Brevetti, la battaglia di Bruxelles

Il Consiglio UE potrebbe approvare la direttiva sui brevetti del software invisa al Parlamento Europeo e agli sviluppatori indipendenti ma appoggiata dai grandi del software. Manifestazione nella capitale belga

Bruxelles - Si avvicina il 17, giorno in cui il Consiglio Ecofin potrebbe approvare una direttiva sui brevetti del software che può mandare all'aria la posizione del Parlamento Europeo, contraria alla brevettazione "all'americana". Una posizione già espressa in passato e ribadita ulteriormente nelle scorse settimane, quando la Commissione giuridica del Parlamento ha approvato una mozione che impone l'azzeramento della proposta e un suo sostanziale ripensamento.

Proprio per il 17 è prevista una manifestazione a Bruxelles organizzata dalla Foundation for a Free Information Infrastructure (FFII), organismo che ha contribuito negli ultimi due anni a raccogliere centinaia di migliaia di operatori e sviluppatori nonché gruppi, associazioni e movimenti politici che nel tempo si sono schierati contro la direttiva.

Se la sua azione è già stata determinante, come quella della campagna di NoSoftwarePatents.com, per portare la questione dei brevetti al centro del dibattito, ora FFII chiede che tutti i soggetti interessati e coinvolti facciano sentire il loro peso ai ministri europei, affinché non si approvi la direttiva con colpi di mano e corsie preferenziali ed anzi si rispetti la volontà del Parlamento Europeo.
In una nota, FFII spiega come le pressioni giunte sul Consiglio dal parlamento spagnolo, dal governo e dal parlamento olandese, abbiano avuto come primo effetto la decisione di rinviare a dopo il 17 in Consiglio ogni decisione in merito, una scelta che dovrà essere confermata e che pare abbia sollevato non pochi malumori in Commissione.

La manifestazione del 17, dunque, vuole essere un monito al Consiglio; come spiega Dieter Van Uytvanc, portavoce di FFII "siamo molto felici che il Consiglio non voglia intraprendere la sua azione (...) ma dovremmo ricordarci che ciò avviene solo per l'azione di alcuni parlamenti nazionali e del Parlamento Europeo". "Il Consiglio e la Commissione - sottolinea Van Uytvanc - hanno dimostrato più volte di non nutrire il benché minimo rispetto per i cittadini europei. Più volte hanno spinto per i brevetti sul software senza tenere presenti le crescenti voci contrarie e la maggioranza del Parlamento Europeo. Basta così, il 17 facciamoglielo capire!"

Tutte le indicazioni per partecipare sono disponibili qui.

Alla manifestazione del 17 parteciperanno anche molti italiani e tra questi gli europarlamentari dei Verdi e del PdCI che hanno già sostenuto la mozione con cui il parlamento italiano si è schierato contro la direttiva. "Va notato - si legge in una nota del PdCI - che è la prima volta che l'europarlamento prende una decisione simile e sarà interessante vedere come reagirà la Commissione e se l'istituzione presieduta da Barroso si sottometterà alla volontà degli eletti del popolo". Il senatore dei Verdi Fiorello Cortiana, da parte sua, ha dichiarato che il rinvio della direttiva decisa dal Consiglio Ecofin "è confortante se è dovuto ad un momento di riflessione per procedere poi al riavvio dell'esame del progetto stesso".
104 Commenti alla Notizia Brevetti, la battaglia di Bruxelles
Ordina
  • Già, per fortuna a tuttoggi un diplomatico del consiglio dei ministri ha detto che la delibera NON è in agenda per il 17.
    Guardate pure qui per conferma:
    http://wiki.ffii.org/Cons050211En
    http://www.eweek.com/article2/0,1759,1764615,00.as...
    non+autenticato

  • leggila e poi segui i link consigliati nella notiziaOcchiolino
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Questo:
    > webshop.ffii.org /
    >
    > Ogni numero è un brevetto GIA'
    > CONCESSO.


    grandioso, solo per la fantasia si meriterebbero un lunghetto, altro che un brevetto.

    non ci posso credere (se non erro brevetto gialappas).

    ciao
  • ...abbasso linux e l'open source e tutte le restanti SCOpiazzature del genio umano

    quando approveranno i brevetti, il pinguino si scioglierà come neve al sole !
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ...abbasso linux e l'open source e tutte le
    > restanti SCOpiazzature del genio umano
    >
    > quando approveranno i brevetti, il pinguino
    > si scioglierà come neve al sole !

    Sì, ma anche voi generazione di schiavi del doppio clic e del visual basic...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > ...abbasso linux e l'open source e
    > tutte le
    > > restanti SCOpiazzature del genio umano
    > >
    > > quando approveranno i brevetti, il
    > pinguino
    > > si scioglierà come neve al sole !
    >
    > Sì, ma anche voi generazione di
    > schiavi del doppio clic e del visual
    > basic...


