Gates: le password sono storia

Il chairman Microsoft torna a parlare di password, bollandole come l'anello più debole degli attuali sistemi di autenticazione. E annuncia nuovi strumenti che promettono di abbattere i costi di gestione delle infrastrutture IT

Copenhagen (Danimarca) - Dal palco della conferenza IT Forum di Copenhagen, ieri Bill Gates ha portato avanti la propria crociata contro le password, definite "una tecnologia ormai moribonda", e ha annunciato una serie di nuovi prodotti che promettono di ridurre la complessità e i costi di gestione delle infrastrutture informatiche aziendali.

Parlando delle tecnologie per l'autenticazione degli utenti, il fondatore e chairman di Microsoft ha affermato che le password apparterranno presto alla storia, sostituite da tecnologie per l'identificazione più sicure e affidabili come le smart card, RFID e la biometria.

Gates ha promosso l'abolizione delle password come soluzione capace di arginare il fenomeno delle truffe on-line basate sul phishing, un termine che, come ormai noto, denota quell'insieme di azioni in Internet tese ad ingannare l'utente e indurlo a rivelare password, numeri di carte di credito ed altre informazioni sensibili.
"Il più grande problema dei sistemi di autenticazione è dato dalla debolezza delle password", ha detto Gates. "Non possiamo più affidare la protezione delle nostre informazioni più importanti alle password. E' per questo motivo che un numero crescente dei nostri clienti più importanti si sta ormai muovendo verso la biometria e le smart card".

La stessa Microsoft, ha spiegato Gates, ha già pianificato l'adozione estesa delle smart card per l'accesso del personale agli edifici e ai sistemi dell'azienda. Queste speciali carte, sviluppate da Axalto, possono essere programmate utilizzando il framework MS.NET e operano in congiunzione con gli esistenti software Active Directory e Identity Integration Server.

Gates, che domani sarà a Milano per l'apertura della nuova edizione del Futurshow, ha poi delineato il piano chiamato Dynamic Systems Initiative: ecco di che si tratta e quali sono i componenti chiave appena annunciati dal colosso.
TAG: microsoft
97 Commenti alla Notizia Gates: le password sono storia
Ordina
  • per come lo avete fatto stabile sicuro e affidabile, caro il mio Bill, c'è proprio da fidarsi d affidargli scansioni e biometrie varie!!! deh!!!!A bocca aperta:D:D
    non+autenticato
  • Vi fregano o scoprono una password?
    Vi fanno dei danni si.
    Pensate se vi clonano o fregano una budge o tramite virus o altro raggirano un riconoscimento biometrico. Vi arriva in casa la polizia che vi arresta. Vi dice che avete ucciso un uomo in un ufficio perchè ci sono i log del sistema di quell'ufficio che portano a voi? Non dimenticate una cosa protezione, sicurezza e integrità del sistema devono viaggiare insieme. O tutte o meglio le password. Perciò Bill mi raccomando fai un windows con le contro ()() e allora valuteremo seriamente la cosa.
    non+autenticato
  • Tant'è che alcuni lameroni oggi stanno vomitando tutta la loro cultura informatica a colpi di pernacche e frasi tipo "linux è meglio" e così via...

    Vi siate mai chiesti con quante password avete a che fare ogni giorno?

    Avete visto? Bill ci ha pensato prima di voi... e questo vi rode assai
    non+autenticato
  • prima di postare leggi i messaggi magari
    non+autenticato
  • Credo che a tutti stia piu' a cuore il proprio conto corrente che non la login dell'ufficio e infatti le banche sono quelle che piu' spendono riguardo alla sicurezza di quelle card che poi vengono chiamate Bancomat o Carte di credito.
    Alla luce delle vecchie e nuove truffe (recentemente nel Trevigiano e in Veneto sono state clonate e i loro codici recuperati da catture video) operate su B.mat e CC mi sento di poter dire che PRIMA saranno le banche a dettare gli standard in termini di sicurezza e POI le aziende valuteranno i costi anche in base all'effettiva necessita'.
  • come sempre quella della truffa in rete e' una questione
    enorme.
    Noi mediterranei si dice "prima vedere cammello poi pagare" de visu.
    La rete e' un mare aperto a tutti gli avventurieri.
    Fidarsi e' bene NON fidarsi e' sempre meglio.
    purtroppo e' sempre cosi....8)
  • Ho acquistato una bella cryptoflex all'esagerata cifra di 18 euro, usandola solo sotto linux non ho dovuto nemmeno acquistare il software proprietario che la accompagna, in questo momento nel mio computerazzo di casa accedo solo usando la smartcard (oppure accesso root)... se tolgo la smart card parte lo screen saver, la sc la uso anche per accedere al sito web (auntenticazione ssl-apache) e ai vari server ssh che ho in giro...
    a me la password non serve piu' da parecchio tempo... qualcuno lo può andare gentilmente a ricordare al billo?
    non+autenticato
  • >... qualcuno lo può andare
    > gentilmente a ricordare al billo?

    Non c'e' bisogno, lo sa gia'. E' per quello che si sta affrettando a tirare fuori la sua nuova innovazione, prima che qualcuno pretenda di integrare tecnologie altrui, affette da strutturali difetti quali apertura agli standard e indipendenza dalla piattaforma, con i suoi prodotti e servizi.
    non+autenticato
  • Hai perfettamente ragione.

    Solo che lui spaccia questi servizi per prodotti, fornisce packs dagli involucri tangibili e colorati, dai nomi altisonanti come "Device Management Feature Pack" , "Operating System Deployment Feature Pack"
    E mentre tu parli su un forum e scambi conoscenza con i tuoi amici in rete, lui va a Milano, va al futurscio', e magari va anche a parlare con qualche ministro ...

    ==================================
    Modificato dall'autore il 17/11/2004 13.36.14


    ==================================
    Modificato dall'autore il 17/11/2004 13.36.39
    chef
    191

  • > Solo che lui spaccia questi servizi
    > per prodotti, fornisce packs dagli involucri
    > tangibili e colorati, dai nomi altisonanti
    > come "Device Management Feature Pack" ,
    > "Operating System Deployment Feature Pack"

    Uno dei commenti più azzeccati e intelligenti da quando seguo questo quotidiano. Hai colpito nel segno. Complimenti.

    TAD

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ho acquistato una bella cryptoflex
    > all'esagerata cifra di 18 euro, usandola
    > solo sotto linux non ho dovuto nemmeno
    > acquistare il software proprietario che la
    > accompagna, in questo momento nel mio
    > computerazzo di casa accedo solo usando la
    > smartcard (oppure accesso root)... se tolgo
    > la smart card parte lo screen saver, la sc
    > la uso anche per accedere al sito web
    > (auntenticazione ssl-apache) e ai vari
    > server ssh che ho in giro...
    > a me la password non serve piu' da parecchio
    > tempo... qualcuno lo può andare
    > gentilmente a ricordare al billo?

    In realtà è già da Windows 2000 che si può fare accesso all'account di dominio con la sola Smartcard + PIN.
    non+autenticato
  • infatti, credo che MS abbia intenzione di integrare questa tecnologia su IISIE. Vista la predominanza di IE e l'atteggiamente di MS per la definizione dei nuovi standard l'unica cosa da fare e aspettare e vedere cosa tira fuori. Seguire strade autonome senza tenere conto di cosa verra' implementato/supportato in IE sarebbe solo ginnastica per le dita.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 22 discussioni)