Metrò, il cellulare scalza il biglietto

A partire dal prossimo anno i cittadini di Tokyo potranno pagare il prezzo del biglietto di treni e metropolitane accostando il telefonino ad un apposito lettore

Tokyo (Giappone) - Il gigante della telefonia mobile giapponese NTT DoCoMo conta di essere fra i primi operatori, il prossimo anno, a lanciare un servizio mobile che potrebbe progressivamente sostituire i classici sistemi di pagamento adottati nelle stazioni ferroviarie e metropolitane.

Il servizio, che verrà lanciato nel gennaio del 2006 in collaborazione con East Japan Railway (JR East), permetterà agli utenti di telefoni cellulari i-mode con smart-card FeliCa di pagare il prezzo della corsa semplicemente avvicinando il telefono ad uno speciale lettore.

Il sistema FeliCa di Sony può anche essere utilizzato per pagare gli acquisti nei negozi convenzionati, acquistare i biglietti del treno o transitare attraverso sbarre o check-in. Rispetto alle tradizionali smart-card, simili a carte di credito, i chip adottati da DoCoMo potranno essere letti dal card reader a breve distanza, senza quindi necessità di contatto. Questo è reso possibile dalla tecnologia Near Field Communication sviluppata congiuntamente da Sony e Philips e basata sulla trasmissione di radiofrequenze a cortissimo raggio.
Il nuovo servizio, chiamato Suica, verrà dapprima lanciato nell'area metropolitana di Tokyo e, in seguito, esteso alle province limitrofe. Gli utenti potranno utilizzare Suica per ricaricare i propri abbonamenti o acquistare singoli pass "virtuali".

DoCoMo e JR East si aspettano che il servizio raccolga oltre un milione di abbonati già entro il primo anno di vita.
24 Commenti alla Notizia Metrò, il cellulare scalza il biglietto
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)