Webcam nella camera della morte

Polemica a distanza tra Amnesty International e il governo thailandese per lo streaming web dei detenuti in procinto di essere uccisi dallo Stato. Protestano anche i detenuti

Bangkok (Thailandia) - Esporre su Internet la diretta delle esecuzioni di Stato è il progetto delle autorità thailandesi che ha spinto Amnesty International a condannare ancora una volta le pratiche della "giustizia locale".

Una condanna che ha aperto una polemica accesissima. Il Governo ha infatti immediatamente reagito alla denuncia smentendo l'intenzione di voler pubblicare in Internet le riprese delle esecuzioni e sottolineando invece di voler mettere a disposizione di tutti soltanto le immagini dei detenuti che entrano nella camera della morte, il luogo dove i condannati vengono terminati. In seguito saranno messi a disposizione non i feed live delle esecuzioni ma le foto degli uccisi.

La risposta del Governo ha a sua volta attivato le proteste dei detenuti e non solo di quelle decine di reclusi che si trovano nel braccio della morte in attesa dell'esecuzione. Il timore dei detenuti infatti è che questo sia il primo passo per violare ogni riservatezza, per quanta ce ne possa essere in prigione. Una petizione che viene firmata in queste ore nel penitenziario centrale di Bang Khwang boccia i progetti internet del Governo e afferma che riprendere i detenuti con web cam significa condannarli due volte.
Tutto questo ha spinto ad intervenire Kitti Limchaiki, il ministro della Giustizia, secondo cui i timori dei reclusi sono ingiustificati perché, anzi, mostrare via Internet le condizioni del carcere è una garanzia di buon trattamento per i detenuti stessi e contribuisce ad allontanare ogni possibile abuso da parte del personale di sorveglianza.

Anche il suo Ministero, così come la Direzione Carceraria, ha sottolineato che trasmettere in diretta online le esecuzioni costituirebbe una violazione della costituzione e dunque non si può fare. Ma la Direzione ha ribadito comunque la propria intenzione di portare online "la vita dei reclusi".

"Voglio - ha dichiarato il direttore Nathee - che i funzionari e i detenuti che violano le regole della prigione sappiano che c'è gente là fuori che li guarda. Questo riguarda tanto i detenuti coinvolti nel gioco d'azzardo quanto i funzionari lassisti o negligenti ed inoltre impedisce a beni vietati di entrare nella prigione. Allo stesso tempo ciò consentirà alla gente di vedere quanto è difficile la vita in prigione, cosa che funzionerà come un deterrente per chi intende violare la legge".

Va detto che negli USA la web cam puntata dentro i penitenziari non è più una novità. La più celebre e contestata è quella di Anderson County nel Tennessee. Anche lo sceriffo locale la considera un deterrente.
23 Commenti alla Notizia Webcam nella camera della morte
Ordina
  • Vi è mai venuto in mente che il carcere potrebbe capitare a voi, magari per un mp3 scambiato di troppo o per una qualche violazione di un brevetto sul software? Con molta maggior probabilità rispetto a chi riesce a cavarsela con la prescrizione.

    E poi lo stato non ha diritto di togliere la vita a nessuno.
  • ...Il timore dei detenuti infatti è che questo sia il primo passo per violare ogni riservatezza, per quanta ce ne può essere in prigione.....
    Ehm, casomai ce ne possa essere...Occhiolino
    non+autenticato
  • basta uccidere tutti i condannati, punto e basta.

    è inutile continuare a pagare per mantenere la feccia della società nelle prigioni, dove spesso si fanno i loro porci comodi!

    Io conosco un tipo che abita non lontano da casa mia: spacciatore, ladro, svaligiatore, è stato condannato per qualche anno in prigione.

