Windows NT 4, stop al supporto gratuito

Fra poche settimane terminerà il periodo di supporto gratuito a Windows NT 4.0 Server ed inizierà un periodo di supporto a pagamento che terminerà alla fine del 2006

Redmond (USA) - In questi giorni Microsoft sta rammentando ai propri utenti che il supporto gratuito a Windows NT 4.0 Server scadrà il 31 dicembre: quello per la versione Workstation è cessato lo scorso giugno.

Il big di Redmond ha deciso di espandere il periodo di supporto a pagamento, che inizierà il prossimo gennaio, portandolo da uno a due anni, ossia fino al 31 dicembre 2006. In questo arco di tempo il colosso continuerà a sviluppare patch per le vulnerabilità più importanti, rilasciando però gratuitamente solo quelle che potrebbero rappresentare una grave minaccia per tutti gli utenti: ad esempio, una falla sfruttabile da un worm come il famigerato Blaster.

L'estensione della durata del supporto appena introdotta per NT 4.0 è in linea con le nuove politiche introdotte da Microsoft la scorsa primavera: queste prevedono che la durata minima del supporto sia di 10 anni, di cui 5 anni di supporto "mainstream" e altri 5 anni di supporto "extended".
Nonostante questa strategia, Microsoft incoraggia caldamente i propri clienti a migrare il prima possibile a versioni più aggiornate di Windows, ed in special modo all'edizione 2003.

"Windows Server 2003 offre ai nostri clienti un livello di sicurezza assai più elevato di quello che è possibile ottenere con Windows NT Server 4.0", ha affermato Peter Houston, senior director of Windows Serviceability di Microsoft.

Il gigante di Redmond conta di applicare la stessa politica di supporto anche a Exchange Server 5.5, il cui ciclo di supporto esteso dovrebbe dunque scadere alla fine del 2007.

NT 4.0 è stato introdotto sul mercato nell'agosto del 1996, seguito poi da Windows Server 2000 nel febbraio del 2000 e da Windows Server 2003 nell'aprile del 2003.
TAG: mercato
81 Commenti alla Notizia Windows NT 4, stop al supporto gratuito
Ordina
  • Windows 2000 non è completamente compatibile con NT4 e molto software fatto a membro di canide negli anni bui non gira a dovere con questi OS innovativi.
    NT4 ha dei buchi grossi come case anche di progetto, basti pensare all'esistenza di un utente necessario per fare l'autenticazione challenge handshake; la tecnologia avanza e alcune scelte progettuali vanno riviste... anche perchè qualsiasi distribuzione linux del 1996 (=debian) oggi non suonerebbe molto meglio di NT4.
    La differenza è probabilmente dovuta al fatto che macchine che montavano linux nel 1996 a forza di update e upgrade oggi probabilmente girano con kernel 2.4 e fanno girare lo stesso software mentre Windows 2000 stesso non è al 100% compatibile con NT4.
    A questo và aggiunto il fatto che Microsoft si è sempre rifiutata di aggiungere alcuni supporti ad NT4; AGP e USB sono sempre rimasti un sogno per gli utenti di NT4 che pure sono passati attraverso oltre 7 service pack.
    Il vero nocciolo del problema è quello... Microsoft ha deciso di non supportare più NT4... e chi ha investito sulla piattaforma NT4 (probabilmente convinto che fosse come UNIX, impermeabile al passare del tempo)?
    Si ritrovano costretti a pagare per avere il supporto ad un sistema operativo pagato e, nonostante questo, non hanno modo di far migliorare NT4.
    Mi spiego meglio; linux con kernel 2.4.25 e linux con kernel 2.4.0 sono uguali eppure molte minuzie sono state migliorate senza "spezzare" la compatibilità software, seguendo le linee guida di chi chiedeva questa o quella funzionalità.
    NT4 invece, come prodotto commerciale, deve rimanere nel suo recinto e farsi cogliere dall'obsolescenza per permettere ai proprietari di NT4 di poter vendere NT5 o NT5.1... e questo implica che NT4 dev'essere supportato via via di meno, dev'essere aggiornato il meno possibile e dev'essere considerato come un qualcosa da snobbare visto che NT x+1 (x+0.1 ?) è già alle porte con un vagone di novità di cui non sapevamo di avere così urgentemente bisogno...
    Questa di NT4 è un eutanasia a spese di chi NT4 lo usa... la critica è una specie di "ve l'avevo detto io" rivolta a chi, affidandosi ad un modello closed a pagamento sperava di avere un qualcosa di "stabile e duraturo".
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Windows 2000 non è completamente
    > compatibile con NT4 e molto software fatto a
    > membro di canide negli anni bui non gira a
    > dovere con questi OS innovativi.

