Lexmark s'arrende e ribassa le cartucce

A pochi giorni dalla sentenza sfavorevole sui ricambi non originali il produttore cerca una via per la riconquista del mercato delle cartucce abbassando i prezzi

Milano - Sono passati pochi giorni dalla sentenza con cui Lexmark negli States ha subìto una nuova sconfitta nel procedimento intentato dalla stessa azienda contro un produttore di cartucce compatibili non originali. Giorni che, a quanto pare, sono bastati per spingere l'azienda a tracciare una nuova rotta.

La strategia è segnata dall'annuncio arrivato nelle scorse ore secondo cui Lexmark abbasserà in modo consistente il prezzo delle sue cartucce di ricambio nell'area EMEA (Europa e Medio oriente). In questo modo l'azienda spera di poter competere maggiormente con i produttori di ricambi e refill alternativi che nel Vecchio Continente ormai da anni si vanno imponendo su diversi mercati. E' lecito a questo punto attendersi a breve una mossa del tutto simile sul mercato americano.

La motivazione ufficiale dei ribassi è - stando alla nota diffusa dall'azienda - "l'impegno costante per rendere la stampa inkjet sempre più accessibile e conveniente". Ma il ritocco in realtà non supera il 4 per cento, sebbene dal gennaio del 2003 ad oggi i prezzi dei ricambi Lexmark siano scesi complessivamente del 27 per cento in Europa.
Per esempio, la cartuccia nera Lexmark N. 70, che due anni fa aveva un prezzo al pubblico di 41,99 euro, ora viene proposta a 31,99 euro (Iva compresa). Nel suo listino, l'azienda ora offre dieci diverse cartucce nero e colore ad un prezzo inferiore ai 25 euro.

Ma Lexmark cerca anche di spingere sul fronte della qualità e nella nota ha sottolineato come dall'aprile dell'anno scorso abbia introdotto nei propri inchiostri la formula evercolor che descrive così: "Tramite un'esclusiva combinazione di pigmenti e coloranti, la tecnologia evercolor permette di stampare a casa fotografie di qualità professionale che mantengono le loro caratteristiche cromatiche fino a 65 anni se conservate sotto vetro". I test sotto vetro sono stati condotti dalla Wilhelm Imaging Research su carta Lexmark Premium Photo basati sullo sbiadimento avvertibile con un'illuminazione di 450 lux per 12 ore al giorno (filtrata con vetro) e parametri WIR v.3.0 Endpoint Criteria Set.
TAG: mondo
50 Commenti alla Notizia Lexmark s'arrende e ribassa le cartucce
Ordina
  • chi è che decide le tue strategie commerciali?
    non+autenticato
  • 27??!?!?Perplesso

    Sono andato in un negozio per una cartuccia compatibile LEX costo 18?, ma a a 3? mi hanno venduto il kit di ricarica nero.

    Dato il prezzo ridicolo, mi sono detto, proviamo!!!

    Beh la procedura è a prova di deficente, stampa da dio e permette di fare 3 ricariche!!!!! ^_^
  • ATTENZIONE L'ULTIMA VOLTA SONO RIUSCITO A RICARICARLA SOLO UNA VOLTA C E UN CIP CHE CONTROLLA LA QUANTITA DI INCHIOSTRO CHE ESCE CI VORREBBE IL RESETTER CHE ANCORA NON HO TROVATO
  • ". Ma il ritocco in realtà non supera il 4 per cento, sebbene dal gennaio del 2003 ad oggi i prezzi dei ricambi Lexmark siano scesi complessivamente del 27 per cento in Europa.

    Per esempio, la cartuccia nera Lexmark N. 70, che due anni fa aveva un prezzo al pubblico di 41,99 euro, ora viene proposta a 31,99 euro (Iva compresa). Nel suo listino, l'azienda ora offre dieci diverse cartucce nero e colore ad un prezzo inferiore ai 25 euro....

