GPRS TIM nel mirino degli utenti

Molte le segnalazioni di chi non si è accorto di essersi aggravato con l'operatore wireless che impone debiti anche alle ricaricabili. C'è chi spera nello storno ma il Customer Care TIM non ne parla

Roma - Ci si connette con il telefonino GPRS, la linea va piuttosto veloce, si scarica agevolmente non solo qualche pagina web ma anche qualche piccolo software e un bel po' di immagini. Poi ci si accorge che invece di pagare una tariffa forfetaria mensile ci si è ritrovati con un imponente debito. "Forse - scrive Silvano A. C. - non tutti sanno che con una connessione GPRS si puo' andare in debito negativo di centinaia di euro anche con una semplice ricaricabile".

Ma è proprio questa la situazione che in queste settimane viene segnalata alla redazione di Punto Informatico da diversi utenti TIM, alcuni dei quali sottoscrittori della TIM Web Time, flat GPRS da 20 euro al mese, che consente nei weekend di collegarsi tutto il giorno (dalle 18 alle 8 negli altri giorni). "La promozione - scrive Salvatore L. a PI - scadeva alla mezzanotte del 18 dicembre ma fin dalle 21 circa non potevo connettermi perché avevo un debito di 12 euro con TIM relativo al traffico GPRS. Avevo un credito di 32,67 euro prima dell'addebito, quindi avevo consumato 44 euro in traffico GPRS anche avendo il servizio attivo".

"Qualche giorno fa - spiega a PI Sergio M. - ho attivato la flat GPRS di TIM e dopo mezz'ora di telefonate si sono presi i 20 euro dell'attivazione. Nella successiva ora e mezza mi sono collegato scoprendo soltanto l'indomani mattina che avevo 42 euro di debito sul mio conto, che non potevo più telefonare e neppure mandare SMS. Ovviamente ho chiesto lo storno, hanno detto che mi faranno sapere ma che non ci sono molte speranze".
Chiamando il 119 e ponendo il problema, Punto Informatico ha potuto rilevare che la situazione descritta è ben nota agli operatori che, però, ritengono che la colpa sia degli utenti disattenti, che chiamano il numero sbagliato o che non si informano sulle condizioni di fornitura o, ancora, che credono di aver attivato servizi che non sono attivi.

"La TIM - insiste Silvano - tramite i Suoi operatori non informa all'atto di stipula del servizio che col traffico GPRS si puo' andare in credito negativo né tantomeno informa che non si riceverà un SMS di notifica di scadenza dei termini della promozione". PI ha potuto verificare che in qualche caso le informazioni dettagliate sono state fornite solo dopo esplicita richiesta.

Secondo alcuni utenti, non è la prima volta che in molti rimangono spiazzati dal GPRS di TIM. Scrive Edmondo S. a proposito della precedente flat TIM "GPRS web sempre" di come la moglie sia "andata sotto" di 230 euro con una ricaricabile. "Quando poi ha provato ad inviare un messaggio - scrive Edmondo - la rete GSM non ne permetteva l'invio. Ha chiamato il 4916 e veniva informata che il credito era esaurito. Ha fatto una ricarica da 50 euro e il credito risultava ancora esaurito! Ha chiesto spiegazioni al 119 e veniva informata che stava sotto con il credito di circa 180 euro (malgrado avesse già fatto una ricarica da 50)! E si veniva così a scoprire che il credito era sceso sottozero per via delle navigazioni in internet... A quel punto la sottoscritta, per poter riutilizzare il telefono, si reca presso un Centro TIM ed effettua una ricarica di 250 euro".

Difficile fare una stima di quanti siano gli utenti di ricaricabile TIM che si trovano ora a dover pagare per non aver potuto o saputo sfruttare le offerte GPRS di TIM. Quel che appare certo, però, è che c'è una difficoltà di comunicazione tra azienda ed utenti su questo fronte. Un problema sia sul lato tecnico (agli utenti ricaricabili può venire addebitato oltre il proprio credito il traffico GPRS anche se vengono bloccate telefonate e SMS) sia sul fronte del Customer care, viste le diverse risposte che sia gli utenti sia la redazione di Punto Informatico hanno ricevuto da differenti operatori. Speriamo nei prossimi giorni di poter riportare un chiarimento di TIM sulla questione e un'illuminazione su come verranno gestiti i debiti così accumulati dalle ricaricabili.
63 Commenti alla Notizia GPRS TIM nel mirino degli utenti
Ordina
  • E' ora di finirla con questo schifo!
    E' inutile stare mille volte a lamentarci.
    Andiamo al punto focale delle cose:


    -----------------------------------------------
        PER UN'ACQUA, UNA TELEFONIA, TRASPORTI,
    ENERGIA, E QUANT'ALTRO NECESSITI, PUBBLICI!
    -----------------------------------------------



    Gentilissimi Presenti,
    carissimi Cittadini e Partecipanti Attivi,

    nell'augurarvi un felicissimo Nuovo Anno, permettetemi oggi di esporre nei seguenti quattro punti una breve ma ampia analisi ed una precisa sintesi propositiva.


