Ad Outlook spunta il canone

Il celebre client di Microsoft è da ieri disponibile in versione Live, un servizio su abbonamento che consente agli utenti di sincronizzare mail, contatti e appuntamenti fra Outlook e Hotmail

Redmond (USA) - Ieri Microsoft ha presentato una versione su abbonamento del suo client di e-mail e workgroup Outlook. Battezzato Microsoft Office Outlook Live (MOOL), il nuovo prodotto è stato studiato per combinare Office Outlook e MSN Hotmail.

Il pacchetto, che è stato inizialmente lanciato in USA, Canada e Gran Bretagna, va ad aggiornare il precedente Outlook Connector, una funzione inclusa nel servizio MSN Premium. A differenza di quest'ultimo, che era compatibile con Outlook 2002 ma che non conteneva alcuna copia del client, MOOL include una versione su abbonamento di Outlook 2003 in grado di connettersi ad un account Hotmail o MSN: in questo modo gli utenti possono utilizzare e gestire le proprie mailbox, i propri contatti e le proprie agende da qualsiasi PC connesso ad Internet.

Per circa 45 dollari all'anno, che a partire dal 20 aprile diverranno 60, Microsoft fornisce il servizio comprensivo di Office Outlook 2003 for Subscription Services, un account e-mail con 2 GB di spazio, funzionalità antispam e antivirus, e la possibilità di spedire, per ogni singolo messaggio, fino a 20 MB di allegati. Gli utenti possono anche controllare più account di posta, inclusi quelli aziendali gestiti con Exchange Server.
Con Outlook Live il big di Redmond intende corteggiare i molti utenti che, pur utilizzando i propri servizi on-line, primo fra tutti Hotmail, non possiedono una copia di Office.

La nuova offerta riveste particolare importanza per il fatto di essere il primo componente di Office ad essere rilasciato come servizio su abbonamento. Brooke Richardson, lead product manager di Microsoft, non ha escluso che nel prossimo futuro altri prodotti Office possano essere resi disponibili come servizi a canone.
TAG: mondo
67 Commenti alla Notizia Ad Outlook spunta il canone
Ordina
  • Il problema vero è che Microsoft ha saturato il suo mercato.
    Il mercato dei sistemi operativi home e workstation (di fascia bassa) è di Microsoft in toto, questo impedisce a Microsoft di crescere ulteriormente in quel settore.
    Apparte il problema (marginale o meno) di Apple e Linux che spingono in quella fetta di mercato il vero problema è portare sempre bilanci in crescita.
    Per questo Microsoft è costretta a diversificare l'offerta, altrimenti rischia di legarsi ad un mercato che non è (come lei stessa stà scoprendo) un reddito fisso; a mano a mano che il tempo passa il gap con le tecnologie open si va assottigliando e i margini per il miglioramento del software (per quel che riguarda quelli che Microsoft vede come possibili miglioramenti) sono sempre più esigui.
    non+autenticato



  • 99 all'anno con tanti software e utility in omaggio... dal 1999
    http://www.apple.com/it/mac/
    non+autenticato
  • a meno dei soliti giudizi partigiani e trollate varie

    proprio l'altro giorno quando ho scaricato Picasa2 ho visto l'integrazione con Hello e Blogger

    tutto gratis, ma proprio tutto, compreso lo spazio in rete per le foto

    quanto durerà?

    qualcuno crede veramente che rimarrà tutto gratis per sempre? io no, e infatti lo spazion web per le foto me lo compero da pbase.com o smugsmug.com
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo


    > spazion web per le foto me lo compero da
    > pbase.com o smugsmug.com

    non sai fare economia

    non+autenticato
  • > > spazion web per le foto me lo compero da
    > > pbase.com o smugsmug.com
    >
    > non sai fare economia

    ne riparleremo quando non sarà più free
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > tutto gratis, ma proprio tutto, compreso lo
    > spazio in rete per le foto
    >
    > quanto durerà?
    >
    > qualcuno crede veramente che rimarrà
    > tutto gratis per sempre? io no, e infatti lo
    > spazion web per le foto me lo compero da
    > pbase.com o smugsmug.com

    No certo che non rimarrà tutto gratis per sempre.

    Qualcosa rimarrà gratis e qualcosa invece costerà, ma non c'è niente di male, non vedo perché qualcuno debba fornirti un servizio GRATIS per forza.

    Sai, magari google sarà sempre utilizzabile come si fa oggi in modo gratuito, perché comunque ottengono un guadagno attraverso la pubblicità e quindi ha bisogno del più grande numero di visitatori possibile.

    Io spero che un mercato così grande come quello dei servizi Internet non venga monopolizzato, e in parte credo possa succedere perché, secondo me, è più facile fare concorrenza rispetto a un mercato tradizionale.

    Tieni conto che chi offre un servizio gratis oggi lo fa o perché gli piace e se lo può permettere, o perché ci guadagna già del denaro o perché vuole creare un mercato da sfruttare quando la domanda sarà abbastanza alta e il servizio sarà adeguato, poi mettici tutti gli operatori con le peggiori intenzioni strategiche di speculazione e dominazione del mondo ( che io non condividerò mai... ).

    Ogni tanto rifletto su scenari economici futuribili della rete ma ho ancora le idee molto confuse, chiunque abbia dei link o delle opinioni è pregato di segnalarlo.
    non+autenticato
  • Windows 2003 Server ...
         692.00 euro con Micro$oft

    Office 2003 Professional ...
         670.80 euro con Micro$oft

    Office Outlook Live ...
         60 euro al mese con Micro$oft

    Un sistema GNU.Linux che fa le stesse cose e meglio ... non ha prezzo !