    ottimo FUD

    > NT4 ha dei buchi grossi come case anche di
    > progetto, basti pensare all'esistenza di un
    > utente necessario per fare l'autenticazione
    > challenge handshake; la tecnologia avanza e
    > alcune scelte progettuali vanno riviste...
    > anche perchè qualsiasi distribuzione
    > linux del 1996 (=debian) oggi non suonerebbe
    > molto meglio di NT4.

    ho capito, sei il responsabile marketing di $UN... pooracci ancora non riescono a vendere il pinguino che fa le "stesse" cose di windows...

    a laurà Trolloni !!!
    non+autenticato
  • mi è piaciuto molto il tuo intervento!

    ciao

    igor
  • Chi ha il coraggio di fare un upgrade a windows server 200x da un pdc nt4 di produzione che deve essere sempre acceso?
    Migrando ad AD per pochi (40) utenti?
    Una macchina con un uptime notevole.
    Meditate...
    Guido
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Chi ha il coraggio di fare un upgrade a
    > windows server 200x da un pdc nt4 di
    > produzione che deve essere sempre acceso?
    > Migrando ad AD per pochi (40) utenti?
    > Una macchina con un uptime notevole.
    > Meditate...
    > Guido

    nemmeno se mi pagano a peso d'oro
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Chi ha il coraggio di fare un upgrade a
    > windows server 200x da un pdc nt4 di
    > produzione che deve essere sempre acceso?
    > Migrando ad AD per pochi (40) utenti?
    > Una macchina con un uptime notevole.
    > Meditate...

    E' uno dei casi in cui una migrazione a Linux potrebbe essere tenuta in considerazione.Occhiolino
    non+autenticato
  • (parlo da utente mediamente esperto di linux)
    ...in effetti fra "il probabilmente non funziona" di una migrazione a NT5.x e "sicuramente porta rogne" di una migrazione a Samba la seconda è da prendere in considerazione...
    Samba ha una storia della sicurezza che al confronto l'Inter è una squadra vincente!
    Speriamo che Novell sviluppi qualcosa di serio integrandoci il SUO sistema di account management, forse così si potrà parlare di migrazione...
    Per intanto "se hai un Mivar in bianco e nero e migri verso un Sony in bianco e nero ma ci guadagni molto... non è che il problema sia il bianco e nero e non il televisore?"
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Samba ha una storia della sicurezza che al
    > confronto l'Inter è una squadra
    > vincente!

    Mah... qualche link o e' il solito FUD disperato?

    > Speriamo che Novell sviluppi qualcosa di
    > serio integrandoci il SUO sistema di account
    > management, forse così si
    > potrà parlare di migrazione...

    Scusa, quale sistema di account management ha NT 4?

    > Per intanto "se hai un Mivar in bianco e
    > nero e migri verso un Sony in bianco e nero
    > ma ci guadagni molto... non è che il
    > problema sia il bianco e nero e non il
    > televisore?"

    Se sono soddisfatti di quello che fa NT 4, cosa gli serve pagare soldini sonanti per qualcosa che non gli interessa, che probabilmente dara' rogne e li costringera' a cambiare quello che fanno?
    Sostituire l'attuale PDC con uno gestito da Samba (+ clone unix a scelta) puo' (notare: ho scritto puo') essere una soluzione funzionalmente ed economicamente interessante.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > E' uno dei casi in cui una migrazione a
    > Linux potrebbe essere tenuta in
    > considerazione.Occhiolino

