Nuovo anno, nuovo OpenOffice

Con l'arrivo del prossimo anno, OpenOffice rinnoverà la propria sfida alla suite di Microsoft con due nuove versioni, la 1.1.4 e, più avanti, la 2.0. Nel frattempo è possibile scaricare anteprime e dizionari aggiornati

Roma - Per il più noto rivale open source di MS Office si avvicinano due importanti traguardi: il rilascio della versione 1.1.4, che consolida le fondamenta della suite e ne porta il codice a piena maturazione, e l'inizio della fase di beta testing della release 2.0.

OpenOffice 1.1.4, di cui è attualmente possibile scaricare la Release Candidate (RC) qui, si focalizzerà sostanzialmente nella risoluzione dei bug e nella limatura delle funzionalità già esistenti. Per avere un'idea dei problemi che andrà a risolvere, è possibile dare un'occhiata alle note di rilascio della RC.

Nelle scorse ore il PLIO, il Progetto Linguistico Italiano di OpenOffice.org, ha annunciato che la 1.1.4 sarà "la prima versione nella storia di OpenOffice.org rilasciata sotto l'egida dello stesso PLIO con licenza GPL".
Per il codice della sua suite, OpenOffice.org utilizza sia le licenze GNU GPL/LGPL della Free Software Foundation, sia la licenza Sun Industry Standards Source License (SISSL): quest'ultima, secondo quanto scritto sul sito dedicato, "consente di utilizzare e modificare il codice di OpenOffice anche a quelle aziende che non possono o non intendono adottare la GPL". Il sistema della doppia licenza viene utilizzato anche da diversi altri noti progetti open source, tra cui Perl e Mozilla.

Nelle scorse ore il PLIO ha anche annunciato il rilascio, sempre sotto licenza GPL, delle nuove versioni del dizionario e del thesaurus (dizionario dei sinonimi) sviluppate dalla comunità.

"Si tratta di due componenti molto importanti della suite, poiché la contraddistinguono dai prodotti proprietari per il loro costante aggiornamento, che riflette l'evoluzione della lingua italiana", si legge in un comunicato diffuso dal PLIO. "Sia il dizionario che il thesaurus possono essere usati con tutte le versioni di OpenOffice.org comprese tra la 1.0.2 e la 1.9.x".

La prossima major release di OpenOffice, la 2.0, è invece attesa per l'inizio della prossima primavera. Una pre-beta (1.9.m65) è stata rilasciata negli scorsi giorni qui, mentre la beta vera e propria dovrebbe arrivare a gennaio.

Fra le più vistose novità della versione 2.0 c'è l'integrazione, nella suite, del motore di database open source HSQL. Quest'aggiunta va a colmare, almeno in parte, una lacuna che OpenOffice attualmente ha nei confronti dei concorrenti commerciali StarOffice e MS Office: il primo, basto sul codice di OpenOffice, include infatti il database Adabas di Software AG; il secondo, come noto, è invece accompagnato da Access.

Affinché HSQL possa essere utilizzato anche dagli utenti senza esperienza di programmazione, OpenOffice 2.0 includerà un front-end grafico chiamato Base: quest'ultimo potrà essere utilizzato per creare database, report e query, e sarà in grado di importare i file da dBase, MS Access, MySQL ed altri database.

Gli sviluppatori di OpenOffice hanno poi lavorato per migliorare la compatibilità con i formati di MS Office, e in special modo quella con i documenti di Word: questi ultimi, quando importati in Write, conserveranno con più accuratezza la disposizione degli oggetti grafici e delle tabelle.