    Sì... bene.. però con circa 5 euro mi compro un flacone di inchiostro nero per ricarica (io uso Prink, ho usato Refill- credo ce ne sianoaltri di buona qualità) e mi faccio 2-3 ricariche anche più.. nel "peggiore" dei casi ho speso un decimo di quanto spenderei con la più economica delle cartucce Lexmark (o altra marca- non è che glialtri competitor regalino le cartucce, anzi...).
    Visto che anche chi mi vende l'nchiostro in flacone ci guadagna il suo buon profitto ( non è che lo vende per far dispetto ai produttori di stampanti) mi chiedo che ordine di ricarico vi siano su queste stramaledette cartucce.. probabilmente il 4000-5000% del costo di produzione... ladri!
    non+autenticato
  • non ha senso usare le inkjet per stampe di qualità in quantità significative, è un vero SPRECO DI SOLDI !
    Infatti se fate il conto di quanto vi costa 1 stampa, tra inchiostro, carta fotografica, usura della stampante, vedete che è più del triplo rispeto a ordinare le stampe a un photo service.

    Perciò IO prendo le mie foto digitali migliori e chiedo al service stampe su CARTA CHIMICA di qualità, es. Ilford, (quella delle foto vere, per intenderci) che durano davvero 50 anni esposte alla luce in un ambiente interno, e le pago da 30 centesimi a 1 euro l'una (i grandi formati).

    La inkjet la uso per stampe di prova, copertine, ecc. e una cartuccia mi dura 1 anno !
    :)Occhiolino
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > non ha senso usare le inkjet per stampe di
    > qualità in quantità
    > significative, è un vero SPRECO DI
    > SOLDI !
    > Infatti se fate il conto di quanto vi costa
    > 1 stampa, tra inchiostro, carta fotografica,
    > usura della stampante, vedete che è
    > più del triplo rispeto a ordinare le
    > stampe a un photo service.
    >
    > Perciò IO prendo le mie foto digitali
    > migliori e chiedo al service stampe su CARTA
    > CHIMICA di qualità, es. Ilford,
    > (quella delle foto vere, per intenderci) che
    > durano davvero 50 anni esposte alla luce in
    > un ambiente interno, e le pago da 30
    > centesimi a 1 euro l'una (i grandi formati).
    >
    > La inkjet la uso per stampe di prova,
    > copertine, ecc. e una cartuccia mi dura 1
    > anno !
    >SorrideOcchiolino


    Ma tu concepisci la stampante solo per stampare immagini e foto?
    Io la uso solo per stampare documenti, non ho mai stampato una foto in vita mia; il tuo discorso non regge per tutte le destinazioni d'uso
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo

    >
    > Ma tu concepisci la stampante solo per
    > stampare immagini e foto?
    > Io la uso solo per stampare documenti, non
    > ho mai stampato una foto in vita mia; il tuo
    > discorso non regge per tutte le destinazioni
    > d'uso

    Se devi solo stampare testo conviene, e di gran lunga, usare una laser B/N
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > non ha senso usare le inkjet per stampe
    > di
    > > qualità in quantità
    > > significative, è un vero SPRECO
    > DI
    > > SOLDI !
    > > Infatti se fate il conto di quanto vi
    > costa
    > > 1 stampa, tra inchiostro, carta
    > fotografica,
    > > usura della stampante, vedete che
    > è
    > > più del triplo rispeto a
    > ordinare le
    > > stampe a un photo service.
    > >
    > > Perciò IO prendo le mie foto
    > digitali
    > > migliori e chiedo al service stampe su
    > CARTA
    > > CHIMICA di qualità, es. Ilford,
    > > (quella delle foto vere, per
    > intenderci) che
    > > durano davvero 50 anni esposte alla
    > luce in
    > > un ambiente interno, e le pago da 30
    > > centesimi a 1 euro l'una (i grandi
    > formati).
    > >
    > > La inkjet la uso per stampe di prova,
    > > copertine, ecc. e una cartuccia mi dura
    > 1
    > > anno !
    > >SorrideOcchiolino
    >
    >
    > Ma tu concepisci la stampante solo per
    > stampare immagini e foto?
    > Io la uso solo per stampare documenti, non
    > ho mai stampato una foto in vita mia; il tuo
    > discorso non regge per tutte le destinazioni
    > d'uso

    ti consiglio una laser, spendi un po' di piu' per il costo iniziale, ma lo recuperi subito risparmiando sulle cartucce, visto che durano MOOOLLTOO di piu'!
    non+autenticato
  • il mio problema, ad essere sincero, non è solo il prezzo.
    Ma soprattutto trovarle !?
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)