    Nota bene: in prigione sono IO che gli ho pagato da mangiare con le mie tasse... ebbene, questo signorello ha "studiato" in carcere, è diventato ingegere ed ora si permette pure di farsi chiamare Dottore!!!!!

    viva la democrazia...
    non+autenticato
  • ...verrà baffone...ArrabbiatoArrabbiatoArrabbiatoArrabbiatoArrabbiato
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ...verrà baffone...ArrabbiatoArrabbiatoArrabbiatoArrabbiatoArrabbiato

    guarda che ha ragione lui, bisognerebbe metterli tutti al muro...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > ...verrà baffone...ArrabbiatoArrabbiatoArrabbiatoArrabbiato
    >Arrabbiato
    >
    > guarda che ha ragione lui, bisognerebbe
    > metterli tutti al muro...

    vai fascio, facci volare!!!!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > ...verrà baffone...ArrabbiatoArrabbiatoArrabbiatoArrabbiato
    >Arrabbiato
    >
    > guarda che ha ragione lui, bisognerebbe
    > metterli tutti al muro...

    Infilati nel c[beep]o uno sfollagente lubrificato con olio di ricino e vedrai che la vita ti sorriderà

    Bye
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > è inutile continuare a pagare per
    > mantenere la feccia della società
    > nelle prigioni, dove spesso si fanno i loro
    > porci comodi!

    Ma lo sai o no che un'esecuzione in america costa molto ma molto di più che mantenere in galera il condannato?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    >
    > > è inutile continuare a pagare per
    > > mantenere la feccia della società
    > > nelle prigioni, dove spesso si fanno i
    > loro
    > > porci comodi!
    >
    > Ma lo sai o no che un'esecuzione in america
    > costa molto ma molto di più che
    > mantenere in galera il condannato?


    ecco a voi il classico esempio di comunista falso e bugiardo!!!! ha proprio ragione il nostro grande presidente del consiglio quando dice che la sinistra porta soltanto morte guerra e terrore!!!
    non+autenticato
  • Se la diffusione delle immagini nella camera della morte mi pare di un'incivilta' enorme, non avrei niente contro il webcam tra i detenuti. Non vedo a quale titolo chi abbia violato la legge possa vantare un diritto come quello alla privacy, quando in carcere succedono spesso episodi poco chiari. Senza webcam il carcere diventa terra di nessuno, quando le guardie non sono abbastanza numerose o efficenti per vigilare. Ci sono stati anche pochi mesi fa casi di suicidi nel carcere di massima sicurezza di sulmona , comprendenti anche la direttrice del carcere stesso.

    Ovviamente lo farei solo per i detenuti condannati, non a quelli in attesa di giudizio.


  • - Scritto da: Solvalou

    >
    > Ovviamente lo farei solo per i detenuti
    > condannati, non a quelli in attesa di
    > giudizio.

    E per i condannati innocenti ?
    non+autenticato
  • >
    > Ovviamente lo farei solo per i detenuti
    > condannati, non a quelli in attesa di
    > giudizio.
    >
    se finissi in carcere per errore e fossi buttato in una cella con altri 10 "in attesa di giudizio" ne vorrei 4 o 5 webcam, può darsi che riesca a sopravvivere un po di più

    non+autenticato
  • Attento, non è poi così difficile finire in prigione... a volte basta un raptus, un errore, un progetto andato a male, trovarsi al posto sbagliato al momento sbagliato.
    non+autenticato
  • > Non vedo a quale titolo chi abbia
    > violato la legge possa vantare un diritto
    > come quello alla privacy

    I detenuti hanno tutti i diritti compatibili con la condizione di detenuto. E' un orientamento della giurisprudenza stabilito negli Stati Uniti da sentenze della Corte Suprema - che poi sia poco applicato, o che vi sia da discutere di quali diritti siano compatibili o meno, è un altro fatto.

  • - Scritto da: Gatto Selvaggio
    > > Non vedo a quale titolo chi abbia
    > > violato la legge possa vantare un
    > diritto
    > > come quello alla privacy
    >
    > I detenuti hanno tutti i diritti compatibili
    > con la condizione di detenuto. È un
    > orientamento della giurisprudenza stabilito
    > negli Stati Uniti da sentenze della Corte
    > Suprema - che poi sia poco applicato, o che
    > vi sia da discutere di quali diritti siano
    > compatibili o meno, è un altro fatto.

    Va benissimo, evidentemente non dovevo mischiare mie opinioni di principio con un discorso che volevo piu' pragmatico.

