Se lo spammer ti licenzia

C'è chi assume una testa di legno, lo inserisce in azienda e poi spamma a raffica. Se ci sono conseguenze la vittima sacrificale c?è. E tutto (?) si risolve con un licenziamento

Roma - Gentile direttore di Punto Informatico, nel 2001 sono stato assunto con un CO.CO.CO, da una azienda produttrice di speciali valigie. Questa azienda aveva l'esigenza di avere (a quanto pareva all'epoca) un direttore marketing che curasse i rapporti con i clienti importanti. In pochi anni era arrivata a 1,5 milioni di euro l'anno di fatturato, quindi necessitava di un direttore commerciale per lo meno sotto l'aspetto dell'immagine.

Per diversi mesi ho avuto a che fare con grosse aziende, infatti a breve mi fu riconfermato il contratto di lavoro, che prima era di 12 mesi, riaggiornato a 5 anni, con il riconoscimento di importanti provvigioni. In azienda c'era anche un PC che mi era messo a disposizione.

Mi fu anche assegnata una password di per sé non molto difficile da trovare anche da terzi esterni, visto che io stesso mi chiamo così. La titolare, così come altri componenti dell'ufficio hanno sempre utilizzato anche il pc datomi a disposizione (non in esclusiva per quel che mi riguarda).
Per tutta la durata del rapporto di collaborazione, la titolare ha utilizzato un software di spam con il quale reperiva indirizzi e-mail per inviare poi di notte messaggi promozionali. Il tutto avveniva con il pc datomi a disposizione in uno degli ufficio dell'azienda, sia in mia presenza, sia in mia assenza.

Essendo il software predisposto per l'invio tramite l'account di outlook, i messaggi partivano con l'account a me assegnato ma di utilizzo pubblico perchè chiunque leggeva e rispondeva ai messaggi. In pratica io servivo come immagine per l'azienda ma in realtà era l'azienda stessa (la titolare) che rispondeva alle e-mail destinate a quell'account.

Anche io lo utilizzavo ma in maniera molto minore e solo per rapporti con clienti da me procacciati personalmente senza quel software utilizzato solo dall'azienda. L'azienda venne citata dal Garante da parte di una persona che ricevette spam. Visto che la società per mesi ha inviato quotidianamente migliaia di email di spam, se fossero arrivate lamentele al garante di più persone, sarebbe stata obbligata al pagamento di ingenti somme.

Io sapevo che utilizzavano quel software ma non ho mai fatto caso al problema "mittente".
Infatti l'azienda per tutelarsi davanti al garante, al fine di evitare poi di dover pagare non uno ma migliaia di risarcimenti, ha detto che ero io a fare uso illecito di quel software. Per dimostrare la mia responsabilità l'azienda mi ha allontanato, licenziandomi. Il Garante ha tenuto per buona la mancata responsabilità della società, non concedendo i risarcimenti richiesti dai chi si è lamentato dello spam.

Il sottoscritto attualmente è in causa con l'azienda, perchè la titolare ora dice che non ho mai fatto il lavoro che mi era stato chiesto di fare fin dall'inizio, e che il mio allontanamento è motivato dalle mie mancanze professionali (senza alcun preavviso, senza mai alcun richiamo puntualizzo, con un rinnovo di contratto con riconoscimento di alte provvigioni solo qualche mese prima).

Oggi mi pare che la mia assunzione invece sia stato un escamotage per utilizzare quel software, utilizzando un account di posta che riportava il mio nome, tramite un pc che l'azienda aveva messo a mia disposizione, per avere un capro espiatorio qualora siano nati dei problemi.

Addirittura, il giorno dopo il mio allontanamento, in azienda sono stati cancellati tutti i dati dal PC, alcuni del sistema operativo e l'azienda ha attribuito a me questo operato (quanto io quel giorno non potevo esserci perchè il giorno prima mi fecero nemmeno entrare in azienda). Se avessi cancellato io quei file non sarebbe stato possibile appurarlo perché l'avrei saputo fare senza problemi in maniera ottimale.