    Se fosse per me migrerei a FreeBSD o anche Linux con SAMBA, ma il problema è che occorre tempo e la macchina non può essere giù per troppo tempo. Inoltre alcune applicazioni girano solo su Windows.
    Non c'è molto da scegliere, tocca tenere NT4 patchato fino a dicembre 2004.
    Guido
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Chi ha il coraggio di fare un upgrade a
    > windows server 200x da un pdc nt4 di
    > produzione che deve essere sempre acceso?
    > Migrando ad AD per pochi (40) utenti?
    > Una macchina con un uptime notevole.
    > Meditate...
    > Guido

    intanto 40 utenti non sono tanto pochi e poi in ambito server credo che le macchine non siano tutte uguali, quindi se un'azienda preferisce windows per praticità e funzionalità, non penserà minimamente a passare a linux...

    e poi per adesso ci sono licenze vantaggiose e con meno di 2000 euro hai un server nuovo di zecca con windows 2003 standard incluso e se vuoi coprarlo a parte, lo trovi a 992 in bundle con visual studio...

    generalmente quelle cifre vengono chieste dai tecnici sapientoni unix like già al primo intervento... il quale viene sempre seguito da molti altri a brevi periodi di distanzaPerplesso
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > quindi se un'azienda
    > preferisce windows per praticità e
    > funzionalità, non penserà
    > minimamente a passare a linux...

    Non dico che sia sempre possibile, dipende dal contesto.
    Pero' il passaggio da NT 4 a linux e' probabilmente uno dei piu' interessanti.

    > e poi per adesso ci sono licenze vantaggiose
    > e con meno di 2000 euro hai un server nuovo
    > di zecca con windows 2003 standard incluso e
    > se vuoi coprarlo a parte, lo trovi a 992 in
    > bundle con visual studio...

    Figliolo... quanti soldini di CAL per 40 utenti?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    >
    > > quindi se un'azienda
    > > preferisce windows per praticità
    > e
    > > funzionalità, non penserà
    > > minimamente a passare a linux...
    >
    > Non dico che sia sempre possibile, dipende
    > dal contesto.
    > Pero' il passaggio da NT 4 a linux e'
    > probabilmente uno dei piu' interessanti.

    Perché ti piacciono le "Mission Impossible".

    Migrare da NT a Windows 2003 una realtà con 40 utneti è uno scherzo con tutti i tool di migrazione in Windows 2003.

    Migrare a Linux, bè è sempre un cambio di piattaforma.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Perché ti piacciono le "Mission
    > Impossible".

    Esagerato.A bocca aperta

    > Migrare da NT a Windows 2003 una
    > realtà con 40 utneti è uno
    > scherzo con tutti i tool di migrazione in
    > Windows 2003.

    Non metto in dubbio. Non sono sicuro pero' che la cosa sia tanto economica. Faccio un esempio: NT4 non aveva CAL, W2003 si. Altro esempio: quale macchina mi serve per W2003? Utilizzando (parlo di un esperto) un clone unix a scelta, in certe condizioni, si puo' risparmiare sull'HW (non sulla qualita', intendo, ma sulle specifiche minime della macchina).

    > Migrare a Linux, bè è sempre
    > un cambio di piattaforma.

    Vero, e quindi da valutare con attenzione.
    non+autenticato
  • leggo molti messaggi che parlano male di MS e dicono che conviene passare a linux.

    fino l'altro giorno dicevano che l'assistenza deve essere pagata ed e' cosi' che vivono molte ditte che campano con linux.

    Ora Ms ha deciso, l'assistenza per un sistema operativo che ha quasi 10 anni viene fatta pagare, tranne nel caso in cui ci siano falle rilevanti (tipo quella di blaster).

    Come mai sono tutti contro?

    Considerando che molto facilmente lo useranno delle ditte, volete dire che queste ditte non hanno i soldi per permettersi o l'assistenza o l'aggiornamento ad un altro OS con meno di dieci anni, che non deve per forza essere MS?

    Poi gli aggiornamento sulla sicurezza a chi servono?
    A chi ha un server collegato ad internet, chi usa il server ma non lo collega ad internet puo' tranquillamente continuare come prima.

