Intercettazioni, gli operatori si scaldano

Dopo la diffusione delle notizie di TIM sul controllo dei cellulari l'associazione di settore preme sul Governo per una riunione immediata. Il denaro pubblico non copre gli oneri del monitoraggio

Roma - C'è maretta tra operatori di telefonia mobile ed istituzioni, un clima difficile che si è reso palese nei giorni scorsi con le notizie diffuse da TIM e che ora si concretizza in una richiesta formale dell'associazione di settore ASSTEL di un incontro urgente con il Governo. In ballo non ci sono i diritti degli utenti, qui si parla di denaro pubblico.

Come noto, TIM ha dichiarato di poter rendere intercettabili per conto della magistratura non più di 5mila linee, un limite che è stato raggiunto perché sono aumentate esponenzialmente le richieste provenienti all'azienda dalle Procure italiane, dal ministero della Giustizia e dalla Direzione nazionale antimafia.

In un documento trasmesso alla magistratura dai responsabili della sicurezza di TIM, l'azienda tra le righe dimostra di soffrire l'attuale situazione, di certo onerosa per le proprie tasche, e spiega che "trattandosi di prestazioni obbligatorie, è stato avviato uno studio di fattibilità per la realizzazione di un ulteriore incremento di postazioni". Si tratta insomma di passare dal limite attuale delle 5mila linee a quota 7mila.
Allo stato comunque TIM è il primo operatore di telefonia mobile ad aver avvertito che finché non saranno disponibili le nuove infrastrutture "potrebbe essere ritardata l'esecuzione dei decreti di intercettazione, qualora, come prevedibile, il trend di incremento dovesse proseguire". Una questione delicatissima, evidentemente, sulla quale prossimamente Punto Informatico cercherà di far chiarezza. Anche perché TIM ha spiegato che nuove linee intercettabili potranno essere disponibili soltanto quando cesseranno quelle già "attive". Sono dichiarazioni forti in merito ad una questione che appartiene a quella schiera di faccende che difficilmente arrivano sui media e, coperte da un alto tasso di riservatezza, vengono tradizionalmente risolte senza troppo clamore.

ASSTEL per bocca del suo presidente Pietro Guindani ha ricordato che "le prestazioni richieste agli operatori di telecomunicazioni sono definite dalla legge come obbligatorie, ma ad esse deve far riscontro un corrispettivo, costituito dal ristoro di tutti i costi sostenuti". Come a dire che sì, le intercettazioni si fanno come prescritto dalla legge ma il pagamento dei corrispettivi da parte dello Stato si fa attendere. E questo, evidentemente, contribuisce non poco all'"emergenza", se così la si può definire, annunciata da TIM.

Per rafforzare il concetto, ASSTEL ha inviato una lettera al ministero della Giustizia, e per conoscenza a quello delle Comunicazioni e dell'Economia, in cui richiede un incontro tra le parti per definire due punti ritenuti essenziali:
1. modalità di erogazione delle prestazioni, attraverso la stesura di un "repertorio";
2. contestuale determinazione di tutti i costi relativi alle prestazioni obbligatorie richieste, comprensivi degli investimenti necessari per la fornitura dei servizi.

"Tale riunione - afferma Guindani - è indispensabile per non compromettere la gestione delle richieste provenienti dalle singole Procure, nonché la programmazione degli investimenti economici necessari per effettuare i servizi richiesti".
39 Commenti alla Notizia Intercettazioni, gli operatori si scaldano
Ordina
  • la cosa è davvero preoccupante, sembra che il numero di
    intercettazioni telefoniche e ambientali sia in netto aumento.

    qui sotto linko un blog che si occupa dell'argomento:

    www.tistannoascolatando.net

    possibile che non si riesca ad avere un po' di privacy ???
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > la cosa è davvero preoccupante, sembra che il
    > numero di
    > intercettazioni telefoniche e ambientali sia in
    > netto aumento.

    E dopo "They Live"...

    ... "They Listen"Deluso

    > possibile che non si riesca ad avere un po' di
    > privacy ???

    Quella bisogna difenderla ogni giorno.
    non+autenticato
  • Numero controllato 1034: "Papà, sei pronto con la pasta e l'acqua? Sto arrivando..."
    Interlocutore: "E certo che la sto preparando, e sbrigati no? E' quasi pronta la puttanesca"
    Numero controllato 1034: "Ok, arrivo, ciao"

    Rapporto della DIGOS sul numero 1034: "Niente di rilevante oggi"

    Sui giornali del giorno successivo: "Pescatore trova per caso cadavere di donna in fondo al canale con i piedi affondati in una zolla di cemento. La vittima era conosciuta negli ambienti della prostituzione, forse uno sgarro..."