Sono stato querelato per aver recato danni informatici all'azienda, per aver cancellato file da quel pc rendendolo inutilizzabile, affermando inoltre che su quel pc erano presenti collegamenti a cartelle di altri pc alle quali non ero stato autorizzato ad accedere, ricadendo in gravi reati penali.

Il fatto è che in azienda non ho testimoni che possono affermare che io quel pc non lo utilizzavo quasi mai, che il programma acquistato veniva utilizzato in quel modo o che il giorno del cancellamento io non ero in ufficio perchè allontanato ingiustamente (da quel giorno mai sono tornato in azienda perchè me l'hanno impedito). Quale dipendente andrebbe poi a testimoniare contro il proprio datore di lavoro?

Incredibile come lo spam sia reso possibile a chi realmente voglia utilizzarlo, senza poi incappare in conseguenze. Basta trovare una testa di legno al quale attribuire poi le responsabilità qualora accadano dei problemi.

Spero che venga dato spazio a questa mia storia, al fine di evitare che qualcun altro ci cada.

Lettera firmata
TAG: italia
94 Commenti alla Notizia Se lo spammer ti licenzia
Ordina
  • ...perchè non voglio credere che ci sia veramente qualcuno così ingenuo.

    Mascalzoni loro, ma fesso tu.
  • spam sì, ma lui parte lesa di ben altro

    per es. potrebbero aver abusato del suo nome (che è illegale, forse anche penale)

    il punto è capire chi ...

    ha comprato il computrer e ne è intestatario (immagino l'azienda)

    chi è l'effettivo proprietario dell'account sul computer (anche se si chiama col nome del co.co.co. : Quando qualcuno improvvisa un account "Pippo", il proprietario non è certo il personaggio di Walt Disney ... che al limite può anzi far storie per l'abuso di quel nome )

    chi ha creato l'account e-mail

    a chi è intestato l'account e-mail   (come sopra)

    chi usava / aveva la passeword di quell'account.


    Nel caso di abuso del suo nome, dovrebbe far causa chiedendo i danni (compreso il fatto di aver così perso il lavoro).

  • Sono un tecnico informatico e vorrei fornire dele informazioni tecniche in merito:

    tenendo per buona la tua tesi il giudice dovrà comunque tener conto dei seguenti dettagli tecnici:

    - un amministratore di posta ha la facolta di leggere le email di tutti gli utenti. Inoltre per i dirittti che gode ha anche la facolta di impersonare qualcun altro. Esiste a mio avviso una grave lacuna nozionistica in merito ed un limite tecnologico in quanto a questa cosa dovrebbe essere vietata dal produttore del software. Pertanto anche se tu avessi cambiato la password l'amministratore della posta poteva comunque impersonare te ed usare in maniera impropria il tuo account.
    Era comunque responsabilità del titolare fornirsi di un software (firma digitare, scambio di chiavi) che potesse certificare l'autenticità della persona...senza la quale le sue solo solo supposizioni.
    Per il resto ti auguro una buona fortuna
    non+autenticato
  • infatti... è non è necessario essere il titolare del mailserver. anche i worm-virus trasmettono messaggi con l'indirizzo di email di qualche altro.

    se il pc è stato distrutto, l'azienda non può provare la colpevolezza del collaboratore, come quest'ultimo non può provare la sua innocenza in quanto sarebbe necessaria una perizia.

    IMHO ci sono molti elementi che possono portare a nulla di fatto, ma bisognerebbe conoscere nei dettagli la vicenda, anche se a me sembra una bufala...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > infatti... è non è necessario

    > IMHO ci sono molti elementi che possono
    > portare a nulla di fatto,

    visto che a quanto apre sei più esperto, confermami un cosa:


    un nulla di fatto sulla responsabilità del co.co.co nei confrotni dell'azienda

    Quella co.co.co. (e quindi dell'azienda) o dell'azienda nei confronti dei terzi (i danneggiati da spam) non sarebbe influenzata da qeusto "nulla di fatto".

    giusto?
  • > infatti... è non è necessario
    > essere il titolare del mailserver. anche i
    > worm-virus trasmettono messaggi con
    > l'indirizzo di email di qualche altro.

