I filtri sull'email? Sono illegali

Così ha deciso un tribunale tedesco, secondo cui un ente non può filtrare quanto spedito da specifici mittenti. E l'antispam che fine fa?

Karlsruhe - Sta montando un po' di maretta attorno ad una sentenza tedesca sui filtri nella posta elettronica che apre nuovi inquietanti interrogativi sulla legalità dei sistemi pensati per bloccare un certo tipo di posta elettronica.

Stando a quanto riportato dall'e-zine tedesca heise online, il Tribunale regionale di Karlsruhe, in Germania, è intervenuto con una sentenza che condanna l'utilizzo di alcuni filtri anti-email da parte di una Università del Baden-Württemberg.

Questi filtri erano stati attivati per impedire che sui sistemi dell'ateneo arrivassero le email inviate da un ex professore associato. Questi, dopo aver duramente litigato con il management dell'Università ed essere uscito dalla stessa, era rimasto in contatto via email con un gruppo di proprie conoscenze ed amicizie all'interno dell'Università. Ma né lui né i suoi amici sono mai stati avvertiti che i filtri posti dall'ateneo avrebbero loro impedito di comunicare via email.
Il Tribunale ha deciso dunque di dare ragione alla denuncia dell'ex professore associato e ha dato così via all'apertura di un procedimento penale che porterà all'individuazione e alla denuncia delle persone che nell'Università si sono rese responsabili del blocco di quelle email.

Nella sostanza, i giudici hanno ritenuto che chiunque in una organizzazione sopprima lettere di posta elettronica è passibile di denuncia in quanto viola la privacy dei coinvolti.

Naturalmente una decisione di questo tipo apre le porte alle più diverse interpretazioni in molti diversi contesti, soprattutto per quanto riguarda gli amministratori di sistema che, a causa di virus e spam, sono costretti a porre dei paletti alle email in ingresso in aziende o enti della più varia natura. Proprio per cercare di limitare l'ampiezza della propria decisione, i giudici hanno stabilito che non possono essere considerati responsabili coloro che pongono dei filtri in casi che possono essere riconosciuti legalmente come di emergenza, per esempio in caso di aggressione tramite virus informatico.
TAG: mondo
22 Commenti alla Notizia I filtri sull'email? Sono illegali
Ordina
  • Non ho mai sentito una m1nch1ata così grossa.
    I giudici che danno le sentenze lo sanno almeno accendere il PC?
    Possibile che gli spammatori non vengono mai denunciati e la fanno franca e chi decide di filtrarli perchè intralciano il lavoro della pubblica amministrazione, diviene illegale?
    Mah
    non+autenticato
  • e' giusto che sia filtrata in quanto proprieta' dell'azienda, utilizza un'email privato con accesso via web mail e fatti scrivere da chi vuoi tu.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > e' giusto che sia filtrata in quanto
    > proprieta' dell'azienda, utilizza un'email
    > privato con accesso via web mail e fatti
    > scrivere da chi vuoi tu.

    Dove lavoro io, l'accesso ad internet (e quindi alla webmail) non viene dato indiscriminatamente (a volte in funzione dell'antipatia/simpatia).
    I miei amici e conoscenti sono liberi di scrivermi anche sull'email aziendale (di solito spediscono al mio indirizzo privato).
    Se chicchessia per l'azienda si azzarda a filtrarmi le email che mi vengono inviate all'indirizzo aziendale senza chiedermi spiegazioni (magari tagliandomi fuori dalle mailing list di programmazione), "chicchessia" avrà modo di fare una conoscenza approfondita di svariati articoli del codice penale e farò anche in modo di arricchirmi alle sue spalle con una bella causa civile di risarcimento danni.

    Saluti
    non+autenticato
  • > "chicchessia" avrà modo di fare una
    > conoscenza approfondita di svariati articoli
    > del codice penale e farò anche in
    > modo di arricchirmi alle sue spalle con una
    > bella causa civile di risarcimento danni.
    Alleghiamo magari anche il curriculum vitae in modo da farci riconoscere da eventuali aziende interessate all'assunzione, in modo che sappiano cosa si portano in casa...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > > "chicchessia" avrà modo di fare
    > una
    > > conoscenza approfondita di svariati
    > articoli
    > > del codice penale e farò anche in
    > > modo di arricchirmi alle sue spalle con
    > una
    > > bella causa civile di risarcimento
    > danni.
    > Alleghiamo magari anche il curriculum vitae
    > in modo da farci riconoscere da eventuali
    > aziende interessate all'assunzione, in modo
    > che sappiano cosa si portano in casa...

    Nel tuo caso si evince anche dal postA bocca aperta:D:D:D:D:D:D:D:D

    Ciao, Troll
    non+autenticato
  • Dubito che se lavori come programmatore sia interesse dell'azienda tagliarti fuori dalle mailing list di programmazione, invece magari dalle mailing list delle immagini hard gratis è loro interesse tagliarti fuori.
    Se poi (perchè questo è il caso) sai in contatto con qualche operatore di un'azienda concorrente che magari ha già fatto danni all'azienda è evidente che hanno tutte le ragioni del mondo a filtrare le mail che arrivano da un tale individuo.
    E se gli fai causa gli fai causa per cosa? per violazione della privacy? ma dai, a me non serve né leggere le mail che ti arrivano né sapere se effetivamente quella persona scrive a te! Per l'azienda quella persona non ha motivo di scrivere ai suoi dipendenti e quindi butta via le sue mail... a me sembra più che regolare
    non+autenticato
  • Se ci sono dubbi sulla legittimita' dei filtri email a proposito dell'antispam (il che mi fa pensare che la nostra civilta' e' al capolinea, ma questo e' un altro discorso), al posto di filtrare il messaggio lo si puo' non accettare. So che esistono sistemi per sottoporre il messaggio al controllo antispam prima ancora di chiudere la sessione smtp, il che significa che chi ha mandato il messaggio si ritrova nella casella postale la notifica di messaggio rifiutato direttamente dal proprio server mail. Un esempio con software free e' exim4+spamassassin+ la patch exiscan. Allungando i tempi di un'accettazione del messaggio inoltre si rende la vita un po' piu' dura agli spammers.
  • Qualcuno sa cosa dice la legge in proposito.

    (ammesso che dica qualcosa)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Qualcuno sa cosa dice la legge in proposito.
    >
    > (ammesso che dica qualcosa)

    Ad esempio c'è un insignificante articoletto della Costituzione sulla libertà di espressione. Se me ne vado da dove lavoro e il datore di lavoro fa predisporre dei filtri che mi impediscano di comunicare con i pochi (ma buoni) amici che ho lasciato ...

    ... E VAI DI CODICE PENALE !!! IN GALERA LI MANDO !!!
    :D:D:D:D:D:D:D:D:D:D:D:D:D:D:D:D:D:D:D:D

    + danni (a lot of money).

    p.s. scusate l'urlo finale ma non sono riuscito a trattenermi
    non+autenticato

  • Stando a quanto riportato dall'e-zine tedesca heise online, il Tribunale regionale di Karlsruhe, in Germania, è intervenutO
    con una sentenza che condanna l'utilizzo di alcuni filtri anti-email da parte di una Università del Baden-Württemberg.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)