    Forse il problema e' che sparare contro MS e' cosi' divertente che..........

    ciao
  • Il fatto è che con linux nessuno ti obbliga a pagare l'assistenza: anche in quel campo c'è libero mercato.
    Tutti hanno accesso al codice sorgente, e se non si hanno le capacità necessarie ad intervenire personalmente si è liberi di scegliere il servizio ed il prezzo migliore.
    Nel caso microsoft ovviamente il codice sorgente è disponibile solo agli sviluppatori MS, di conseguenza sta alla discrezionalità della casa madre se e come intervenire nei confronti dei problemi segnalati.... ovviamente anche parlando di prezzo.
    Personalmente non trovo sbagliato il fatto di iniziare a dare assistenza a pagamento da parte di MS; trovo semplicemente stupida la giustificazione "visto che adesso dovete pagare per avere gli aggiornamenti di NT, allora pagate un po' di + e compratevi 2003srvr..". Inutile, secondo me, dire che sarà ben difficile che l'HW che fin'ora ha supportato NT4.0 sia anche solo sufficiente a supportare 2003, e non è nemmeno detto che tutti i vantaggi (veri o presunti) della nuova versione siano indispensabili. Esempio idiota: non è detto che io voglia portare la mia azienda ad un dominio basato su active directory, probabilmente a questo punto sostituirei il PDC con NT4.0 con uno con Samba 3.
    Saluti.
    non+autenticato


  • > Forse il problema e' che sparare contro MS
    > e' cosi' divertente che..........
    >
    > ciao

    Gia'... infatti:

    1) chi ha detto che "il problema e' un problema"... sparare su M$ NON e' affatto un problema anzi e' una attivita' salutare che distende e fa bene!

    2) "sparare su M$ e' divertente"...
    Ceeerrrtooo che e' divertente! e' anche estremamente utile!....
    Quindi?A bocca aperta
    non+autenticato
  • quando compri un sw, parlo ovviamente di grosse realtà aziendale, lo appalti ad una ditta e ti fai dare anche il codice. Chiaramente nel contratto con la ditta appaltata è inclusa anche l'assistenza, ben sapendo che potrai benissimo mandare la ditta a spasso (a meno di eventuali clausole stabilite alla stesura del contratto di appalto) qualora non ti ritrovassi soddisfatto, e ti rimarrebbe comunque E il programma E la possibilità di farlo rivedere a qualcuno (ammesso che ne valga la pena e non sia invece da rifare tutto)


    linux e windows hanno tutti e due bisogno di assistenza -in realtà aziendali di certe dimensioni.
    con linux paghi l'assistenza, con windows pure.
    con linux non paghi il sw, con windows sì.
    con linux l'assistenza la paghi a chi vuoi te. Con windows no.
    con linux l'assistenza potrai sempre averla.

    con windows, ad un certo punto, finirà pure l'assistenza a pagamento.






    e non mi si dica che sono fazioso! sto usando win2k.

  • - Scritto da: avvelenato
    >
    > linux e windows hanno tutti e due bisogno di
    > assistenza -in realtà aziendali di
    > certe dimensioni.

    in windows l'assistenza è meno costosa (diciamo la verità, io sono del settore e lo so bene)

    > con linux paghi l'assistenza, con windows
    > pure.

    ci mancherebbero pure i tecnici open source, già ci bastano quei poveri disgraziati delle comunità free...

    > con linux non paghi il sw, con windows
    > sì.

    non paghi linux, ma nulla esclude che tu possa pagare una distribuzione che contenga software commerciale (usanza sempre più diffusa)

    > con linux l'assistenza la paghi a chi vuoi
    > te. Con windows no.
    > con linux l'assistenza potrai sempre averla.

    ma che dici??? e allora io fin'ora ho avuto le allucinazioni???
    a chi credi che abbi configurato directory e server dei protocolli più disparati??? (ho fatto anche qualche piccola rete con suse e mandrake)

    >
    > con windows, ad un certo punto,
    > finirà pure l'assistenza a pagamento.
    >

    certo, voglio vedere se fra 10 anni suse darà ancora supporto alla versione 4.0 del suo prodotto omonimo del 1997... o chi al posto suo

    maddai...