    Infatti ho ricevuto parecchio spam con la dicitura in fondo pagina:
    Questo non e' spam e se questa mail non e' stata da te richiesta vuol dire che e' stato un virus ad inviartelaA bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta
    La " cretinitivita' " non ha limiti, sopratutto in Italia.

    > IMHO ci sono molti elementi che possono
    > portare a nulla di fatto, ma bisognerebbe
    > conoscere nei dettagli la vicenda, anche se
    > a me sembra una bufala...

    E no, le email "spammatorie" sono arrivate vul dire che qualcuno qualcosa ha "fatto"A bocca aperta
    Faranno 50% a testa della colpa tra azienda e co.co.co come per un incidente stradale dubbio?A bocca apertaA bocca aperta

    Comunque poiche' il lavoratore avra dovuto subire "l'assunzione" con contratto a co.co.co se fossi il giudice direi che ha gia' sofferto abbastanza e darei tutta la colpa all'aziendaA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > > infatti... è non è
    > necessario
    > > essere il titolare del mailserver.
    > anche i
    > > worm-virus trasmettono messaggi con
    > > l'indirizzo di email di qualche altro.
    >
    > Infatti ho ricevuto parecchio spam con la
    > dicitura in fondo pagina:
    > Questo non e' spam e se questa mail non e'
    > stata da te richiesta vuol dire che e' stato
    > un virus ad inviartelaA bocca apertaA bocca apertaA bocca aperta
    > La " cretinitivita' " non ha limiti,
    > sopratutto in Italia.

    Mi sa che non sai leggere. Leggi il primo messaggio e poi il mio. Chi ha parlato di questo? Certo che se si devono spiegare le cose ovvie, siamo messi alla frutta...
    Segui il labiale: non è necessario essere root o Administrator per mandare le email a nome di un altro.

    >
    > > IMHO ci sono molti elementi che possono
    > > portare a nulla di fatto, ma
    > bisognerebbe
    > > conoscere nei dettagli la vicenda,
    > anche se
    > > a me sembra una bufala...
    >
    > E no, le email "spammatorie" sono arrivate
    > vul dire che qualcuno qualcosa ha "fatto"A bocca aperta
    > Faranno 50% a testa della colpa tra azienda
    > e co.co.co come per un incidente stradale
    > dubbio?A bocca apertaA bocca aperta

    Ha fatto chi? come dimostri che è stato il co.co.co a farlo? Devi dimostrare la colpevolezza quando accusi. Se non ci sono prove (se il pc è stato solo formattato è possibile recuperare i dati, ma non vuol dire nulla, significa solo che lo spam è partito da qul PC, non che sia stato effettivamente l'utente in questione e le spiegazioni tecniche le lascio a te visto che sei bravo) è facile che il co.co.co possa essere prosciolto per non aver commesso il fatto.

    > Comunque poiche' il lavoratore avra dovuto
    > subire "l'assunzione" con contratto a
    > co.co.co se fossi il giudice direi che ha
    > gia' sofferto abbastanza e darei tutta la
    > colpa all'aziendaA bocca aperta

    Questo si...A bocca aperta
    non+autenticato
  • > Sono un tecnico informatico e vorrei fornire
    > dele informazioni tecniche in merito:

    IlluminaciA bocca aperta

    > - un amministratore di posta ha la facolta
    > di leggere le email di tutti gli utenti.
    > Inoltre per i dirittti che gode ha anche la
    > facolta di impersonare qualcun altro. Esiste
    > a mio avviso una grave lacuna nozionistica
    > in merito ed un limite tecnologico in quanto
    > a questa cosa dovrebbe essere vietata dal
    > produttore del software.

    Si hai ragione ho piu' volte proposto di limitare i diritti di utenti privilegiati come quello di root nei sistemi unix, ma chissa' perche' tutti mi ridono in facciaA bocca apertaA bocca aperta
    Magari non essendo un tecnico non ho capito come funzionano queste cose' e perche' l'utente amministratore non ha limitazioni da parte del sisetema operativo.