La prossima major release di OpenOffice rinnoverà poi l'aspetto dell'interfaccia utente: le barre degli strumenti sono state modificate, e saranno maggiormente configurabili e personalizzabili, anche per quanto riguarda l'aspetto estetico.
237 Commenti alla Notizia Nuovo anno, nuovo OpenOffice
Ordina
  • Office 2003 l'ha, openoffice NO!!!! cosa aspettano????!!!??
    non+autenticato
  • Il problema di tutto l'open source è che viene sviluppato e mantenuto da una valanga di bravissimi programmatori, che non hanno però conoscenze in merito al marketing e all'usabilità. State ancora quì a perdere tempo nel confrontare bit, byte, import, export e chiacchere varie. Si, chiacchere.
    La storia insegna che il successo è sempre stato fortemente condizionato dall'appeal che l'utente trova nel prodotto (ovviamente deve esserci un pò di succo, anche se SoftRAM con le sue 700.000 copie vendute dice il contrario) e nella campagna di marketing che ci stà alle spalle. Ora posto che l'open per definizione più o meno non ha soldi per la pubblicità, vogliamo concentrarci sul creare delle interfacce un pò più carine e amichevoli ??? (firefox_docet).
    Apprezzo, condivido e stimo l'Open Source, ma le interfacce grafiche che ho visto finora... c'è poco da dire, sono per lo più tristi e scoraggianti.
    Spero che prima o poi qualcuno si svegli e capisca che è inutile confrontare le funzionalità bit a bit, i prodotti Open (OO & Co) hanno una buona maturità ed è ora di iniziare il confronto icona per icona, sfumatura per sfumatura...
    Le mie qualità di sviluppatore sono pessime, ma su quest'ultimo confronto potrei veramente essere a disposizione e impegnarmi.


    Merry Xmas
    Joe
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Il problema di tutto l'open source è
    > che viene sviluppato e mantenuto da una
    > valanga di bravissimi programmatori, che non
    > hanno però conoscenze in merito al
    > marketing e all'usabilità. State
    > ancora quì a perdere tempo nel
    > confrontare bit, byte, import, export e
    > chiacchere varie. Si, chiacchere.

    Nessun programmatore si occupa di questo. Alla MS hanno un sacco di commerciali / specialisti di marketing apposta.

    > La storia insegna che il successo è
    > sempre stato fortemente condizionato
    > dall'appeal che l'utente trova nel prodotto

    La storia ci insegna che a guardare un prodotto dall'interfaccia ci si rimette a volte.

    > Ora posto che l'open per definizione
    > più o meno non ha soldi per la
    > pubblicità, vogliamo concentrarci sul
    > creare delle interfacce un pò
    > più carine e amichevoli ???
    > (firefox_docet).
    > Apprezzo, condivido e stimo l'Open Source,
    > ma le interfacce grafiche che ho visto
    > finora... c'è poco da dire, sono per
    > lo più tristi e scoraggianti.

    Scusa, mi spieghi che c'ha l'interfaccia di OOo che non va?

    > Spero che prima o poi qualcuno si svegli e
    > capisca che è inutile confrontare le
    > funzionalità bit a bit, i prodotti
    > Open (OO & Co) hanno una buona
    > maturità ed è ora di iniziare
    > il confronto icona per icona, sfumatura per
    > sfumatura...

    Vabbè ma dai... e poi non sono d'accordo, tu realizzi un software e hai una idea di come realizzarlo, anche a livello grafico, non è detto che devi fare per forza un clone di MSO 100%.
    non+autenticato

  • > > La storia insegna che il successo
    > è
    > > sempre stato fortemente condizionato
    > > dall'appeal che l'utente trova nel
    > prodotto
    >
    > La storia ci insegna che a guardare un
    > prodotto dall'interfaccia ci si rimette a
    > volte.

    hai perfettamente ragione; spesso l' apparenza inganna. Purtroppo il problema è che la gente non lo ha ancora capito, quindi non vedrei male l' idea di dare un' aspetto piacevole a OOo e simili, giusto per stimolare quell' enorme fetta di mercato che bada più all' aspetto che alla sostanza.

    Restando fermo che poi la sostanza ci sia, siamo chiari
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Il problema di tutto l'open source
    > è
    > > che viene sviluppato e mantenuto da una
    > > valanga di bravissimi programmatori,
    > che non
    > > hanno però conoscenze in merito
    > al
    > > marketing e all'usabilità. State
    > > ancora quì a perdere tempo nel
    > > confrontare bit, byte, import, export e
    > > chiacchere varie. Si, chiacchere.
    >
    > Nessun programmatore si occupa di questo.
    > Alla MS hanno un sacco di commerciali /
    > specialisti di marketing apposta.