    Ci sono cose che non hanno prezzo, per tutto il resto c'è Micro$oft
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Windows 2003 Server ...
    >      692.00 euro con
    > Micro$oft
    >
    > Office 2003 Professional ...
    >      670.80 euro con
    > Micro$oft
    >
    > Office Outlook Live ...
    >      60 euro al mese
    > con Micro$oft

    annuali e non mensili

    >
    > Un sistema GNU.Linux che fa le stesse cose e
    > meglio ... non ha prezzo !

    beh, le stesse le stesse non direi, è probabile che tu non conosci nulla di tutto ciò che hai nominato

    >
    > Ci sono cose che non hanno prezzo, per tutto
    > il resto c'è Micro$oft

    per uno studente o una ragazzina di scuole medie, koffice può essere sufficiente
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > per uno studente o una ragazzina di scuole
    > medie, koffice può essere sufficiente

    Per il 99 percento degli impiegati pubblici e privati, anche.
    Ciò nonostante lo Stato spende milionate di euro all'anno per licenze inutili, ed il privato anche peggio.
    non+autenticato
  • E comunque, Professional o meno, Office non vale quei soldi.
    Ho scritto una tesi con Word, mi sono rotto le palle fino all'inverosimile. L'ho scritta con LaTex: altro pianeta, altro che programmini per letterine aziendali.
    non+autenticato
  • E' così avanti che te la scriveva mentre dormivi....
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > E' così avanti che te la scriveva
    > mentre dormivi....

    No, però metteva le note a fondo pagina nella pagina in cui c'era il riferimento, cosa che a Word riesce impossibile, mantiene legati sulla riga o sulla pagina blocchi di testo, cosa che con Word diventa proibitivo, non si scompone per documenti da 220 pagine, mentre Word va in crash ogni volta che fai operazioni appena più complesse che aggiungere testo, tratta la notazione matematica in maniera dignitosa mentre Word no.
    non+autenticato
  • beato te che hai una buona memoria per tutto quel ginepraio di istruzioni che bisogna inserire per lavorare bene in TeX. Ai miei tempi la tesi l'ho scritta con il buon Word 6, le note le ho messe a fine capitolo invece che sul fondo di ogni pagina ed ho fatto un documento per ogni capitolo. Il risultato è stato tempi di scrittura decenti, nessuna sintassi scorbutica da imparare a memoria, risultato grafico inferiore solamente nelle formule con integrali e sommatorie (dove effettivamente gli indici non erano allineati correttamente con il simbolo dell'operatore). Io sono rimasto soddisfatto e la tesi l'ho scritta con un 486 DX2 66 e 32 MB di RAM ed ho potuto lavorare anche a casa senza problemi (stiamo parlando di 10 anni fa)!!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo

    > il buon Word
    > 6, le note le ho messe a fine capitolo
    > invece che sul fondo di ogni pagina ed ho
    > fatto un documento per ogni capitolo. Il
    > risultato è stato tempi di scrittura
    > decenti, nessuna sintassi scorbutica da
    > imparare a memoria, risultato grafico
    > inferiore solamente nelle formule con
    > integrali e sommatorie (dove effettivamente
    > gli indici non erano allineati correttamente
    > con il simbolo dell'operatore).

    > (stiamo parlando di 10 anni fa)!!!

    Azz avrei giurato dalla descrizione che fosse Office XP ! Allora non e' cambiato proprio nulla in 10 anni ! ! !

    Rallentamento della ricerca dovuto a mancanza di concorrenza suppongo Triste
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > beato te che hai una buona memoria per tutto
    > quel ginepraio di istruzioni che bisogna
    > inserire per lavorare bene in TeX ....

    Macché memoria: tenevo accanto un sei o sette pacchi (manuali) e li scartabellavo ogni volta che avevo un dubbio. Lo svantaggio rispetto a Word è quello, senza manualistica sei perso.
    In compenso, quando hai fatto pratica, i vantaggi li vedi.
    non+autenticato


  • > > Un sistema GNU.Linux che fa le stesse
    > cose e
    > > meglio ... non ha prezzo !
    >
    > beh, le stesse le stesse non direi, è
    > probabile che tu non conosci nulla di tutto
    > ciò che hai nominato

    Hai ragione.

    Un sistema GNU.Linux che fa PIU' cose e meglio ... non ha prezzo !

    Mi sa che sei tu quello che non conosce nulla !

    > > Ci sono cose che non hanno prezzo, per
    > tutto
    > > il resto c'è Micro$oft
    >
    > per uno studente o una ragazzina di scuole
    > medie, koffice può essere sufficiente

    tu è meglio che usi il wordpad che altre funzioni non le puoi capire
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    [snip]
    >
    > beh, le stesse le stesse non direi, è
    > probabile che tu non conosci nulla di tutto
    > ciò che hai nominato

    niente di personale, ma tu non conosci nemmeno l'italiano cosa ti metti a discutere di informatica?

    i congiuntivi questi sconosciuti: "...e' probabile che tu non CONOSCA nulla..."

    > per uno studente o una ragazzina di scuole
    > medie, koffice può essere sufficiente

    hai perfettamente ragione infatti io seguo aziende ed enti governativi che usano esclusivamente software opensource, magari all'interno di queste strutture lavorano esclusivamente ragazzine o studentelli... grazie per l'osservazione, verifichero' di persona!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)