ICT, un codice di comportamento

Lo promuove Unimatica, che raccoglie molte piccole imprese italiane. Tutelare i clienti per tutelare il lavoro di qualità. Ecco di che si tratta

Modena - Un nuovo "Codice etico di comportamento" per le imprese ICT è promosso in questi giorni da Unimatica della Api Modena, aderente a Confapi che a livello nazionale riunisce oltre 1.500 aziende per 18 mila addetti.

Il settore, che solo a Modena "vale" 180 milioni di euro per oltre mille aziende, secondo i promotori del Codice deve abbandonare certi preventivi incomprensibili e fenomeni dilaganti come talune "sorprese" a lavoro ultimato.

Per crescere, spiega l'associazione, è necessario avvicinarsi in modo nuovo ai clienti, dar loro migliori garanzie, togliere di mezzo le incertezze, come quelle delle attese indefinite per la consegna del lavoro. "Nel nostro settore - spiega Massimo Montecchi, presidente di Unimatica Modena e Amministratore delegato di EC Company Srl - ancora oggi ci sono aziende senza scrupoli, che spesso approfittano dell'ignoranza dei clienti per imporre prezzi alti e prodotti di bassa qualità. La nostra iniziativa vuole introdurre una garanzia di trasparenza e di correttezza nei confronti dei clienti, offrire servizi di qualità e tutelare l'immagine del settore Ict".
Secondo il codice varato da Unimatica, per fare un esempio, l'offerta di un prodotto o di un servizio dovrà sempre essere preceduta da un'analisi tecnica che permetta al cliente di capire con chiarezza quali siano le soluzioni possibili. In particolare, per ogni prodotto hardware o software si dovranno fornire tutti gli elementi utili a capirne funzione, convenienza, eventuali costi di gestione. Gli stessi principi si applicano alle consulenze e agli studi di fattibilità, esponendo in modo chiaro e trasparente costi, tempi e risultati.

"Per verificare e monitorare la correttezza dei rapporti azienda-cliente - si legge in una nota - interviene un Comitato di vigilanza, costituito all'interno di Api, che vede la collaborazione anche di professionisti esterni all'associazione ad ulteriore garanzia di trasparenza".

Oltre al codice etico, Unimatica unitamente alle organizzazioni sindacali sta lavorando su un nuovo contratto nazionale di lavoro per l'ICT per il 2005. "L'inquadramento contrattuale - continua la nota - si adatta alle dinamiche del comparto ICT, garantendo una maggiore elasticità e flessibilità dell'orario di lavoro, una regolamentazione delle trasferte e della reperibilità del dipendente al di fuori dell'orario di lavoro, oltre alla tutela degli investimenti nella formazione".
TAG: italia
28 Commenti alla Notizia ICT, un codice di comportamento
Ordina
  • che ti devono mettere nel preventivo scritto che il loro prodotto ti vincola al loro supporto per l'eternità .... Troll
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > che ti devono mettere nel preventivo scritto
    > che il loro prodotto ti vincola al loro
    > supporto per l'eternità .... Troll

    io ci ho lavorato ad accenture,la gente che vi lavora
    è parecchio montata e i capi progetto sparano una marea di cazzate markettare dopo un anno li ho mandati
    al diavolo


    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > che ti devono mettere nel preventivo
    > scritto
    > > che il loro prodotto ti vincola al loro
    > > supporto per l'eternità ....
    > Troll
    >
    > io ci ho lavorato ad accenture,la gente che
    > vi lavora
    > è parecchio montata e i capi progetto
    > sparano una marea di cazzate markettare dopo
    > un anno li ho mandati
    > al diavolo

    Poveri clienti ignoranti che si servono di queste società
    non+autenticato
  • Ma perpiacere,ma queste aziende non si vergognano
    a prendere per il culo la gente ?
    hanno un sito web che è orripilante
    se vogliono portare avanti iniziative concrete per il comparto ICT,quantomeno abbiano la decenza
    di assumere un web developer serio (ad un prezzo
    congruo ) per sistemare quella bruttura.....
    bha
    non+autenticato
  • povero sito, cosa ha di cosi brutto?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > povero sito, cosa ha di cosi brutto?

    are you kidding spero
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > povero sito, cosa ha di cosi brutto?

    Se guardi bene ci arrivi da solo, ha ragione lui.

    A parte i colori, li trovo di cattivo gusto... ma cmq sono gusti... ma l'accessibilita' fa pena.

    Un menu' in flash e l'altro a tendina con js... i contenuti così importanti non dovrebbero MAI usare cose del genere.

    Tra l'altro, se spulci l'html noterai che non soltanto non c'è il doctype (già grave)... ma non ci sono neppure i tag di apertura e chiusura della pagina!

