Animalisti ricorrono al mailbombing

Per protestare contro le aziende che sfruttano gli animali per farne pellicce, un gruppo di animalisti mette a punto un software che bombarda i server delle imprese

New York (USA) - La moda lo impone ma alcuni animalisti contrari all'uso delle pellicce di animali hanno intenzione di dare battaglia informatica contro l'industria di settore. Nelle scorse ore hanno messo a segno un primo attacco via Internet ai siti di alcune società, americane e non.

Il gruppo, The Electronic Civil Disobedience (ECD) against the Fur and the Vivisection Industry, a quanto pare ha messo a punto un software che facilita il mailbombing contro le aziende. In particolare, ogni volta che vengono scritti dei messaggi in una chat gestita dal gruppo, un'email viene in automatico spedita a tutte le aziende-target, provocando così l'effetto "bombardamento email".

Un simile genere di attacco ha una funzione dimostrativa, in quanto non disabilita i server delle aziende mettendo semmai a dura prova la loro pazienza, e secondo gli esperti di Messagelabs, società specializzata in sistemi di sicurezza, non è probabilmente sanzionabile dalla legge. Non si tratta infatti di attacchi che sfruttano abusivamente le macchine altrui, come può accadere con i distributed denial-of-service attivati attraverso computer remoti di cui si è preso il controllo, quanto invece i propri server da cui vengono spedite le email.
Un pellicciottoPrese di mira sono fino a questo momento Fur Commission USA, Peek & Cloppenburg, Legacy Trading, MIFUR, la francese Maison de Bonneterie e le tedesche German Fur Institute e Fur & Fashion GmbH. Nessuna delle aziende ha voluto dare credito alla situazione, sebbene la Maison francese abbia ammesso l'esistenza di un attacco, senza fornire ulteriori dettagli.

Sul sito di ECD, mentre scriviamo divenuto irraggiungibile, è apparsa una nota secondo cui "intendiamo premere su quelle aziende e sulle istituzioni responsabili del fatto che volpi o furetti siano ancora cresciuti imprigionati in piccole gabbie al solo scopo di essere uccisi dopo qualche mese".
73 Commenti alla Notizia Animalisti ricorrono al mailbombing
Ordina
  • Va tutto bene (si meritano ben di peggio), ma si può fare di più e meglio, a mio avviso...
    Fare pesantemente pressione contro l'acquisto delle pellicce, ad esempio. Un'idea carina è la seguente: quando vi trovate a che fare con una deficiente impellicciata, qualunque mestiere facciate, applicate rigidamente il vostro mansionario...
    Ad esempio: siete impiegati in posta e avete davanti la stronza impellicciata di turno che vuole fare quattro operazioni? voi siete tenuti ad erogarne tre, poi si deve rimettere in fila... Ineccepibile.
    Siete medici di pronto soccorso? benissimo, curatela e basta, scegliete Orudis invece di Toradol e ricordate che siete tenuti ad essere professionali, non a rincuorarla, né a consolarla...
    Siete imprenditori: mandatela al diavolo, io lo faccio da anni. Potersi scegliere i clienti è l'unico vero vantaggio ascrivibile all'essere imprenditori oggi in questo Paese....
    Siete in macchina e la suddetta stronza tenta di attraversare fuori dalle striscie? non fatela passare e provate a centrare una pozzanghera per schizzarla, se ci riuscite...
    Siete in macchina e lei è sul marciapiedi di destra? un ottimo momento per lavare abbondantemente i vostri vetri, soprattutto se lo schizzetto di destra "tira" un po' troppo a destra (che peccato signora, mi scusi tanto, ma sa non ci vedevo più, è questione di sicurezza, il codice mi obbliga a tenere pulito il parabrezza. Ah! Ah!)...
    Siete impiegati dell'Agenzia delle Entrate?? per la miseria, dateci dentro con le verifiche... (e scoprite da dove vengono tutti sti' soldi da buttare)
    Siete in fila alla cassa con la spesa con un vostro amico e la stronza è lì dietro? fate finta di parlare di donne, di minigonne e jeans a vita bassa, poi dite una cosa del tipo "la pelliccia? ma scherzi?! ingrassa da matti, sembrano tutte delle botti di lardo" (Lei si sentirà grassa, è inevitabile).

