Microsoft lancia la sfida dell'iperblog

Si chiama MSN Spaces ed è la risposta a Blogger di Google. Blog ma non solo: servizi di comunità, pagine a circuito chiuso, e-commerce in background. I dettagli

Redmond (USA) - Atteso ormai da qualche tempo è stato annunciato ufficialmente MSN Spaces, che si può certo definire come la risposta di Microsoft ai servizi di Blogger controllata dalla rivale Google.

"Condividi il tuo mondo", questo lo slogan del nuovo spazio allestito da Microsoft che punta tutto non solo e non tanto sulla pubblicazione facile di un sito quanto sull'integrazione dello stesso in un "sistema di scambio personale", in cui il sito diventa uno degli elementi dinamici.

In versione beta, il nuovo servizio è disponibile da poche ore in 26 paesi e in 15 lingue, e nelle parole di Microsoft permette di creare gratuitamente "un proprio spazio in Internet dove pubblicare un diario online dinamico in cui è possibile condividere album fotografici, elenchi personali di brani musicali e altro ancora".
Per cercare di differenziarsi dai servizi già presenti in rete, Microsoft ha aggiunto a Space una integrazione con Messenger ed Hotmail, ovvero il servizio di instant messaging e di posta elettronica, aprendo così ad una serie di servizi: ad esempio è possibile notificare a tutti i propri contatti ogni aggiornamento del proprio sito oppure limitare l'accesso al proprio blog, rendendolo aperto ai soli contatti del messaging o soltanto a chi si desidera.

Dietro questa integrazione anche altri scopi commerciali. È infatti possibile, con la piattaforma Windows Media integrata, consentire ad un altro utente di ascoltare un estratto musicale dalla propria playlist. Quell'utente potrà anche scegliere di procedere poi all'acquisto del brano attraverso i sistemi di vendita via Internet. Nulla toglie, evidentemente, che tra di loro due utenti, utilizzando qualsiasi altro mezzo, possano scambiarsi file di qualsiasi natura ma in questo modo la speranza di Microsoft è di incentivare da un lato l'acquisto e dall'altro l'uso di file protetti con le sue tecnologie DRM.

Ad ogni modo, questa sorta di iperblog, come i suoi rivali, mette a disposizione una molteplicità di sfondi e layout per pubblicare rapidamente il sito nonché i feed RSS per chi vuole veicolare i contenuti del proprio sito su aggregatori e visualizzatori RSS.

Insieme al lancio di Spaces, Microsoft ha anche presentato la beta di MSN Messenger 7.0 che aggiunge animazioni, funzionalità di immagine, nuove emoticon, pacchetti tematici e migliora la gestione del proprio status online, consentendo di selezionarlo prima di attivare l'applicazione di messaging. Il tutto è condito dalla possibilità di accedere a Messenger anche via web e quindi da qualsiasi PC connesso nonché dall'integrazione in Hotmail sia del nuovo Messenger che di Spaces.
55 Commenti alla Notizia Microsoft lancia la sfida dell'iperblog
Ordina
  • non so'ancora quale sia la migliore piattaforma,
    iobloggo c'e'stata un'amica dice che non caricava mai, era spesso of line e lei come altri se ne sono andati, passsata a splinder che eperennemente in
    manutenzione, non so'veramente quale sia la nigliore io sono su bloggers
    ma aqnche li ci sono momenti out

    cerco piattaforma che non sia mai dico mai
    ofline
    non+autenticato
  • smandrappati del 3° millennio
    Peccato che le cose a cui dobbiamo ribellarci sono altro che sta menata dei blog
    non+autenticato
  • Per me i blog sono una merdacciata inutile
    la maggior parte è puro flame il restante è materiale interessante ma difficilissimo da rilevare quindi poco letto

    Poi chi cacchio se ne sta davanti al pc ore ed ore a leggere le boiate personali di un omino sconosciuto?

    Credo che solo i maniaci psicolabili che guardano il grandefratello possano osare tanto.
    non+autenticato
  • ogni tanto la trovi la bella gnokkaA bocca aperta
    non+autenticato
  • > Per me i blog sono una merdacciata inutile
    > la maggior parte è puro flame il
    > restante è materiale interessante ma
    > difficilissimo da rilevare quindi poco letto
    >
    > Poi chi cacchio se ne sta davanti al pc ore
    > ed ore a leggere le boiate personali di un
    > omino sconosciuto?
    >
    > Credo che solo i maniaci psicolabili che
    > guardano il grandefratello possano osare
    > tanto.

