Intel, più vicini i chip alla luce

Il chipmaker annuncia la realizzazione di un dispositivo laser basato sul silicio che stabilisce una nuova pietra miliare verso la creazione di chip fotonici velocissimi

Santa Clara (USA) - Un team di ricercatori di Intel ha messo a punto quello che definisce "il primo laser continuo al silicio", uno dei mattoni fondamentali con cui, nel prossimo futuro, sarà possibile costruire chip "fotonici".

"Abbiamo dimostrato per la prima volta che il tradizionale silicio può essere utilizzato per costruire dispositivi che amplificano la luce", ha spiegato Mario Paniccia, director del Photonics Technology Lab di Intel.

Sfruttando un fenomeno fisico chiamato "effetto Raman" e avvalendosi di processi produttivi standard, Intel è riuscita a costruire un dispositivo capace di emettere un costante fascio di luce: tale fascio può essere modulato in un flusso di impulsi che rappresentano i dati.
Ciò che distinguerà i futuri chip fotonici da quelli convenzionali sarà proprio la sostituzione dei transistor con più veloci e flessibili modulatori di luce. Tali chip, secondo Intel, potranno inizialmente essere utilizzati nel campo delle comunicazioni e in quello medico ma, in futuro, potrebbero costituire la base di microprocessori con potenze di calcolo elevatissime.

Intel ha spiegato che fino ad oggi per la produzione di dispositivi ottici commerciali sono stati utilizzati di preferenza materiali costosi e poco diffusi, che richiedono processi di produzione complessi e che quindi ne limitano l'utilizzo a mercati specializzati come quelli delle WAN (Wide Area Network) e delle telecomunicazioni.

"La possibilità di produrre laser continui avvalendosi del comune silicio dimostra che quest'ultimo può essere utilizzato come materiale per trasferire i vantaggi della fibra ottica ad ampia larghezza di banda in una gamma molto più ampia di applicazioni per il computing e le comunicazioni".

La più grande potenzialità dei chip fotonici è data dalla possibilità di utilizzarli per costruire sistemi che non sono situati in un unico luogo fisico ma le cui parti comunicano ad altissima velocità attraverso la luce. Questa tecnologia renderà anche possibile lo sviluppo di una nuova classe di applicazioni di computing per la trasmissione di video ad alta definizione verso le case centinaia o addirittura migliaia di volte più velocemente di quanto sia possibile oggi.

Maggiori dettagli sul nuovo dispositivo laser di Intel si trovano qui.
37 Commenti alla Notizia Intel, più vicini i chip alla luce
Ordina
  • Salve, sono un tesista e sto facendo una tesi sull'applicazione dei cristalli fotonici bidimensionali come guida d'onda angolata con cavita risonante.Avete del materiale?????Help ME
    la mia mail è nicoing1@virgilio.it
  • hai almeno letto cosa c'è scritto??
    Fan Linux
    non+autenticato
  • bello parlare di quello che non si conosce, studiati un po' di relatività generale e ristretta va
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > bello parlare di quello che non si conosce,
    > studiati un po' di relatività
    > generale e ristretta va

    bello fare il sapientone
    studiati un po' di umiltà
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > bello parlare di quello che non si conosce,
    > studiati un po' di relatività
    > generale e ristretta va

    concordo in pieno, anche se la rel. generale nn serve molto a questi scopi... bastano le equazioni di Maxwell e la RR
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > bello parlare di quello che non si conosce,
    > studiati un po' di relatività
    > generale e ristretta va

    Eh, ma come siete acidi... mi sa che era solo una battuta, del tipo "se Intel andrà alla velocità della luce, AMD andrà più veloce della luce"!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > - Scritto da: Anonimo
    > > bello parlare di quello che non si
    > conosce,
    > > studiati un po' di relatività
    > > generale e ristretta va
    >
    > Eh, ma come siete acidi... mi sa che era
    > solo una battuta, del tipo "se Intel
    > andrà alla velocità della
    > luce, AMD andrà più veloce
    > della luce"!

    c'è un problema di fondo la velocità della luce è un limite invalicabileSorride
    quindi AMD potrà al massimo andare alla stessa velocità di Intel e quindi alla velocità della luce!

