Mandrakesoft mangia Conectiva

Dalla fusione tra la mamma di Mandrakelinux e la brasiliana Conectiva nascerà uno fra i massimi distributori di Linux al mondo

Parigi - MandrakeSoft sta per acquisire la società brasiliana Conectiva, il più grande distributore Linux dell'America Latina, per 2,3 milioni di dollari (1,79 milioni di euro) in azioni. E' questa la seconda acquisizione annunciata dall'azienda parigina dopo la grave crisi finanziaria che, all'inizio del 2003, la espose al rischio della bancarotta.

Secondo alcuni analisti, dalla fusione delle due aziende nascerà il secondo più grande distributore di Linux dopo Red Hat, una realtà capace di fatturare 9 milioni di dollari all'anno. Nella classifica non viene considerata Novell: il suo business, infatti, è ancora ampiamente legato alla vendita di NetWare e altri software proprietari.

Fondata nel 1995, Conectiva è un'azienda con 60 dipendenti e sedi a Curitiba, São Paulo e Manaus. La sua distribuzione non è particolarmente diffusa al di fuori dell'America Latina, tuttavia non è infrequente trovarla allegata a riviste del settore di tutto il mondo, incluse quelle italiane. Tra i suoi clienti si annoverano importanti istituzioni finanziarie ed enti governativi e militari brasiliani, inoltre vanta accordi con colossi come HP, IBM e Semens.
"Combinando i nostri business ci consente di estendere la portata delle nostre offerte e di rafforzare la nostra presenza sul mercato aziendale", ha affermto Francois Bancilhon, CEO di Mandrakesoft. "Mandrakesoft e Conectiva sono società che generano profitti. La nuova entità così creata beneficerà di forti sinergie e ampie economie di scala".

Nel suo ultimo esercizio fiscale il fatturato di Mandrakesoft ha raggiunto 5,18 milioni di euro con un utile netto di 1,39 milioni di euro.
33 Commenti alla Notizia Mandrakesoft mangia Conectiva
Ordina
  • http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=9141...

    Concordo pienamente, ho WinME e non posso fare a meno di pensare continuamente che se posso avere una distro Linux, per tirare lì una cifra, coi 5 euro di una rivista con CD o con una cifra non molto diversa in connessione telefonica, allora Win9x/ME OEM dovrebbe costare diciamo 2,5 euro, compresi 70 cent di costo del CD e 50 cent per il misero opuscolo che MS spaccia per manuale.
    non+autenticato
  • "Secondo alcuni analisti, dalla fusione delle due aziende nascerà il secondo più grande distributore di Linux dopo Red Hat, una realtà capace di fatturare 9 milioni di dollari all'anno."

    La seconda distribuzione mondiale fattura 9 milioni di euro l'anno? Se è questo il mercato delle distro linux, è veramente ridicolo! Non si può nemmeno dire che sia un mercato in forte crescita: linux esiste da 12 anni oramai, le prime distro che ho visto in commercio risalgono al 1996, quindi quasi dieci anni fa. Se sono serviti 10 anni per creare un mercato che fattura così poco, forse che l'open non paga proprio
    non+autenticato
  • Forse sarebbe più corretto dire che paga poco... Ma è giusto che Bill Gate$ abbia così tanti soldi e ne abbia fatto e ne faccia ancora a palate con prodotti come WinME? Meditate meditate...
    iced
    188
  • Bevo wrote:
    > La seconda distribuzione mondiale fattura 9 milioni di euro
    > l'anno?

    Come si suol dire nell'ambiente open sorcio, falla te un'azienda con 1390000 Euro di utile netto... Rotola dal ridere
  • L'open source, software libero o libera distribuzione di software.....comunque lo vogliate chiamare sta portando crisi dappertutto, costringendo tutte le grosse società "magna magna" a fare fusioni; arricchimento degli imprenditori e (quindi) meno "lavoro per tutti" e più disoccupazione.
    Un "grazie" alla globalizzazione
    Paolo
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > L'open source, software libero o libera
    > distribuzione di software.....comunque lo
    > vogliate chiamare sta portando crisi dappertutto,
    > costringendo tutte le grosse società "magna
    > magna" a fare fusioni; arricchimento degli
    > imprenditori e (quindi) meno "lavoro per tutti" e
    > più disoccupazione.
    > Un "grazie" alla globalizzazione
    > Paolo


    In effetti bisogna riconoscere che i venditori porta a porta di ghiaccio sono tutti falliti da tempo... chissà quante ne avranno dette a suo tempo contro i produttori di frigoriferi...
    non+autenticato
  • > In effetti bisogna riconoscere che i venditori
    > porta a porta di ghiaccio sono tutti falliti da
    > tempo... chissà quante ne avranno dette a suo
    > tempo contro i produttori di frigoriferi...