    1) Il pubblico impiego assegnato a vita è ANTIDEMOCRATICO ed ANTIREPUBBLICANO: tutti gli incarichi dello Stato, perfino la Presidenza della Repubblica e del Consiglio, devono essere rimessi al POPOLO dopo un certo numero di anni, mentre un dipendente del Catasto, del Comune, della Provincia, della Regione, della Pubblica Istruzione, dei tanti Uffici dello Stato, dell'ASL, della RAI, delle Forse dell'Ordine, etc. etc. possono rimanere al "loro" posto, di fatto accaparrandoselo, per tutta la vita. A volte perfino trasferendoci poi i propri figli! Nei fatti l'Italia non è ancora una Res Publica bensì è per gran parte Cosa Loro, dei pubblici dipendenti a vita. Con negative, pesanti ripercussioni anche sul mondo della politica, poiché molti dipendenti pubblici a vita vanno poi a formare i vari governi che si succedono.

    2) Quando nacque la nostra Costituzione, c'era fretta di riprendere il normale corso delle cose e l'ordinamento del pubblico impiego non potè essere sviluppato come di dovere. Tuttavia i padri fondatori della nostra Res Publica, consapevoli della necessità di una evoluzione, scrissero apposta il benedetto Articolo 3: "... E' compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese ...".

    3) E' proprio questa ANOMALIA DEMOCRATICA, questo retaggio d'epoca borbonica, questo rimasuglio oligarchico dell'assegnazione a vita di un BENE COMUNE, della proprietarizzazione di una PUBBLICA RISORSA, a creare la quasi totalità dei problemi d'oggi ed a far fuggire verso il settore privato importanti attività economiche (come la gestione dell'acqua, della telefonia, dei trasporti, dell'energia, etc.) che pure sarebbero dovuti rimanere nel settore pubblico. E questo è l'elenco delle pubbliche amministrazioni: http://www.istat.it/strumenti/definizioni/elenco_a..., di quegli Enti che andrebbero completamente reinterpretati nei metodi e negli scopi sotto ben altri influssi e con ben altre visioni che quelle attuali.

    4) ATTENZIONE: si badi che il pubblico impiego a rotazione non licenzia bensì ASSUME! Infatti esso prevede il riassorbimento nel settore pubblico di molte delle attività economiche oggi private. Questa è infatti l'estrema sintesi del complessivo progetto: PUBBLICO IMPIEGO A ROTAZIONE COMPRENDENTE ATTIVITÀ ECONOMICHE PER UNA METÀ DELL'INTERO. La nostra economia è fortemente squilibrata verso il privato proprio perché anche il solo pensare ad un pubblico impiego più corposo mentre è ancora sottomesso all'assegnazione a vita, alla CASTA STATALE, alla MAFIA di STATO, quindi ad ogni genere di corruzione ed inadeguatezza, è qualcosa che fa male solo a pensarlo! Ma una volta restituito alla cittadinanza, il pubblico impiego potrà riprendere consistenza riacquisendo tante attività di primaria importanza come la gestione dell'acqua, dell'energia, della telefonia, dei trasporti, etc. etc.


    Ecco allora, care Presenti, che il progetto di un pubblico impiego a rotazione si rivela portatore del sacro diritto di ogni cittadino all'effettiva partecipazione all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese, proprio come auspicato dalla Costituzione. E si rivela pure unica possibilità di un http://lavoro-minimo-garantito.hyperlinker.org assistito a sua volta dal più tradizionale reddito da cittadinanza.

    Nella pratica tale progetto ha l'obiettivo di realizzare ciò che, nella generale e più gran confusione dei tempi, può apparire impossibile: condurre TUTTI, nessuno escluso, nel giro di pochissimi anni, ad un grado di FELICITA' e SICUREZZA straordinariamente di gran lunga superiore ad oggi, permeando pure la società di un forte sentimento di soddisfazione per un realizzato ideale di EGUAGLIANZA e GIUSTIZIA.


    Carissimi Cittadini e Partecipanti Attivi, lottare per un obiettivo alla volta, senza disporre di una visione chiara della situazione attuale e soprattutto di un rinnovato progetto sociale, complessivamente e precisamente individuato, è un approccio fallimentare. Se davvero aneliamo un nuovo mondo, se davvero vogliamo raggiungerlo e pure nell'arco della nostra stessa vita, sarà bene passare dal tradizionale approccio focalizzato, settoriale, specialistico, ad un più proficuo approccio sistemico, organico, olistico. Iniziamo allora a conoscere per bene il complessivo progetto riportato al link in fondo, studiandone le numerose particolarità. E poi conduciamo le numerose guide e vari maestri progressisti, che spesso, purtroppo, fanno parte proprio di quel marcio sistema da cambiare, ad occuparsi di esso.


