Apple/ Le novità del Macworld Expo

di D. Galimberti - Panoramiche, commenti e riflessioni sui prodotti presentanti da Apple al Macworld Expo della scorsa settimana

L'interesse verso il Macworld Expo non è mai stato così elevato come in occasione dell'ultimo evento della Mela la scorsa settimana a San Francisco. Da un lato c'erano gli utenti Apple, in attesa di conferme sulle numerosissime indiscrezioni che hanno preceduto l'evento; dall'altro gli investitori, in cerca di buone notizie sui risultati finanziari e previsioni di vendita. Di mezzo i media che, cogliendo la palla al balzo, hanno fatto da cassa di risonanza preannunciando con diversi articoli e servizi (anche sulla carta stampata e in televisione) quello che sarebbe stato il grande protagonista dell'evento, ovvero il nuovo Mac mini.

Analizziamo insieme la situazione per cercare di comprendere al meglio il motivo di tanto interesse e le motivazioni che hanno spinto Apple a presentare i nuovi prodotti. Per fare questo dobbiamo andare un po' indietro nel tempo; abbiamo già detto più volte come l'iPod sia stata la carta vincente della rinata fiducia nella casa di Cupertino, tanto che il 13% di chi acquista il lettore musicale Apple si dichiara interessato al passaggio verso i computer Macintosh. Gli acquirenti di iPod sono davvero molti: girando sulle linee metropolitane delle varie città europee si vedono le inconfondibili cuffiette bianche spuntare da cappotti, borse e borsette delle persone di ogni età (personalmente ho avuto modo di vederlo a Londra durante il periodo natalizio). Chi è interessato alla migrazione vuol tuttavia essere sicuro di poter fare con un Mac le stesse cose che farebbe con un PC-Windows (che conosce meglio) senza spendere di più e guadagnando qualcosa in semplicità d'uso e manutenzione. Con questo non voglio dire che un Mac sia la scelta migliore in ogni occasione, ma probabilmente potrebbe esserla molto più spesso di quanto non lo sia adesso: il problema è che si tratta di un'ipotesi che nella maggior parte dei casi non viene nemmeno presa in considerazione perché non conosciuta. Ora che Apple gode di maggiore visibilità le cose potrebbero cambiare.

Le motivazioni per cambiare e scegliere la piattaforma della Mela non mancano davvero: è sufficiente provare un Mac per rendersi conto di tante piccole differenze nella concezione del sistema operativo e delle applicazioni progettate da Apple. Per quanto riguarda prezzo e software, molto è stato fatto durante gli ultimi anni, e proprio durante questo Expo sono stati assestati diversi colpi vincenti.
Partiamo da uno dei protagonisti della manifestazione. Il nuovo Mac mini rappresenta la soluzione ideale per chi vuole passare a Mac ma finora si era trattenuto a causa del costo. iMac ed eMac sono delle ottime soluzioni all-in-one comprensive di monitor, ma la maggior parte dei potenziali switcher possiede già un monitor e magari è abituato ad aggiornare il proprio sistema un pezzo per volta: è molto difficile convincere un utente di questo tipo ad acquistare un Mac all-in-one. Certo, un PowerMac-G5 sarebbe tutt'altra cosa, ma in questo caso il prezzo diventa meno concorrenziale per chi non è un professionista alla ricerca delle prestazioni del G5. Il Mac mini sembra una macchina pensata ad hoc per il potenziale "switcher", ossia colui che migra da Windows o altra piattaforma a Mac, ma anche chi è già utente Apple troverà in questa macchina un'ulteriore possibile scelta. Da un certo punto di vista il nuovo Mac riprende in maniera potenziata l'idea delle vecchie macchine a basso costo, come gli LC o la serie dei Performa. Secondo il mio modesto parere, però, il Mac mini rappresenta una versione riveduta e corretta dello sfortunato Cube. Il Cube era un macchina ultracompatta ed esteticamente molto accattivante; non rappresentava il massimo della potenza disponibile ai tempi ma aveva il difetto di costare troppo rispetto a quello che offriva. Il Mac mini spinge al limite il concetto di compattezza (è alto 5 centimetri, largo e profondo poco più di 16), e senza troppi sacrifici a livello di prestazioni (anche se qualcuno si lamenterà delle scheda grafica) viene offerto al prezzo molto concorrenziale di 499 Euro. Proprio il prezzo e le dimensioni stanno scatenando le fantasie degli utenti: in molti stanno già pensando di utilizzarlo come un media center, qualcuno si sta ingegnando per utilizzarlo in auto con un touch-screen, e altri ancora pensano di realizzare dei piccoli cluster di Mac mini. A fronte di tutto ciò è facile immaginare che il nuovo Mac mini sarà un successo.