    > e non mi si dica che sono fazioso! sto
    > usando win2k.

    no, ma ti lasci facilmente impregnare dai luoghi comuni... dimenticando sempre che le aziende non sono così tonte come credete e che la stragrande maggioranza è al corrente dell'esistenza di linux & C. e che la stragrande maggioranza lo ha provato almeno una volta... ritenendolo "divertente"
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: avvelenato
    > >
    > > linux e windows hanno tutti e due
    > bisogno di
    > > assistenza -in realtà aziendali
    > di
    > > certe dimensioni.
    >
    > in windows l'assistenza è meno
    > costosa (diciamo la verità, io sono
    > del settore e lo so bene)

    quando uso impropriamente il termine "assistenza", non é che mi sia dimenticato che anche windows, come linux, abbisogna di installazione e configurazione.
    semplicemente l'ho utilizzato nella stessa identica accezione semantica dell'autore del thread originario.

    se l'assistenza windows costa meno è perché è giocoforza limitata alla configurazione di parametri ben definiti e documentati.
    l'assistenza linux prevede interventi che la chiusura di windows non consente.

    è anche qui che va misurata la necessità di flessibilità, in maniera da scegliere correttamente il SO per le proprie esigenze.


    >
    > > con linux paghi l'assistenza, con
    > windows
    > > pure.
    >
    > ci mancherebbero pure i tecnici open source,
    > già ci bastano quei poveri
    > disgraziati delle comunità free...
    >
    > > con linux non paghi il sw, con windows
    > > sì.
    >
    > non paghi linux, ma nulla esclude che tu
    > possa pagare una distribuzione che contenga
    > software commerciale (usanza sempre
    > più diffusa)

    neanche esclude che tu possa non farlo. la libertà è bella perché ti liberaA bocca aperta

    >
    > > con linux l'assistenza la paghi a chi
    > vuoi
    > > te. Con windows no.
    > > con linux l'assistenza potrai sempre
    > averla.
    >
    > ma che dici??? e allora io fin'ora ho avuto
    > le allucinazioni???
    > a chi credi che abbi configurato directory e
    > server dei protocolli più
    > disparati??? (ho fatto anche qualche piccola
    > rete con suse e mandrake)
    >

    vedi sopra relativamente al mio chiarimento sul termine "assistenza"

    > >
    > > con windows, ad un certo punto,
    > > finirà pure l'assistenza a
    > pagamento.
    > >
    >
    > certo, voglio vedere se fra 10 anni suse
    > darà ancora supporto alla versione
    > 4.0 del suo prodotto omonimo del 1997... o
    > chi al posto suo
    >
    > maddai...
    >
    >
    > > e non mi si dica che sono fazioso! sto
    > > usando win2k.
    >
    > no, ma ti lasci facilmente impregnare dai
    > luoghi comuni... dimenticando sempre che le
    > aziende non sono così tonte come
    > credete e che la stragrande maggioranza
    > è al corrente dell'esistenza di linux
    > & C. e che la stragrande maggioranza lo ha
    > provato almeno una volta... ritenendolo
    > "divertente"

    le aziende non sono così tonte e si sono accorte che non c'è la possibilità di rimediare alla stortura economica nel mondo dell'it causata da QUEL monopolio; a meno di non allearsi con l'utenza e gli sviluppatori.


    beh, che dire, la storia si ripete. Come sempre le rivoluzioni sono sempre nate quando, delle tre classi esistenti (nobilità o il re, borghesia o la nobiltà, popolo) una classe ha assunto troppo potere e le altre due si ritrovano costrette ad allearsi fra loro.

