Sull'Elba bloccati pirati del software

Una maxi-operazione della Guardia di Finanza porta al sequestro di software pirata che sul mercato avrebbero potuto rendere 6,5 milioni di euro. I dettagli

Livorno - Si è conclusa con uno dei sequestri più ingenti un'operazione condotta nei giorni scorsi dalla Guardia di Finanza di Livorno contro una organizzazione dedita alla contraffazione di software e altro. Il materiale sequestrato sul mercato avrebbe potuto rendere secondo gli inquirenti fino a 6,5 milioni di euro.

Stando a quanto ricostruito dal Nucleo Provinciale Polizia Tributaria di Livorno e dalla Tenenza di Portoferraio, coordinate dal generale B. Luciano Carta, nell'area livornese e dell'Isola d'Elba sono state indagate 9 aziende e denunciate 10 persone, una delle quali arrestata, perché implicate nella duplicazione illegale di migliaia di copie di programmi software, CD e DVD. Un'attività di masterizzazione di massa che veniva svolta in un laboratorio dedicato situato all'interno di un'abitazione privata in centro a Livorno.

Le indagini, supportate tecnicamente dalla Business Software Alliance (BSA), l'alleanza dei produttori di software proprietario, hanno fatto emergere in particolare enormi quantità di copie di prodotti Microsoft, Adobe, Symantec e Autodesk, quelli che sono più spesso presi di mira da organizzazioni criminali di varia origine.
Nelle aziende, informa una nota, sono anche stati rilevati software installati abusivamente su un numero di computer superiore a quello concesso dalle relative licenze, un fenomeno ben noto con il nome di underlicensing.

"I responsabili delle aziende che operavano illegalmente - informa la nota - sono indagati per il reato di cui all'art. 171 bis della Legge 248/00 sulla tutela del diritto d'autore e rischiano fino a tre anni di reclusione e 15.000 euro di multa. Alle sanzioni penali vanno aggiunte le sanzioni amministrative previste dall'art. 174 bis, pari al doppio del valore di mercato del software illegale rinvenuto".

L'operazione ha anche prodotto elementi che hanno consentito di estendere le indagini ad aziende dell'area di Bari e Brindisi, zone dalle quali proverrebbe parte del materiale sequestrato.