    è proprio quello che volevo dire, marketing e commerciale servono ad aiutare i programmatori nell'implementare le funzioni che il mercato si aspetta, nel modo più "piacevole" possibile. Queste informazioni credo che non arrivino in nessun modo agli sviluppatori Open, banalmnete si tende ad imitare MS perchè va già bene.

    > > La storia insegna che il successo
    > è
    > > sempre stato fortemente condizionato
    > > dall'appeal che l'utente trova nel
    > prodotto
    >
    > La storia ci insegna che a guardare un
    > prodotto dall'interfaccia ci si rimette a
    > volte.
    Chiaro, ma questo non fa molto testo, i numero di copie installate si. Se hai un numero consistente di copie installate e combini qualche cazzata, probabilmente trovi le risorse per aggiustarla, se non sei in mala fede fin dall'inizio. L'utonto medio perdona, si sà, altrimenti spiegherei poco il successo di MS
    > > Ora posto che l'open per definizione
    > > più o meno non ha soldi per la
    > > pubblicità, vogliamo
    > concentrarci sul
    > > creare delle interfacce un pò
    > > più carine e amichevoli ???
    > > (firefox_docet).
    > > Apprezzo, condivido e stimo l'Open
    > Source,
    > > ma le interfacce grafiche che ho visto
    > > finora... c'è poco da dire, sono
    > per
    > > lo più tristi e scoraggianti.
    >
    > Scusa, mi spieghi che c'ha l'interfaccia di
    > OOo che non va?
    Non ho detto che non va, ho detto che secondo me no crea molto feeling e appeal con l'utilizzatore. non serve che entri nei dettagli, stampa due snapshot: Word e ooWrite e chiedi a tuo cugino quale comprerebbe a prima vista. E' brutale, lo so, ma funziona così la realtà, credo...
    > > Spero che prima o poi qualcuno si
    > svegli e
    > > capisca che è inutile
    > confrontare le
    > > funzionalità bit a bit, i
    > prodotti
    > > Open (OO & Co) hanno una buona
    > > maturità ed è ora di
    > iniziare
    > > il confronto icona per icona, sfumatura
    > per
    > > sfumatura...
    >
    > Vabbè ma dai... e poi non sono
    > d'accordo, tu realizzi un software e hai una
    > idea di come realizzarlo, anche a livello
    > grafico, non è detto che devi fare
    > per forza un clone di MSO 100%.
    Difatti, mica dico questo, dico che un esperto di comunicazione sicuramente potrebbe dare dei buoni suggerimenti. Non ci credo che l'interfaccia di Firefox sia il parto perfetto di un gruppo di sviluppatori   Sorride
    non+autenticato
  • Infatti la nuova versione, la 2.0 supporterà una maggiore integrazione con la grafica del sistema. Ho visto una presentazione e a seconda del sistema su cui verrà installato, cambierà layout per integrarsi col sistema grafico presente (Windows , GTK , KDE ecc.... ).
    Probabilmente non sei l'unico a pensarla così.
    non+autenticato
  • Dici una cosa che mi fa felice, credo molto nella qualità del software Open, pur non avendo niente di particolare contro MS.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Infatti la nuova versione, la 2.0
    > supporterà una maggiore integrazione
    > con la grafica del sistema. Ho visto una
    > presentazione e a seconda del sistema su cui
    > verrà installato, cambierà
    > layout per integrarsi col sistema grafico
    > presente (Windows , GTK , KDE ecc.... ).
    > Probabilmente non sei l'unico a pensarla
    > così.
    Aggiungo che io ho installato la versione KDE di openoffice 1.1.3, una cosa se vogliamo ancora sperimentale, ma decisamente molto stabile.
  • > Le mie qualità di sviluppatore sono
    > pessime, ma su quest'ultimo confronto potrei
    > veramente essere a disposizione e
    > impegnarmi.
    >

