ICT: ridare centralitÓ alla SocietÓ Civile

Cortiana

Roma - Riportiamo una lettera aperta inviata al ministro all'Innovazione Lucio Stanca dal senatore dei Verdi Fiorello Cortiana.
"Gentile Ministro Stanca,
lo sviluppo della societÓ dell?informazione richiede di rivedere anche i modelli di partecipazione e di definizione dell?agenda politica; questa riflessione era alla base della proposta che come delegato italiano al World Summit on Information Society dell?ONU, nel corso della prima sessione di Ginevra, le feci di avviare un tavolo di consultazione permanente con la SocietÓ Civile per definire il percorso che avrebbe caratterizzato il lavoro verso l?ormai imminente sessione di Tunisi, prevista per Novembre 2005. Colsi con soddisfazione la sua scelta di accogliere tale istanza e farne un punto qualificante della presenza italiana a Ginevra, che in quella sede per di pi¨ rappresentava l?intera Unione Europea.

Non posso non rilevare come da allora tale tavolo abbia tenuto solo una prima riunione, mentre sono gia? diverse le sessioni preparatorie internazionali che si sono tenute in questi mesi. E? ora che si decide se alla sessione di Tunisi avranno ragione quei Paesi che vogliono mettere un giogo governativo alla rete, come la Cina, che arriva alla prossima riunione preparatoria accompagnata da rivelazioni come quella avvenuta ieri, da cui si rileva come quel Paese abbia chiuso d?imperio 12.000 internet point , come dichiarato da alcuni dirigenti cinesi, o se internet potra? continuare ad essere un terreno nuovo e libero di scambio e condivisione. Se il Governo vuole davvero tenere fede all?impegno di un rapporto stretto e proficuo con le istanze della societÓ civile credo che sia urgente convocare il luogo deputato a tale confronto.

Confidando in un positivo riscontro porgo i piu?
cordiali saluti
Senatore Fiorello Cortiana"
TAG: italia