    Ma lo sa che dovrà pagare M$ per il doppio click ?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > > ...abbasso linux e l'open source e
    > > tutte le
    > > > restanti SCOpiazzature del genio
    > umano
    > > >
    > > > quando approveranno i brevetti, il
    > > pinguino
    > > > si scioglierà come neve al
    > sole !
    > >
    > > Sì, ma anche voi generazione di
    > > schiavi del doppio clic e del visual
    > > basic...
    >
    >
    > Ma lo sa che dovrà pagare M$ per il
    > doppio click ?

    Lasciatelo perdere!!!
    E' solo il solito winaro SCO...rreggione!!!!:D
    non+autenticato
  • Occhio, tu stai potenzialmente violando il mio brevetto sull'anti-trolling preventivo. E comunque hai usato questa strategia troppo tardi.Con la lingua fuori
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ...abbasso linux e l'open source e tutte le
    > restanti SCOpiazzature del genio umano


    Scopiazzature come la libreria libpng ?
    Se almeno Microsoft scopiazzasse le patch come scopiazza le librerie non lascerebbe una vulnerabilità aperta per 6 mesi...



    non+autenticato
  • Non si scioglierà il mondo Unix, ma il mondo Windows.
    Quante sono le aziende che producono un proprio clone di Unix? E quante quelle che producono un clone di Windows?

  • - Scritto da: numerone
    > Non si scioglierà il mondo Unix, ma il mondo
    > Windows.
    > Quante sono le aziende che producono un proprio
    > clone di Unix? E quante quelle che producono un
    > clone di
    > Windows?

    Forse non lo conosci, ma si chiama COPYRIGHT... significa che sostiene l'economia e lo sviluppo dei Paesi... ma a voi dell'open zozz basta nascondervi dietro al solito "ma è gratis!"... e grazie al caxxo! Ci manca ancora che mi fai pagare un sistema che non funziona!

    Per le risposte:
    http://ilmalvi.blogspot.com
    (dai, si capisce che è anche un po' spam? però il resto è serio)
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    >
    > - Scritto da: numerone
    > > Non si scioglierà il mondo Unix, ma il mondo
    > > Windows.
    > > Quante sono le aziende che producono un proprio
    > > clone di Unix? E quante quelle che producono un
    > > clone di
    > > Windows?
    >
    > Forse non lo conosci, ma si chiama COPYRIGHT...

    Unix è soggetto a copyright e in generale non è open source e neppure gratuito.

    Linux, anche se è open source (e comunque non è necessariamente gratuito...), è soggetto pure lui a copyright...

    Detto in altri termini: un'altra vaccata che ti potevi risparmiare !

    non+autenticato
  • Sono quello del link. Chiedo scusa, ma sta sera ho dato libero accesso alla mia macchina a un pirla ed è venuto fuori sto casino. D'ora in poi solo accessi controllati. Chiedo scusa ancora.

    Claudio (autore del blog citato)
    Enrico (il pirla che ha fatto sto casino)
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > ...abbasso linux e l'open source e tutte le
    > restanti SCOpiazzature del genio
    > umano
    >
    > quando approveranno i brevetti, il pinguino si
    > scioglierà come neve al sole
    > !

    SCO ... Bravo... Hai proprio fatto l'esempio giusto: un'azienda sull'orlo del fallimento che ha intascato mucchio di soldi da Microsoft per mettere in cattiva luce Linux e IBM con una causa ridicola che si è smontata da sola... ma evidentemente questi sono i tuoi modelli...
    non+autenticato
  • ...da eventuali furti dell'idea/invenzione

    Se non ci fossero i brevetti chissà quante invenzioni sarebbero state attribuite ai ladri di quartiere e chissà quanti soldoni avrebbero guadagnato illeggittimamente, oscuranto di fatto il vero autore...

    Chi crea qualcosa per guadagnare ha il dovere di applicare un brevetto, chi lo fa per hobby non ha nulla di cui preoccuparsi... per il semplice fatto che un hobbysta non sara' mai tenuto a rispettare alcun brevetto in quando non sussiste il fattore della "commerciabilità".

    E' triste vedere l'orda di ragazzini scolari ignoranti strapparsi i capelli in un forum esplicitamente politico come questo.

    non+autenticato

  • > Chi crea qualcosa per guadagnare ha il
    > dovere di applicare un brevetto, chi lo fa
    > per hobby non ha nulla di cui
    > preoccuparsi... per il semplice fatto che un
    > hobbysta non sara' mai tenuto a rispettare
    > alcun brevetto in quando non sussiste il
    > fattore della "commerciabilità".

    Per carità, non si mette in dubbio che se io invento qualcosa di INNOVATIVO e ORIGINALE ho il diritto di poterla vendere, ma quì si parla di brevetti su idee banali tipo il doppio clic, la barra di scorrimento ed amenità simili! Pensa tu se qualcuno si mette in testa di brevettare (se non è stato già fatto), magari spiegandolo in astrusi termini in legalese, il clic su un pulsante che genere l'esecuzione di un codice... Pensa alla massa di aziende che fanno gestionali... Potrebbero chiudere tutte. Il concetto dei brevetti non è sbagliato, ne è errata l'applicazione che se ne farebbe.

