Comune di Milano, i bug (per ora) rimangono

Dopo la segnalazione di alcuni lettori, PI trasmette ai tecnici del Comune le informazioni su una serie di falle. Arriva la risposta: per tapparle ci vorranno due mesi

Roma - Bisognerà attendere almeno due mesi prima che lo staff tecnico del Comune di Milano sia in grado di rivedere la piattaforma e la gestione del sito istituzionale, al momento tormentato da alcune falle.

Ad affermarlo sono gli stessi responsabili del servizio che, rispondendo a Punto Informatico, hanno spiegato che "dopo attenta analisi sono state individuate le attività ed i tempi necessari per mettere in sicurezza il nostro sito istituzionale www.comune.milano.it. Il piano d'intervento prevede diverse fasi su un arco temporale complessivo di circa 2 mesi".

Non è chiaro se nelle more della sistemazione dei bug verranno sospesi i servizi a cui sono collegati: per ora rimane comunque attivo apparentemente senza deficit di sorta il sito del capoluogo lombardo.
Le nuove falle scoperte fanno seguito a quelle emerse nelle scorse settimane grazie alla segnalazione a Punto Informatico da parte di un giovane studente del Politecnico di Milano.

Va da sé, infine, che fino a quando il sito non sarà nuovamente "blindato", per così dire, Punto Informatico si asterrà dal fornire informazioni utili a scovare di quali bug si tratta. Dello stesso avviso, peraltro, i bug hunter che hanno segnalato a PI l'esistenza di quelle vulnerabilità.
TAG: italia
11 Commenti alla Notizia Comune di Milano, i bug (per ora) rimangono
Ordina
  • Computer Sharing hanno fatto la storia, insegnando ad Argonet -alias Telecom Italia- le loro "avanzate" modalità operative e la loro esagerata professionalità !

    Ad un costo più che doppio, però ...... !!!

    Di Pietro, perchè te ne sei andato ?????
    non+autenticato
  • Sicuramente ci sara' lo zampino della Computer Sharing. Dopo la figura da peracottari che hanno fatto con il programma del protocollo due estati fa non mi stupirei affatto che Lorusso e compagnia avessero fallito anche qua
    non+autenticato
  • In un mese possono fare il porting ad un'altra piattaforma. Mah. Secondo me qualcuno ci mangera' sopra parecchio.
    non+autenticato
  • ehy potrebbero chiamare il laureato di un paio di articoli sotto, che cerca un bel lavoro da informatico che sa!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > In un mese possono fare il porting ad
    > un'altra piattaforma. Mah. Secondo me
    > qualcuno ci mangera' sopra parecchio.

    Beh, attenta analisi direi...
    Ma ti rendi conto di cose voglia dire migrare un portale simile? Se dovessero fare una cosa del genere ci metterebbero quantomeno un anno (o forse più...)

    Personalmente ho avuto esperienze di collaborazione con un altro comune di dimensioni estremamente ridotte rispetto a MI, e le problematiche che ci stanno dietro sono mastodontiche, non oso pensare al sito in questione...
    Accendere il cervello prima di dire certe cose, plz... non stiamo parlando del siterello di paese o di qualche netlamer...
    non+autenticato
  • menomale che c'è qualcuno che lavora e non solo chi spugnetta con mysql e i siti con 4 info in php prefabbricati
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > In un mese possono fare il porting ad
    > > un'altra piattaforma. Mah. Secondo me
    > > qualcuno ci mangera' sopra parecchio.
    >
    > Beh, attenta analisi direi...
    > Ma ti rendi conto di cose voglia dire
    > migrare un portale simile? Se dovessero fare
    > una cosa del genere ci metterebbero
    > quantomeno un anno (o forse più...)
    >
    > Personalmente ho avuto esperienze di
    > collaborazione con un altro comune di
    > dimensioni estremamente ridotte rispetto a
    > MI, e le problematiche che ci stanno dietro
    > sono mastodontiche, non oso pensare al sito
    > in questione...
    > Accendere il cervello prima di dire certe
    > cose, plz... non stiamo parlando del
    > siterello di paese o di qualche netlamer...

    io lo faccio per lavoro e ti quoto in pienoOcchiolino
    Almeno il 90% dei siti online hanno bug enormi ma questo non significa che bisogna sfruttare il bug per tirarsi giu tutto il database!
    Alcune volte ho avvisato i webmaster dei problemi.
    Purtroppo qua dobbiamo sempre dimostrare di essere migliori dicendo "ahhh ho bucato il sito dell'azienda xxx lo sai?"
    non+autenticato
  • ma che storia questo sito è un colabrodo
    spero che lo risolvano presto
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ma che storia questo sito è un
    > colabrodo
    > spero che lo risolvano presto

    Ma se il sito e' sviluppato in Notes .. non e' gestito a SQL .. gnurant
    non+autenticato
  • > - Scritto da: Anonimo
    > > ma che storia questo sito è un
    > > colabrodo
    > > spero che lo risolvano presto
    >
    > Ma se il sito e' sviluppato in Notes .. non
    > e' gestito a SQL .. gnurant

    Se e' sviluppato in Notes (e' lo era, almeno tempo fa) e sono partiti male, senza pensare alla sicurezza, due mesi e' una previsione ottimistica, con persone dedicate ventre a terra.

    Ma c'e' da crederci ? Un approccio serio sarebbe partito dalla sospensione o limitazione di servizi con pagine di comunicati.

    Uno scettico
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ma che storia questo sito è un
    > colabrodo
    > spero che lo risolvano presto

    ma dove!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!11
    non+autenticato