    E così via. E' un metodo civile, legalissimo, inattaccabile, percorribile da tutti. Siate creativi! Ma è anche fastidiosissimo e quindi potente, se lo facciamo in tanti.
    Se le stronze impellicciate sapessero che ci sono torme di persone pronte a negare qualsivoglia concessione, favore o gentilezza, ci penserebbero su, credetemi.
    non+autenticato
  • Chi ha opinioni di minoranza spesso non ha altro mezzo che farsi sentire con metodi non convenzionali.

    è però anche vero che

    > è indubbio che l'atto di violenza
    > trova riscontro positivo esclusivamente
    > in coloro che condividono già le idee
    > di chi lo esercita, mentre allontana
    > ancora di più chi la pensa diversamente.

    C'è chi ritiene che esistano cose giuste e cose sbagliate - cioè sostiene l'oggettività in etica - e chi non è d'accordo. Nel primo caso si tende a voler imporre il proprio punto di vista agli altri, nel secondo caso tutto è lecito purché lo voglia il più forte, il più furbo, la maggioranza, il Superuomo eccetera - cioè si tende a vedersi imporre il punto di vista degli altri sul proprio.

    Ma un soggettivista coerente non può neppure dire che non è giusto imporre le proprie idee agli altri.

    Sono migliaia di anni che se ne discute e il gomitolo non s'è ancora sbrogliato. Personalmente mi attengo ai seguenti principi: esaminare le cose da punti di vista diversi è un utile esercizio contro il dogmatismo (Bertrand Russell); non è detto che si debba tollerare le idee degli altri per il solo fatto che a crederci sono, appunto, degli altri (Carlo Oliva); per decidere cos'è male bisogna chiederlo a chi lo subisce (e questa è roba mia: quando qualcuno mi reca un danno non ho nessun dubbio che si tratti di male); il male è perlopiù inscindibile dal bene e ciò fa della vita un inganno senza fondo; quando più che di discutere si tratta di agire afferra il mouse e inizia a cliccare.

    ==================================
    Modificato dall'autore il 16/02/2005 15.13.53
  • Personalmente, sbroglio il gomitolo appellandomi all'equita` di trattamento, che chiamo giustizia assoluta. Da un lato implica la legge del taglione, dall'altro pari opportunita`. In quest'ottica, l'uccisione di un animale che non ha le stesse opportunita` di uccidere il proprio assassino, e` un'ingiustizia.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Alex¸tg
    > Personalmente, sbroglio il gomitolo
    > appellandomi all'equita` di trattamento, che
    > chiamo giustizia assoluta. Da un lato
    > implica la legge del taglione, dall'altro
    > pari opportunita`. In quest'ottica,
    > l'uccisione di un animale che non ha le
    > stesse opportunita` di uccidere il proprio
    > assassino, e` un'ingiustizia.
    Vallo a dire ai leoni che non è giusto che mangino le gazzelle, ma piuttosto sarebbero molto più giusti e sportivi se tentassero di mangiare un elefante.
    D'altra parte il leone è pure avvantaggiato rispetto a noi, perché in Africa tutte le mattine, quando sorge il sole, una gazzella muore, e se è beneducata si premura di farglielo sapere prima, al leone, che ha la colazione già pronta.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo

    > Vallo a dire ai leoni che non è
    > giusto che mangino le gazzelle, ma piuttosto
    > sarebbero molto più giusti e sportivi
    > se tentassero di mangiare un elefante.

    Non mi aspetto che gli animali applichino un qualche concetto avanzato di giustizia; comunque, riescono a rilevare anche loro le iniquita` di trattamento. Prova ad avere due scimmie e a dare sempre una maggior quantita` di cibo a una sola: vedrai come ci rimane male l'altra... E non e` egoismo: egoismo e` volere ANCHE il cibo dell'altra, cosa che la scimmia tendenzialmente farebbe, ma quando non le e` consentito, e` perfettamente in pace con se stessa se e solo se viene trattata equamente.