    ciao

    igor

  • Ma questo forum pullula di nuovi Newton!! Forse la differenza con Newton, quello vero, sta nel fatto che lui probabilmente avrebbe colto lo spirito ironico del messaggioOcchiolinoA bocca aperta

    PS Prima che vi scateniate... era semplice sarcasmo, non prendetevi così sul serio. Altrimenti, AMEN!Con la lingua fuori
    non+autenticato
  • questo è il perfezionamento di un metodo già conosciuto e non ricerca scientifica.
    In Spagna,Irlanda,Inghilterra e Germania si sta facendo vera ricerca cercando di costruire dispositivi che utilizzino cristalli fotonici 1D, 2D o 3D invece del silicio.
    Dispositivi con elevati rendimenti dell'ordine massimo del nanometro e che vengono utilizzati per applicazioni cosi diverse che neanche vengono immaginate e che formano la neonata branca della nanofotonica e che stanno formando la base per la costruzione dei primi dispositivi con cumputazione a livello quantistico e connessione ottica che già sono stati progettati in forma primitiva.

    Quella di Intel più che ricerca è una soluzione commerciale per produrre dispositivi ibridi con cui riempire altri soldi in attesa che altri completino le proprie ricerche.

    Intanto l'Europa (e anche la Russia e il Giappone in parte) è all'avanguardia.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > dispositivi che utilizzino
    > cristalli fotonici 1D, 2D o 3D invece del
    > silicio.

    Mi fai qualche esempio di cristallo fotonico?
    Che io sappia il silicio è il mattone base dei cristalli fotonici.

    > Dispositivi con elevati rendimenti
    > dell'ordine massimo del nanometro

    Rendimento misurato in nanometri?

    > vengono utilizzati per applicazioni cosi
    > diverse che neanche vengono immaginate

    I cristalli fotonici vengono già utilizzati in queste applicazioni che non vengono neanche immaginate?
    E come si fa ad utilizzarli se le applicazioni non vengono neanche immaginate?


    > Quella di Intel più che ricerca
    > è una soluzione commerciale per
    > produrre dispositivi ibridi con cui riempire
    > altri soldi in attesa che altri completino
    > le proprie ricerche.

    I soldi si riempiono...
    non+autenticato
  • Come al solito da questi articoli non si capisce nulla!!!

    Ogni volta che si dovrebbe parlare di qualche ricerca scientifica, invece si usano solo parole roboanti e si punta solo l'indice a favolose quanto indicibili (cosi' non vengo dette) applicazioni e guadagni

  • - Scritto da: AnyFile
    > Come al solito da questi articoli non si
    > capisce nulla!!!
    >
    > Ogni volta che si dovrebbe parlare di
    > qualche ricerca scientifica, invece si usano
    > solo parole roboanti e si punta solo
    > l'indice a favolose quanto indicibili (cosi'
    > non vengo dette) applicazioni e guadagni

    Non ci si capisce nulla perchè non sono discorsi da bar...
    Io ho iniziato ora il corso di Fisica dei Materiali per la Fotonica e vi assicuro che ne è già passata di acqua sotto i ponti da quando ho iniziato a studiare fisica.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > dispositivi che utilizzino
    > > cristalli fotonici 1D, 2D o 3D invece
    > del
    > > silicio.
    >
    > Mi fai qualche esempio di cristallo fotonico?
    > Che io sappia il silicio è il mattone
    > base dei cristalli fotonici.
    >
    > > Dispositivi con elevati rendimenti
    > > dell'ordine massimo del nanometro
    >
    > Rendimento misurato in nanometri?
    >
    > > vengono utilizzati per applicazioni cosi
    > > diverse che neanche vengono immaginate
    >
    > I cristalli fotonici vengono già
    > utilizzati in queste applicazioni che non
    > vengono neanche immaginate?
    > E come si fa ad utilizzarli se le
    > applicazioni non vengono neanche immaginate?
    >
    >
    > > Quella di Intel più che ricerca
    > > è una soluzione commerciale per
    > > produrre dispositivi ibridi con cui
    > riempire
    > > altri soldi in attesa che altri
    > completino
    > > le proprie ricerche.
    >
    > I soldi si riempiono...

