Il giallino della tassa sui cellulari

Decine di email in redazione, utenti infuriati: non è bastata la smentita del ministero del Tesoro per placare le preoccupazioni degli italiani. Era già successo

Roma - Sarà per la sfavorevole congiuntura economica, sarà perché sono in molti ad avere problemi a pagare le bollette, sarà perché tutti hanno un cellulare. Di certo è raro vedere una reazione così vistosa alla proposta di una nuova imposta. Un'imposta sul cellulare.

La notizia l'ha data il quotidiano laRepubblica che in un dettagliato servizio ha spiegato che Siniscalco, il ministro del Tesoro, avrebbe allo studio l'estensione delle concessioni governative, che già pesano sugli abbonamenti di telefonia mobile, anche alla schede prepagate, destinate dunque a rincarare. Una proposta che sarebbe tanto concreta da aver indotto il ministro alle Comunicazioni Gasparri a manifestare la propria contrarietà.

"Non è il caso di ricordare ai nostri governanti quante tasse già paghiamo sul benedetto cellulare? - scrive arrabbiato Marco P. a Punto Informatico - Inoltre chi è costretto ad averne due, magari uno per l'azienda, ma intestato a lui, quante volte deve pagare? E ancora, ogni volta che ricarichiamo un cellulare paghiamo una tassa al gestore per l'operazione, di valore esagerato, ben 5? per quello che devono fare, allora se proprio vogliono rubarci altri soldi, perché non prelevano da lì?"
Identico il tenore delle altre lettere giunte in redazione, un flusso di segnalazioni che solo in parte è stato placato in tarda mattinata quando dal Governo è giunta la smentita ufficiale che una tale proposta sia allo studio.

"Il Tesoro - si legge nella nota trasmessa alla stampa - smentisce l'articolo di Repubblica di una tassa, anche sotto forma di bollo, sui telefonini".

Va detto che non è la prima volta che notizie del genere fanno sobbalzare sulla sedia gli italiani. Qualche tempo fa, come si ricorderà, era stata ventilata una tassa sugli SMS, un'ipotesi rientrata rapidamente anche per la sollevazione dei consumatori e le perplessità suscitate all'interno del Governo e della maggioranza.
35 Commenti alla Notizia Il giallino della tassa sui cellulari
Ordina
  • Ma l'attuale ministro delle telecomunicazioni non si era detto disponibile, in fase di campagna alle elezioni politiche, ad abbassare anzi a toglire la tassa sulle carte prepagate? bla bla bla... Parole , parole, parole...
    non+autenticato
  • A nessuno e' venuto in mente che Repubblica ha pubblicato probabilmente la verita' ma che, dopo averla vista pubblicata, il Governo ha fatto retromarcia perche' e' una misura impopolare. Succede di continuo
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    > A nessuno e' venuto in mente che Repubblica
    > ha pubblicato probabilmente la verita' ma
    > che, dopo averla vista pubblicata, il
    > Governo ha fatto retromarcia perche' e' una
    > misura impopolare. Succede di continuo

    bhe, di vede che gli autori di questi post sono TELEDIPENDENTI.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > A nessuno e' venuto in mente che Repubblica
    > ha pubblicato probabilmente la verita' ma
    > che, dopo averla vista pubblicata, il
    > Governo ha fatto retromarcia perche' e' una
    > misura impopolare. Succede di continuo

    A me era già venuto in mente...

    http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=8689...

    Rino
    non+autenticato
  • Che altro dire.
    La repubblica fa la sua sparata col politicissimo fine di aizzare la gente contro il governo della casa delle liberta' raccontanto fandonie, com'e' radicata tradizione della sinistra.
    Il governo smentisce, punto e stop.
    Il titolo di questo articolo, ammesso e non concesso che avesse meritato di trovare spazio, sarebbe dovuto essere:
    "la repubblica come al solito racconta balle".
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Che altro dire.
    > La repubblica fa la sua sparata col
    > politicissimo fine di aizzare la gente
    > contro il governo della casa delle liberta'
    > raccontanto fandonie, com'e' radicata
    > tradizione della sinistra.
    > Il governo smentisce, punto e stop.
    > Il titolo di questo articolo, ammesso e non
    > concesso che avesse meritato di trovare
    > spazio, sarebbe dovuto essere:
    > "la repubblica come al solito racconta
    > balle".

