Antibrevetti, si organizzano gli studenti

Ne parlano gli studenti dell'UniversitÓ di Trento: mobilitarsi per sensibilizzare docenti, opinione pubblica, governo e parlamentari. Convegno il 24 febbraio. Ecco di che si tratta

Trento - Scrivo a nome di un gruppo di studenti della FacoltÓ di Scienze MM.FF.NN. dell'UniversitÓ di Trento. Dopo aver letto la Mozione del Dipartimento di Scienze dell'Informazione di Bologna, che chiede al Governo italiano di scongiurare la minaccia dei brevetti sul software, abbiamo intrapreso una serie di azioni per far pronunciare la nostra FacoltÓ (ed eventualmente l'UniversitÓ) contro questa presunta forma di protezione della proprietÓ intellettuale. Vogliamo brevemente presentare qui il nostro operato, cosi` che possa tornare utile per altre iniziative simili.

Il tutto Ŕ nato da 2/3 studenti, ma l'iniziativa si Ŕ allargata in fretta, incuriosendo ed interessando anche docenti, ricercatori ed il Preside.

Molte persone non sanno cosa siano i brevetti sul software, quale sia la differenza tra diritto d'autore e brevetti, quali possano essere le conseguenze della loro introduzione nell'Unione Europea; parlando per˛ con gli studenti e i docenti abbiamo visto che l'interesse Ŕ tanto, manca solo l'informazione.
Ci siamo quindi organizzati (siamo meno di 10 persone), ci siamo fatti concedere minuti in alcune ore di lezione (i docenti lo hanno fatto senza problemi) e abbiamo parlato cosý con quanta pi¨ gente possibile.

Abbiamo iniziato una raccolta firme (sul testo della mozione di Bologna) a cui, secondo le nostre stime, ha aderito oltre il 60% degli studenti. Sebbene l'iniziativa fosse rivolta agli studenti, anche docenti, dottorandi e ricercatori hanno voluto dare il loro sostegno firmando la mozione.

Abbiamo organizzato un Seminario, invitando esperti di Trento (giuristi ed informatici), per il 24 febbraio 2005, nel quale cercheremo di portare il dibattito all'interno della FacoltÓ.

Ora vogliamo presentarci al Consiglio di FacoltÓ forti delle firme ricevute e del consenso di molti docenti, facendo approvare la mozione di Bologna (o meglio, un testo che tenga conto anche dei recenti sviluppi).

Pensiamo quindi che tutti all'interno della propria FacoltÓ e/o UniversitÓ abbiano la possibilitÓ di fare questo, quindi abbiamo messo a disposizione il materiale che abbiamo raccolto su di un wiki, sperando che possa servire a qualcun'altro che ha a cuore questo tema.

Le continue voci di approvazione come A-Item da parte del Consiglio dei Ministri europeo tendono a influenzare le persone, portandole ad un atteggiamento attendista. Noi stessi spesso abbiamo atteso di conoscere i risultati dei Consigli prima di decidere come procedere. Questo e` sbagliato, perchŔ porta ad una perdita di tempo.

Speriamo che la nostra esperienza possa portare altre persone a mobilitarsi, e che esse non commettano i nostri errori, perdendo cosi` tempo prezioso. Ci mettiamo per questo a disposizione tramite i nostri indirizzi di posta elettronica per chiarimenti, come aiuto o per eventuali proposte.

Ciao,
Davide Setti
Gabriele Modena

Il sito di riferimento Ŕ qui
22 Commenti alla Notizia Antibrevetti, si organizzano gli studenti
Ordina

  • DOVETE FAR CAPIRE LA FOLLIA DELLA COSA
    ALLA GENTE. Perchè c'è chi onestamente
    pensa i brevetti siano una cosa giusta per
    gli autori, non avendoci mai pensato a fondo.

    Fate capire loro che brevettare del codice
    o un algoritmo è come brevettare il
    teorema di pitagora.

    Fate un depliant cosi':

    BREVETTO n. 1918282
    "Meccanismo per il calcolo dell'ipotenusa di un triangolo
    rettangolo, noti i due cateti. Esponiamo qui di seguito
    il metodo da noi sviluppato e che la nostra
    società intende intende sottoporre a brevetto..."

    e sotto: "Gli algoritmi sono matematica. Che cosa
    sarebbe successo se il teorema di pitagora
    fosse stato nelle mani di una sola corporazione?

