Amazon ora accessibile ai non vedenti

Il sitone dello shopping si aggiorna e con enorme ritardo vara una versione finalmente accessibile. I particolari

Roma - Ci sono voluti anni ma alla fine Amazon.com, notissimo pioniere dell'e-commerce su internet, ha varato una versione del proprio sito per consentire l'accesso anche ai non vedenti.

La nuova versione è studiata per permettere la consultazione delle pagine a chi utilizza i software speciali di lettura delle schermate che traduce i tag Web e il testo in voce oppure in "caratteri Braille".

Per rendere accessibile il sito, "Amazon Access" punta naturalmente sul testo a scapito degli elementi grafici tipici del sito Amazon.com e rende i link ipertestuali accessibili dai software speciali.
Quello dell'accessibilità per i non vedenti è un tema che con grande ritardo ha iniziato a far breccia di recente, a partire dai siti istituzionali, anche italiani, che per primi hanno lanciato versioni speciali seguendo gli standard tecnologici messi a punto in questi mesi.

La piattaforma di utilizzo per Amazon Access è una versione aggiornata del sistema di commercio elettronico mobile di Amazon, che già consente di accedere alle pagine del sito attraverso strumenti wireless.

Amazon Access è disponibile all'indirizzo http://www.amazon.com/access.
TAG: mondo
8 Commenti alla Notizia Amazon ora accessibile ai non vedenti
Ordina
  • Con quale software un cieco puo' consultare una pagina web?
    e quali software puo' utilizzare un webmaster per creare pagine fruibili anche per i ciechi?

    Ci sono siti italiani?

    Scusate tutte queste domande ma credo che la cosa sia molto interessante

    Grazie per le risposte
    non+autenticato
  • Ciao,
    uno dei software utilizzati dai non vedenti e' Jaws, un browser vocale che legge (si, proprio con voce sintetizzata) le pagine web e permette alla persona di navigare e sfruttare il suo contenuto.

    Strumenti per lo sviluppatore ce ne sono, basta seguire con occhio attento le linee guida del W3C, nella WAI (Web Accessibility Initiative) che puoi leggere su http://www.w3.org/WAI (inglese). Ovviamente è possibile eseguire test sull'accessibilità in laboratori attrezzati, che siti come Amazon possono permettersi e, anzi, dovrebbero usare.

    Siti italiani a riguardo:

    http://www.bazzmann.com
    http://www.usabile.it (parla di usabilità, ma è interessante ugualmente)
    http://www.webusabile.it

    Spero di averti fatto cosa gradita... :c)

    Bai! ;c)
    non+autenticato
  • Una lodevole iniziativa, non c'è che dire.

    Solo una domanda: a cosa serve REALMENTE ad un non vedente accedere alla più grande libreria del mondo ? :-?
    Sì, d'accordo, Amazon vende anche qualche altro aggeggio, ma sostanzialmente vende libri (alcuni costano un occhio, vabbè...) e non certo in versione Braille.
    non+autenticato
  • Quando perderai la vista e vorrai acquistare un libro od un CD, allora ne riparliamo...

    non+autenticato

  • Quando perderai la vista e vorrai acquistare
    un libro, avrai anche bisogno di qualcuno che te lo legge.
    Pensare prima di scrivere, ragazzo... accertati di aver capito il senso, prima di rispondere ad un post.
    non+autenticato
  • Forse non sai che già da un adecina di anni esistono i programmi Ocr, cioè programmi che si usano abbinati ad uno scanner di immagini e permettono di trasformare in testo un qualunque libro /rivista a stampa; anzi i ciechi sono stati i primi ad usare tali programmi ancora sotto dos, apppunto un adecina di anni fa; ora questi programmi sono il principale mezzo di lettura dei ciechi che usano il computer..
    Poi c'è il discorso dei libri digitali che sta prendendo piede, che sono un'ulteriore salto in avanti per i non vedenti, in quanto si elinerebbe anche il noioso lavoro di scanzione dei testi, scansione che non è certo priva di errori, anche se gli Ocr hanno fatto passi enormi in termini di correttezza del riconoscimento..
    non+autenticato
  • Finalmente amazon ci ha pensato... ma quanti sono i siti che a tutt'oggi non sono ancora accessibili?e spesso non e' necessario fare un sito parallelo ma basterebbe mettere qualche alt-tag nel codice html!
    non+autenticato
  • Si in effetti creare un sito accessibile non è affatto difficile anche per un webmaster non espertissimo, e non significa affatto rinunciare all'estetica o alla grafica; basta ricordarsi di poche regole (vedere link passati su altri thread), che tra l'altro sono spesso valide anche per chi non ha problemi di vista ma ha connessioni lente (e preferisce disabilitare le immagini) o monitor piccoli ecc..
    Comunque c'è da dire che il sito amazon non era neanche uno fra i peggiori in quanto ad inacessibilità.. anzi..
    non+autenticato