Volano gli abusi pedofili in rete

Ne parla il Rapporto 2004 di Telefono Arcobaleno, secondo cui non fanno che aumentare i siti che pubblicano materiale pedo-pornografico

Milano - La repressione tout-court degli spazi web che pubblicano e diffondono immagini frutto di violenze su bambini e minori non ha alcun effetto deterrente, al punto che anche nel 2004 il numero di siti di questo genere non ha fatto che aumentare. Almeno questo č quanto rileva l'associazione Telefono Arcobaleno nel suo Rapporto 2004.

Stando all'Associazione il 2004 č stato l'anno in cui pių rapidamente sono cresciuti di numero i siti che presentano questi materiali. L'Associazione sostiene di aver individuato nel complesso 19.246 siti contro i 17.016 del 2003. Molti di pių, nel complesso, a quelli segnalati nel 2002: 9.989.

Stando a Telefono Arcobaleno molti di questi siti sono ospitati su server italiani sebbene la maggiorparte si trovi in molti diversi paesi. Il "record" sarebbe detenuto da un operatore giapponese, al centro di 1.526 segnalazioni dell'Associazione.
Su molti siti web, specialmente in Giappone e Corea del Sud, dilagherebbero quelli che l'Associazione definisce "masked file", ovvero file spesso protetti da password e caratterizzati dai formati pių diversi e da nomi apparentemente innocui ma nei quali si trovano invece materiali pedo-pornografici.

Secondo l'Associazione, inoltre, il cosiddetto pedo-business sarebbe alimentato dall'aumento nel numero di utenti che accedono a questi spazi, in particolare si tratterebbe di americani, tedeschi, britannici, giapponesi, francesi ed italiani.

Nel Rapporto, Telefono Arcobaleno denuncia ancora una volta quella che ritiene sia una grave inerzia da parte delle forze dell'ordine in molti paesi, dovuta spesso anche ad una forte deficienza normativa. Sono questi i due elementi che in mezzo mondo consentirebbero al business pedo-pornografico di prosperare.

Il Rapporto č disponibile qui
TAG: mondo
75 Commenti alla Notizia Volano gli abusi pedofili in rete
Ordina
  • con i numeri si può giocare tanto, sarebbe utile confrontare il tasso di crescita dei siti pedopornografici con quello dei siti normali e vedere che correlazione c'è.
    Se la crescita è maggiore o minore del numero totale di siti internet.

    Poi come definire un sito? indirizzi diversi possono puntare allo stesso sito e lo stesso sito può essere ospitato su più server diversi, rimane un'ambiguità di fondo.

    queste notizie si limitano a riportare il numero di segnalazioni fatte, dato di per se incompleto senza alcuni dati di supporto: numero reale di positivi (che si è riscontrato essere effettivamente pedoporno) e numero di falsi positivi (si è segnalato un sito che in realtà non è pedoporno).

    un'ultima cosa, quasi tutte le notizie sull'argomento raccontano di come siano lunghe e laboriose le indagini per ricostruire i ring dei pedofili, e di come questi si scambino file segreti e protetti da password, ma d'altra parte si denuncia che diventa sempre più facile trovare questo schifo su internet?
    cosa che mi sembra alquanto contradditoria.
    non+autenticato
  • INUTILI? tra tante corbellerie il tuo mi sembra il messaggio più sensato e le domande più ragionevoli. Provo a risponderti.

    >con i numeri si può giocare tanto, sarebbe utile confrontare il >tasso di crescita dei siti pedopornografici con quello dei siti >normali e vedere che correlazione c'è.
    >Se la crescita è maggiore o minore del numero totale di siti >internet.
    Vero. Andiamo a verificare la crescita dei siti internet (fonte http://www.gandalf.it/dati/dati1.htm)
    da giugno 2002 (162.128.500) a giugno 2004 (285.139.100) abbiamo avuto una crescita di circa il 76% contro il 95% dei siti pedo. Quasi un 20% in più.

    >Poi come definire un sito? indirizzi diversi possono puntare >allo stesso sito e lo stesso sito può essere ospitato su più >server diversi, rimane un'ambiguità di fondo.
    Su questo T.A: ha regole rigidissime (vedi ultima pagina del report 2004). In genere si segnala il sito al server che lo ospita e con la medesima segnalazione si indicano TUTTI i redirect.