    Potenza delle intercettazioniA bocca aperta
    non+autenticato
  • Il Paese + SPIATO in EUROPA!!
    Bello skifo e spreco di denaro PUBBLICO!
    non+autenticato
  • Il problema si risolve semplicemente.
    Non riuscite a farle tutte?Lo stato non vi paga?
    Pazienza,non intercettate più,così anche noi dormiremo sonni più tranquilli...
    S.
    non+autenticato
  • premetto che ho il telefono sotto controllo e 1 denuncia a carico per "associazione a delinquere volta a danneggamenti e minacce"
    non voglio in questa sede parlare di come si usi la magistratura e i processi per far tacere le voci del dissenso, voglio solo parlare di "intercettazioni"

    ho il telefono sotto controllo da ormai quasi 8 mesi, e così come me quasi tutti gli altri del mio gruppo animalista (pericolisissima frangia estremista psuedo mafiosa)

    quello che volevo raccontare è la mia percezione da "intercettato"

    ogni volta che chiamo, prima di fare il classico "TUUUUTT" senti uno SCCHHCHC, poi prima della risposta viene ripetuto, durante la chiamata senti di tutto, compreso gente che "scaracchia al telefono", e poi gli sms, quando li invii se arrivano ne arrivano 5 o 6 per volta, poi niente, poi valanghe, cade la linea mediamente 3 volte per chiamata, insomma una situazione assurda.

    quello hce mi chiedo io è.
    l'intercettazione dovrebbe essere una cosa, che di nascosto recupera prove, questi qua sono talmente incapaci che se ne è accorta anche la nonna di una mia amica che al telefono le fa "ma scusa hai qualcuno che ci ascolta?" non vi dico quanto ha riso lei...

    che senso ha fare intercettazioni se chi le fa E' UN TOTALE INCAPACE MANTENUTO COL DENARO PUBBLICO?

    questo è il mio problema, non che mi intercettino, ma che lo facciano pure, ma che ci sia una MASSA DI TOTALI INCAPACI CHE FANNO QUESTO LAVORO CON I PIEDI

    ovviamente questo mio post sarà intercettato, così come ogni altra azione della mia vita, e si aggiungerà a quelle 800 pagine di faldone nei miei confronti, che dire....

    i mafiosi vanno a farsi la barba nel centro di palermo.
    non c'è altro da aggiungere.
    non+autenticato
  • ... facciamo una risata e basta... spero di scapparmene subito da questo paese di merda....
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > premetto che ho il telefono sotto controllo e 1
    > denuncia a carico per "associazione a delinquere
    > volta a danneggamenti e minacce"
    > non voglio in questa sede parlare di come si usi
    > la magistratura e i processi per far tacere le
    > voci del dissenso, voglio solo parlare di
    > "intercettazioni"
    >
    > ho il telefono sotto controllo da ormai quasi 8
    > mesi, e così come me quasi tutti gli altri del
    > mio gruppo animalista (pericolisissima frangia
    > estremista psuedo mafiosa)
    >
    > quello che volevo raccontare è la mia percezione
    > da "intercettato"
    >
    > ogni volta che chiamo, prima di fare il classico
    > "TUUUUTT" senti uno SCCHHCHC, poi prima della
    > risposta viene ripetuto, durante la chiamata
    > senti di tutto, compreso gente che "scaracchia al
    > telefono", e poi gli sms, quando li invii se
    > arrivano ne arrivano 5 o 6 per volta, poi niente,
    > poi valanghe, cade la linea mediamente 3 volte
    > per chiamata, insomma una situazione assurda.
    >
    > quello hce mi chiedo io è.
    > l'intercettazione dovrebbe essere una cosa, che
    > di nascosto recupera prove, questi qua sono
    > talmente incapaci che se ne è accorta anche la
    > nonna di una mia amica che al telefono le fa "ma
    > scusa hai qualcuno che ci ascolta?" non vi dico
    > quanto ha riso lei...
    >
    > che senso ha fare intercettazioni se chi le fa E'
    > UN TOTALE INCAPACE MANTENUTO COL DENARO PUBBLICO?
    >
    > questo è il mio problema, non che mi
    > intercettino, ma che lo facciano pure, ma che ci
    > sia una MASSA DI TOTALI INCAPACI CHE FANNO QUESTO
    > LAVORO CON I PIEDI
    >
    > ovviamente questo mio post sarà intercettato,
    > così come ogni altra azione della mia vita, e si
    > aggiungerà a quelle 800 pagine di faldone nei
    > miei confronti, che dire....
    >
    > i mafiosi vanno a farsi la barba nel centro di
    > palermo.
    > non c'è altro da aggiungere.

    Forse in base alla pericolosità del soggetto la qualità dell'intercettazione varia....
    non+autenticato

  • > Forse in base alla pericolosità del soggetto la
    > qualità dell'intercettazione varia....

    ahahahahah e adesso in Italia ci si deve lamentare anche delle intercettazioni fatte male perchè sei un peveraccio mentre ai "ricconi" le fanno senza brusio di fondo.....

    AHAHAHAHAHAH

    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)