Notebook, sfida all'ultimo poligono

Radeon e GeForce tornano a fronteggiarsi sul mercato dei notebook e lo fanno con vari nuovi modelli che promettono di portare sui portatili lo stesso livello di prestazioni grafiche dei PC di fascia alta. Ecco gli sfidanti

Roma - ATI e Nvidia tornano a sfidarsi testa a testa sul fertilissimo mercato mobile, un settore in cui entrambe propongono acceleratori grafici basati su tecnologie che, fino a poco tempo fa, si trovavano unicamente nei computer desktop.

Nvidia ha presentato GeForce Go 6800, un chip grafico dedicato in modo particolare a quei possessori di notebook che non hanno alcuna intenzione di rinunciare ai videogiochi più recenti. Il nuovo "Geffo" mobile si indirizza infatti ai notebook desktop replacement di fascia alta e offre pieno supporto alle DirectX 9.0 e alla specifica Shader Model 3.0.

La GeForce Go 6800 è la prima GPU della nuova famiglia GeForce Go 6 Series e come tale si basa su di una rinnovata architettura grafica che secondo Nvidia ottimizza significativamente il rapporto tra performance e watt consumati e, grazie al supporto della tecnologia UltraShadow II, permette di sfruttare a fondo i complessi effetti di ombreggiatura presenti nei giochi più recenti, quali ad esempio Doom 3.
Il processore grafico include poi la tecnologia PureVideo, capace di accelerare la riproduzione di DVD e video ad alta definizione (ad esempio l'HDTV) e nello stesso tempo migliorarne la qualità di visualizzazione.

Le specifiche tecniche del GeForce Go 6800 sono disponibili qui.

ATI ha invece lanciato versioni mobili basate sull'interfaccia PCI Express dei suoi chip desktop Radeon X300 e X800. Il Mobility Radeon X300 è dedicato ai notebook thin and light e fornisce prestazioni grafiche 3D entry-level. Supporta le DirectX 9.0, la tecnologia di risparmio energetico PowerPlay e un sistema per l'ottimizzazione della memoria condivisa.

Il Mobility Radeon X800 si indirizza invece ai notebook full size e si pone come diretto avversario del GeForce Go 6800. ATI afferma che il chippone è capace di portare sui notebook lo stesso livello di performance grafiche dei PC desktop di fascia alta, e per farlo utilizza 12 pixel pipeline ottimizzate per le DirectX 9, 6 vertex engine, memorie GDDR3 e un'interfaccia con la memoria a 256 bit.

Le caratteristiche tecniche delle due nuove GPU mobili di ATI si trovano qui.
TAG: hw
13 Commenti alla Notizia Notebook, sfida all'ultimo poligono
Ordina