    "La Repubblica & PI come al solito raccontano balle", sono in simbiosi.

  • - Scritto da: Anonimo
    > Che altro dire.
    > La repubblica fa la sua sparata col
    > politicissimo fine di aizzare la gente
    > contro il governo della casa delle liberta'
    > raccontanto fandonie, com'e' radicata
    > tradizione della sinistra.
    > Il governo smentisce, punto e stop.
    > Il titolo di questo articolo, ammesso e non
    > concesso che avesse meritato di trovare
    > spazio, sarebbe dovuto essere:
    > "la repubblica come al solito racconta
    > balle".

    In verità, anche se molti dicono che non è assolutamente vero, quando un giornalista scrive dell'ipotesi di una nuova tassa su qualcosa la notizia arriva da ambienti interni al governo. Se la notizia non alza il malcontento la tassa viene applicata, altrimenti banalmente si smentisce il tutto facendo circolare anche la notizia che il giornalista ed il suo giornale sono "sovversivi".

    SALVO POI APPLICARE LA TASSA IN TEMPI NON SOSPETTI.Arrabbiato:@:@
    Questa tattica è stata usata molte volte dalla vecchia DC (le varie tasse nascoste sulla benzina tanto per ricordarne qualcuna..), successivamente dal governo di sinistra ed anche dall'attuale governo: hanno cambiato lo spartito ma i suonatori sono sempre i medesimi.....:s:(In lacrimeIn lacrimeIn lacrime
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Che altro dire.
    > La repubblica fa la sua sparata col
    > politicissimo fine di aizzare la gente
    > contro il governo della casa delle liberta'
    > raccontanto fandonie, com'e' radicata
    > tradizione della sinistra.
    > Il governo smentisce, punto e stop.
    > Il titolo di questo articolo, ammesso e non
    > concesso che avesse meritato di trovare
    > spazio, sarebbe dovuto essere:
    > "la repubblica come al solito racconta
    > balle".

    Bravo! Sembra di sentire parlare il nanetto.. certo che a forza di guardare la Tv vi ha fatto il lavaggio del cervello e se continui a guardare i telegiornali di regime (specie quelli di proprieta' diretta del nano) sentirai solo notiziole su cani abbandonati, code in autostrada e delle condizioni del tempo. Fate pena voi, le vostre notizie e i nomi che vi date.. dal nome del partito a quello delle vostre case.. ma dove sta tutta liberta'??? Liberi di subire le leggi ad hoc cucite sul nanetto. mavaff
    non+autenticato
  • Forse la prossima volta il "prestigioso" La repubblica farebbe bene a riportare verbi senza condizionale nelle sue notizie ("avrebbe allo studio")....come si fa a controllare un avrebbe?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Forse la prossima volta il "prestigioso" La
    > repubblica farebbe bene a riportare verbi
    > senza condizionale nelle sue notizie
    > ("avrebbe allo studio")....come si fa a
    > controllare un avrebbe?

    Sempre meglio di quando usano l'indicativo, senza verificare la notizia e/o la fonte, solo per condannare mediaticamente un poveraccio che magari è innocente e che si trova sotto processo (come succede ad alcuni miei colleghi) solo perché Repubblica e Corriere sparano caxxate.
    non+autenticato
  • ma come cavolo lavorano i giornalisti delle testate giornalistiche???Sparano notizie a caso al fine di creare inca**ature generali solo per il gusto di farlo?mah...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)