    Se vuoi dare una mano guarda qui:

    OpenOffice.org User Interface Design Project
    http://ui.openoffice.org/

    Marketing Project
    http://marketing.openoffice.org/index.html

    buon lavoro/divertimento!!!
    non+autenticato


  • http://www.kde.org/screenshots/kde330shots.php

    Magari cambi idea sulla bruttezza dell'open source !
    non+autenticato
  • Premetto che ho provato OO e direi che dal confronto con Office esce a testa alta. Le funzionalità base che utilizza il 95% dell'utenza ci sono tutte, magari manca un po' nell'automazione parecchio spinta, ma il discorso può interessare veramente solo una minoranza trascurabile. Il problema di fondo, che molti dimenticano, è che nella grande maggioranza degli uffici si usano piccole applicazioni realizzati con Office, quali fogli di calcolo Excel, piuttosto che piccoli db Access fatti in casa, piuttosto che macro di vario genere. Tali "applicazioni" sono il più delle volte fondamentali nella gestione quotidiana delle più svariate attività e moltissimi dipendenti poco ferrati in materia sarebbero terrorizzati solo all'idea di dover fare a meno di tutto ciò o peggio ancora di rifarli. Molte volte, parlo per esperienza, certi mdb o xls, fatti magari da stagisti o ex-dipendenti, sono tenuti tipo reliquia perchè diventati fondamentali all'attività senza nessuno che sappia più metterci le mani in caso di necessità. Questa purtroppo è la realtà italiana e in un simile ambiente parlare di Linux e Open Source è davvero dura, anche perchè il discorso dei costi, grande punto di forza del modello open, diventa trascurabile quando la maggior parte delle copie di Office o dei SO MS sono copiate...

    Ciao a tutti e buone feste.
    non+autenticato
  • "...magari manca un po' nell'automazione parecchio spinta..."

    Per "l'automazione parecchio spinta" lo strumento delle macro e' inappropriato sia che si utilizzi MSOffice che OOo. Purtroppo nella realta' si fa anche di molto peggio.

    Cmq, per tutto il resto, OOo permette di aprire un documento MSOffice e lo interpreta abbastanza bene da permetterne certamente la lettura. Il fatto che ogni tanto sminchia una tabella non significa che i vecchi doc non sono piu' utilizzabili.
    non+autenticato
  • Credo che nessuno pretenda che openoffice diventi lo strumento standard di TUTTI gli uffici. Basta che raggiunga una certa quota per far si che decada lo standard de facto e a quel punto ognuno sarebbe davvero libero di scegliere in quanto l'unica vera ragione per cui msoffice e' ancora cosi' diffuso e' che nella mentalita' comune rappresenta LO strumento per scrivere documenti, fogli di calcolo e presentazioni. Ho conosciuto persone all'interno di aziende che la prima volta che hanno visto un pc windows sprovvisto di suite office ms, stropicciandosi gli occhi continuavano a cercare all'interno del menu' "avvio" l'iconcina mancante ripetendo tra se' "non e' possibile, non e' possibile". Per loro era parte integrante di windows.
    Chi si lega volontariamente o involontariamente a un prodotto e' destinato a pagarne le conseguenze e questo e' il caso delle "applicazioni" su mdb o xls. Tuttavia, molti clienti dell'azienda per cui lavoro ci hanno spesso commissionato il porting di questo genere di applicazione su tecnologie piu' convenienti, solitamente web-based, visto che non richiedono installazioni particolari sui client. Inoltre, da quando sono stati scoperti i web developer tools di mozilla, _tutti_ gli sviluppatori web della mia azienda (compresi quelli piu' pigri) hanno cominciato in blocco a lavorare su questo browser, testando il proprio lavoro su IE giusto prima della consegna.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    ....
    > peggio ancora di rifarli. Molte volte, parlo
    > per esperienza, certi mdb o xls, fatti
    > magari da stagisti o ex-dipendenti, sono
    > tenuti tipo reliquia perchè diventati
    > fondamentali all'attività senza
    > nessuno che sappia più metterci le
    > mani in caso di necessità. Questa
    > purtroppo è la realtà italiana
    > e in un simile ambiente parlare di Linux e
    > Open Source è davvero dura, anche

