Attenti alla banda del laser

di Gilberto Mondi - Raccontano le cronache della furbata di tre ingegnosi europei, capaci di strappare al Ritz di Londra una notevole quantità di denaro e farla franca. Grazie alla tecnologia

Roma - Avremmo voluto saperne di più, se non altro per capire se vale la pena o meno ingegnarsi per realizzare qualcosa di analogo oppure se sia più opportuno berci sopra invidiando ancora una volta l'altrui ingegno.

Certo è che non può essere liquidato solo con una risata il sensazionale e per molti versi incredibile stratagemma che un gruppetto di persone ha messo in atto a Londra, portandosi via clamorosi incassi al casinò Ritz in modo del tutto legale.

Le cronache, come sempre troppo frettolose quando si viene a particolari tecnici invece essenziali e irrinunciabili, quelli che trasformano una storia incredibile in un racconto verosimile, ci dicono che in tre, grazie ad un dispositivo dotato di laser e di un computer, sono riusciti a gabbare i croupier della sala da gioco.
In pratica i tre geniacci, due uomini serbi ed una donna ungherese, avrebbero utilizzato uno scanner laser mascherato all'interno del case di un telefonino: puntandolo sulla ruote della roulette sarebbero riusciti a calcolare la velocità della pallina. Perché tutto questo? Perché è legale puntare su qualsiasi numero fino a quando la roulette non è stata fatta girare per tre volte ed è in quel periodo di tempo che il terzetto, grazie al laserfonino, calcolava dove la pallina avrebbe finito la sua corsa e, dunque, quale numero sarebbe uscito.

La prima sera, sostiene il Sunday Times, i tre se ne sono andati a casa con 100mila sterline. La seconda sera hanno deciso di andarci giù un po' più pesante e si sono portati a casa 1,2 milioni di sterline, una cifra enorme. I falchi del Casinò ovviamente hanno seguito il tutto dal tavolo e dalle numerose telecamere piazzate nel locale, riuscendo infine a capire che il trucco c'era, ed era nel telefonino. I tre sono stati così arrestati e additati quali malfattori fino a quando, poche ore fa, la polizia non li ha liberati informando gli sconsolati gestori del prestigioso ritrovo dell'azzardo londinese che nessuna legge quei tre hanno violato e dunque nessun reato può essere loro attribuito.

Ahimé, ci dicono che l'arresto risale allo scorso marzo e che solo oggi i tre sono rientrati in possesso delle vincite nella pienezza delle loro libertà. E' certo che in questi mesi i casinò si saranno attrezzati per respingere in un modo o nell'altro gli attentati alle proprie scintillanti fiches. Meglio quindi disdire l'aereo per Londra e berci sopra, anzi brindare all'ingegnoso trucchetto, nella speranza di poter presto ammirare da vicino l'incredibile congegno, moderna cornucopia.

Gilberto Mondi
TAG: mondo
69 Commenti alla Notizia Attenti alla banda del laser
Ordina

  • Non e' necessario calcolare la posizione esatta della pallina per vincere.
    Per trasformare le probabilita' di vittoria e' sufficente escludere parte dei numeri.

    Mi spiego: il gioco della roulette, in caso di vittoria, paga (credo) 35 volte la posta (i numeri sono 36 e lo 0 serve a favorire il banco).
    Se io riesco ad escudere 17 numeri (quasi meta' della ruota) e puntare una cifra x su tutti gli altri numeri, allora la mia posta sara' raddoppiata.

    punto 17 e vinco 35.

    sbaglio ?