    La scienza non ha padroni. Opponiti alla legge sui
    brevetti del software."


    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo

    > La scienza non ha padroni. Opponiti alla
    > legge sui
    > brevetti del software."

    Forse gli altri brevetti hanno motivo d'essere?
  • Ecco che dall'ateneo di Trento, dove Curcio e Franceschini erano iscritti alla facoltà di sociologia, si   leva la crociata anti brevetti a cui parteciperà anche Stalmann.
    Visto che opensource=comunismo="lacrime terrore e morte"
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Ecco che dall'ateneo di Trento, dove
    > Curcio e Franceschini erano iscritti alla
    > facoltà di sociologia,
    > siáááleva la crociata anti
    > brevetti a cui parteciperà anche
    > Stalmann.
    > Visto che opensource=comunismo="lacrime
    > terrore e morte"
    Dimentichi di dire che Trento è vicina al friuli venezia giulia che è vicino all'Ex Jugoslavia quindi ai COMUNISTI!

    Un po troppo elaborato?
    Per la politica mai.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ecco che dall'ateneo di Trento, dove
    > Curcio e Franceschini erano iscritti alla
    > facoltà di sociologia,
    > siáááleva la crociata anti
    > brevetti a cui parteciperà anche
    > Stalmann.
    > Visto che opensource=comunismo="lacrime
    > terrore e morte"

    Beh è evidente che l'open source sia l'incarnazione del più becero capitalismo americano vero?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Ecco che dall'ateneo di Trento, dove
    > > Curcio e Franceschini erano iscritti
    > alla
    > > facoltà di sociologia,
    > > siáááleva la crociata anti
    > > brevetti a cui parteciperà anche
    > > Stalmann.
    > > Visto che opensource=comunismo="lacrime
    > > terrore e morte"
    >
    > Beh è evidente che l'open source sia
    > l'incarnazione del più becero
    > capitalismo americano vero?

    L'open source è contro il capitalismo, non ci sono molte alternative, l'opposto del capitalismo in tutte le sue sfumature è quello che si ottiene con il mercato collettivista ( tipico delle dittature comuniste ).

    Che l'open source sia contro il capitalismo lo dice addirittura un autorevole esponente dell'open source e degli scaricatori "a gratis" ( alla fine tutto è collegato ).

    Fonte: http://www.repubblica.it/2003/g/sezioni/scienza_e_...

    Cohen è l'autore di BitTorrent ( un programma di p2p ), nell'articolo si afferma:

    "Pare che sul Pc di Cohen campeggi un adesivo con su scritto "Destroy capitalism", ma attaccare stickers ancora non è reato."

    Poi dite che l'open source non vuole distruggere ed eliminare il mercato?
    non+autenticato

  • > "Pare che sul Pc di Cohen campeggi un
    > adesivo con su scritto "Destroy capitalism",
    > ma attaccare stickers ancora non è
    > reato."

    questo signore non rappresenta un'intera comunità

    non mi rappresenta e non rappresenta la mia attività professionale, che si fonda sull'Open Source.

    non puoi accomunare tutti gli operatori OS ai terroristi senza essere querelato.

    > Poi dite che l'open source non vuole
    > distruggere ed eliminare il mercato?

    Sì, lo diciamo.
    non+autenticato
  • vedi titolo
    stalmann sara' al la facolta' di Sociologia il 23 ore 16.00
  • ╚ una mia impressione o stallman si presenta sempre nelle facoltà di sociologia?
    A Roma, qualche anno fa (lo stesso giorno del primo bombardamento in Iraq, se qualcuno ricorda), facoltà di sociologia; festa di sant iGNUzio, buca; domani, facoltà di sociologia.
    Che speri di trovare qualche italiana che se lo appioppi? ;P
    non+autenticato
  • C'è qualcosa che non va nel software di PI.
    Ho provato a rimandare tre volte il post qui sopra (tutt'e tre con la ╚ iniziale maiuscola), ma tutt'e tre le volte la ╚ iniziale è diventata minuscola! (i miei tentativi sono stati prontamente cancellati da voi)
    non+autenticato
  • Mi correggo:
    non solo la ╚ iniziale maiuscola viene resa minuscola, ma tutte le ╚ maiuscole. Mi chiedo quindi come mai. Sono forse inutilizzabili tutte le accentate maiuscole? Se ciò è voluto, perché? Se ciò non è voluto chiedo invece che venga risolto il problema, grazie.

