Philips sfida il P2P

L'azienda presenta i suoi primi sistemi di fingerprinting che saranno in grado - sostiene - di fermare a monte la condivisione non autorizzata di file. Una sfida aperta al file sharing

Philips sfida il P2PRoma - Ci prova Philips, la torta è troppo dolce per essere trascurata, e dopo qualche mese di analisi delle tecnologie di fingerprinting ha deciso di presentare alla stampa e ai suoi partner i primi risultati.

Parliamo di strumenti pensati per infilare nei file audio e in quelli video, compresi quindi la generalità dei file musicali introdotti sul mercato nonché i film, un dispositivo software in grado di "tracciare" ogni singolo pezzo, una stringa di dati univoca e univocamente riconoscibile. Questo significa non solo poter "controllare" gli spostamenti dei relativi file ma anche impedire che questi avvengano. La sfida aperta è dunque al peer-to-peer, laddove le piattaforme di sharing consentono a milioni di persone in tutto il Mondo tutti i giorni di scambiarsi liberamente enormi quantità di file, la maggior parte delle volte senza autorizzazione dei detentori del diritto d'autore.

In sé l'idea di associare un dispositivo di tracciamento ad un file multimediale è tutt'altro che nuova. Sotto la spinta delle denunce delle major ci provò anche il primo Napster, che voleva dimostrare di non essere in mano ai pirati, con il risultato però di rendere pressoché inutilizzabile il proprio network di sharing. Fu anche questo, e la sua successiva chiusura decisa dalla magistratura a spingere numerosi sviluppatori verso forme alternative di file sharing e verso le prime piattaforme di peer-to-peer capaci di muoversi indipendentemente dall'esistenza di server centralizzati, quelli stessi che Napster gestiva e che, una volta fermati, hanno portato alla sua fine.
"Per identificare i contenuti sulle reti peer-to-peer le nostre sono le tecnologie ideali - ha enfatizzato Ronald Maandonks, capoprogetto in Philips - Ora stiamo lavorando con un team di ingegneri per ottimizzarle".

Identificare in modo univoco e sicuro i file distribuiti dalle società di produzione cinematografica o musicale porta con sé, evidentemente, la possibilità di adottare filtri ed altri sistemi, peraltro già esistenti, finalizzati a bloccare la loro distribuzione non autorizzata. Questo non significa porre fine al file sharing ma certo, se si riveleranno efficaci, sarà più facile per le major e i detentori dei diritti d'autore costringere i produttori dei software di condivisione ad adottare filtri ad hoc.

Poter creare un database delle fingerprint inserite nei file consentirebbe secondo Philips di individuare un determinato file anche se viene compresso o modificato via software da chi volesse tentare di far perdere le sue tracce. Un'affermazione importante a cui dovrà seguire una prova su strada di successo per essere ritenuta davvero credibile. Anche soltanto dar vita ad un database del genere, ovvero infilare le stringhe univoche nei materiali esistenti, è in sé un lavoro piuttosto imponente.

Anche gli ostacoli tecnici non mancano. A cominciare dal fatto che se in un brano musicale si può ipotizzare di inserire una stringa unica di identificazione, in un film, ovvero un file assai più voluminoso pensato per veicolare due ore o più di immagini può diventare assai difficile riuscire a "tracciare" ogni singola parte in cui il film stesso può essere spezzato... Sono problemi che Maandonks non si nasconde.

Ed è in questo senso decisamente ironico il fatto che la nuova società di Shawn Fenning, la Snocap, basi i propri strumenti di filtraggio dei contenuti non autorizzati proprio sulle tecnologie che va sviluppando Philips. Come si ricorderà, infatti, Fenning ha ideato il primo Napster e ha combattuto per due anni con i manager della sua azienda per resistere agli strali legali delle major.

D'altra parte non c'è soltanto Philips né solo Snocap ad inseguire la gallina dalle uova d'oro del fingerprinting. La torta come si diceva è assai gustosa perché chi per primo arriverà all'obiettivo troverà nei maggiori produttori di contenuti del Mondo dei sicuri ed interessati acquirenti. Società che sono senz'altro disponibili a spendere se questo significa rendere ai pirati la vita assai più dura.
TAG: p2p
179 Commenti alla Notizia Philips sfida il P2P
Ordina
  • Ma porca l'oca io che compro un dvd/CD e lo regalo o lo scambio a qualcun'altro perchè devo essere considerato un pirata e chi lo prende un criminale!!!

    Se loro non vendono i cd nessuno li copia o li scambia!!!

    Sta storia diventa sempre più invadente rispetto alle libertà personali e sembra che vogliono farci credere che ci macchiamo di un crimine che non esiste!!!

    A natale perchè non ispezionano babbo natale
  • ma voi credete a questo Notizia?

    la pirateria è indistruttibile lo è sempre stato....

    tutto qui!!!!Occhiolino
    non+autenticato
  • Ste cavolate funzionassero,la cosa è altamente inprobabile alla fine mi sembra una protezione tipo le drm...resta il fatto della possibilità per i film di essere rippati in vari modi es. screener...e se non erro esistono ancora le radio e alcune digitali...e da li cosa ascolto roba col fingerprint??
    Bah sti testoni prendono un sacco di soldi per niente!
    non+autenticato
  • Devo dire che sono nauseato da tutte ste S******te che dicono
    cmq in fondo le case produttrici di questi software fantasiosi fanno bene a marciarci sopra... che gli vendano qualsiasi tipo di programma irrealizzabile e non funzionale la cosa che mi fa piu' riflettere e che se andremo avanti cosi il progresso digitale del modo si fermera solo per noi mentre chi avra' i soldi e si potra' permettere software costosissimi godra' delle novita e noi rimarremo fermi al 2003 quando tutti scaricavano tutti compravano e tutti eravamo felici..cerchiamo di pensarci bene alle elezioni magari li qualcosa si puo risolvere..e se non si riuscira' nemmeno li disdiciamo le linee veloci!! unica arma rimastaci per farci sentire
    non+autenticato
  • Senza essere a favore o contro lo scambio di opere protrette,
    qualche considerazione :

    ammesso che il fingerprint possa resistere alla compressione cosa tutt'altro che semplice ,
    ecco risolto il problema dei file spazzatura immessi nelle reti P2P , finalmente ognuno sapra' esattamente cosa sta' scaricando ...

    E se i file spazzarura avessero lo stesso fingerprint ?
    Allora come tracciano il file vero ?

    I provider potranno filtrare i file ... forse , lo faranno se obbligati per legge , pero' dovranno aggiornarsi in hardware , nel frattempo chissa cosa succedera' , qualche sistema per alterare il finger print verra' ideato ed il sistema annullato ,

    risultato : se non si bloccano i file è un'ottima cosa per chi scambia ,
    se invece i file verrano "filtrati" non lo saranno per molto , ed il tutto pagato da chi vorrebbe bloccare la pirateria !!!!

    caspita !
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | Successiva
(pagina 1/10 - 50 discussioni)