    > D'altra parte il leone è pure
    > avvantaggiato rispetto a noi, perché
    > in Africa tutte le mattine, quando sorge il
    > sole, una gazzella muore, e se è
    > beneducata si premura di farglielo sapere
    > prima, al leone, che ha la colazione
    > già pronta.

    E` vecchiotta, ormai...
    non+autenticato
  • Fanno bene tanto quelle aziende guadagnano migliaia di euri a pelliccia. E sono stufo di vedere donne anziane in giro con le pelliccie. Manco fossero colorate, tutti marroni e di pessimo gusto.
    Ma compratevi roba di lana che è più economico no?
    Vi piacerebbe che prendessero vostro figlio per farne una pelliccia? non credo quindi non fatelo
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Fanno bene tanto quelle aziende guadagnano
    > migliaia di euri a pelliccia. E sono stufo
    > di vedere donne anziane in giro con le
    > pelliccie. Manco fossero colorate, tutti
    > marroni e di pessimo gusto.
    > Ma compratevi roba di lana che è
    > più economico no?
    > Vi piacerebbe che prendessero vostro figlio
    > per farne una pelliccia? non credo quindi
    > non fatelo


    Guarda che ci sono anche le giovani gnocche con la pelliccia di qualche povera bestiola cresciuta nella riserva di Annabel, compratele dall'amante milanese o padano, ecc, che non ha problemi di conti aperti....
    Le vecchiette impellicciate sono le mogli di questi industrialotti milanesi e padani che, poverine, portano la pelliccia in giro per distinguersi dalle comuni pensionate che si mettono i piumini smessi delle figlie!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Fanno bene tanto quelle aziende guadagnano
    > migliaia di euri a pelliccia. E sono stufo
    > di vedere donne anziane in giro con le
    > pelliccie. Manco fossero colorate, tutti
    > marroni e di pessimo gusto.
    > Ma compratevi roba di lana che è
    > più economico no?
    > Vi piacerebbe che prendessero vostro figlio
    > per farne una pelliccia? non credo quindi
    > non fatelo

    Io vorrei farmi un giubbotto con la pelle del mio capoufficio, ma pare che non si può fare
    In lacrime
    non+autenticato

  • - Scritto da:
    > Fanno bene tanto quelle aziende guadagnano
    > migliaia di euri a pelliccia. E sono stufo di
    > vedere donne anziane in giro con le pelliccie.
    > Manco fossero colorate, tutti marroni e di
    > pessimo
    > gusto.
    > Ma compratevi roba di lana che è più economico no?
    > Vi piacerebbe che prendessero vostro figlio per
    > farne una pelliccia? non credo quindi non
    > fatelo

    E per la lana cosa pensi che usino? Già hai ragione... le pecore non sono animali!!
    Se volete fare gli animalisti almeno siate coerenti sennò state zitti che è meglio!!!
    non+autenticato
  • DARE LA DIGNITA' ALL'UOMO E' ALL'ORIGINE DI TUTTE LE COSE.(Proverbio nativo)
    non+autenticato
  • http://www.novivisezione.org/mostra/

    poi dopo parliamo di libertà di pensiero e del resto delle chiacchiere che si possno leggere nei vari commenti...
    non+autenticato
  • non mi prendo nemmeno la briga di andare a guardare.
    Se volete essere attivi contro le pellicce sensibilizzate la gente ma non provate danni.
    Chi provoca i danni è dalla parte del torto, oppure vogliamo dire che il fine giustifica i mezzi???
    Se nessuno compra più pellicce, i pelliciai cercheranno un nuovo lavoro. Tutto il resto sono solo alti ideali per giustificare atti di vandalismo ai quali alcuni dei cari amici animalisti ci hanno ormai abituato da tempo col risultato di rendersi antipatici e spregevoli agli occhi della gente che vorrebbero sensibilizzare. complimentoni, ottimo lavoro!!!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > non mi prendo nemmeno la briga di andare a
    > guardare.
    ...
    > alcuni dei cari amici animalisti ci hanno
    > ormai abituato da tempo col risultato di
    > rendersi antipatici e spregevoli agli occhi
    > della gente che vorrebbero sensibilizzare.
    > complimentoni, ottimo lavoro!!!