Ma se è vero che a dare visibilità ad Apple è stato l'iPod, non potevano mancare novità anche in questo settore. Apple ha conquistato una posizione dominante tra i player musicali basati su hard disk, ma una buona fetta di mercato (poco meno del 30%) è rappresentata dai più economici lettori a memoria flash. Con il nuovo iPod Shuffle Apple ha deciso di entrare anche in questo settore, e l'ha fatto con il suo solito stile: iPod Shuffle è grande poco più di una normale chiavetta USB, pesa solo 22 grammi, è disponibile in tagli da 512 MB o 1 GB, è dotato di comandi semplici ed essenziali, ed ha un prezzo base di 99 euro. Il suo nome, Shuffle, sta ad indicare la funzionalità di ascolto dei brani in ordine casuale; in alternativa il nuovo iPod riproduce i brani nell'ordine in cui li abbiamo importati da iTunes. Un'apposita funzione permette di "riempire al massimo" la memoria pescando casualmente dall'intera libreria di iTunes; ovviamente il nuovo iPod Shuffle può essere utilizzato anche come dispositivo di archiviazione per i propri documenti. Anche in questo caso è facile immaginare il successo del nuovo lettore: la semplicità di forme e comandi, accompagnati dal basso costo, lo rendono molto appetibile anche a chi non aveva ancora pensato all'acquisto di un player MP3.

Un'ultima postilla musicale riguarda il cellulare sviluppato in collaborazione tra Apple e Motorola. Durante l'Expo si è visto molto poco, ma abbastanza per capire che l'interfaccia di comando per l'ascolto della musica sarà simile a quella dell'iPod, con qualche richiamo ad iTunes. La disponibilità è prevista per l'estate 2005.

Ma passiamo ad esaminare le novità software dell'expo, ovvero iLife '05 e il nuovo iWork '05.
iLife '05 è la nuova release dell'ormai famosa suite di programmi per la gestione e l'elaborazione di immagini, musica e video. L'upgrade rispetto alla versione precedente è sostanzioso: Apple deve aver ascoltato i pareri degli utenti, in quanto le nuove release dei prodotti contengono numerose migliorie.

iPhoto permette ora di organizzare gli album in base a cartelle e sottocartelle, consente di archiviare i brevi filmati realizzati con le fotocamere, contiene un maggior numero di strumenti di editing e permette di realizzare degli slideshow con effetti e durate personalizzate per ogni singola immagine. Novità anche sui formati degli album ordinabili online, con tagli dei prezzi sulle stampe delle immagini.

iMovie fa il grande passo verso il formato panoramico ad alta risoluzione e conquista il titolo di iMovieHD. Oltre a questo, sono state aggiunte nuove funzionalità che consentono di creare filmati in pochi clic, aggiungendo in automatico transizioni, titoli e colonna sonora.

Molte migliorie anche per iDVD, che oltre a supportare (finalmente) anche il formato di masterizzazione +R/RW, include numerosi nuovi temi ed una funzione che prevede il trasferimento del filmato direttamente dalla telecamera al DVD, senza passare per iMovie.

Anche GarageBand non sfugge all'ondata di rinnovamento: la seconda versione di questo software permette la registrazione multitraccia su otto tracce reali simultanee (più una software), e la correzione di tempo e intonazione delle singole tracce. Per chi sa leggere la musica o vuole imparare a farlo, GarageBand 2 permette di visualizzare e modificare la musica direttamente su pentagramma.

iLife '05 è una suite che non ha eguali nel mondo Windows: iMovie, iPhoto, iDVD e Garageband (insieme al più famoso iTunes) costituiscono un insieme di applicazioni fortemente integrate tra di loro, tanto potenti quanto semplici da utilizzare. Considerando che il pacchetto verrà incluso in tutte le macchine, Mac mini compreso, è lecito pensare che un appassionato di foto, video o musica digitale, possa considerare la possibilità di comprare un Mac anche per avere a disposizione questa serie di applicazioni.

