Più vicino il Codice dell'Amministrazione Digitale

Ieri a Roma cerimonia di presentazione del Codice che può trasformare il rapporto tra PA e cittadini e rendere più efficiente la cosa pubblica. Parlano Ciampi e Stanca

Roma - Ci si avvicina ad ampi passi al varo di quella che è stata definita una rivoluzione per la pubblica amministrazione grazie alle tecnologie dell'informazione. Ieri a Roma il ministro all'Innovazione Lucio Stanca ha presentato il Codice dell'Amministrazione Digitale che, come si ricorderà, è stato varato dal Governo lo scorso novembre.

Molte le novità destinate ad interessare la vita dei cittadini (vedi qui i dettagli), dal dialogo tra i database delle amministrazioni pubbliche alla riorganizzazione dei siti internet della PA, dall'obbligo dell'uso dell'email all'interno della PA a quello della via telematica per transazioni e pagamenti. Il tutto condito dal riconoscimento del valore probatorio del documento informatico e dalle nuove procedure di archiviazione su supporto informatico e altro ancora.

In un messaggio a Stanca, il presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi ha parlato di una "opportunità importante di cambiamento anche nei sistemi di comunicazione tra cittadini, imprese e pubblica amministrazione. Una opportunità che risponde agli obiettivi di rendere l'azione delle amministrazioni efficace ed efficiente".
Secondo Ciampi il codice "dimostra i risultati raggiunti nell'uso delle nuove tecnologie da parte delle amministrazioni pubbliche ma è anche una occasione di riflessione sugli ulteriori obiettivi. Reti telematiche, informatizzazione e internet stanno imponendo un cambiamento radicale nella concezione del tempo e dello spazio, rivoluzionando i sistemi di comunicazione fra cittadini, imprese e pubblica amministrazione". Per Ciampi il Codice rappresenta una "cornice normativa del processo in atto" e "riconosce una nuova categoria di diritti" mentre "garantisce una partecipazione più consapevole del cittadino alla vita democratica".

Stanca da parte sua ha confermato che entro la fine del mese si dovrebbe arrivare all'approvazione definitiva del Codice, oggi all'esame del Consiglio di Stato e sul quale dovranno esprimere i relativi pareri le Commissioni parlamentari competenti.

Per Stanca, il Codice garantirà un "cambio decisivo di passo e prospettiva alla nostra pubblica amministrazione". "La semplificazione dei procedimenti amministrativi avviata nei primi anni novanta - ha spiegato - non poteva cogliere appieno il potenziale delle nuove tecnologie digitali che si stavano allora affermando. Oggi, invece, il processo di semplificazione puo' e deve nascere dall'utilizzo delle nuove tecnologie. Con questo Codice intendiamo costruire un gradino più solido e concentrarci sull'attuazione sistematica dei principi, ancora oggi validi, di quella stagione riformatrice".
TAG: italia
23 Commenti alla Notizia Più vicino il Codice dell'Amministrazione Digitale
Ordina
  • Ma come? Siamo il paese dove le connessioni costano più che altrove, dove la grande rivoluzione Informatica nelle scuole non è potuta partire e non partirà, dove non tutti sanno utilizzare un PC..............................che stanchezza..............................sarebbe bello ma come è possibile?????????????????
    non+autenticato
  • La presentazione del codice non è stata altro che un'ignobile episodio di campagna elettorale a spese dello Stato, ma a favore dei partiti di governo.
    Il codice, infatti, è ancora ben lungi dall'approvazione definitiva e c'è incertezza sull'esito degli ultimi passaggi. Quindi non sarebbe stato proprio il caso di presentarlo ora in pompa magna.
    Inoltre l'evento è stato condotto da un Bruno Vespa veramente privo di ogni dignità, che ha cercato in tutti i modi di far passare l'idea che l'e-government sia stato voluto ed inventato da Berlusconi, a partire dal 2001!
    Il pubblico non era però quello della TV e tutti i presenti sapevano benissimo che gli unici soldi spesi finora dal Governo per l'e-government sono quelli derivanti dalle licenze UMTS, stanziati a suo tempo dal Governo D'Alema e anche che non è previsto alcun ulteriore stanziamento, presente o futuro.
    Unica voce dissonante è stata quella del rappresentante di Confindustria, le cui argomentazioni Vespa ha cercato in ogni modo di contrastare.
    Non è proprio quello di cui ha bisogno l'Italia.
    Paolo S.
  • allora, ieri dovevo invitare ad un seminario i sindaci di alcuni piccoli comuni della mia regione.... ebbene ho constatato che si fa prima ad andargli a suonare il campanello di casa xchè sul web a malapena si trova il numero del centralino del municipio.