    A me pare che il commento che hai citato fosse molto interessante ed intelligente, anche se un po' carente quanto ad argomentazione (del resto è un post in un forum, non un trattato di fisica) ma non capisco il perchè della tua vena ironica. La tua replica è solo un mettersi in mostra che, oltre ad evidenziare le lacune dell'altro commento, non ha dato nessun contributo alla discussione.
    Se si vuole approfondire una discussione si può farlo costruttivamente anche senza prendere le parti di "mister sapientino so tutto io".

    Ciao

    PS molte persone scrivono frettolosamente nei forum, visto che su internet è comunemente accettato l'uso di un linguaggio informale. Trovo davvero stupido, oltre che maleducato, mettersi a puntualizzare sugli altrui errori di scrittura.

    non+autenticato
  • Ma questi chip sono dunque immuni da interferenze elettromagnetiche ?
    E non producono nemmeno inquinamento elettromagnetico ?
    Sarebbe davvero un bel passo avanti!
    non+autenticato
  • Il Laser è luce polarizzata.Quindi si parla di campi elettromagnetici.
    Quindi il passo in avanti non c'è anche perchè usare il laser su silicio solo per avere delle connessioni ottiche non cambia la sostanza della questione visto che i dispositivi sono sostanzialmente gli stessi.

    - Scritto da: Anonimo
    > Ma questi chip sono dunque immuni da
    > interferenze elettromagnetiche ?
    > E non producono nemmeno inquinamento
    > elettromagnetico ?
    > Sarebbe davvero un bel passo avanti!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Il Laser è luce polarizzata.Quindi si
    > parla di campi elettromagnetici.
    > Quindi il passo in avanti non c'è
    > anche perchè usare il laser su
    > silicio solo per avere delle connessioni
    > ottiche non cambia la sostanza della
    > questione visto che i dispositivi sono
    > sostanzialmente gli stessi.
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Ma questi chip sono dunque immuni da
    > > interferenze elettromagnetiche ?
    > > E non producono nemmeno inquinamento
    > > elettromagnetico ?
    > > Sarebbe davvero un bel passo avanti!

    Ehy ragazzi...

    ...ma state scherzando o cosa?!?!
    "inquinamento elettromagnatico",
    avete un'idea degli ordini di grandezza di cui si sta parlando?
    Se si, allora immagino starete ben lontani dai pericolosissimi (e famigerati) telefoni cellulari...
    Oppure preferirete crepare di chissache puittosto che effetturare una "inquinantissima" radiografia...
    Gia che ci siete, non usate occhiali da sole con lenti polarizzate, in quanto "luce polarizzata.Quindi si
    parla di campi elettromagnetici"...
    Che non risolverebbero il problema.In lacrime

    ==================================
    Modificato dall'autore il 18/02/2005 2.18.42
    non+autenticato

  • - Scritto da: brunposta
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Il Laser è luce
    > polarizzata.Quindi si
    > > parla di campi elettromagnetici.
    > > Quindi il passo in avanti non c'è
    > > anche perchè usare il laser su
    > > silicio solo per avere delle connessioni
    > > ottiche non cambia la sostanza della
    > > questione visto che i dispositivi sono
    > > sostanzialmente gli stessi.
    > >
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > > Ma questi chip sono dunque immuni
    > da
    > > > interferenze elettromagnetiche ?
    > > > E non producono nemmeno
    > inquinamento
    > > > elettromagnetico ?
    > > > Sarebbe davvero un bel passo
    > avanti!
    >
    > Ehy ragazzi...
    >
    > ...ma state scherzando o cosa?!?!

    il secondo penso proprio di sì, visto che prendeva in giro le paranoie del primo "ma non ci sarà inquinamento elettromagnetico" spiegandogli candidamente che anche la luce fa parte del fenomeno elettromagneticoA bocca aperta