Arriviamo all'ultima (ma non per questo meno importate) grande novità dell'Expo: iWork '05.
TAG: apple
289 Commenti alla Notizia Apple/ Le novità del Macworld Expo
Ordina
  • Buonasera a tutti,
    E' da quando è uscito questo piccolo computer che mi turba i sogni. In effetti era da un po' che pensavo di "provare un mac".
    Anche se di mac (gli old world mac intendo) ci è rimasto veramente poco (l'ultima volta che ne ho usato uno era un LCII). Queste sono workstation unix con processori risc, poche balle! Avendo, come troppi , problemi di budget non posso non accogliere positivamente la notizia che la Apple ha deciso di vendere questo prodottino così sbrodoloso...
    Perchè un portatile costa veramente troppo. Certo, se uno aggiunge un po' di ram e un modulo wifi il prezzo lievita, ma tant'è meglio non lesinare sulle cose veramente importanti.
    Da utente linux soddisfatto, ovviamente tenterò di installarci il pinguino, in dual boot con OSX. Intendiamoci, OSX lo userò solo come desktop e linux come server. Non ho avuto modo di provare OSX (se non in emulazione con pearpc) e mi sembra un ottimo os, specie quando apro un terminale e accedo al cuore del sistema. La mia idea poi (avendo i soldi) è quella di creare un piccolo cluster (di 3 o 4 mac mini) in rete oppure via firewire, e allora sì che avere un supercomputer in casa diventa una possibilità. Certo se costasse un centinaio di euro in meno sarebbe veramente fantastico, ma qui sto desiderando la classica fettina di culo coi pinoli...
    Tanto di cappello Apple, solo di una cosa ti prego, visto che l'hardware lo produci in casa e non hai concorrenza, perchè non dai una mano ai poveri sviluppatori linux che si devono sbattere a fare reverse engineering sui drivers audio/ e wifi per poterli vedere funzionare sotto il pinguino?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Buonasera a tutti,
    > E' da quando è uscito questo piccolo
    > computer che mi turba i sogni. In effetti
    > era da un po' che pensavo di "provare un
    > mac".
    > Anche se di mac (gli old world mac intendo)
    > ci è rimasto veramente poco (l'ultima
    > volta che ne ho usato uno era un LCII).
    > Queste sono workstation unix con processori
    > risc, poche balle! Avendo, come troppi ,
    > problemi di budget non posso non accogliere
    > positivamente la notizia che la Apple ha
    > deciso di vendere questo prodottino
    > così sbrodoloso...
    > Perchè un portatile costa veramente
    > troppo. Certo, se uno aggiunge un po' di
    > ram e un modulo wifi il prezzo lievita, ma
    > tant'è meglio non lesinare sulle cose
    > veramente importanti.
    > Da utente linux soddisfatto, ovviamente
    > tenterò di installarci il pinguino,
    > in dual boot con OSX.

    Non devi "tentare" ci sono distro per PPC...
    http://www.penguinppc.org/about/distributions.php

    anche per i 64 bit ma in questo caso non servono...
    http://www.penguinppc.org/ppc64/distributions.php

    Intendiamoci, OSX lo
    > userò solo come desktop e linux come
    > server. Non ho avuto modo di provare OSX (se
    > non in emulazione con pearpc) e mi sembra un
    > ottimo os, specie quando apro un terminale e
    > accedo al cuore del sistema. La mia idea poi
    > (avendo i soldi) è quella di creare
    > un piccolo cluster (di 3 o 4 mac mini) in
    > rete oppure via firewire, e allora sì
    > che avere un supercomputer in casa diventa
    > una possibilità. Certo se costasse un
    > centinaio di euro in meno sarebbe veramente
    > fantastico, ma qui sto desiderando la
    > classica fettina di culo coi pinoli...
    > Tanto di cappello Apple, solo di una cosa
    > ti prego, visto che l'hardware lo produci in
    > casa e non hai concorrenza, perchè
    > non dai una mano ai poveri sviluppatori
    > linux che si devono sbattere a fare reverse
    > engineering sui drivers audio/ e wifi per
    > poterli vedere funzionare sotto il pinguino?

    Ottimo pensiero, scusami ma hai mai pensato di chiederlo direttamente ad Apple? credo loro potrebbero ascoltare queste esigenze...un po' come un sistema itunes su linux...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Buonasera a tutti,
    > E' da quando è uscito questo piccolo
    > computer che mi turba i sogni. In effetti
    > era da un po' che pensavo di "provare un
    > mac".
    > Anche se di mac (gli old world mac intendo)
    > ci è rimasto veramente poco (l'ultima
    > volta che ne ho usato uno era un LCII).
    > Queste sono workstation unix con processori
    > risc, poche balle! Avendo, come troppi ,
    > problemi di budget non posso non accogliere
    > positivamente la notizia che la Apple ha
    > deciso di vendere questo prodottino
    > così sbrodoloso...
    > Perchè un portatile costa veramente
    > troppo. Certo, se uno aggiunge un po' di
    > ram e un modulo wifi il prezzo lievita, ma
    > tant'è meglio non lesinare sulle cose
    > veramente importanti.
    > Da utente linux soddisfatto, ovviamente
    > tenterò di installarci il pinguino,
    > in dual boot con OSX.

