Un ologramma contro le esplosioni

Lo prepara Nokia per riuscire finalmente a distinguere in modo univoco le batterie originali da quelle contraffatte. Quelle che, secondo il colosso, sono le uniche ad esplodere

Helsinki - Cellulari che si surriscaldano, partite di batterie fasulle che vengono sequestrate: è incandescente il problema della sicurezza delle batterie dei telefonini. Un problema che Nokia ora sembra decisa a risolvere.

Dopo essere stata messa sulla graticola a causa delle ripetute esplosioni di batterie, Nokia ha deciso di attaccare un ologramma adesivo sulle batterie originali. In questo modo, sostiene l'azienda, per i consumatori sarà più facile distinguere il prodotto made in Nokia da quello contraffatto.

Proprio la difficoltà di distinguere l'uno dall'altro è da tempo al centro delle attenzioni e contro questo problema Nokia da tempo ha iniziato a lavorare viste le pesanti accuse che le sono arrivate da più parti. Sarebbero una 40ina le batterie esplose nel mondo negli ultimi due anni.
"Con questo nuovo programma di autenticazione Nokia - spiegano ai reporter gli uomini dell'azienda - stiamo attaccando direttamente i contraffattori che commercializzano batterie che sono potenzialmente pericolose". Batterie che spesso rappresentano un appeal irresistibile perché sono perlopiù vendute a prezzi assai più bassi di quelle originali.

"L'etichetta olografica - sostiene Nokia - consentirà al consumatore di sapere se la batteria che sta utilizzando è davvero una batteria originale Nokia". Secondo il primo costruttore di telefonini al mondo, il bollino olografico, un'immagine tridimensionale, renderà assai difficile la vita a chi produce batterie del tutto simili ma, appunto, non originali e dunque spesso al di fuori dei canoni di sicurezza necessari nella costruzione di questi dispositivi.
16 Commenti alla Notizia Un ologramma contro le esplosioni
Ordina
  • sarei interessato a saperne di piu' sulle stampanto olografiche
    grazie
    non+autenticato
  • di Utente non registrato del 28/07/04 (13:36)
        
    nulla di nuovo sotto il sole

    Oggi capita che la gente vada dal salumiere e acquisti prodotti hi-tec.
    Oppure va' in negozio e pretende lo stesso prezzo dell' ignorante citta-mercato. Ignorante perche' non essendo specialista e targettizzata sullo street-price e' NORMALE che non sappia cosa sta' vendendo.
    Smontando alcune batterie e' possibile vedere batterie da 1000 vendute come 1500, batterie prive del disgiuntore termico, con nastro adesivo che colando chiude le valvole, separatori che anziche' di cartone e fermati sono di carta e vanno a spasso per l' involucro del pacco permettendo un corto.

    Chissa se qualcuno e morto?
    Bum!! mentre guida, telefona e fuma e si dirige alla citta' del mobile a comprare un tv-lcd per non vedere un tubo.

    Grazie a queste logiche di acquisto oggi il 90% dei celli e' di contrabbando (quasi, senza il passatore ma con lavaggio a 30C dell' iva) il 60% almeno delle fotoracchiette digitali idem.

    A fronte di MILIARDI di Euri di fuffaggio la GdF segue la pista del ragazzino che si copia il CD di paola e chiara.

    C' erano ottime batterie non originali.... poi venne la GDO. Chi si e' ADEGUATO ai GUSTI del pubblico e' soppravissuto....

    Belle le batterie che fanno BUM
    Bello il TV che non si vede
    bella l' auto che non curva
    si, fatemi crepare, ma datemi l' apparenza del risparmiare!

    Claudio    
    non+autenticato
  • Non si capisce una mazza, uno non sa neanche cosa rispondere. E solo un testo che salta da un argomento all'altro in poche frasi che non dicono nulla.

    mappeffavore..
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Non si capisce una mazza, uno non sa neanche
    > cosa rispondere. E solo un testo che salta
    > da un argomento all'altro in poche frasi che
    > non dicono nulla.
    >
    > mappeffavore..


    non sono d'accordo. si capisce tutto e io condivido pure.