    >queste notizie si limitano a riportare il numero di >segnalazioni fatte, dato di per se incompleto senza alcuni >dati di supporto: numero reale di positivi (che si è riscontrato >essere effettivamente pedoporno) e numero di falsi positivi >(si è segnalato un sito che in realtà non è pedoporno).
    Il numero di positivi è pari al 100% (pubblicare le risposte degli ISP non è possibile). Tutti i link vengono controllati da un operatore esperto (ad eccezione dei masked file che vengono controllati, stante il divieto della 269\98 SOLO dalla PG).

    >un'ultima cosa, quasi tutte le notizie sull'argomento >raccontano di come siano lunghe e laboriose le indagini per >ricostruire i ring dei pedofili, e di come questi si scambino >file segreti e protetti da password, ma d'altra parte si >denuncia che diventa sempre più facile trovare questo schifo >su internet?
    >cosa che mi sembra alquanto contradditoria.
    Solo apparenteente. CI sono 2 livelli di pedofilia in internet: gli scambisti\amatori che utilizando circuiti articolarmente sicuri in quanto costituiscono un club più o meno chiuso. In questo ambito è di fondamentale importanza la possibilità che ha la polpost di infiltrarsi.
    C'è poi un altro ambito, IMHO ancora più pericoloso, rappresentato dai profesionisti del pedo porno. Si tratta di criminali che si appoggiano a strutture proprie o conniventi che se ne fregano dei controlli (http://tinyurl.com/58jg3 per esempio). A questi interessa solo promozionare il loro materiale in modo da aumentare accessi e guadagni. Ed ecco quindi siti\spam e robetta varia...
    Ciao
    non+autenticato
  • > >Poi come definire un sito? indirizzi diversi
    > possono puntare >allo stesso sito e lo stesso
    > sito può essere ospitato su più >server diversi,
    > rimane un'ambiguità di fondo.
    > Su questo T.A: ha regole rigidissime (vedi ultima
    > pagina del report 2004). In genere si segnala il
    > sito al server che lo ospita e con la medesima
    > segnalazione si indicano TUTTI i redirect.
    >
    > >queste notizie si limitano a riportare il numero
    > di >segnalazioni fatte, dato di per se incompleto
    > senza alcuni >dati di supporto: numero reale di
    > positivi (che si è riscontrato >essere
    > effettivamente pedoporno) e numero di falsi
    > positivi >(si è segnalato un sito che in realtà
    > non è pedoporno).
    > Il numero di positivi è pari al 100% (pubblicare
    > le risposte degli ISP non è possibile). Tutti i
    > link vengono controllati da un operatore esperto
    > (ad eccezione dei masked file che vengono
    > controllati, stante il divieto della 269\98 SOLO
    > dalla PG).
    >
    due chiose:
    100% di positivi, mi sembra una cifra troppo alta, certo i provider se gli viene segnalato materiale pedoporno segano quasi seduta stante, tanto per evitare rogne e poi se sembrava ma non lo è, lo rimettono in piedi.

    come si stabilisce se un sito distribuisce pornografia minorile? non vengono "inchiodati" dalle immagini presenti?
    o un sito può essere pedopornografico anche se non contiene immagini di pornografia minorile ma solo link. ?

    > Solo apparenteente. CI sono 2 livelli di
    > pedofilia in internet: gli scambisti\amatori che
    > utilizando circuiti articolarmente sicuri in
    > quanto costituiscono un club più o meno chiuso.
    > In questo ambito è di fondamentale importanza la
    > possibilità che ha la polpost di infiltrarsi.

    si

    > C'è poi un altro ambito, IMHO ancora più
    > pericoloso, rappresentato dai profesionisti del
    > pedo porno. Si tratta di criminali che si
    > appoggiano a strutture proprie o conniventi che
    > se ne fregano dei controlli
    > (http://tinyurl.com/58jg3 per esempio).

    tanto per evitare sorprese quell'url postata a cosa punta.