    Non devi "tentare" ci sono distro per PPC...
    http://www.penguinppc.org/about/distributions.php

    anche per i 64 bit ma in questo caso non servono...
    http://www.penguinppc.org/ppc64/distributions.php

    Intendiamoci, OSX lo
    > userò solo come desktop e linux come
    > server. Non ho avuto modo di provare OSX (se
    > non in emulazione con pearpc) e mi sembra un
    > ottimo os, specie quando apro un terminale e
    > accedo al cuore del sistema. La mia idea poi
    > (avendo i soldi) è quella di creare
    > un piccolo cluster (di 3 o 4 mac mini) in
    > rete oppure via firewire, e allora sì
    > che avere un supercomputer in casa diventa
    > una possibilità. Certo se costasse un
    > centinaio di euro in meno sarebbe veramente
    > fantastico, ma qui sto desiderando la
    > classica fettina di culo coi pinoli...
    > Tanto di cappello Apple, solo di una cosa
    > ti prego, visto che l'hardware lo produci in
    > casa e non hai concorrenza, perchè
    > non dai una mano ai poveri sviluppatori
    > linux che si devono sbattere a fare reverse
    > engineering sui drivers audio/ e wifi per
    > poterli vedere funzionare sotto il pinguino?

    Ottimo pensiero, scusami ma hai mai pensato di chiederlo direttamente ad Apple? credo loro potrebbero ascoltare queste esigenze...un po' come un sistema itunes su linux...
    questa è la mia idea, magari ho scritto solo stupidate, comunque tentare non costa nulla....
    non+autenticato
  • > Da utente linux soddisfatto, ovviamente
    > tenterò di installarci il pinguino,
    > in dual boot con OSX. Intendiamoci, OSX lo
    > userò solo come desktop e linux come
    > server. Non ho avuto modo di provare OSX (se
    > non in emulazione con pearpc) e mi sembra un
    > ottimo os, specie quando apro un terminale e
    > accedo al cuore del sistema. La mia idea poi
    > (avendo i soldi) è quella di creare
    > un piccolo cluster (di 3 o 4 mac mini) in
    > rete oppure via firewire, e allora sì
    > che avere un supercomputer in casa diventa
    > una possibilità.

    Guarda che tu adesso pensi di installarci Linux sopra è più che normale, dato che Linux lo conosci bene OSX no.

    Prima di avventurarti in doppie partizioni ti consiglio di installare OSX come tutti i comuni mortali e dargli/darti un paio di settimane per conoscervi bene.

    Scoprirai che:

    1) tutto quello che volevi installare sulla partizione Linux
    puoi installarlo pari pari su OSX
    2) i compiti da server che volevi far svolgere a Linux può svolgerli allo stesso identico modo OSX (Samba, FTP, Apache, NFS)
    3) sotto l'affascinante GUI di Aqua pulsa un OS *nix esattamente con Linux
    4) praticamente il 90% dei software che girano su Linux esistono anche per OSX
    5) il 10% rimasto fuori sono software (tipo cinellera) che su OSX non ha senso portare
    6) su OSX girano dei software che su Linux non prevedevi di avere, un esempio? parlavi di cluster e calcolo parallelo?
    http://www.apple.com/acg/xgrid/
    conosci iLife? io mi diverto da matti con iPhoto e iDVD
    http://www.apple.com/ilife/

    e dulcis in fundo ti chiederai... ma perché devo mettermi li a sbattermi per installare linux sul MiniMac?

    se vuoi installare linux, installalo su x86Occhiolino è la cosa migliore
    per quella macchinaOcchiolino

    ...un solo consiglio, aspetta che esca Tiger se puoi, altrimenti comunque vada le cose sono due, lo troverai sul p2p oppure sarai ben contento di pagare il prezzo dell'upgrade ad Apple perché più che soddisfatto di OSX Panther.