    >anche se
    > tu avessi cambiato la password
    > l'amministratore della posta poteva comunque
    > impersonare te ed usare in maniera impropria
    > il tuo account.

    Ma che subdolo questo amministratore, pensa che io riesco ad inviare email a nome di un'altro senza aver mai amministrato nessun server di posta elettronica.

    > Era comunque responsabilità del
    > titolare fornirsi di un software (firma
    > digitare, scambio di chiavi) che potesse
    > certificare l'autenticità della
    > persona...

    Come da articolo di legge... ??

    >senza la quale le sue solo solo
    > supposizioni.
    > Per il resto ti auguro una buona fortuna
    non+autenticato
  • ... ogni tanto un dipendente licenziato prende il fucile a pompa e fa una strage nella ditta dove lavoravaA bocca aperta
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > ... ogni tanto un dipendente licenziato
    > prende il fucile a pompa e fa una strage
    > nella ditta dove lavoravaA bocca aperta

    Si chiama evoluzionismo di Darwin ed è ciò che insegna il capitalismo Americano.
    Quando non ci sono più regole e vale qualsiasi porcata,anche "preventiva",allora la "lotta per la sopravvivenza" e la "vittoria del migliore" si raggiungono, giustamente, con con qualsiasi mezzo: luddismo e "machine's breaking" insegnano.
    Non sarebbe male, visti i tempi che corrono, ritornare, con certi padroni, alle sane abitudini del milleottocento che è il secolo Darwiniano...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > ... ogni tanto un dipendente licenziato
    > > prende il fucile a pompa e fa una strage
    > > nella ditta dove lavoravaA bocca aperta
    >
    > Si chiama evoluzionismo di Darwin ed
    > è ciò che insegna il
    > capitalismo Americano.
    > Quando non ci sono più regole e vale
    > qualsiasi porcata,anche "preventiva",allora
    > la "lotta per la sopravvivenza" e la
    > "vittoria del migliore" si raggiungono,
    > giustamente, con con qualsiasi mezzo:
    > luddismo e "machine's breaking" insegnano.
    > Non sarebbe male, visti i tempi che corrono,
    > ritornare, con certi padroni, alle sane
    > abitudini del milleottocento che è il
    > secolo Darwiniano...

    Non capisco bene, stai istigando a delinquere? Non sei capace di tirare una bella fregatura allo sfruttatore di turno senza ricorrere a tecniche di cavernicola memoria? Agire in questo modo ti porta definitivamente dalla parte del torto, senza appello.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > > ... ogni tanto un dipendente
    > licenziato
    > > > prende il fucile a pompa e fa una
    > strage
    > > > nella ditta dove lavoravaA bocca aperta
    > >
    > > Si chiama evoluzionismo di Darwin ed
    > > è ciò che insegna il
    > > capitalismo Americano.
    > > Quando non ci sono più regole e
    > vale
    > > qualsiasi porcata,anche
    > "preventiva",allora
    > > la "lotta per la sopravvivenza" e la
    > > "vittoria del migliore" si raggiungono,
    > > giustamente, con con qualsiasi mezzo:
    > > luddismo e "machine's breaking"
    > insegnano.
    > > Non sarebbe male, visti i tempi che
    > corrono,
    > > ritornare, con certi padroni, alle sane
    > > abitudini del milleottocento che
    > è il
    > > secolo Darwiniano...
    >
    > Non capisco bene, stai istigando a
    > delinquere? Non sei capace di tirare una
    > bella fregatura allo sfruttatore di turno
    > senza ricorrere a tecniche di cavernicola
    > memoria?

