LinuxNews/ Un ambiente di sviluppo per Python

TheKompany ha rilasciato BlackAdder, un ambiente di sviluppo visuale cross-platform per Python che gira sia sotto Linux che sotto Windows

TheKompany, un produttore e distributore di software Linux Open Source e commerciale, ha annunciato il rilascio di BlackAdder. BlackAdder è un ambiente di sviluppo visuale la cui forza è racchiusa nell'ambiente visuale di progettazione comprensivo di debugging, di evidenziazione (con diversi colori) della sintassi, dell'interfaccia ODBC e nell'estesa documentazione. Ma soprattutto con tale strumento è possibile generare delle applicazioni che girano sia sotto Linux sia sotto Windows! Ciò è stato reso possibile dalla potenza e dalla flessibilità di Python, nato come linguaggio multi-piattaforma.

L'ambiente visuale (la GUI) si avvale delle librerie grafiche della QT (le librerie che sono alla base del KDE), mentre per quanto riguarda l'ODBC si avvale del prodotto multi-piattaforma per Python conosciuto come mxODBC.

BlackAdder è disponibile in due edizioni: "Personal" e "Business" che costano rispettivemente 79,99$ e 399,99$. Entrambe le versioni contengono lo stesso software, l'unica differenza sta nella capacità di creare software proprietario per la vendita.
Con la versione "Business" qualunque applicazione potrà essere rivenduta senza dover pagare nessuna royalty, al contrario della versione "Personal", orientata agli hobbisti e agli studenti.

A cura di , Soluzioni Open-Source
1 Commenti alla Notizia LinuxNews/ Un ambiente di sviluppo per Python
Ordina
  • Perché spendere 80 dollari quando esiste uno
    strumento veramente *free* come Active Python

    http://www.activestate.com/Products/ActivePython/

    disponibile sia su piattaforma Winzozz che Linux
    (e Solaris), che forse come ambiente di sviluppo
    non eccellerà in fronzoletti vari, ma che come
    features batte sicuramente questo BlackAdder,
    almeno nella piattaforma Winzozz: basti segnalare il supporto per COM (che io detesto dal profondo del cuore): seguendo gli esempi dati, in due minuti ho messo su un applicativo Python come automation server e una applicazione VB che ha usato un interfaccia esportata dal server senza nessun problema.

    Comunque sia Python è davvero un gioiellino, è da
    poco che lo conosco, e piu' lo uso piu' mi piace.
    Il mio augurio è che riesca a scalzare via la predominanza di Visual Basic.
    Active Python, infatti, dovrebbe diventare presto
    o tardi Visual Python (Micro$oft permettendo,
    ovvio).

    Speriamo bene...
    non+autenticato