    Altra cosa, se ti diletti con i server ti consiglio di cercare sulla rete OSX Server, io lo uso al lavoro, scoprirai che ... beh non voglio toglierti la sorpresa
    ;)

    Ciao
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > 6) su OSX girano dei software che su Linux
    > non prevedevi di avere, un esempio? parlavi
    > di cluster e calcolo parallelo?

    ahem... intendi dire che il clustering si fa meglio su osx che non su linux ?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    >
    > > 6) su OSX girano dei software che su Linux
    > > non prevedevi di avere, un esempio? parlavi
    > > di cluster e calcolo parallelo?
    >
    > ahem... intendi dire che il clustering si fa
    > meglio su osx che non su linux ?

    no, ma che è più facile mettere su un cluster... si
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > no, ma che è più facile
    > mettere su un cluster... si

    il punto non è neanche la facilità...
    il punto è che chi mette su un cluster, l'ultima cosa a cui pensa è la facilità d'uso del programma di clustering... anche perchè se non hai neanche la competenza di configurare un applicativo tipo beowulf, allora cè da immaginarsi lo scopo che si ha per mettere su un cluster.
    e cmq il cluster più "vicino" alla apple è Linux su X86Occhiolino
    non+autenticato
  • > il punto non è neanche la
    > facilità...
    > il punto è che chi mette su un
    > cluster, l'ultima cosa a cui pensa è
    > la facilità d'uso del programma di
    > clustering... anche perchè se non hai
    > neanche la competenza di configurare un
    > applicativo tipo beowulf, allora cè
    > da immaginarsi lo scopo che si ha per
    > mettere su un cluster.

    hai mai provato xgrid?
    io si, lo installi con un click, lo apri e grazie a Rendezvous ti appaiono tutti i client su cui hai installato xgrid senza scrivere o configurare una sola riga di codice.

    crei un nuovo Job e lanci il calcolo...imbarazzantemente facile!

    peccato solo che i "jobs" a disposizione siano pochi e che se ne vuoi uno tuo te lo devi scrivere da te,
    ma dopotutto siamo solo alla beta. (anche se il SuperMac usa xgrid)

    Immagina quando sarà di serie su Tiger su tutti i Mac....
    attivabile dallo screensaver....

    > e cmq il cluster più "vicino" alla
    > apple è Linux su X86Occhiolino

    beh certo, Wincess non può proprio parlare in questo campoA bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Da utente linux soddisfatto, ovviamente
    > tenterò di installarci il pinguino,
    > in dual boot con OSX. Intendiamoci, OSX lo
    > userò solo come desktop e linux come
    > server.

    Non farlo, almeno non subito. X11 ti permette di usare gran parte del software che già conosci e OSX è ben più completo di quanto immagini.
    Linux, in qualunque suo flavour, su un Mac sarebbe una specie di "doppio" di riserva....e dopo poco ti accorgerai che "quella" partizione è stata uno spreco di spazio.

    Dai un po' di tempo a OSX e solo poi scegli se installare anche Linux.
    Farai quello che ho fatto io: ci ho rinunciato semplicemente perché non ci ho più pensatoOcchiolino



    PS: XCode è meglio di quello che sentivo raccontare. Hand down!!!
    non+autenticato
  • > Non farlo, almeno non subito. X11 ti
    > permette di usare gran parte del software
    > che già conosci e OSX è ben
    > più completo di quanto immagini.
    > Linux, in qualunque suo flavour, su un Mac
    > sarebbe una specie di "doppio" di
    > riserva....e dopo poco ti accorgerai che
    > "quella" partizione è stata uno
    > spreco di spazio.
    >
    > Dai un po' di tempo a OSX e solo poi scegli
    > se installare anche Linux.
    > Farai quello che ho fatto io: ci ho
    > rinunciato semplicemente perché non
    > ci ho più pensatoOcchiolino

    LOL gli hai risposto esattamente come me! anche tu vecchio utente Linux?A bocca aperta
    non+autenticato
  • osservando il powerbook da chiuso ieri mi sono accorto di cosa orrenda !: E' storto ! praticamente il monitor dal lato sinistro all'aggancio di chiusura tende a salire mentre dal lato destro no

    Ho appena parlato con l'assistenza tecnica che mi ha negato l'autorizzazione dopo aver sentito il laboratorio per una eventuale riparazione:
    L'addetto non sapeva come giustificarsi .. mi ha detto che il motivo sta nel fatto che siccome è una deformazione dell'alluminio rientra tra le cose che " possono succedere"

    POSSONO SUCCEDERE ? Un computer di una società che si vanta della qualita dei suoi prodotti, pagato 6 MILIONI del vecchio conio, che si deforma per il calore da lui stesso generato e che scricchiola,si avete letto bene,scricchiola dopo un po che lo utilizzo,e che non si mantiene su un piano ben dritto ma dondola,come una vecchia sedia a cui bisogna mettere un rattoppo di cartone...puo succedere ?
    QUESTA E' QUALITA ????
    Ero uno switcher pienamente soddisfato ,è durato poco 3 mesi ...
    Mi sto chiedendo se ne è valsa veramente la pena...


