Hollywood all'assalto di BitTorrent

Presi di mira i siti che offrono link ai download di film rippati illegalmente dai DVD o da altre fonti. Chi gestisce questi spazi web, sostengono le major, è un pirata. Ma è davvero così?

Los Angeles (USA) - Fermare BitTorrent o, meglio, coloro che pubblicano elenchi di link grazie ai quali, disponendo del software dedicato, è possibile accedere a torrenti di film distribuiti senza l'autorizzazione dei produttori.

E' questa la nuova mission degli studios della MPAA, che ormai da qualche tempo ha iniziato una crociata a tutto campo contro il P2P e la sta portando avanti talvolta con idee bizzarre.

BitTorrent, che non è un programma di sharing di file ma semmai è un sistema per condividere e accelerare il download di qualsiasi materiale, secondo i più recenti studi sulle attività degli utenti internet è una piattaforma in rapida ascesa e forse anche per questo preso di mira persino da attacchi distribuiti del tipo denial-of-service.
Ma è proprio la sua popolarità a preoccupare Hollywood e ancora di più l'enorme numero di utenti che in tutto il mondo si rivolge a siti che offrono i link necessari ad "aggregarsi" attorno ai torrenti di file. L'idea annunciata dagli studios, dunque, è quella di denunciare i gestori dei siti BitTorrent accusandoli di essere diventati distributori illegali di prodotti coperti da diritto d'autore.

Non è certo la prima volta che i siti legati a BitTorrent finiscono alla ribalta delle cronache. Anche in Italia, come si ricorderà, lo scorso febbraio fu posto sotto sequestro un sito di settore, sebbene i guai giudiziari secondo gli inquirenti non avessero nulla a che fare con la mera presenza di link organizzati all'interno delle pagine web.

Ma il concetto che MPAA vuole portare avanti, invece, è che anche chi non possiede file illegali e non li distribuisce tramite P2P debba comunque essere considerato colpevole se fornisce la semplice informazione dell'esistenza di un determinato file, sotto forma di link a qualsiasi materiale, anche opere protette.

Non a caso ha applaudito all'iniziativa anche IFPI, l'associazione internazionale dei fonografici. "Chi è coinvolto nel funzionamento di servizi peer-to-peer non autorizzati - ha affermato il CEO di IFPI Jay Berman - danneggia il mondo della musica, i produttori di film, le imprese legali online e tutti coloro che contano sul copyright per la propria vita. Colpire i server del peer-to-peer, che agiscono come depositi di distribuzione di materiale illegale, è un altro modo di contenere l'abuso della tecnologia P2P da parte di persone intente ad un furto di copyright di massa".
TAG: mondo
129 Commenti alla Notizia Hollywood all'assalto di BitTorrent
Ordina
  • Fra poco ci faranno pagare anche l'aria che respiriamo........
    se non lo stanno già facendo....la mia politica la conoscete già(sono già intervenuto in merito) poi,tra l'altro la rielezione dell'imperatore non ha fatto altro che continuare a dare potere alle major e a tutte le multinazionali che si spalmano su quel cretino(vedendo gli sviluppi internazionali,mi pare che altro non è).....mi ricordo un personaggio bellissimo SUPERCIUK....lo ricordate? rubava ai poveri per dare ai ricchi.....anche noi,purtroppo ne abbiamo uno...Dio li fa poi li accompagna.
    Nonostante tutto colgo l'occasione di porgere a tutto il POPOLO DELLA RETE ,a PUNTO INFORMATICO e, a tutti quelli che leggeranno questa mia,i MIGLIORI CLAMOROSI SPETTACOLARI AUGURI DI BUON NATALE E FELICE ANNO NUOVO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    un abbraccio,Bukowski.....
    P.S. scaricate gente,scaricate, che probabilmente il prossimo anno potrebbe essere molto peggio.
  • Intanto domani la "Gazzetta dello Sport" uscira' con la carta di colore completamente verde, in un monografico dedicato a Shrek 2.....
    Un'operazione pubblicitaria su cui il costo e' meglio sorvolare, per un film gia' conosciuto e atteso da (quasi) tutti e che per questo motivo non aveva certo bisogno di un'operazione marchettara come questa

    Non sarebbe stato meglio se questa major avesse "speso" gli stessi soldi abbassando anche di 1 solo ? il prezzo di migliaia (e non sto esagerando) di dvd del proprio catalogo? secondo me sarebbe stata una forma di pubblicita' di gran lunga migliore con una soddisfazione per il compratore piu' alta....... magari mi sbaglio non lo so', questo e' il mio punto di vista, ma d'altronde sono un sistemista informatico e non ho certo studiato tecniche di marKKeting

    Davide
    non+autenticato

  • In effetti tutte queste notizie riguardano solo
    i network che non si sono aggiornati, diventando
    serverless.

    I veri network, come eMule Kademlia, Warez e Shareaza
    sono ormai divenuti serverless e quindi immortali,
    poiché per buttarli giù dovrebbero arrestare
    ogni singolo utente.

    Nessuno mai potrà fermare milioni di persone,
    non importa quanto sia potente o ricco, a meno
    di non filtrare ogni porta possibile ed immaginabile
    di internet, su ogni protocollo esistente, e cioé
    insostanza spegnendo internet.

    non+autenticato
  • Già uno dei siti torrent molto fornito è down, infatti è da questa mattina che provo a connettermi, ma niente da fare.
    Per saperne di più http://www.slyck.com/news.php?story=624. Mi chiedo dove arriveremo.In lacrime
    non+autenticato

  • Non capite che Dan Glickman (il
    presidente della MPAA) e' l'uomo dietro
    tutto questo? Non capite che nessuno
    nella storia ha mai avuto la sua determinazione
    a spazzare via la pirateria dei film?

    Dan Glickman andra' fino in fondo, e
    il regno del p2p avra' fine per sua mano.
    E' lui che bisogna fermare, ed e' lui
    solo che potra' cambiare il corso della
    storia.

    Cosa penseranno tra venti anni i nostri
    figli? "Che furbi che erano quei figli di p...a che dieci
    anni fa si scaricavano tutto illegalmente,
    senza che il loro televisore lo notificasse
    alla polizia!" oppure: "furono dei grandi quei
    ragazzi, perche' combatterono per liberare
    il mondo dal concetto di copyright, ridando vita
    ad un arte non commerciale come quella
    che c'era stata fino al rinascimento"???

    non+autenticato

  • fratello, lo sai che a bere tutto il giorno ci si rimette il fegato?
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | Successiva
(pagina 1/6 - 26 discussioni)