolante?
    me lo spieghi?

    > sempre su questo esempio vorrei inoltre
    > aggiungere che COM non e' detto che fosse la
    > miglior tecnologia per lo sviluppo di
    > componenti, ma nessun altro soggetto aveva
    > la possibilita' di svilupparne una
    > alternativa, visto il livello di

    CORBA ti dice nulla?

    > integrazione con il sistema operativo, e
    > anche se avesse avuto la possibilita' di
    > farlo, nessuno avrebbe avuto i mezzi per
    > promuoverla e affermarla quanto microsoft
    > che invece aveva gia' fatto i propri
    > investimenti contando su una certa forma di
    > "chiaroveggenza" datagli dalla propria
    > "posizione dominante".

    CORBA ti dice nulla?
    tutto gnome e' basato su bonobo che e' basato su corba
    conosci le cose di cui parli?
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)