    Test per la redazione (scrivo qui di seguito alcune accentate miauscole per vedere se vale anche per quelle diverse dalla ╚):

    accento grave └ ╚ ╠ Ď ┘
    accento acuto ┴ ╔ ═ Ë ┌ Ţ Ŕ Ś Ĺ Ź Ć Ń
    accento circonflesso ┬ ╩ ╬ ď █
    lunga Ā Ē Ī Ō Ū
    cediglia ă Ŗ Ş Ģ Ķ Ļ Ņ
    caron ┼ Ů
    breve (o qualcosa di simile) Ă Ğ
    dieresi (o umlat o simile) ─ ╦ ¤ Í ▄ ?
    non+autenticato
  • Ma che cazzo dovrai farci con la cediglia?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Ma che cazzo dovrai farci con la cediglia?

    Dirti Saudaš§es!
    :D
  • > è una mia impressione o stallman si
    > presenta sempre nelle facoltà di
    > sociologia?

    A Torino era venuto al Politecnico a Ingegneria Sorride
    Fan Linux
    non+autenticato
  • Se non ricordo male a Roma era nella facoltà di Scienze dell'Informazione.
    In via Salaria.

    Grunch
    non+autenticato
  • Peccato che son fermo qua a Trieste! Stallman è il mio idolo!

  • - Scritto da: nastybit
    > Peccato che son fermo qua a Trieste!
    > Stallman è il mio idolo!

    Allora qualche anno fà non te lo sarai perso in Slovenia, il santone si era fatto un bel giro tra Slovenia e Croazia.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Fred
    > vedi titolo
    > stalmann sara' al la facolta' di Sociologia
    > il 23 ore 16.00

    Ma Stallman non mi stà molto simpatico... è troppo estremista...
    non+autenticato
  • E complimenti anche ai loro Professori che finalmete sembra abbiano compreso l' importanza di non brevettare i SW per preservare la libertà della libera circolazione della scienza e del sapere e la tutela della sana e libera concorrena.
    Tutta la libera Europa si sta muovendo contro la brevettabilità del SW , ed anche gli USA, pare, se ne stiano accorgendo dei gravi danni che il DMCA sta causando alle libertà ed agli interessi economici di tutti per difendere solo gli interessi particolari di pochi potentati lobbistici aziendali e di avvocati.
    non+autenticato
  • tipo quelli che ti obbligano a dare gli esami studiando sui libri che scrivono loro...

    tipo quelli che ti vengono a fare la spia se li fotocopi ...

    questa gente qui volete che non difenda il diritto d'autore in tutte le sue forme?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > tipo quelli che ti vengono a fare la spia se
    > li fotocopi ...
    >
    > questa gente qui volete che non difenda il
    > diritto d'autore in tutte le sue forme?

    Purtroppo hai ragione, ma è una cosa differente copyright e brevetti.

    Molti docenti mi sembrano contro, giustamente. Anche quelli che generosamente si "offrono di autografarti la copia del loro libro all'esame"Occhiolino
    non+autenticato
  • Il solo potere della commissione d'esame e' valutare la preparazione dello studente.

    Lo studente e' libero di studiare dove vuole: leggere libri presi in prestito da amici e da biblioteche non e' ancora diventato illegale.
    La legge prevede il diritto di fotocopiare fino al 15% di un libro. Se un gruppo di dieci studenti si mettesse d'accordo per fotocopiare un 10% per ciascuno e scambiarsi le fotocopie non farebbe proprio nulla di illegale.

    L'unica illegalita' la commette una commissione che valuta cose che non le spetta valutare. Si tratta di un abuso di potere che *non* deriva dal diritto d'autore e che dovreste denunciare non sui forum ma alla procura della repubblica.

    Perfino con le leggi assurdamente restrittive vigenti, lo studente continua ad avere il diritto di studiare dove vuole.
    non+autenticato