    agli occhi di quelli come te forse,
    gli amici animalisti dovrebbero essere molto presuntuosi per pensare di sensibilizzare tutti i pellicciai o i consumatori, oppure dovrebbero essere aiutati, chesso' magari gli diamo una rete nazionale, per mandare video a rotazione, vedi che cosi in 2 settimane hai sensibilizzato tutti.
    come? cosa? dici che nessuno gli dara' mai spazio perche' non e' redditizio? l'industria della pellicceria e' patrimonio nazionale?
    ah ok allora useranno i mezzi che hanno.
    che il fine giustifichi i mezzi e' un principio che nessuno puo' affermare ( in democrazia ) tuttavia gli accadimenti storici risentono di questa interpretazione distorta e riduttiva del pragmatismo americano, perche' un privato cittadino dovrebbe comportarsi diversamente con la societa' rispetto a come la societa' si comporta con lui?

    ultima cosa, i cari amici animalisti,
    sono amici degli animali, non dei protobigottipseudocivili come te. con tutte le occasioni che ci sono per richiamare personaggi illustri e strapagati all'educazione civica
    prendersela con questi esprime l'apertura mentale di uno che ha studiato dai gesuiti
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > non mi prendo nemmeno la briga di andare a
    > guardare.
    > Se volete essere attivi contro le pellicce
    > sensibilizzate la gente ma non provate
    > danni.

    E perchè mai ti fanno particolarmente pena i produttori di pellicce? Forse hai qualche parente che lavora nel settore?
    A parte questo, ancora non riesco a capacitarmi dell'ingenuità di chi confonde il "giusto" con il "legale": sono due concetti profondamente diversi, basti pensare allo schiavismo o l'antisemitismo istituzionali, roba di pochi anni fa se non ve lo ricordate.

    > Se nessuno compra più pellicce, i
    > pelliciai cercheranno un nuovo lavoro. Tutto
    > il resto sono solo alti ideali per
    > giustificare atti di vandalismo ai quali
    > alcuni dei cari amici animalisti ci hanno
    > ormai abituato da tempo col risultato di
    > rendersi antipatici e spregevoli agli occhi
    > della gente che vorrebbero sensibilizzare.
    > complimentoni, ottimo lavoro!!!

    Su questo hai ragione, è indubbio che l'atto di violenza trova riscontro positivo esclusivamente in coloro che condividono già le idee di chi lo esercita, mentre allontana ancora di più chi la pensa diversamente.

  • - Scritto da: Anonimo
    > non mi prendo nemmeno la briga di andare a
    > guardare.
    > Se volete essere attivi contro le pellicce
    > sensibilizzate la gente ma non provate
    > danni.
    > Chi provoca i danni è dalla parte del
    > torto, oppure vogliamo dire che il fine
    > giustifica i mezzi???
    > Se nessuno compra più pellicce, i
    > pelliciai cercheranno un nuovo lavoro. Tutto
    > il resto sono solo alti ideali per
    > giustificare atti di vandalismo ai quali
    > alcuni dei cari amici animalisti ci hanno
    > ormai abituato da tempo col risultato di
    > rendersi antipatici e spregevoli agli occhi
    > della gente che vorrebbero sensibilizzare.
    > complimentoni, ottimo lavoro!!!

    Si si ottimo ragionamento, smettiamo pure di scioperare tanto ormai è troppo tardi, quando la gente comincia a ragionare così è il momento di tornare indietro di 100 anni. Poi ci saranno di nuovo le battaglie per la libertà e rifaremo tutto da capo...

    Se dimenticata la storia si ripete.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > www.novivisezione.org/mostra /
    >
    > poi dopo parliamo di libertà di
    > pensiero e del resto delle chiacchiere che
    > si possno leggere nei vari commenti...

    e mia nonna che scotennava i maiali e tirava il collo alle galline. E allora?


    vuoi forse affermare il princìpio secondo il quale il fine giustifica i mezzi (come ha follemente scritto uno)? Bene, mi armerò di piede di porco e spray e andrò a scrivere dappertutto BERLUSCONI CVLO rompendo più vetrine possibili. Ma è mai possibile che ci sia gente che ci caschi? Tentano di emotivizzarvi!
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)