    > E' triste vedere l'orda di ragazzini scolari
    > ignoranti strapparsi i capelli in un forum
    > esplicitamente politico come questo.

    Quì la politica non c'entra niente. C'entra solo che i grossi colossi, che ormai non respirano più, bramano perchè si possa attuare una simile follia, così ne avrebbero da guadagnarci a suon di avvocati e se non ci guadagnano quantomeno distruggono il piccolo concorrente che magari fa prodotti migliori sotto ogni punto di vista. Vuoi pure un esempio di un innominabile monopolista che godrebbe di un simile olocausto?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > Vuoi pure un
    > esempio di un innominabile monopolista che
    > godrebbe di un simile olocausto?

    e chi sarebbe?

    a me viene in mente quella furbastra di IBM... con il maggior numero di brevetti in circolazione
    non+autenticato
  • [cut]
    > E' triste vedere l'orda di ragazzini scolari
    > ignoranti strapparsi i capelli in un forum
    > esplicitamente politico come questo.

    LOL
    :D
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ...da eventuali furti dell'idea/invenzione

    e se io sviluppo l'idea/invenzione in modo indipendente?

    > Se non ci fossero i brevetti

    saremmo tutti più liberi di migliorare le invenzioni in puro stile Open Source.

    il brevetto è un MONOPOLIO a tutti gli effetti

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    >
    > saremmo tutti più liberi di
    > migliorare le invenzioni in puro stile Open
    > Source.

    certamente, ma questo va bene in un mondo di santi...

    esci dalla tua aula e poi riparliamone

    >
    > il brevetto è un MONOPOLIO a tutti
    > gli effetti
    >

    zzo c'entra...?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ...da eventuali furti dell'idea/invenzione

    I brevetti in tutti i campi sono un concetto assurdo e un'anomalia della societa`. La questione dei brevetti sul software, se si insiste abbastanza nello sfruttare quella che e` un'anomalia, potrebbe ritorcersi contro all'intero sistema dei brevetti, e evidenziare la sua assurdita`.

    > Se non ci fossero i brevetti chissà
    > quante invenzioni sarebbero state attribuite
    > ai ladri di quartiere e chissà quanti
    > soldoni avrebbero guadagnato
    > illeggittimamente, oscuranto di fatto il
    > vero autore...

    Se non ci fossero mai stati brevetti, sarei proprio curioso di vedere come sarebbero andate le cose al mondo: piu` implementazioni (protetta da copyright, un diritto umano riconosciuto, e` la specifica implementazione pratica dell'idea teorica; il brevetto protegge l'idea in teoria, ovvero protegge qualcosa di completamente astratto) da piu` produttori, piu` concorrenza, mercato piu` libero, evoluzione piu` rapida dell'implementazione dell'idea, riduzione dei prezzi del prodotto.

    > Chi crea qualcosa per guadagnare ha il
    > dovere di applicare un brevetto, chi lo fa
    > per hobby non ha nulla di cui
    > preoccuparsi... per il semplice fatto che un
    > hobbysta non sara' mai tenuto a rispettare
    > alcun brevetto in quando non sussiste il
    > fattore della "commerciabilità".

    Oh, che bello: "007 Licenza Di Vendere".
    Chiudiamo ancora di piu` la casta degli addetti al commercio?

    > E' triste vedere l'orda di ragazzini scolari
    > ignoranti strapparsi i capelli in un forum
    > esplicitamente politico come questo.

    Esplicitamente politico ce lo vuoi vedere solo te, che per la politica evidentemente (o esplicitamente) hai una vera passione che ti porta a ritrovarla ovunque. Incidentalmente, io essendo programmatore tendo a vedere tutto come un algoritmo. Be', questione di relativita` dei punti di vista, si sa...

    A ogni modo, con la brevettabilita` senza restrizioni, si discute del futuro dell'informatica: e se la politica vuol manovrare l'informatica, allora e` compito di un forum come questo discuterne. E anche di quei ragazzini cantinari ignoranti e comunisti che tanto devi avere sullo stomaco. Guarda un po', io ho sullo stomaco quelli come te... questione di punti di vista, si sa.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ...da eventuali furti dell'idea/invenzione
    >
    > Se non ci fossero i brevetti chissà
    > quante invenzioni sarebbero state attribuite
    > ai ladri di quartiere e chissà quanti
    > soldoni avrebbero guadagnato
    > illeggittimamente, oscuranto di fatto il
    > vero autore...

    e come fai a stabilire che quell'invenzione non esiste da anni, quanto costa fare un processo per dimostrare che qualcosa era già esistente al momento del brevetto.

    Sbaglio ho hanno chiesto il brevetto del doppio click per un tipo di periferica? che tipo di innovazione ha portato, ha solo applicato un cocncetto preesistente ad un nuovo oggetto.

    Quindi nessuna vera innovazione.

    non so perche' poi mi viene in mente Meucci? boh.

    ciao

    p.s. ragazzi oggi ho fatto correre il cane, quanti brevetti ho violato? quanto vi devo? Sorride

CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 18 discussioni)