    Purtroppo hai ragione. La cosa è ancor più grave visto che OO è in grado di importare i documenti Excel...
    Ogni tanto, più per scherzo che per altro, mi capita di proporre, nell'azienda dove lavoro, l'uso di un sw open invece di uno proprietario, ma a volte penso che con le risposte che invariabilmente ricevo dovrei scrivere un libro...

    > perchè il discorso dei costi, grande
    > punto di forza del modello open, diventa
    > trascurabile quando la maggior parte delle
    > copie di Office o dei SO MS sono copiate...

    E anche su questo avrei da dirne tante...
    non+autenticato
  • Tutti sempre contro windows, intanto vince tutte le classifiche compresa questa (alla faccia di voi linuxiani):
    http://www.sophos.it/pressoffice/pressrel/20041210...
    non+autenticato
  • ma LoL
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Tutti sempre contro windows, intanto vince
    > tutte le classifiche compresa questa (alla
    > faccia di voi linuxiani):
    > www.sophos.it/pressoffice/pressrel/20041210ye

    Cacchio, sarebbe bello il contrario.

    Immaginate se l'azienda informatica più grande del mondo, con migliaia di dipendenti, sfornasse prodotti di qualità e affidabilità inferiore a quelli sviluppati a tempo perso da persone sparse per il mondo.

    La realtà è chiara: microsoft possiede dei mezzi enormi. Molte persone competenti e presenza capillare nel mondo.
    Anzi, è grave che molti dei suoi prodotti abbiano diversi problemi.

    Del resto io sono contento della possibilità di usare software alternativo. Scritto si, magari, da un quindicenne. Ma che spesso risolve egregiamente il compito affidato.

    Perchè lamentarsi di un prodotto che viene dato gratuitamente, paragonandolo ad un prodotto che costa 1000 euro (se uno non fa il bandito che lo pirata).
    E' logico che sono differenti.

    Infine, la cosa bella del mondo opensource è che dietro, spesso, c'è una comunità di persone di nazioni diverse unite da un intento comune. Una cosa che in un mondo martoriato dalle guerre, lancia un messaggio positivo per il futuro.
  • > Infine, la cosa bella del mondo opensource
    > è che dietro, spesso, c'è una
    > comunità di persone di nazioni
    > diverse unite da un intento comune. Una cosa
    > che in un mondo martoriato dalle guerre,
    > lancia un messaggio positivo per il futuro.
    Non dirci che stai per partire volontario per l'iraq
    che non ci crede nessuno. Meglio restare uniti
    in Italia nonostante monmopoli e zozzerie varie,
    da lodare comunque lo spirito comprensivo
    dell'ALTRUI sacrificio.
    non+autenticato
  • Grassman wrote:
    > Immaginate se l'azienda informatica più grande del mondo,
    > con migliaia di dipendenti, sfornasse prodotti di qualità e
    > affidabilità inferiore a quelli sviluppati a tempo perso da
    > persone sparse per il mondo.
    >
    > La realtà è chiara: microsoft possiede dei mezzi enormi.
    > [...]