    Perchè "tirare una bella fregatura" non è istigazione a delinquere?
    O tu sei uno di quelli che fa distinzione tra una schipettata alla schiena e una truffa come quella di Parmalat?
    Certo la seconda non fa il botto, ma il povero vecchio che ci ha messo tutti i risparmi di una vita,
    fidandosi della direttrice di banca cattolica (che Dio la benedica), il botto lo fa eccome.
    "Ciao Callisto !!" e lui fa ciao con la manina e sorride dispiaciuto. Poverino: ha la manina che gli prude,
    non sarà mica infarto? Subito a casa, poverino, tra le coperte e al calduccio! E tra le coperte al calduccio
    dorme anche quella gran porca della direttrice che domenica andrà in chiesa. AAHH ma loro non sono mica dei
    cavernicoli che sparano, loro noo!! Loro sono personcine per bene che ammazzano la gente in silenzio senza
    il BUM del fucile a pompa protetti da leggi e da avvocati.
    E tutte le altre truffe?
    La globalizzazione, la legge Treu/Biagi, le privatizzazioni?

    Agire in questo modo ti porta
    > definitivamente dalla parte del torto, senza
    > appello.

    Rispetto a quale parte della ragione quella che protegge e tutela i Callisti?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > > ... ogni tanto un dipendente
    > licenziato
    > > > prende il fucile a pompa e fa una
    > strage
    > > > nella ditta dove lavoravaA bocca aperta
    > >
    > > Si chiama evoluzionismo di Darwin ed
    > > è ciò che insegna il
    > > capitalismo Americano.
    > > Quando non ci sono più regole e
    > vale
    > > qualsiasi porcata,anche
    > "preventiva",allora
    > > la "lotta per la sopravvivenza" e la
    > > "vittoria del migliore" si raggiungono,
    > > giustamente, con con qualsiasi mezzo:
    > > luddismo e "machine's breaking"
    > insegnano.
    > > Non sarebbe male, visti i tempi che
    > corrono,
    > > ritornare, con certi padroni, alle sane
    > > abitudini del milleottocento che
    > è il
    > > secolo Darwiniano...
    >
    > Non capisco bene, stai istigando a
    > delinquere? Non sei capace di tirare una
    > bella fregatura allo sfruttatore di turno
    > senza ricorrere a tecniche di cavernicola
    > memoria? Agire in questo modo ti porta
    > definitivamente dalla parte del torto, senza
    > appello.
    Beh, vuoi forse dire che il truffatore invece gongola per essere passato dalla parte della ragione? Con un etto di piombo tra le gengive e il cervelletto?
    Per il truffato sbroccato basta un buon avvocato (mi si perdoni la rima, si sa, la classe non è acqua, mi consenta) e fra provocazione grave e momentanea infermità mentale se la cava con due annetti di tranquillanti e prozac in una bella clinica e poi libero e felice a rilasciare interviste e firmare copioni di film e "fikscion" (lo scvivo semplificato, pev voi gente comune, unwashed masses che non masticate l'espevanto, povevi cavi plebei).
    non+autenticato
  • Il capitalismo americano non c'entra un cazzo con "l'evoluzionismo di Darwin" che a sua volta non c'entra un cazzo con la sopravvivenza del più forte, nè del più furbo, nè del più chissacchè, ma è la sopravvivenza di quello che ha più culo: quello che in quel momento, per puro culo, è il più adatto alle condizioni amnìbientali. E questo per rispetto ad una delle più grandi scoperte scientifiche della storia.
    Per quanto riguarda il calibro 12, a pompa o semiautomatico fa lo stesso, analizzando le conseguenze del torto subito è un'ipotesi che prenderei in seria considerazione: tu alla troia e ai suoi tirapiedi gli metti in corpo qualche etto di piombo rovente sotto forma di pallettoni, o palle brenneke, così la morgue deve staccare i pezzi di budella dal muro col raschietto per portarli via.
    Ti becchi l'infermità mentale e dopo un paio d'anni entri in un progetto di recupero e la vita ricomincia... per te, non per loro
    non+autenticato
  • Ciao,
    se mandavano email di notte, fai denuncia all'autorita' giudiziaria in modo da poter recuperare i log dal server di posta del provider che veniva usato per inviare i messaggi, cosi' potrai dimostrare che lo facevano di notte, periodo in cui, spero, non accedevi al PC.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 19 discussioni)