    Inizialmente la pensavo come te, ma ora ho cambiato idea e cerco di spiegarti il perchè.

    Una volta la rete era fatta di server FTP, posta elettronica e newsgroups, si stava piuttosto bene, le informazioni erano ben strutturare (gloriosi file ASCII) ma erano poche e per fare delle ricerche era un disastro.

    Moltissime informazioni erano nei newsgroup, vere comunità cone regole, leader ed una base di conoscenza dell'argomento di alto profilo, altro che quelli di oggi (o peggio ancora i forum di oggi).

    Poi è arrivato Gopher con qualche meccanismo in più per le ricerce (veronica) e poco dopo il web con i suoi motori di indicizzazione istituzionali (Altavista prima, Google poi).

    All'inizio il web sembrava molto promettente: piuttosto semplice compilare ed installare ncsa httpd, una sintassi per scrivere le pagine orientata sia ai contenuti, che ad un minimo di presentazione per aumentarne l'efficacia (html).

    Il tutto era molto semplice (seguendo le sempreverdi regole dell'ingegneria), anche se il linguaggio derivava da un un modello molto più consistente e complesso (l'sgml), lo scopo era condividere le informazioni.

    Poi è scoppiato il boom e come si sa il boom si porta dietro brigate intere di persone a cui frega poco o nulla dei contenuti, per loro è molto più importante l'apparire ed il vapourware.

    La gente poi, si sa, è mediamente dotata di un gusto che va dal kitsch all'orripilante.

    A tutto questo si sono aggiunti schiere di pseudo-programmatori che non vedevano l'ora di scrivere i loro algoritmini per fare volare orologi in 3D sulla pagina, fare l'effetto acqua sulla foto del cane, fare una scia di diecimila oggettini che seguono il mouse e via dicendo.

    Questa escalation ha portato anche i produttori dei browser ad offrire sempre di più estendendo a destra ed a manca quello che una volta era un linguaggio molto semplice, senza troppo pretese, che però era molto funzionale al suo scopo: presentare le informazioni.

    In primis c'é stata un'ondata di siti spazzatura (sopratutto quelli personali) dove si vedeva di ogni tranne che delle informazioni.

    Era come andare ad una mostra di oggeti kitsch: all'inizio la trovi divertente, ma se ci devi passare una settimana ti vengono gli occhi a spiralePerplesso

    Insomma le informazioni, se c'erano, erano ben nascoste in mezzo ad inutilismi di ogni tipo.

    Peggio ancora: anche molti siti che offrivano informazioni hanno iniziato ad affondarle in siti che si muovono, cambiano, spostano, ti sballottano a destra e sinistra fino a farti venire la nausea.

    Tutta questa perdita di "accessibilità" è ancora più grave se la pensiamo in un ottica di persone diversamente abili.

    E intanto l'accademia si spacca la testa per creare sistemi esperti in grado di interagire con le informazioni, con ontologie varie e sistemi automatici che spettegolano tra loro cercando di capire prima di tutto dove stanno le informazioni in mezzo a questo marasma.

    E poi, diciamolo, per fare tutti sti trusi ormai ci vogliono anche delle competenze che spesso mal si sposano con il profilo medio degli utenti casalinghi.

    I blog sono generalmente precotti con una serie di template che permettono a chi vuole mettere delle informazioni in rete di poterlo fare senza tante storie e di farlo con un pò di struttura e sistemi semplici per la condivisione e l'accesso (i feed).

    Per questo vedo di buon occhio i blog, un pò come fosse un ritorno ad un passato minimalista
    più concentrato sui contenuti.

    Poi Gigi ci scriverà vita morte e miracoli del suo cane e pubblicherà le foto di quattro miseri cavedani pescati all'ultima gara di pesca, lo avrebbe fatto comunque anche con quattro paginette web.

    Va bene anche questo, dopotutto tu puoi scappare immediatamente dal suo sito, ma magari la zia d'America invece farà vedere, tutta tronfia, le foto dei pescioni (grossi ma legnosi) del nipotino alle amiche.

    Oppure i soliti fanatici metteranno tonellate di stupidate anche nel body del post, ma vale sempre la regola di prima.

    Insomma anche io detesto quei blog dove la gente scrive a profusione cose inutili su cosa hanno mangiato e chi hanno visto (come se fosse un diario pubblico), ma vedo comunque la possibilità di permettere a più persone di condividere informazioni interessanti senza doversi concentrare sulla tecnologia.