    Ringraziando molto per l'attenzione, rinnovo i miei migliori AUGURI!


    Danilo D'Antonio

    Laboratorio Eudemonia
    Piazza del Municipio
    64010 Rocca S. M.
    TE - Abruzzo

    tel. 339 5014947
    tel. 328 0472332



    HTTP://EQUO-IMPIEGO-PUBBLICO-A-ROTAZIONE.HYPERLINK...
    non+autenticato
  • da circa 9-10 mesi, utilizzo il nr. tim con sim prepagata solamente per ricevere. su questo numero, non è attiva nessuna pomozione internet o quant'altro... l'altro giorno, ho effettuato una ricarica in quanto avevo intenzione di ripristinare il numero anche per effettuare chiamate... sorpresa!!! dopo aver ricaricato 25 uro, il credito risulta ancora essere a zero! chiamo il 119 e chiedo spiegazioni... risposta: "per tornare ad un credito di €0,00, deve ricaricare, oltre ai 25 euro, altri 33,20 euro in quanto lei si è connesso ad internet ed è andato in passivo". ok, molto bene. il problema è che il telefonino che contiene la sim incriminata, è super-vecchissimo e non permette connessioni ad internet!!!!!!!! ora la domanda: esiste un sistema per riavere i 25 euro che tim mi ha spudoratamente rubato? giuro che li darò in beneficenza e metterò su questo sito la prova del pagamento!! grazie per l'aiuto ciao a tutti
    non+autenticato
  • Ho appena acquistato una Sim TIM per testare i servizi GPRS a Pistoia. La copertura è molto buona ma nella prova dei servizi sono incappato in questo problema che non conoscevo. Sono andato sotto di 10 euro!!! E la velocità del GPRS è veramente scarsa. Media di 24kbps contro i 44kbps di WIND che ha il pregio che una volta terminato il credito ti disconnette e non vai in negativo!!!
    Sconsiglio vivamente ti utilizzare TIM per navigare in Internet.... e poi non dimentichiamoci che adesso TIM e Telecom sono la stessa cosa per cui.... doppio ladrocinio!!!
    non+autenticato
  • IO ero abbonato e poiche l'offerta che avevo letto io diceva chiaramente che Maxi tim web time si rinnovaa automaticamente o continuato a navigare per parecchi giorni,fino a quando una signorina dolce della TIm mi telefona e mi chiede 2000 di anticipo ,federconsumatori mi sugerisce di pagare ,io pago,poi gli mando la fotocopia del gioenale in cui si leggeva chiaramente che l'offerta si rinnovava automaticamene,adesso mi anno restituito i soldi.(per informazioni   belloalessandro1971@libero.it)
  • Ho attivato anch'io per un mese la famigerata "Web Time" della "TIM" e il giorno dopo la scadenza della promozione mi sono ritrovato il credito a "-78,52€", nonostante che avessi ancora un credito residuo di "30€".
    Inoltre mi sono accorto, dai tabulati GPRS sul sito della TIM, che dalle "21:52" del giorno in cui mi scadeva, quindi sottolineo ancora in piena promozione, hanno incominciato a scalare il credito senza avvertirmi di nulla ma neanche quando questo è arrivato sotto zero! La "TIM" mi bombardava con le sue news più inutili anche mentre navigavo e per una cosa così importante fa scena muta? Questa è serietà?
    Adesso dopo un reclamo al 119 (dopo diverse chiamate perchè la linea cadeva, chissa perchè!?!) l'operatrice mi ha avvertito che c'è effettivamente un malfunzionamento e che riescono a recuperare una parte del credito. Rimango, nonostante tutto, ancora fiducioso nel riavere qualcosa indietro ma voglio, comunque, fare un esposto a un'associazione dei consumatori.
    non+autenticato
  • Buonasera,

    mi chiamo Valentina. Volevo risponderLe riguardo al problema che ha avuto con la WebTime. Sicuramente il servizio del 4916 attualmente sta avendo dei problemi con l'aggiornamento del credito telefonico ma quello che devo riconoscere a TIM (almeno per quanto mi riguarda) è l'effecienza degli operatori del 119 che sono stati subito molto chiari riconoscendo l'accaduto e provvedendo on-line a rimborsare per intero il credito che "avevo perso".
    Non penso che TIM abbia intenzione di perdere clienti e quindi non parlerei di truffa...piuttosto di disservizio.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | Successiva
(pagina 1/7 - 32 discussioni)