    In altre parole, accetterei il discorso in linea di principio se il carcere fosse un posto controllato in cui i detenuti hanno facolta' di riabilitarsi o almeno di riflettere. Visto che, episodi di cronaca alla mano, le carceri funzionano piu' o meno come tutto il resto, cioe' male, vedrei la webcam come strumento utile. Come ha gia' detto qualcun altro, sarebbe utile anche ai detenuti che in carcere sarebbero vittimizzati.
  • Visto che la telecamera c'è in banca la si può anche mettere in carcere, ma una webcam! Magari nelle docce della sezione femminile.

    Intendo dire, non una telecamera a disposizione di tutti.

    A parte poi che per controllare con le telecamere quel che succede in un carcere ce ne sarebbero parecchie da installare, e ci vorrebbero parecchie guardie in più a controllare i monitor.

    ==================================
    Modificato dall'autore il 19/01/2005 20.41.42
  • 1) personalmente sono contrario alla condanna a morte, e considero l'idea di riprendere i condannati a morte mentre la condanna viene eseguita un'inutile barbarie contraria a qualsiasi civiltà.
    Mi sembra di tornare al medioevo quando si arrostivano eretici e si squartavano ladruncoli per divertire il popolo.

    Sulle webcam in carcere per mostrare cosa sia la vita carceraria...
    non saprei, potrebbe diventare facilmente uno strumento di tortura supplementare, ma è anche vero che potrebbe avere funzioni di garanzia per i detenuti, dubito che i marines ad abu graib avrebbero fatto quel che hanno fatto se avessero saputo delle telecamere. Ed è anche vero che il mostrare cosa sia il carcere possa avere anche un'effetto deterrente.
    Cmq in questo secondo caso non saprei cosa dire.

  • - Scritto da: shevathas
    > 1) personalmente sono contrario alla

    Bello il punto 1) ce ne sono altri ?

    > Cmq in questo secondo caso non saprei cosa
    > dire.

    Fantastico.

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: shevathas
    > > 1) personalmente sono contrario alla
    >
    > Bello il punto 1) ce ne sono altri ?
    >
    > > Cmq in questo secondo caso non saprei
    > cosa
    > > dire.
    >
    > Fantastico.

    ROTFL!A bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: shevathas
    > 1) personalmente sono contrario alla
    > condanna a morte,

    Io per i crimini piu' efferrati, NO
    non+autenticato
  • e come fai ad esser certo al 100% che il colpevole sia effettivamente colpevole; no perche' una volta eseguita la condanna il tizio sara' morto al 100% e non puoi tornare indietro; sai in america quanti innocenti son stati giustiziati? una percentuale mostruosamente alta; meglio un sano ergastolo ove, qualora si scoprisse l'innocenza della persona, non gli ridai indietro gli anni passati in carcere ma almeno puoi fargli vivere gli anni che gli rimangono.
    non+autenticato

  • - Scritto da: shevathas
    > 1) personalmente sono contrario alla
    > condanna a morte, e considero l'idea di
    > riprendere i condannati a morte mentre la
    > condanna viene eseguita un'inutile barbarie
    > contraria a qualsiasi civiltà.


    Eccone un altro che parla di civiltà senza manco sapere di cosa sta parlando.
    Per te che cos' è la civiltà, farsi mettere i piedi in testa dai delinquenti? Oppure mettere fuori di galera due mostri come Erika ed Omar ??
    No; io a questa (pfui) civiltà targata Ue dico: NO GRAZIE.



    > Mi sembra di tornare al medioevo quando si
    > arrostivano eretici e si squartavano
    > ladruncoli per divertire il popolo.
    >
    > Sulle webcam in carcere per mostrare cosa
    > sia la vita carceraria...
    > non saprei, potrebbe diventare facilmente
    > uno strumento di tortura supplementare, ma
    > è anche vero che potrebbe avere
    > funzioni di garanzia per i detenuti, dubito
    > che i marines ad abu graib avrebbero fatto
    > quel che hanno fatto se avessero saputo
    > delle telecamere. Ed è anche vero che
    > il mostrare cosa sia il carcere possa avere
    > anche un'effetto deterrente.
    > Cmq in questo secondo caso non saprei cosa
    > dire.
    non+autenticato