    Ovviamente questi sono solo i miei .2 cent.
    4751
  • Grazie, bel post.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Grazie, bel post.

    In realtà non era molto bello, ma in compenso molto lungo. Comunque ho apprezzato l'impegno e lo spirito di sacrificio.
    non+autenticato
  • > > Grazie, bel post.
    >
    > In realtà non era molto bello, ma in
    > compenso molto lungo. Comunque ho apprezzato
    > l'impegno e lo spirito di sacrificio.

    le critiche vanno sempre bene, un solo appunto: se non hai nulla da dire basta usare il meccanismo di voto
    non+autenticato
  • ...che se non ce l'hanno anche loro si mettono a frignare!

    Contento Bill? Adesso hai gli spazietti bloggabili anche tu!
    Ora torna in ufficio a ciucciarti il pollicione e pensa alla prossima cosa che qualcun'altro ha e tu no...

    Terra2
    2332

  • - Scritto da: Terra2
    > ...che se non ce l'hanno anche loro si
    > mettono a frignare!
    >
    > Contento Bill? Adesso hai gli spazietti
    > bloggabili anche tu!
    > Ora torna in ufficio a ciucciarti il
    > pollicione e pensa alla prossima cosa che
    > qualcun'altro ha e tu no...

    Qualcosa stile eBay ? Strano che ne' Google ne' Micro$oft ci abbiano pensato ...
    11237

  • - Scritto da: Giambo
    > Qualcosa stile eBay ? Strano che ne' Google
    > ne' Micro$oft ci abbiano pensato ...

    Ma da questo punto microsoft è avanti. Con ebay hai la possibilità di beccarti un prodotto fregatura, con microsoft invece ne hai la certezza e con tanto di licenza.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Giambo
    > > Qualcosa stile eBay ? Strano che ne'
    > Google
    > > ne' Micro$oft ci abbiano pensato ...
    >
    > Ma da questo punto microsoft è
    > avanti. Con ebay hai la possibilità
    > di beccarti un prodotto fregatura, con
    > microsoft invece ne hai la certezza e con
    > tanto di licenza.

    ROTFL
    non+autenticato

  • > Ma da questo punto microsoft è
    > avanti. Con ebay hai la possibilità
    > di beccarti un prodotto fregatura, con
    > microsoft invece ne hai la certezza e con
    > tanto di licenza.

    STRAROTFL!!!A bocca aperta:D:D:D

    TAD

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Giambo
    > > Qualcosa stile eBay ? Strano che ne'
    > Google
    > > ne' Micro$oft ci abbiano pensato ...
    >
    > Ma da questo punto microsoft è
    > avanti. Con ebay hai la possibilità
    > di beccarti un prodotto fregatura, con
    > microsoft invece ne hai la certezza e con
    > tanto di licenza.

    MIIIIIITIIIIIICOOOOOOO!!!!!!A bocca aperta:D

    Salutoni da GiGiO
    non+autenticato

  • - Scritto da: Terra2
    > ...che se non ce l'hanno anche loro si
    > mettono a frignare!
    >
    > Contento Bill? Adesso hai gli spazietti
    > bloggabili anche tu!
    > Ora torna in ufficio a ciucciarti il
    > pollicione e pensa alla prossima cosa che
    > qualcun'altro ha e tu no...
    >
    che cosa non ha?A bocca aperta
    non+autenticato

  • > che cosa non ha?A bocca aperta

    Humm... La Francia?Triste
    Terra2
    2332
  • microsoft nasa... microsoft shuttle... microsoft cisco... microsoft *nix... eh eh
    non+autenticato

  • > che cosa non ha?A bocca aperta

    Un buon parrucchiere
    (accidenti, ma con tutti i che ha soldi potrebbe pure buttarla la scodella con cui si taglia i capelli ed andare da un coiffeur serio).
    non+autenticato

  • - Scritto da: Terra2
    > ...che se non ce l'hanno anche loro si
    > mettono a frignare!
    >
    > Contento Bill? Adesso hai gli spazietti
    > bloggabili anche tu!
    > Ora torna in ufficio a ciucciarti il
    > pollicione e pensa alla prossima cosa che
    > qualcun'altro ha e tu no...

    sempre negativo, sempre a lamentarti, sempre a dissentire.....
    mai una volta che pensi positico, ma cos' hai sulle spalle?
    Forse un pipistrello?:|
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)