  • - Scritto da: Anonimo
    > di Utente non registrato del 28/07/04 (13:36)
    >     
    > nulla di nuovo sotto il sole
    >
    > Oggi capita che la gente vada dal salumiere
    > e acquisti prodotti hi-tec.
    > Oppure va' in negozio e pretende lo stesso
    > prezzo dell' ignorante citta-mercato.
    > Ignorante perche' non essendo specialista e
    > targettizzata sullo street-price e' NORMALE
    > che non sappia cosa sta' vendendo.
    > Smontando alcune batterie e' possibile
    > vedere batterie da 1000 vendute come 1500,
    > batterie prive del disgiuntore termico, con
    > nastro adesivo che colando chiude le
    > valvole, separatori che anziche' di cartone
    > e fermati sono di carta e vanno a spasso per
    > l' involucro del pacco permettendo un corto.
    >
    > Chissa se qualcuno e morto?
    > Bum!! mentre guida, telefona e fuma e si
    > dirige alla citta' del mobile a comprare un
    > tv-lcd per non vedere un tubo.
    >
    > Grazie a queste logiche di acquisto oggi il
    > 90% dei celli e' di contrabbando (quasi,
    > senza il passatore ma con lavaggio a 30C
    > dell' iva) il 60% almeno delle
    > fotoracchiette digitali idem.
    >
    > A fronte di MILIARDI di Euri di fuffaggio la
    > GdF segue la pista del ragazzino che si
    > copia il CD di paola e chiara.
    >
    > C' erano ottime batterie non originali....
    > poi venne la GDO. Chi si e' ADEGUATO ai
    > GUSTI del pubblico e' soppravissuto....
    >
    > Belle le batterie che fanno BUM
    > Bello il TV che non si vede
    > bella l' auto che non curva
    > si, fatemi crepare, ma datemi l' apparenza
    > del risparmiare!
    >
    > Claudio    


    Più chiaro di così... si muoreSorride

    bye
    non+autenticato
  • Non credo che il problema sia il bollino. Nella maggior parte dei casi la gente è cosciente del fatto che sta comprando una batteria non originale, né il venditore induce il compratore a credere che sia originale.

    E in questo caso la cosa è pure perfettamente legale (tranne forse negli USA, con il loro draconiano DMCA).

    E' semplicemente una questione di prezzi.


    Poi questa storia dei bollini, sembra l'abbiano presa a prestito dall'Italia (vedi SIAE & co... siamo la repubblica delle banane Occhiolino   )

  • - Scritto da: ElfQrin
    > Non credo che il problema sia il bollino.
    > Nella maggior parte dei casi la gente
    > è cosciente del fatto che sta
    > comprando una batteria non originale,
    > né il venditore induce il compratore
    > a credere che sia originale.

    Infatti...
    è un problema di prezzi.......

    --
    Jack
    http://jack.logicalsystems.it/homepage
  • Se non sbaglio, proprio qui su PI avevo letto di una stampante in grado di stampare ologrammi....
    non+autenticato
  • Le batterie compatibili, anche quelle cinesi vendute su ebay a 1$, sono affidabili quanto quelle originali, che sono sempre prodotte sottocosto in cina!
    non+autenticato
  • > Le batterie compatibili, anche quelle cinesi
    > vendute su ebay a 1$, sono affidabili quanto
    > quelle originali, che sono sempre prodotte
    > sottocosto in cina!

    Su questo avrei da ridire. Vai a vedere i siti dei produttori
    di batterie (intesi come la singola cella): dello stesso tipo
    di batteria hanno diverse versioni, con diverse caratteristiche
    ed ovviamente diversi costi.

    Anche per le batterie piombo-acido e` cosi`.





    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Le batterie compatibili, anche quelle cinesi
    > vendute su ebay a 1$, sono affidabili quanto
    > quelle originali, che sono sempre prodotte
    > sottocosto in cina!
    prima le smonti
    poi ti ricredi
    ed infine smetti di comprare hi tech alla fattoria del salame!!!!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)