  • - Scritto da: jokanaan
    >
    > - Scritto da: brunposta
    > > - Scritto da: Anonimo
    > > > Il Laser è luce
    > > polarizzata.Quindi si
    > > > parla di campi elettromagnetici.
    > > > Quindi il passo in avanti non
    > c'è
    > > > anche perchè usare il laser
    > su
    > > > silicio solo per avere delle
    > connessioni
    > > > ottiche non cambia la sostanza
    > della
    > > > questione visto che i dispositivi
    > sono
    > > > sostanzialmente gli stessi.
    > > >
    > > > - Scritto da: Anonimo
    > > > > Ma questi chip sono dunque
    > immuni
    > > da
    > > > > interferenze
    > elettromagnetiche ?
    > > > > E non producono nemmeno
    > > inquinamento
    > > > > elettromagnetico ?
    > > > > Sarebbe davvero un bel passo
    > > avanti!
    > >
    > > Ehy ragazzi...
    > >
    > > ...ma state scherzando o cosa?!?!
    >
    > il secondo penso proprio di sì, visto
    > che prendeva in giro le paranoie del primo
    > "ma non ci sarà inquinamento
    > elettromagnetico" spiegandogli candidamente
    > che anche la luce fa parte del fenomeno
    > elettromagneticoA bocca aperta

    Beh magari non tutte le frequernze inquinano allo stesso modo; magari ci sarebbe da discutere sul significato di inquinamento elettromagnetico ma credo che ci siamo capiti.
  • - Scritto da: brunposta

    > Gia che ci siete, non usate occhiali da sole
    > con lenti polarizzate, in quanto "luce
    > polarizzata.

    giusto per pignoleriaOcchiolino

    le lenti polarizzate fanno passare solo una parte della luce che ariva (quella polarizzata in un dato modo), per cui riduce la luce (onde elettromagnetiche) eh vi pasano attraverso.

    Cosa che -anche senza complicate spiegaizoni ellettromagnetiche- si capisce anche .. .ad occhio.


    Per cui i nostri simpatici colleghi di forumA bocca aperta che hanno così paura delel generiche radiazioni elettromagnetiche,
    dovrebbero anzi fare ampio uso di lenti polarizzate.


    p.s. che poi ...
    - Scritto da: Anonimo
    > Il Laser è luce polarizzata.Quindi si
    > parla di campi elettromagnetici.

    la luce prodotta da un laser non è -genericamente- polarizzata. (a meno che di non fare apposta uno strumento laser che produca luce ceh sia anche polarizzata. Ma questo non è il caso generale ...)

    Strumenti per produrre laser che, per la cronaca, sono   "una delle macchine meno efficienti costruite dall'uomo"
    (dove "meno efficiente" non è un insultoOcchiolino ma va inteso nel corretto significato scientifico, e cioè termodinamico).

    ==================================
    Modificato dall'autore il 18/02/2005 10.50.20
  • si e vero il laser è un'onda eletrromagnetica....
    pero' e luce... non è un'antenna radio

    basta uno schermo polarizzato(contrario all'onda) per bloccare l'irradiazione

    si parla di chip mica di antenne o trasformatori
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > si e vero il laser è un'onda
    > eletrromagnetica....
    > pero' e luce... non è un'antenna radio
    >
    > basta uno schermo polarizzato(contrario
    > all'onda) per bloccare l'irradiazione

    Veramente basta un foglio di carta scuro... o al massimo una pellicola di alluminio...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo

    > basta uno schermo polarizzato(contrario
    > all'onda) per bloccare l'irradiazione

    perché, il matreriale che avvolge il processore no?A bocca aperta
  • - Scritto da: Anonimo
    > Il Laser è luce polarizzata.Quindi si
    > parla di campi elettromagnetici.
    > Quindi il passo in avanti non c'è
    > anche perchè usare il laser su
    > silicio solo per avere delle connessioni
    > ottiche non cambia la sostanza della
    > questione visto che i dispositivi sono
    > sostanzialmente gli stessi.

    E un segnale luminoso in conduttore ottico a che tipo di interferenze (esterne) sarebbe soggetto?

    ==================================
    Modificato dall'autore il 18/02/2005 3.32.03
  • beh se lo fai passare vicino al sole sarebbe soggetto ad una distorsione causata dal campo gravitazionale del soleA bocca aperta
    non+autenticato