Se il Garante chiama a raccolta

di Luddist - L'AutoritÓ per la privacy vede ridursi i fondi a disposizione e reagisce cercando la partecipazione popolare alla propria nuova indagine su consumi e tutele. BasterÓ a salvaguardarne l'autonomia?

Roma - Lo abbiamo visto come baluardo di una questione tanto essenziale quanto trascurata, la privacy, e ne abbiamo seguito da vicino le vicende, anche quando non eravamo d'accordo. Ora il Garante, assediato da un esecutivo sempre pi¨ polemico con le sue scelte, cerca la via della partecipazione popolare.

Se la maggioranza in Finanziaria ha deciso di ridurre ulteriormente le risorse a disposizione dell'AutoritÓ garante per la privacy, questa all'inizio del nuovo anno sembra voler dimostrare di essere pi¨ vitale che mai. Dovrebbe essere una buona notizia per tutti noi, almeno per chi tra noi si preoccupa della riservatezza e della tutela dei propri dati personali. Ma, conoscendo la tradizionale sobrietÓ dell'Authority, questa ritrovata dinamicitÓ suona davvero come un campanello d'allarme.

Sto parlando, come sanno i pi¨ informati, della consultazione pubblica avviata dal Garante il 31 dicembre, il giorno in cui la maggioranza sapeva di aver portato a casa la Finanziaria dopo lunghi mesi di dibattiti, il giorno in cui era ormai acclarato che le casse delle Authority venivano ulteriormente prosciugate. La consultazione vuole coinvolgere tutti i cittadini interessati attorno a quattro strumenti-servizi di grande diffusione: le carte fedeltÓ o tessere di fidelizzazione, la televisione satellitare e quella interattiva (sat e digitale terrestre), gli RFID e i videotelefonini.
"Il Garante - si legge in un comunicato - invita associazioni di utenti e consumatori, operatori nei settori interessati e singoli cittadini a far pervenire, nel quadro della consultazione, osservazioni, informazioni e commenti utili in merito ai quattro temi".

Una grande partecipazione democratica all'analisi di questi strumenti Ŕ una buona idea e rappresenta per certi versi una grossa novitÓ nella tutela dei diritti dei cittadini. Tutto bello dunque. Ma non dimentichiamoci che il Garante sugli RFID ne ha giÓ dette molte e sull'uso dei cellulari di nuova generazione si Ŕ espresso pi¨ volte, in entrambi i casi non per fermare la tecnologia ma per mettere a fuoco quali sono, nelle diverse applicazioni, i diritti da tutelare. Su due dei quattro punti della consultazione, dunque, opinioni e orientamenti sono giÓ stati espressi e rimangono tuttora validi. Averli rimessi in gioco pi¨ che una richiesta di intervento al pubblico sembra un modo per dare maggiore visibilitÓ alla consultazione. Ed Ŕ di certo utile che la consultazione venga fatta online (vedi il sito del Garante).

SarÓ in ogni caso interessante capire, grazie al Garante, quali sono le tendenze prevalenti tra gli utenti italiani rispetto alla televisione digitale oppure sapere come vivono la pervasiva diffusione delle tesserine di supermercati, dei noleggiatori e via dicendo. Ma sarÓ ancora pi¨ interessante capire se una non del tutto inedita specie di partecipazione popolare alle scelte dell'AutoritÓ potrÓ bastare a mettere il Garante al riparo da un sostanziale ridimensionamento di cui ancora non si parla ufficialmente ma che nei corridoi del Palazzo viene giÓ dato per certo.

Luddist

Gli ultimi interventi di Luddist:

Prede facili di opzioncine
Evvai, l'ADSL Ŕ Wi-Fi condiviso
Internet nelle mani di chi?
13 Commenti alla Notizia Se il Garante chiama a raccolta
Ordina
  • Ho vari ricorsi davanti al garante per la protezione di 'sto c...o aperti da 2 anni! Ancora non ho la decisione del garante in mano, il quale ha gia' deciso da un anno e mezzo ma non comunica la decisione alle parti per cui non diventa esecutiva.
    Ma e' mai possibile una cosa del genere? Uno fa un ricorso urgente perche' c'e' chi tratta illegalmente i miei dati e il garante aspetta bello tranquillo 2 anni? 2 anni fino ad ora, chissa' quanto dovro' aspettare ancora! E' una cosa vergognosa! Chissa' cosa c'hanno fatto con i miei dati personali nel frattempo, chissa' se le aziende esisteranno piu', il garante a chi intimera' di adempiere alle sue decisioni e nel rispetto della legge? Ad aziende che hanno magari chiuso da un anno forse proprio per problemini con la legge sul trattamento dei dati personali? E' una buffonata! Chissa' quanto dovro' ancora aspettare. A questo punto aspetto solo che passino gli anni per fare una di quelle denunce davanti a tribunali europei, quelli che regolarmente condannano l'italietta per la lentezza inaccettabile della sua giustizia accattona.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ho vari ricorsi davanti al garante per la
    > protezione di 'sto c...o aperti da 2 anni!
    > Ancora non ho la decisione del garante in
    > mano, il quale ha gia' deciso da un anno e
    > mezzo ma non comunica la decisione alle
    > parti per cui non diventa esecutiva.