    PAROLE PAROLE PAROLE......
    la la la
    non+autenticato
  • Scusa,
    ma se i tuoi comunelli avevano già il portale perfetto con tutte le informazioni corrette e aggiornate cosa lo facevano a fare questo benedetto codice?

    Franco
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Scusa,
    > ma se i tuoi comunelli avevano già
    > il portale perfetto con tutte le
    > informazioni corrette e aggiornate cosa lo
    > facevano a fare questo benedetto codice?
    >
    > Franco

    x fare
    Parole parole parole...

    Sai che è già difficile comunicare per via informatica tra regione e ministrero ?

    Sai che per mettere su un sito a tutti i comuniNI d'Italia ci vogliono i soldi?

    Sai che in certi Comuni il sindaco quasi mai è il farmacista del paese ma spesso è il muratore/contadino/panettire votato dai 99 compaesani?

    Sai che tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare?
    non+autenticato
  • Secondo questo ragionamento, saremmo ancora a viaggiare sulle provinciali...

    ----Forum di "punto-stradale" degli anni 50:----

    Approvato il nuovo Piano di costruzione dell' Autostrada del Sole

    "Ma lo sai che per fare le autostrade servono un mucchio di soldi? E poi anche se si approvano i progetti... è tutto un magna magna...piove... governo ladro!"

    --------------------------------------------------------------

    Intanto adesso, in macchina, fai Milano Roma in cinque ore.


    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Secondo questo ragionamento, saremmo ancora
    > a viaggiare sulle provinciali...
    >
    > ----Forum di "punto-stradale" degli anni
    > 50:----
    >
    > Approvato il nuovo Piano di costruzione
    > dell' Autostrada del Sole
    >
    > "Ma lo sai che per fare le autostrade
    > servono un mucchio di soldi? E poi anche se
    > si approvano i progetti... è tutto un
    > magna magna...piove... governo ladro!"
    >
    > ---------------------------------------------
    >
    > Intanto adesso, in macchina, fai Milano Roma
    > in cinque ore.
    >


    Ambè se la metti sul lungo termine... prima o poi dallo stato qualcosa ci esce
    Appoposito di autostrade, sai perchè ci sono, sgangherate ma ci sono? ) perchè alla mafia urgeva cementare!

    si si, tralasciamo i soldi che si sono magnati governi, dirigenti geometri di zona dell'ANAS

    non+autenticato
  • Sì sì,

    meglio prati verdi, tutti amici, tutto di tutti...

    " Non ce nessuno più capace di fare qualcosa di colui che è lì seduto a guardare un altro che la fa..."
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Sì sì,
    >
    > meglio prati verdi, tutti amici, tutto di
    > tutti...

    e con l'erbetta ti prepariamo una tisana... di quelle che aprono la menteA bocca aperta


    > " Non ce nessuno più capace di fare
    > qualcosa di colui che è lì
    > seduto a guardare un altro che la fa..."

    coloui chi? il contaballe?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Secondo questo ragionamento, saremmo ancora
    > a viaggiare sulle provinciali...
    >
    > ----Forum di "punto-stradale" degli anni
    > 50:----
    >
    > Approvato il nuovo Piano di costruzione
    > dell' Autostrada del Sole
    >
    > "Ma lo sai che per fare le autostrade
    > servono un mucchio di soldi? E poi anche se
    > si approvano i progetti... è tutto un
    > magna magna...piove... governo ladro!"
    >
    > ---------------------------------------------
    >
    > Intanto adesso, in macchina, fai Milano Roma
    > in cinque ore.
    >
    >

    AHAHAHAHAHA ... MILANO-ROMA IN 5 ( CINQUE ) ORE ??

    Ma chi sei, Berlusconi ????

    Un automobilista normale, in NORMALI condizioni di traffico, ci mette ALMENO 6 ( SEI ) ore.
    E se becchi un pò di traffico e code ( NORMALISSIMO ) ci metti OTTO ore.
    E lo sò bene, devo farla in media 4 / 6 volte al mese per lavoro .....
    Vai a spalare, vai .......
    non+autenticato
  • Che cos' hai? L'ape cross?
    non+autenticato
  • hihihihihihihi

    e tu c'hai l'auto supersonica e la patente con 2 punti?
    non+autenticato
  • Allora devo dire a quelli che sviluppano le mappe di libero di non usare la velocità media di un auto supersonica...dal momento che il tempo previsto è 5 h e 26 minuti...che stolti che sono...
    non+autenticato
  • si tradurra TUTTA in un EFFICACE sistema di rubarci il denaro dalle tasche. Altrochè ......
    non+autenticato
  • Sono dieci giorni che cerco di avere una ricevuta dal ministero delle finanze.

    http://fisconline.agenziaentrate.it/fisconline/jsp...

    E al call center non c'é nessun operatore che ti risponda.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)