    Ovviamente l'alleanza si sfalda appena il potere è abbastanza vicino da corrompere. E di solito ci rimette sempre il popolo. Ma questa volta mi sa che non andrà così.
  • - Scritto da: pippo75
    > leggo molti messaggi che parlano male di MS
    > e dicono che conviene passare a linux.
    >
    > fino l'altro giorno dicevano che
    > l'assistenza deve essere pagata ed e' cosi'
    > che vivono molte ditte che campano con
    > linux.
    >
    > Ora Ms ha deciso, l'assistenza per un
    > sistema operativo che ha quasi 10 anni viene
    > fatta pagare, tranne nel caso in cui ci
    > siano falle rilevanti (tipo quella di
    > blaster).
    Forse perché quelli che dicono male adesso alla MS sono quelli che usano Win NT e non quelli che usano linux (che avrebbero da perderci se non usano NT?)...
    non+autenticato
  • Ammetto che nt è ormai vecchio ed obsoleto... ma trattandosi di un sistema operativo server IMHO non dovrebbe essere abbandonato: Ci sono fior di applicativi personalizzati Sis, Cap e infiniti altri che funzionano solo su nt, e aggiornare tutto anche se funziona egregiamente è una spesa notevole per una impresa, soprattutto in un periodo di crisi come questa che sta passando l'IT italiano (e penso anche straniero).

    --
    Jack
    http://jack.logicalsystems.it/homepage

  • - Scritto da: JackMauro
    > Ammetto che nt è ormai vecchio ed
    > obsoleto... ma trattandosi di un sistema
    > operativo server IMHO non dovrebbe essere
    > abbandonato: Ci sono fior di applicativi

    ma infatti non verrà mai abbandonato, eccetto per le patch critiche, il resto dell'assistenza potrai chiederlo a pagamento...

    ...ma, NT è uscito quasi 10 anni fa'... cosa pretendi, assistenza gratuita a vita (9 anni di assistenza gratuita non ti bastano?)

    amh, dimenticavo... microsoft da ancora supporto a pagamento al buon vecchio dos (tutte le versioni)...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: JackMauro
    > > Ammetto che nt è ormai vecchio ed
    > > obsoleto... ma trattandosi di un sistema
    > > operativo server IMHO non dovrebbe
    > essere
    > > abbandonato: Ci sono fior di applicativi
    >
    > ma infatti non verrà mai abbandonato,
    > eccetto per le patch critiche, il resto
    > dell'assistenza potrai chiederlo a
    > pagamento...
    >
    > ...ma, NT è uscito quasi 10 anni
    > fa'... cosa pretendi, assistenza gratuita a
    > vita (9 anni di assistenza gratuita non ti
    > bastano?)
    >
    Se NT è vecchio, allora Win2000 e WinXP che si basano sul suo kernel e molte sue librerie e ne condividono gran parte delle API, in pratica le differenze maggiori sono i driver, l'interfaccia utente e, limitatamente a XP, quella genialata dell'attivazione prodotto, sono due babbione col lifting.
    E forse lo sarà anche Longhorn, sembra che per varie cause, fra cui una crescita inferiore al previsto di capacità di HD e clock delle CPU, nonché una maggiore (minore era proprio impossibile) consapevolezza dell'importanza della sicurezza, stiano sforbiciando via feature a tutto spiano, sia per alleggerirlo un po', sia per non disperdere troppo le risorse di sviluppo a scapito della qualità.
    Insomma, Longhorn sarà migliore del previsto come qualità, ma proporrà ben poco di nuovo e probabilmente non uscirà nel 2006, ma nel 2007.
    Rallegriamoci, Win2000 non è affatto obsoleto e WinXP è un prodotto di transizione come WinME, solo meno bacato e molto più di successo.
    non+autenticato
  • ... o si sbandiera ai 4 venti che windows è facile da usare e che non necessita di supporto tecnico, oppure si fa pagare il supporto.

    A quanto pare qualche furbone PRIMA vende winNT dicendo che è facile e POI fa pagare il supporto quando addirittura NT è diventato obsoleto.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ... o si sbandiera ai 4 venti che windows
    > è facile da usare e che non necessita
    > di supporto tecnico, oppure si fa pagare il
    > supporto.
    >
    > A quanto pare qualche furbone PRIMA vende
    > winNT dicendo che è facile e POI fa
    > pagare il supporto quando addirittura NT
    > è diventato obsoleto.

    Mamma che cattivoni, chiedere soldi per il supporto a un SO di 10 anni fa...
    E pensare che io ho ancora quello gratis di Amiga e commodore 64,

    sveglia!!!
    non+autenticato
  • > E pensare che io ho ancora quello gratis di
    > Amiga e commodore 64,

    Dici sul serio? Mi interessa allora AMigaDOS per Amiga3000.A bocca aperta
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)