    Saranno dei fannulloni ma se gli tagliano i fondi i soldi che rimangono serviranno solo per fare lucidare la targhetta fuori dall'Authority e quindi altro che due anni...

    Se poi non funziona e i cittadini si lamentano allora decidono tutti insieme che è meglio riformarla e questo significa meno burocrazia e meno Authority, li daremo alle aziende i nostri dati e se non siamo contenti gli faremo una causa civile.

  • - Scritto da: Sandro kensan
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Ho vari ricorsi davanti al garante per
    > la
    > > protezione di 'sto c...o aperti da 2
    > anni!
    > > Ancora non ho la decisione del garante
    > in
    > > mano, il quale ha gia' deciso da un
    > anno e
    > > mezzo ma non comunica la decisione alle
    > > parti per cui non diventa esecutiva.
    >
    > Saranno dei fannulloni ma se gli tagliano i
    > fondi i soldi che rimangono serviranno solo
    > per fare lucidare la targhetta fuori
    > dall'Authority e quindi altro che due
    > anni...
    >
    > Se poi non funziona e i cittadini si
    > lamentano allora decidono tutti insieme che
    > è meglio riformarla e questo
    > significa meno burocrazia e meno Authority,
    > li daremo alle aziende i nostri dati e se
    > non siamo contenti gli faremo una causa
    > civile.

    la quale causa civile, se non può essere regolata davanti ad un giudice di pace, durerà anche fino a 13 anniFicoso
  • In tutti i paesi in cui si garantisce la privacy (in italia non è garantita !) non esiste garante e pinzelli vari.

    Esistono Leggi
    Esistono Polizia
    Esistono Giudici

    Tanto basta !

    Qui in Italia è solo una presa in giroArrabbiato
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > In tutti i paesi in cui si garantisce la
    > privacy (in italia non è garantita !)
    > non esiste garante e pinzelli vari.
    >
    > Esistono Leggi
    > Esistono Polizia
    > Esistono Giudici
    >
    > Tanto basta !

    HAHAHAHAAAAAAHAHAHAHAAAAAA..... HHUAHUAHUAHHHUUUAAUUUUUUUHHHH........ HAHAHAHAHAHHHHAAAHHHAAAA.....
    HIHIHIIIIHIII.....
    UFFF.....
    ARFF....

    grazie per avermi fatto fare 4 risate di gustoA bocca aperta


    >
    > Qui in Italia è solo una presa in
    > giroArrabbiato

    si, che ci sia ancora chi crede che funzionino le tre cose di cui sopraFicoso
  • ...ma ci credo poco. Bisognerebbe ripartire da zero, e difficilmente un nuovo garante potrà farlo in tempi brevi, anche se di sicuro ci si arriverà (la vicenda ricorda un po' il blocco del nucleare). Il comunista Rodotà ha già fatto suffcienti guai, con una normativa assurda (che solo adesso sta entrando pienamente in vigore, ed è troppo presto perché tutti ne vedano i danni) che blocca ciò che dovrebbe essere libero e non interviene ove sarebbe invece necessario.
    non+autenticato
  • rodiota non è di sinistra Sorride)
    non+autenticato
  • In compenso questo qui sopra è id**ta
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    > rodiota non è di sinistraSorride)

    Capisco la battuta, ma non l'approvo. Certe scelte non sono per stupidità, ma per scelta consapevole. Ha emanato un codice incredibile, nei fatti inapplicabile ed inapplicato, che rende praticamente tutti rei di qualcosa; nel frattempo banche ed affini posso fare quello che vogliono, i cittadini non possono usare la tecnologia per tutelarsi e diritti fondamentali, come la libertà d'espressione in rete, non vengono assolutamente difesi (come almeno consentendo un anonimato di una certa forza). Si mettono invece assurde limitazioni in nome dell'ideologia e del politically correct.

    Ne volete una? Una scuola non può pubblicare in una pagina web la foto, poniamo, di una scolaresca in gita se uno degli alunni è affetto da sindrome di Down, perché ciò equivarrebbe a divulgare un dato (sulla salute) considerato sensibile e perciò protetto in maniera particolare, anche a prescindere dal''autorizzazione dei genitori....
    non+autenticato
  • Dicono che Rodotà stia per lasciare il suo incarico per fare posto al "macellaio" Guazzaloca.
    http://www.ziobudda.net/news/search_news.php?keys=...

    ...........ahi ahi ahi ahi ahi cantava.
    Cuccucucucucucucuu Paloma,
    ahi ahi ahi ahi ahi ahi ahi ahi cantava................
    non+autenticato
  • Per l'esattezze il macellaio e' stato appena nominato all'antitrust....
    siamo il paese delle barzellette

    Cristiano
    non+autenticato
  • Rodotà lascia perchè non è piu' rieleggibile , molti sperano in Buttarelli
    non+autenticato
  • Dicono che per indenizzare per la perdita dei 200 mila euro/anno di pubblico denaro l' ex caporione comunista, catapultato nell' Authority in quanto tale e alla stregua di un Prodi demitiano qualsiasi nell IRI, i suoi sucessori non intendano rivolgersi ai colaninni ma alla qlaque dei loro cortigiani e quindi suoi -del Rodotà - invidiosi supporters, meglio se con la puzza al naso e magari cucinieri ai Festival di Partito, in tutti i casi entusiasti saltellanti.
    non+autenticato