    Ok, ora ho capito: non hai nemmeno clickato su quel link (in pratica mostra come i primi 32 virus piu' diffusi del 2004 siano tutti per gli OS con kernel Windows o Windows NT).
  • > Ok, ora ho capito: non hai nemmeno clickato
    > su quel link (in pratica mostra come i primi
    > 32 virus piu' diffusi del 2004 siano tutti
    > per gli OS con kernel Windows o Windows NT).
    In Italia rubano più punto che ferrari, chissa come mai;)
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > Ok, ora ho capito: non hai nemmeno
    > clickato
    > > su quel link (in pratica mostra come i
    > primi
    > > 32 virus piu' diffusi del 2004 siano
    > tutti
    > > per gli OS con kernel Windows o Windows
    > NT).
    > In Italia rubano più punto che
    > ferrari, chissa come mai;)

    Le Ferrari non sono open source, nemmeno le punto.
    Cambia esempio
    non+autenticato
  • > In Italia rubano più punto che
    > ferrari, chissa come mai;)

    se in Italia avessimo punto a pagamento e Ferrari gratis, nessuno ruberebbe auto
  • Ottimo esempio!! esistono principalmente 2 motivi:
    1) Le punto sono piu' diffuse
    2) Le ferrari hanno solitamente un sistema di antifurto piu' sofisticato, di solito satellitare, pertanto, se rubi una ferrari al massimo ci fai un giretto veloce, ma nulla piu'. Inoltre rivendere i pezzi sarebbe comunque un casino

    c'e' bisogno di tradurre?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > > Ok, ora ho capito: non hai nemmeno clickato
    > > su quel link (in pratica mostra come i primi
    > > 32 virus piu' diffusi del 2004 siano tutti
    > > per gli OS con kernel Windows o Windows NT).

    > In Italia rubano più punto che
    > ferrari, chissa come mai;)

    Per le punto e le ferrari non so....

    So che Win e' il sistema piu' evirato e nel mondo dei 64 bit, nonostante la sua poca diffusione.
    Questo mi fa pensare che il motivo sia semplicemente la pessima progettazione di quel SO, sicuramente non la sua maggior diffusione.
    non+autenticato
  • > So che Win e' il sistema piu' evirato e nel
    > mondo dei 64 bit, nonostante la sua poca
    > diffusione.

    Scusa ma qual'è l'origine di questa tua informazione?
    Ad oggi mi risulta che esitono solo 2 virus per Win64.
    Il primo è Rugrat che viene considerato "a fairly simple proof-of-concept" e attacca solo i sistemi Intel.

    http://securityresponse.symantec.com/avcenter/venc...

    Il secondo è Shruggle: suo fratello per i sistemi AMD.

    Ovviamente in entrambi i casi è necessario che qualcuno lo faccia partire, magari loggato come amministratore e senza un software antivirus installato...Triste

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > www.tgcom.it/tgfin/articoli/articolo235283.sh
    >
    > Saluti...
    > .....................Enrico Fan Linux

    secondo me, tu non ci dormi la notte...

    vuoi un consiglio, vivi e compila un po' meno
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > >
    > www.tgcom.it/tgfin/articoli/articolo235283.sh
    > >
    > > Saluti...
    > > .....................Enrico Fan Linux
    >
    > secondo me, tu non ci dormi la notte...
    >
    > vuoi un consiglio, vivi e compila un po' meno
    Io vivo benissimo e non compilo quasi mai (per lo meno su piattaforma PC).

    - Mancanza di argomenti validi?
    - Finite le trollate?

    La prossima volta cerca di essere più "creativo" (aggià, M$ la creatività ve l'ha sottratta da tempo insieme ai soldi delle licenze)8)

    Saluti...
    .....................Enrico Fan Linux
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > La prossima volta cerca di essere più
    > "creativo" (aggià, M$ la
    > creatività ve l'ha sottratta da tempo
    > insieme ai soldi delle licenze)8)

    Pensavo l'avesse rubata alla Apple ...Sorride
    non+autenticato

  • >- Scritto da: Anonimo
    >
    > secondo me, tu non ci dormi la notte...
    >
    > vuoi un consiglio, vivi e compila un po' meno

    Ma che ha di mitico la compilazione che viene tirata in ballo così spesso?
    non è mica un rito magico o una pratica massonica, è una cosa normalissima...
    non capisco poi questa connotazione negativa che le si attribuisce... mahA bocca storta
    Trin
    132
  • - Scritto da: Trin
    > >- Scritto da: Anonimo
    > > secondo me, tu non ci dormi la notte...
    > > vuoi un consiglio, vivi e compila un
    > po' meno
    >
    > Ma che ha di mitico la compilazione che
    > viene tirata in ballo così spesso?
    > non è mica un rito magico o una
    > pratica massonica, è una cosa
    > normalissima...
    > non capisco poi questa connotazione negativa
    > che le si attribuisce... mahA bocca storta

