Intel spara a raffica sul mobile

Intel si prepara a calare un asso pigliatutto e aggredire il mercato mobile con maggior forza e convinzione rispetto al passato. Nella manica, nuovi chip a bassissimo consumo in grado di sfidare i Crusoe di Transmeta

Santa Clara (USA) - Per il nuovo anno Intel ha rivelato una strategia d'attacco su larga scala pensata per il mercato mobile. Non più disposta a lasciare spazi ai suoi avversari, Transmeta in testa, Intel anticiperà il suo progetto di estendere, durante l'arco dell'anno, l'offerta di CPU a basso voltaggio.

Il primo chip della "ribalta" arriverà già a fine mese e si tratterà di un Pentium III mobile che Intel ha definito "ultra-low power", capace, grazie alla tecnologia SpeedStep, di abbassare automaticamente la frequenza a 300 MHz quando alimentato a batteria: in questo caso il chip richiede meno di 1 volt di tensione e nemmeno mezzo watt dalla batteria, caratteristica che rende superflua l'installazione di una ventolina di raffreddamento.

Sempre per questo mese è poi atteso un nuovo modello di Celeron mobile da 500 MHz dedicato alla fascia bassa del mercato dei notebook: il chip costerà 100$, esattamente la metà rispetto al Pentium III mobile.
Con le nuove CPU mobile a bassissimo consumo Intel intende entrare di prepotenza nel mercato dei subnotebook, il terreno di casa di Transmeta e dei suoi chip Crusoe.

Una delle più frequenti accuse rivolte a Crusoe è stata quella riguardante le sue scarse performance, un fattore che IBM non ha affatto trascurato quando si è trovata a valutarlo per eventuali usi futuri. A fronte di consumi molto bassi, infatti, la tecnica del Code Morphing adottata da Transmeta sembra inficiare, e non di poco, le prestazioni globali delle sue CPU.

Per eliminare, o quanto meno rendere meno evidente, questo punto debole, Transmeta ha annunciato che durante la seconda metà del 2001 introdurrà nuovi modelli di Crusoe da 0,13 micron equipaggiati con una versione più efficiente degli algoritmi di Code Morphing in grado di spingersi a frequenze di clock superiori, da 800 MHz in su.

Il mercato mobile, e soprattutto quello riguardante la fascia dei subnotebook e delle piccole info appliance, vanta previsioni di crescita stratosferiche: c'è da credere che nessuno dei partecipanti a questa guerra di conquista risparmierà cartucce.
TAG: hw