    Ho chiamato prima l'apple store (dove ho comprato ), poi mi hanno dato un altro numero solo per l'assistenza tecnica presumo a pagamento 199 (manco un numero verde! quelle che vende i provoloni qui da me si è fatto il numero verde e loro no !)... qumi ha risposto un operatore che ha contattato il laboratorio per chidere di autorizzare la riparazione
    Persino l'operatore è rimasto senza parola non sapeva che dirmi:Dipende da una deformazione dell'alluminio ,pure gli scricchiolii, pero non riparano perchè è una casistica normale!
    Come dire mi si arruginiscono le lamiere della macchina nuova e in concessionaria mi rispondono... vabbe sono lamiere è normale puo capitare ,e non te le sostituiscono

    http://ugofonzar.spymac.net/img/AluChiuso.jpg
    non+autenticato
  • eccone un'altro... oppure è sempre lo stesso...
    anche il mio Titanium ha lo stesso problema, solo che ha fatto un volo contro il pavimento dalla scrivania... e ringrazio il cielo che non gli è successo nulla di più grave.


    PS: come mai sul sito c'è la foto ma non una lettera a proposito?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    Scusami se non ho quotato in modo decente ma sarebbe diventato troppo lungo...

    premetto ho posseduto 5 portatili Apple (pb1400cs, 3400, Lombard G3, TI400 e l'attuale pb17" alu)

    Non mi è mai capitata una cosa simile, solo in un caso del pb3400/240c è arrivato con la mb danneggiata in negozio, semplicemente hanno sostituito il pezzo...ho perso 1 ora in tutto.

    Ad un amico (possessore di ibook g3) scricchiolava il monitor...come se ci fosse un contatto nella cerniera...beh morale della favola ha chiamato applestore e loro molto professionalmente hanno fatto arrivare il corriere a ritirare la macchina per spedirla in Irlanda....dopo 4-5 giorni è tornato l'ibook nuovo (praticamente hanno sostituito il monitor).

    Quindi mi sembra strano che Apple non intervenga in caso di danni di questo tipo....ma sei ancora con la garanzia giusto?
    Molto strano...come scritto posseggo lo stesso modello pb17 e anche molti amici...ma nessuno ha questo inconveniente.

    Prova ad andare in un negozio (anzi meglio in un centro autorizzato per l'assistenza).
    Anche solo per chiedere consigli...perchè come sai i portatili non vengono riparati in negozio, ma spediti in Irlanda direttamente.

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > osservando il powerbook da chiuso ieri mi
    > sono accorto di cosa orrenda !: E' storto !
    > praticamente il monitor dal lato sinistro
    > all'aggancio di chiusura tende a salire
    > mentre dal lato destro no
    >
    > Ho appena parlato con l'assistenza tecnica
    > che mi ha negato l'autorizzazione dopo aver
    > sentito il laboratorio per una eventuale
    > riparazione:
    > L'addetto non sapeva come giustificarsi ..
    > mi ha detto che il motivo sta nel fatto che
    > siccome è una deformazione
    > dell'alluminio rientra tra le cose che "
    > possono succedere"

    Scusa, ma mi sembra assurda, semplicemente perchè per deformare l'alluminio ci vuole una temperatura molto elevata o un colpo (tipo lanciarlo con forza sul pavimento).

    > POSSONO SUCCEDERE ? Un computer di una
    > società che si vanta della qualita
    > dei suoi prodotti, pagato 6 MILIONI del
    > vecchio conio, che si deforma per il calore
    > da lui stesso generato e che scricchiola,si
    > avete letto bene,scricchiola dopo un po che
    > lo utilizzo,e che non si mantiene su un
    > piano ben dritto ma dondola,come una vecchia
    > sedia a cui bisogna mettere un rattoppo di
    > cartone...puo succedere ?

    ehm, iniziamo a dire che tutto può capitare...tanto per allentare la tua tensioneSorride
    Ma quando l'hai acquistato com'era? forse dovevi controllarlo sin dall'inizio...perchè mi sembra molto improbabile che si è modificato il case esterno (in alluminio).

    > QUESTA E' QUALITA ????
    > Ero uno switcher pienamente soddisfato
    > ,è durato poco 3 mesi ...
    > Mi sto chiedendo se ne è valsa
    > veramente la pena...