    La necessità aguzza l'ingegno. Si saranno messi a fare qualche altra cosa....ma pur sempre creeranno un certo "business"
    non+autenticato
  • Veramente non capisco tutta questa gente tanto terrorizzata dai cambiamenti; sembra che si ritengano tutti dei completi incapaci privi di capacita' di adeguarsi a nuove situazioni.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > L'open source, software libero o libera
    > distribuzione di software.....comunque lo
    > vogliate chiamare sta portando crisi dappertutto,

    sta portando crisi a chi non sa gestire l'open source nei piani aziendali, a chi nonostante tutte le avvisaglie ha continuato a ignorare il combiamento di rotta perpartito preso.

    In breve, è ora che i luddisti si rensano conto che non servirà rompere le macchine tessli per ridare loro il lavoro

    non+autenticato
  • > L'open source, software libero o libera
    > distribuzione di software.....comunque lo
    > vogliate chiamare sta portando crisi dappertutto,
    > costringendo tutte le grosse società "magna
    > magna" a fare fusioni; arricchimento degli
    > imprenditori e (quindi) meno "lavoro per tutti" e
    > più disoccupazione.
    > Un "grazie" alla globalizzazione
    > Paolo

    ... CRISI ... DISOCCUPAZIONE (tanto siamo in italia) ... AHHHAHAHAHAHAHAHHHAHHHAHHHAHHAHH
    AHHHAHHHHHAHHHAH!!!!!!!!!

    No, niente Linux. Spendiamo "inutilmente" soldi per Windows forse così la Microsoft si ampliera e porterà lavoro in Italia.

    win
    Viva Windows che mi fa smadonnare per ore per cambiare un associazione di file grazie a una logica contorta di programmazione (alla fine ho editato il registro manualmente).
    Viva Internet Explorer che non segue gli standard W3C e che è pieno di bug rivolti alla sicurezza e ogni volta che lo uso ho letteralmente PAURA.
    non+autenticato
  • grande mossa d mdk che si fonde
    con una bella azienda, molto legata
    alla PA brasiliana, la prima a fare il
    porting di apt sul sistema rpm, con
    una buona reputazione per i server
    e quindi complementare a mdk
    complimenti !
    avessimo, qui nel terzo mondo
    informatico, realta del genere di mdk
    e conectiva, invece di zucchetti...
    che vergogna !
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > grande mossa d mdk che si fonde
    > con una bella azienda, molto legata
    > alla PA brasiliana, la prima a fare il
    > porting di apt sul sistema rpm, con
    > una buona reputazione per i server
    > e quindi complementare a mdk
    > complimenti !
    > avessimo, qui nel terzo mondo
    > informatico, realta del genere di mdk
    > e conectiva, invece di zucchetti...
    > che vergogna !

    E secondo te di chi è la colpa?
    Se 'sto branco di trolloni si mettessero a lavorare sul serio, invece di star qui a ca77eggiare tutto il giorno su Punto Troll, forse una bella distro tutta italiana l'avremmo....
    Pensa che ne hanno una splendida in Sud Africa (www.ubuntulinux.org)....:D
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > grande mossa d mdk che si fonde
    > > con una bella azienda, molto legata
    > > alla PA brasiliana, la prima a fare il
    > > porting di apt sul sistema rpm, con
    > > una buona reputazione per i server
    > > e quindi complementare a mdk
    > > complimenti !
    > > avessimo, qui nel terzo mondo
    > > informatico, realta del genere di mdk
    > > e conectiva, invece di zucchetti...
    > > che vergogna !
    >
    > E secondo te di chi è la colpa?
    > Se 'sto branco di trolloni si mettessero a
    > lavorare sul serio, invece di star qui a
    > ca77eggiare tutto il giorno su Punto Troll, forse
    > una bella distro tutta italiana l'avremmo....
    > Pensa che ne hanno una splendida in Sud Africa
    > (www.ubuntulinux.org)....:D

    Da noi la ubuntu non si potrebbe fare, non parliamo zulu, xhosa o altre lingue bantu.
    Casomai, sforzandoci, una
    www.volemosebenelinux.org
    ...OK, dopo questa vado a nascondermi Anonimo
    non+autenticato
  • per i simpaticoni che se ne sono venuti fuori dicendo "lo vedi un'altro software open source apagamento"

    cito dalla traduzione della licenza gpl

    "Quando parliamo di software libero , parliamo di libertà, non di gratuità. La nostra licenza gpl è ideata per essere certi che voi abbiate la libertà di distribuire copie di software libero (e farvi pagare per questo servizio se lo desiderate), che riceviate il codice sorgente o che lo possiate ottenere se volete, che voi possiate modificare il software o parti di esso, e che sappiate di poter fare tutte queste cose."

    quindi la licenza gpl, la più diffusa licenza open source , scritta nel 1991, la licenza con cui viene distribuito linux, non prevede affatto la gratuità del software. prevede solo che si possa accedere gratuitamente al codice sorgente assieme agli eseguibili .


    e poi decidetevi

    o l'open source è sbagliato perchè roba da comunistacci , oppure è sbagliato perchè spesso i sistemi operativi open souce si pagano tutte e due le cose non credo possano essere.



    non+autenticato
  • se avessi letto con migliore accortezza forse ti rendevi conto che io mi riferivo a quelli che parlano e pensano sempre che
    opensource = gratis.. cosa che non e' ..
    ciauz
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)