Stazioni cellulari sotto esame

Londra rimpolpa il fondo per le ricerche sui possibili effetti delle stazioni di telefonia mobile, che trasmettono il segnale sul territorio. Per fugare le paure di utenti e famiglie

Londra - Non è la prima volta e probabilmente non sarà l'ultima ma il governo britannico ha ribadito la propria intenzione di lavorare il più possibile su un fronte che sta molto a cuore ai propri cittadini ed elettori. E' per questo che ha deciso di rifinanziare un importante studio sulla sicurezza delle stazioni radio base delle reti cellulari.

Un progetto varato dal Dipartimento della Salute e della Ricerca, a cui collaborano anche alcuni degli operatori della telefonia mobile ed altri scienziati indipendenti, prevede una spesa di 250mila euro per analizzare le conseguenze dell'esposizione alle stazioni radio base da parte di un gran numero di soggetti.

La prima fase del progetto di ricerca è partita ormai da molti mesi, ed è costituita sull'osservazione di soggetti che risiedono nelle vicinanze delle stazioni. Per la seconda fase saranno necessari molti più volontari. I responsabili dell'Università dell'Essex che lavorano sul progetto stanno cercando un totale di almeno 6mila persone, avendone fin qui trovate meno di 3mila.
Una stazione per cellulari (foto: BTS Friuli)La seconda fase si concluderà solo nel luglio del 2006: ciò si deve alla necessità di attendere che possano manifestarsi eventuali conseguenze delle emissioni delle stazioni. Sebbene i ricercatori siano più che prudenti nel parlare di risultati, appare ovvio che lo scopo principale dello studio è quello di dare una risposta alle preoccupazioni che, di quando in quando, affiorano vivacemente nel pubblico degli utenti.

Va detto che fin qui nessuno studio realizzato sulle stazioni radio base ha dato indicazioni di possibili conseguenze negative per la salute umana.

Da segnalare, infine, che in Italia da lungo tempo sono attivi quelli di BTS Italia, volontari che cercano di censire il numero e la dislocazione delle stazioni radio base sul territorio italiano.
8 Commenti alla Notizia Stazioni cellulari sotto esame
Ordina