    Sei deluso, beh, ho diversi amici che sbavano su un powerbook 17...se vuoi possiamo metterci d'accordo.
    Mi scrivi le caratteristiche...e nel caso se vuoi venderlo?

    > ugofonzar.spymac.net/img/AluChiuso.jpg
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > osservando il powerbook da chiuso ieri mi
    > sono accorto di cosa orrenda !: E' storto !
    > praticamente il monitor dal lato sinistro
    > all'aggancio di chiusura tende a salire
    > mentre dal lato destro no
    >
    > Ho appena parlato con l'assistenza tecnica
    > che mi ha negato l'autorizzazione dopo aver
    > sentito il laboratorio per una eventuale
    > riparazione:
    > L'addetto non sapeva come giustificarsi ..
    > mi ha detto che il motivo sta nel fatto che
    > siccome è una deformazione
    > dell'alluminio rientra tra le cose che "
    > possono succedere"
    >
    > POSSONO SUCCEDERE ? Un computer di una
    > società che si vanta della qualita
    > dei suoi prodotti, pagato 6 MILIONI del
    > vecchio conio, che si deforma per il calore
    > da lui stesso generato e che scricchiola,si
    > avete letto bene,scricchiola dopo un po che
    > lo utilizzo,e che non si mantiene su un
    > piano ben dritto ma dondola,come una vecchia
    > sedia a cui bisogna mettere un rattoppo di
    > cartone...puo succedere ?
    > QUESTA E' QUALITA ????
    > Ero uno switcher pienamente soddisfato
    > ,è durato poco 3 mesi ...
    > Mi sto chiedendo se ne è valsa
    > veramente la pena...
    >
    >
    > Ho chiamato prima l'apple store (dove ho
    > comprato ), poi mi hanno dato un altro
    > numero solo per l'assistenza tecnica presumo
    > a pagamento 199 (manco un numero verde!
    > quelle che vende i provoloni qui da me si
    > è fatto il numero verde e loro no
    > !)... qumi ha risposto un operatore che ha
    > contattato il laboratorio per chidere di
    > autorizzare la riparazione
    > Persino l'operatore è rimasto senza
    > parola non sapeva che dirmi:Dipende da una
    > deformazione dell'alluminio ,pure gli
    > scricchiolii, pero non riparano
    > perchè è una casistica
    > normale!
    > Come dire mi si arruginiscono le lamiere
    > della macchina nuova e in concessionaria mi
    > rispondono... vabbe sono lamiere è
    > normale puo capitare ,e non te le
    > sostituiscono
    >
    > ugofonzar.spymac.net/img/AluChiuso.jpg


    senza polemica...ma siamo sicuri che quello è il tuo?

    e siamo sicuri che non l'hai rotto tu in qualche modo e stai provando a farlo passare per difetto di fabbrica?



    non+autenticato

  • > POSSONO SUCCEDERE ? Un computer di una
    > società che si vanta della qualita
    > dei suoi prodotti, pagato 6 MILIONI del
    > vecchio conio, che si deforma per il calore
    > da lui stesso generato

    perche' l'Ergal si deformi sotto alte temperature bisogna che le alte temperature siano di 300 - 350° minimo.

    credo di piu' alla storia di Hansel e Gretel.
    Larry
    6770

  • - Scritto da: Larry
    >
    > > POSSONO SUCCEDERE ? Un computer di una
    > > società che si vanta della
    > qualita
    > > dei suoi prodotti, pagato 6 MILIONI del
    > > vecchio conio, che si deforma per il
    > calore
    > > da lui stesso generato
    >
    > perche' l'Ergal si deformi sotto alte
    > temperature bisogna che le alte temperature
    > siano di 300 - 350° minimo.
    >
    > credo di piu' alla storia di Hansel e Gretel.

    http://forum.tevac.com/viewtopic.php?t=11108&highl...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    Hai mandato l'email con la lettera a Rob?

    ps. ti hanno già rispondo in diverse pesone, se è vero quello che ti è capitato, beh, mi spiace ma un caso su milioni di pezzi può succedere.

    Quarda che certi inconvenienti capitano anche quando acquisti automobili da 60 mila euro...
    non+autenticato
  • > forum.tevac.com/viewtopic.php?t=11108&highlig


    certo che te non c'hai proprio un razzo da fare che andarti a spulciare i forum di una marca di PC che non usi per provocare flames su PI....