    Semplice mancanza di abitudine... o di possibilità. Occhiolino
    In altri ambiti detta "invidia del pene".A bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta
    (e qui le trollate si sprecheranno)Occhiolino
    880

  • - Scritto da: Trin
    >
    > >- Scritto da: Anonimo
    > >
    > > secondo me, tu non ci dormi la notte...
    > >
    > > vuoi un consiglio, vivi e compila un
    > po' meno
    >
    > Ma che ha di mitico la compilazione che
    > viene tirata in ballo così spesso?

    Devi sapere che su piattaforma Windows la compilazione non esiste e i programmi nascono, senza che nessuno faccia nulla, direttamente dai desideri di Bill Gates... un po' come i polli che nascono nei banconi dei supermercati gia' in comodi filetti... poi ci sono i polli che pensano di conoscere l'informatica ma che in realtà sanno solo cliccare su qualche icona, però questo è un altro discorso...

    non+autenticato
  • aziende parassite.
    Non mi pare che adobe photoshop soffra per la presenza del paint
    Non mi pare che pinnacle soffra per la presenza di movie maker
    Non mi pare che Nero soffra della presenza di funzioni per la masterizzazione dentro windows XP

    stranamente ho citato prodotti che sono superiori tecnicamente.

    Vengono invece tirati in ballo il mediaplayer (un ottimo lettore) ed IE (questo magari un pò meno ed infatti firefox ed altri browser stanno avanzando).

    Alla fine il problema è uno solo: fare prodotti migliori. Se il prodotto è migliore le notizie si diffondono. Non esiste un solo essere al mondo che non conosca il nero o photoshop
    Come vedete firefox che sta diventando pian piano migliore di IE (anche se deve imparare ad essere meno fiscale nei confronti dello standard) ha già trovato un largo consenso.
    Ritendo che un OS è un prodotto ed il creatore può arricchirlo come vuole. Non mi dispiacerebbe una versione windows con office incluso personalmente. Questo antitrust semplicemente cerca di tutelare aziende che non riescono a fare meglio di microsoft e piangono.

    windows mi permette di installare altri lettori, non è che li blocca. La colpa in definitiva è delle altre aziende che non realizzano prodotti per cui vale la pena abbandonare quelli vecchi.
    A mio giudizio Microsoft non è punibile per questa cosa. Avesse bloccato dei componenti necessari per una software rivale ti darei ragione ma se alla gente va bene il mediaplayer che vuoi? Io uso winamp ad esempio per la radio e perchè mi gestisco al meglio le mie liste di file audio ma ho provato a farlo usare ad altri e non lo hanno apprezzato. Mi hanno fatto vedere come con il mouse selezionava una manciata di mp3 e faceva play partissero bene ugualmente. Mi dici che cosa aggiunge winamp per lui? Mi dici perchè dovrebbe andare a scaricarsi il mediaplayer quando prima era già bello e pronto nell'OS?
    E perchè microsoft dovrebbe accollarsi le spese di distribuzione includendo insieme a windows un CD di programmi rivali? Come me la spieghi questa?
    Pensa che risate, la gente senza neanche il browser con cui scaricarsi un browser
    o pensa le faccie divertite dei programmatori di Opera e Firefox che gratis scroccano la distribuzione nei cd di installazione del software più usato al mondo






    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > www.tgcom.it/tgfin/articoli/articolo235283.sh
    >
    > Saluti...
    > .....................Enrico Fan Linux
    più intressante:

    http://www.repubblica.it/2004/l/sezioni/economia/m...

    http://www.repubblica.it/2004/l/sezioni/economia/m...

    specialmente la seconda!
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 17 discussioni)