    P.S.
    non ho la minima idea sulla reale possibilita' di calcolare (tramite laser, computer, ferri di cavallo, cornetti porta fortuna etc...) la meta' della ruota vincente.


    non+autenticato
  • non è che ci vuole la scienza infusa per realizzare
    un giocattolo del genere
    è sufficente un telefonino con l'infrarosso
    una applet java per manovrare il raggio infrarosso
    un bel modello matematico con i controcazzi
    ma... aspetta... ummm...
    ops il modello matematico ancora non è uscito su
    internetSorride
    poi devo capire come fanno a calcolare l'approssimazione
    con la cpu di un telefonino che se non sbaglio non calcola
    la virgola mobile.
    non+autenticato
  • azz ma questa è una minch.....iata, io in camera mi sono costruito un nucleo a curvatura dalla batteria del mio vecchio motorola.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > azz ma questa è una minch.....iata,
    > io in camera mi sono costruito un nucleo a
    > curvatura dalla batteria del mio vecchio
    > motorola.

    e adesso come fai a telefonare ?
    non+autenticato
  • 1. Il cellulare si limitava a rilevare la velocita' con il laser, i "conti pesanti" li faceva un computer
    2. Il computer rispondeva sul display un gruppo di 6 numeri adiacenti. In questo modo le probabilita' passavano da 1 su 37 a 1 su 6.

    http://www.timesonline.co.uk/article/0,,4484-13908...
    3518

  • - Scritto da: TPK
    > 1. Il cellulare si limitava a rilevare la
    > velocita' con il laser, i "conti pesanti" li
    > faceva un computer
    > 2. Il computer rispondeva sul display un
    > gruppo di 6 numeri adiacenti. In questo modo
    > le probabilita' passavano da 1 su 37 a 1 su
    > 6.
    >
    > www.timesonline.co.uk/article/0,,4484-1390808

    Grazie della precisazione! Adesso sì che è molto più credibile... Anche se non meno sbalorditivo!!!

    TAD
  • non mi è chiaro il tutto altrimenti sarei già a giocare.
    Tenete presente che bisogna anche avere il tempo di fare le puntate .....
    non+autenticato
  • Intanto grazie per la fonte in più. Ritengo però che le parole del times non siano molto più attendibili di quelle di PI. Ho anzi imparato a diffidare molto dei giornali generalisti per quanto riguarda questioni tecnologiche.
    Poi ricordiamoci che stiamo parlando del sito che pubblica anche le notizie del sunday times... Perplesso

    Tutto il meccanismo mi suona abbastanza improbabile: perché quanto riportato in quell'articolo possa essere fattibile bisognerebbe innanzitutto conoscere al millimetro (quadrato) l'esatta conformazione superficiale della ruota, imperfezioni comprese. Ricordiamoci che la pallina è piccola e leggera e può subire deviazioni notevoli anche solo per la presenza di una briciola sul suo percorso. Poi, per fare il calcolo, bisognerebbe conoscere con esattezza il punto di partenza della pallina o quantomeno la sua esatta posizione relativa sulla ruota al momento del supposto rilevamento della velocità via laser. Alquanto complicato direi.
    Il calcolo in sé e per sé, infine, sarebbe di una complessità in grado di sfidare le capacità di un supercomputer: riuscire a prevedere i rimbalzi e le devizioni che la pallina subisce verso fine corsa (al decadere dell'orbita, come dice l'articolo) impattando con le tacche presenti sulla ruota - e che possono in qualunque momento farle anche cambiare quadrante, altro che sestupletta di numeri! - è al livello di una modellizzazione meteorologica.

    In più bisogna ricordare che da quando il computer è entrato nell'immaginario collettivo, le leggende sulle vincite al casinò cyber-guidate sono state una costante: ora hanno solo aggiunto il laser.
    Ricordo quando il presunto "colpevole" era tipicamente russo o giapponese, dotato di una qualche meraviglia tecnologica portatile a noi ancora sconosciuta. L'importante insomma è che fosse un misterioso straniero, "alieno", e così a quanto pare continua ad essere.
    Naturalmente noi poveri scemi d'occidente a cotanta meraviglia non ci siamo ancora arrivati. Occhiolino

    Bye
  • vabbeh, tutto quello che dici è vero, però tramite una calibrazione del modello probabilistico che sta alla base del tutto (perchè alla fine si tratta pur sempre di un modello probabilistico) fatta tramite osservazioni precedenti, non mi pare una cosa così impossibile...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 24 discussioni)