    Chi ha fatto quel sito è un dilettante, o peggio ancora un dilettante pigro che non ha la forza di guardarsi uno straccio di reference html.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > Tra l'altro, se spulci l'html noterai che
    > non soltanto non c'è il doctype
    > (già grave)... ma non ci sono neppure
    > i tag di apertura e chiusura della pagina!

    HTML? E' un sito in asp, è le pagine vengono generate in tempo reale, l'HTML non lo scrive nessuno!

    > Chi ha fatto quel sito è un
    > dilettante, o peggio ancora un dilettante
    > pigro che non ha la forza di guardarsi uno
    > straccio di reference html.

    Ah si.. tu si che sei uno che sa! Fallo tu il sito!



    PS: scommetto che ora questo verrà a vantarsi di essere un professionista ultraricercato ecc.. ecc..
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > HTML? E' un sito in asp, è le pagine
    > vengono generate in tempo reale, l'HTML non
    > lo scrive nessuno!

    LOL
    stai facendo la figura del peracottaro


    > Ah si.. tu si che sei uno che sa! Fallo tu
    > il sito!
    >

    io non faccio i siti web in compenso il mio blog
    è decisamente meglio guarda un po ...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > HTML? E' un sito in asp, è le pagine
    > vengono generate in tempo reale, l'HTML non
    > lo scrive nessuno!

    Ma perchè parlate di cose che non sapete?!?

    L'asp genera l'html, genio!!! E in quella pagina non ci sono nemmeno i tag di apertura e chiusura html (non metto i tag altrimenti vengono cassati)

    Sei tu che devi dirgli come deve generare le pagine!

    > > Chi ha fatto quel sito è un
    > > dilettante, o peggio ancora un
    > dilettante
    > > pigro che non ha la forza di guardarsi
    > uno
    > > straccio di reference html.
    >
    > Ah si.. tu si che sei uno che sa! Fallo tu
    > il sito!

    Se paghi, volentieri!

    > PS: scommetto che ora questo verrà a
    > vantarsi di essere un professionista
    > ultraricercato ecc.. ecc..

    Di certo non inizio una pagina html con *head* (non lo metto tra tag altrimenti viene cassato)

    E' da dilettanti. Cos'è, il sito l'hai fatto tu e ti sei offeso?
    non+autenticato
  • >
    >> Tra l'altro, se spulci l'html noterai che
    >> non soltanto non c'è il doctype (già grave)...
    >> ma non ci sono neppure i tag di apertura
    >> e chiusura della pagina!
    >
    > HTML? E' un sito in asp, è le pagine
    > vengono generate in tempo reale, l'HTML non
    > lo scrive nessuno!
    >
    auAHhuAhuAhuAhuAhuAhuAhuAhuhuahuAhuahuA

    ciao.
    Matteo

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > povero sito, cosa ha di cosi brutto?
    >
    Oltre ad essere esteticamente un pugno in un occhio, è completamente fuori da ogni standard, è il contrario dell'accessibilità, richiede plugin (flash) per un semplice menu, fa un pessimo uso di javascript per l'altro menu.
    Tutto questo ad una prima occhiata.

    ciao.
    Matteo
  • Con Mozilla, i menu a scomparsa, appaiono e scompaiono quando ci si passa sopra con il mouse, senza poter avere il tempo di cliccare sulle voci.

    Hanno un sito che non rispetta gli standard, funziona solo con IE, e parlano di qualità.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Con Mozilla, i menu a scomparsa, appaiono e
    > scompaiono quando ci si passa sopra con il
    > mouse, senza poter avere il tempo di
    > cliccare sulle voci.
    >
    > Hanno un sito che non rispetta gli standard,
    > funziona solo con IE, e parlano di
    > qualità.

    purtroppo questo capita anche troppo spesso e anche su siti di grosse aziende: si fa il sito con frontPage, si testa un attimo (magari da intranet, cosi va sempre tutto veloce) di IE
    tutto bene, si pubblica
    tanto il 90% dei nostri clineti usa IE, no? perchè? esistono altri browser?
    e poi perchè quei tizi di consulenti voglio tutti quei soldi per sviluppare un sito? ladri! Noi ci abbiamo messo un pomeriggio per fare tutto !


    non+autenticato
  • "Nel nostro settore - spiega Massimo Montecchi, presidente di Unimatica Modena e Amministratore delegato di EC Company Srl - ancora oggi ci sono aziende senza scrupoli, che spesso approfittano dell'ignoranza dei clienti per imporre prezzi alti e prodotti di bassa qualità"

    Mi vengono in mente nomi di grosse aziende di consulenza

    :D:D:D:D

    Vabbe', meglio che sto zitto.
    FDG
    10946