"Il fatto che le nostre indagini evidenzino la persistenza nel tempo di comportamenti illegali - ha spiegato il Maggiore Vincenzo Tuzi, comandante del nucleo provinciale di Piazza Vecchia Fortezza - dimostra che essi sono effettivamente assai radicati, non solo nel pubblico dei consumatori ma anche nel campo dei professionisti e della piccola e media impresa, il che rende il fenomeno ancor più preoccupante".
TAG: cybercops
14 Commenti alla Notizia Sull'Elba bloccati pirati del software
Ordina
  • Ma che bello....dunque vediamo, uno vende software masterizzato...guadagna 6,5 milioni di euro, gli fanno una bella multa da 15.000 euro...si fa 3 (se va male)... che con arresti domiciliari, sconti di pena e buona condotta se va male si fa 6 mesi....
    E dopo tutto cio' si ritrova con 6,35 milioni di euro....
    ci sto facendo un pensierino...
    non+autenticato
  • Più che di criminali, il mondo delle PMI (talvolta anche delle grandi) è popolato da incompetenti.
    Il termine va interpretato in senso buono: a fronte di una solida e lungimirante competenza tecnica in quello che gli anglofoni chiamano il "core business", manca spesso invece una conoscenza minimale delle faccende di contorno, vissute con vero e proprio fastidio.
    Sono ad esempio gli adempimenti per la sicurezza, la politica ambientale, il trattamento dei dati sensibili, il servizio mensa, trasporti... e le tecnologie informatiche.
    Non è una novità che nelle PMI sia spesso assente un vero responsabile delle IT, funzione magari terzializzata o occupata da un impiegato di buona volontà (la quale è utile, ma non basta). Queste figure sono deboli, non hanno autorità e (ammesso che conoscano il problema) incapaci di mettere di fronte alla direzione gli obblighi di legge, un piano di investimento, ammortamenti e ammenicoli vari.
    In queste aziende può succedere anche che l'ultima versione del pacchetto di produttività personale rilasciato dal produttore americano venga installato dall'utente stesso, che poi lo propaga ai colleghi, con buona pace per le inutili licenze "ufficiali" della versione del 1997, che nella stragrande maggioranza dei casi andrebbe ancora benissimo...
    D'altra parte, se l'incompetente che supervisiona le IT non sa applicare policy di sicurezza...
  • E' verissimo quello che scrivi...purtroppo.
    Ma c'e' una ragione per la quale tutte le cose che citi sono viste come "fastidio".....perche' lo sono.Mi spiego meglio.Perche' dovrei interessarmi del trattamento dei dati sensibili io che li tratto in buona fede(e resta da vedere cosa intendiamo per sensibili), non li diffondo e vengo bersagliato tutti i giorni da decine di telefonate, fax, mail, di persone che NON sono in buona fede e sono intoccabili.Sii potrei fare una denuncia e rovinarmi il fegato per i prossimi 7 anni come minimo.
    Passiamo alle politiche ambientale.E' mai possibile fare la raccolta differenziata e pagare 5000? all' anno per portare la roba in discarica? Ma dividetela voi che siete miliardari!
    La sicurezza sul lavoro e' sacrosanta.Noi in officina abbiamo 2 regole.NON FARSI MALE...e NON FARSI MALE scritte sulla porta(ovviamente e' una battuta, spendo 12000 ? all' anno per 6 dipendenti solo di vestiti e scarpe).
    Quello che non e' sacrosanto e' ricevere una visita dell' ispettorato, che non trova NULLA a cui attaccarsi, salvo guardare una pressa che sta' all' ingresso con un vaso di fiori sopra, che fa' un po da insegna ed e' li fuori all' acqua da 12 anni (a 46 metri dall' ingresso della ditta...misurati) ed ovviamente non e' in uso...E DIRE CHE NON E' A NORMA........



    36000.......si TRENTASEIMILA ? di verbale.
    Si puo' continuare con quelli che volevano farmi la multa per il "mancato recupero dell' olio di lubrificazione"....prova a fargli capire che l' olio DEVE rimanere sui pezzi perche' i pezzi mi servono UNTI

    Passiamo all' informatica.Gli stessi signori dell' olio mi hanno chiesto la licenza (con fare da cospiratori, volevano la tangente) per un software CHE HO SCRITTO IO.......e per i miei computer CON LINUX.Attenzione quindi che spesso non sono gli imprenditori ad essere incompetenti.Immaginatevi se la stessa cosa fosse capitata ad un imprenditore consigliato da un esperto.....immaginatevi il suo panico quando gli vogliono far cacciare delle licenze CHE NON ESISTONO.
    Insomma...ad un certo punto uno se ne sbatte e non ha tutti i torti...tanto quando arriva un controllo la multa te la fanno....poi si vedra'
    non+autenticato
  • Che succede se vengono da me in azienda, a fare una verifica, e sui tutti i client presenti è installato solo Linux? Mi cercano comunque le licenze di zio Billy?
    Io è dal 2000 che uso solo Linux... altro che getthefacts: mi hanno chiesto per una migrazione a 2003 Server+Licenze TermServ qualcosa come 12mila euro! Ma se n'annassero...
  • Non sai che i signori del BSA non sanno distinguere tra Microsoft Office e Open Office?
    Ti chiederanno di pagare le licenze per MS Office anche su linux

    Fonti: http://www.linuxfrench.net/article.php3?id_article...,
    http://abcdelasecurite.free.fr/html/modules.php?na..., http://punto-informatico.it/p.asp?i=43290, http://www.apogeonline.com/webzine/2003/06/11/01/2...