    :s
    non+autenticato

  • Cinque giorni. Tanto è basato ad iPod shuffle per arrivare in testa alle classifiche di vendita di Apple Store Italiano.

    http://store.apple.com/Apple/WebObjects/italystore/
    (sulla destra i più venduti)

    Il player di musica anche nel nostro paese come nella stragrande maggioranza di quelli dove il riproduttore di musica digitale è disponibile, è, dunque, in cima alla lista delle preferenze dei consumatori. Almeno per il momento, dunque, non sembrano vicine a concretizzarsi le catastrofiche previsioni (probabilmente non del tutto serene e disinteressate) dei concorrenti, tra cui quelle di Creative che, definendo iPod shuffle "uno scherzo" e "un relitto del passato", ne ha predetto la fine in pochi mesi.

    Ma oltre ad iPod shuffle, che si avvantaggia di un prezzo alla portata di molte tasche, anche Mac mini si sta comportando più che onorevolmente. Sullo store italiano è al terzo posto, dietro all'iPod mini.

    http://www.macitynet.it/macity/aA20280/index.shtml

    Fonti di Macity sostengono che presso alcuni rivenditori italiani si siano già fatti vedere, anche magari solo per raccogliere qualche informazione, utenti PC. Questa notizia arriverebbe a conferma delle previsioni di alcuni analisti secondo il basso prezzo di Mac mini potrebbe fare da volano all'acquisto da parte di coloro che usano PC ma hanno un iPod.


    Fan Apple
    non+autenticato
  • c'era qualche troll che diceva che i Mac presto si sarebbero venduti solo con il multilevelmarketing...

    beh... ha sbagliato di poco....:|
    http://www.ntk.net/media/developers.mpg

    :D
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > c'era qualche troll che diceva che i Mac
    > presto si sarebbero venduti solo con il
    > multilevelmarketing...
    >
    > beh... ha sbagliato di poco....:|
    > www.ntk.net/media/developers.mpg
    >
    >A bocca aperta

    per fortuna che poi scementology e setta di fanatici sarebbero altri eh....

    BUAHAHAHAHAHAHA DEVELOPERS DEVELOPERS DEVELOPERS...MAVADAVIAAL....BUAHAHAHA
    non+autenticato
  • To coincide with the introduction of the Mac mini, Apple quietly lowered the pricing on its mice and keyboards.

    "After the keynote, the Apple Keyboard was lowered in price from US$49 to $29,"
    "The Apple Mouse was lowered from $49 to $29.
    The Apple Wireless Mouse was $69 and has been dropped to $59.
    The Apple Wireless Keyboard was also $69 and is now $59."

    http://www.macminute.com/2005/01/17/mice-keyboard/
    non+autenticato
  • per quanto riguarda i mouse, è facile:
    risparmiano sui tastiA bocca aperta


    btw, compratevi un mx1000 della logitech, altroché mouse appleOcchiolino


    - Scritto da: Anonimo
    > To coincide with the introduction of the Mac
    > mini, Apple quietly lowered the pricing on
    > its mice and keyboards.
    >
    > "After the keynote, the Apple Keyboard was
    > lowered in price from US$49 to $29,"
    > "The Apple Mouse was lowered from $49 to $29.
    > The Apple Wireless Mouse was $69 and has
    > been dropped to $59.
    > The Apple Wireless Keyboard was also $69 and
    > is now $59."
    >
    > www.macminute.com/2005/01/17/mice-keyboard /

  • - Scritto da: jokanaan
    > per quanto riguarda i mouse, è facile:
    > risparmiano sui tastiA bocca aperta

    c'è chi risparmia sui pulsanti...ehm, e chi su altro...
    :D

    > btw, compratevi un mx1000 della logitech,
    > altroché mouse appleOcchiolino

    Funziona bene? visto che è PIU' CARO questo della logitech, vorrei sapere se ne vale la pena....

    1-1 palla al centro...


    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: jokanaan
    > > per quanto riguarda i mouse, è
    > facile:
    > > risparmiano sui tastiA bocca aperta
    >
    > c'è chi risparmia sui pulsanti...ehm,
    > e chi su altro...
    >A bocca aperta

    orbene, tra apple e trust saprei a chi affidarmi, anche con due tasti in menoA bocca aperta

    >
    > > btw, compratevi un mx1000 della
    > logitech,
    > > altroché mouse appleOcchiolino
    >
    > Funziona bene? visto che è PIU' CARO
    > questo della logitech, vorrei sapere se ne
    > vale la pena....
    >
    > 1-1 palla al centro...
    >

    mi dicono di sì, io per ora conservo il mio mx700, rimane comunque un apparecchio eccezionale, l'entry level per chi vuol cimentarsi ai fps e non vuole avere cavi e rotelle.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 21 discussioni)