  • - Scritto da: vale56
    > Non sai che i signori del BSA non sanno
    > distinguere tra Microsoft Office e Open Office?
    > Ti chiederanno di pagare le licenze per MS Office
    > anche su linux


    Vero. Sono venuti pure da noi e quello che doveva essere il capobanda ha pronunciato la seguente frase che ancora teniamo stampata e appesa al muro:

    "Per poter leggere un file.doc di word bisogna avere la licenza!"

    Naturalmente qui da noi c'e' solo linux e i files.doc che arrivano per mail, vengono aperti con OpenOffice e immediatamente risalvati in rtf per l'archiviazione interna.

    non+autenticato
  • non mi sento di criticare quelle piccole aziende che a fronte di margini di guadagno sempre piu ridotti si trovano di fronte a dei prezzi allucinanti per quanto riguarda i software originali.
    Magari se questo avesse dei prezzi piu accessibili tutti comprerebbero originale garantito.
    non+autenticato
  • ...ma magari se oltre all'UNDERLICESING ci fosse anche un minimo di sconto nel MULTILICENSING!!!

    L'autodesk, ad esempio, è disgustosa perchè comprare una licenza o comprarne 5 ti fa sempre 5000 ? l'una! Ma vi pare? Ci credo che poi le piccole imprese e gli studi professionali ne comprano una sola di licenza!
    Addirittura il rivenditore Autodesk m ha detto che non fanno offerte multilicenza perchè normalmente non se ne acquistano più di una....costano troppo!!!!

    E ALLORAAAA!!!!!!! E poi ti vengono in ufficio e ti denunciano per underlicensing...

    E comunque, inmerito alla notrizia, la multa non verrà mai calcolata al doppio del valore di mercato dei software ma solo a 150 ? a supporto e, punto secondo, la multa può arrivare al massimo a 250.000?! Quindi, se i tizi hanno fatto i soldi, pagheranno e tanti saluti...sempre per la serie meglio fare le cose in grande o grandissima!
    non+autenticato
  • > E comunque, inmerito alla notrizia, la multa non
    > verrà mai calcolata al doppio del valore di
    > mercato dei software ma solo a 150 ? a supporto
    > e, punto secondo, la multa può arrivare al
    > massimo a 250.000?! Quindi, se i tizi hanno fatto
    > i soldi, pagheranno e tanti saluti...sempre per
    > la serie meglio fare le cose in grande o
    > grandissima!

    Mi pare che la multa non estingua gli altri obblighi, per cui ai tizi tocca poi di pagare *anche* le licenze...

  • > Mi pare che la multa non estingua gli altri
    > obblighi, per cui ai tizi tocca poi di pagare
    > *anche* le licenze...

    eheheh ma mica li usano i programmi, che licenze dovrebbero pagare????? Fantasma
    non+autenticato
  • 'il fenomeno e' radicato e cio e' preoccupante'
    praticamente *tutte * le imprese medio piccole evadono buona parte delle tasse e poi ci si scandalizza di fronte all' underlicnsing ...
    manca la cosidetta 'culutra della legalita' in italia ...
    d'altronde con un presidente del consiglio assolto per proscrizione e' difficile che detta cultura attecchisca .
    non+autenticato
  • Magari fosse "proscritto", Berlusconi... purtroppo è prescrittoOcchiolino

    P.S. No, non sono il Precisetti
    non+autenticato
  • Si vede che non hai mai lavorato in una cooperativa dell'Emilia Romagna.....
    non+autenticato
  • > praticamente *tutte * le imprese medio piccole
    > evadono buona parte delle tasse (...)

    Questa è una leggenda metropolitana. Possono "evadere" le imprese che sono in grado di fare del "nero", ovvero vendere a chi non ha interesse a documentare la transazione, chi produce come terzista per grossi gruppi industriali (e sono la maggioranza delle PMI) non ne ha la possibilità.
    Vorrei ricordare che la "finanza creativa" è stata sviluppata nei grossi gruppi multinazionali.