    > A questi
    > interessa solo promozionare il loro materiale in
    > modo da aumentare accessi e guadagni. Ed ecco
    > quindi siti\spam e robetta varia...
    > Ciao

    e raccattare curiosoni e potenziali clienti e quelli
    sarebbero da segare alla grande...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > C'è poi un altro ambito, IMHO ancora più
    > > pericoloso, rappresentato dai profesionisti del
    > > pedo porno. Si tratta di criminali che si
    > > appoggiano a strutture proprie o conniventi che
    > > se ne fregano dei controlli
    > > (http://tinyurl.com/58jg3 per esempio).
    >
    > tanto per evitare sorprese quell'url postata a
    > cosa punta.

    http://www.repubblica.it/online/cronaca/garante/du...
    non+autenticato

  • > due chiose:
    > 100% di positivi, mi sembra una cifra troppo
    > alta, certo i provider se gli viene segnalato
    > materiale pedoporno segano quasi seduta stante,
    > tanto per evitare rogne e poi se sembrava ma non
    > lo è, lo rimettono in piedi.
    Purtroppo non è facile sbagliarsi sul contenuto di un sito pedo (tanto per chiarire: parliamo di bambini non di barely legal e siti con pseudo sedicenni).

    > come si stabilisce se un sito distribuisce
    > pornografia minorile? non vengono "inchiodati"
    > dalle immagini presenti?
    Esatto.

    > o un sito può essere pedopornografico anche se
    > non contiene immagini di pornografia minorile ma
    > solo link. ?
    No a meno che non sia un sito lista. In caso di link si avvisa il webmaster. In genere capita per forum, BBS e simili. Tali segnalazioni non fanno numero.

    > > (http://tinyurl.com/58jg3 per esempio).
    > tanto per evitare sorprese quell'url postata a
    > cosa punta.
    Articolo di repubblica.
    http://www.repubblica.it/online/cronaca/garante/du...

    > e raccattare curiosoni e potenziali clienti e
    > quelli
    > sarebbero da segare alla grande...
    Infatti. Molti dei siti segnalati ci sono arrivati da utenti che li avevano ricevuti per spam

  • - Scritto da: SirParsifal
    >
    > > due chiose:
    > > 100% di positivi, mi sembra una cifra troppo
    > > alta, certo i provider se gli viene segnalato
    > > materiale pedoporno segano quasi seduta stante,
    > > tanto per evitare rogne e poi se sembrava ma non
    > > lo è, lo rimettono in piedi.
    > Purtroppo non è facile sbagliarsi sul contenuto
    > di un sito pedo (tanto per chiarire: parliamo di
    > bambini non di barely legal e siti con pseudo
    > sedicenni).
    >
    capisco quindi le "segnalazioni" in realtà sono denuncie circonstanziate che sorgono da segnalazioni già controllate e verificate.
    Con questo dato tutto torna, pensavo fossero semplicemente un rilancio delle segnalazioni ricevute.
    Grazie per i chiarimenti.
    non+autenticato
  • > capisco quindi le "segnalazioni" in realtà sono
    > denuncie circonstanziate che sorgono da
    > segnalazioni già controllate e verificate.
    esatto. ogni segnalazione che riceviamo viene verificata e quelle positive portano ad una denuncia. ogni denuncia viene inviata alla polizia di competenza, agli organismi sovranazionali preposti alle indagini ed al provider e contiene una classificazione del materiale presente (gallery, film, bbs ...), una sua valutazione ed altre informazioni utilli per le indagini.

    > Con questo dato tutto torna, pensavo fossero
    > semplicemente un rilancio delle segnalazioni
    > ricevute.
    > Grazie per i chiarimenti.
    di nulla
  • Salve gente;
    Mi chiamo Gio e sono di Ascoli , il 2 dicembre del 2004 ho ricevuto la visita della guardia di finanza nella mia abitazione, per quanto professionali e competenti quelli del nucleo tecnologico di Roma, hanno fatto un putiferio, avendo in casa 4 pc per un totale di 1000 gb e circa 2000 cd di vario genere, si sono trovati davanti ad un incognita :"per sicurezza portiamo via tutto" e cosi anno fatto ecco perchè l'enorme mole di materiale sequestrato,.
    Passiamo ai fatti:
    nel decreto di perquisizione c'era scritto che l'indagine partita nel feb/mar. del 2003 mi si accusava di aver sharato tramite kazaa il materiale suddetto, rimanendo scettico sull'accusa ma probabile, dopo la loro uscita di casa mi sono recato dal mio avvocato e abbiamo valutato la situazione.
    premetto che per sharare uso principalmente dc++ per lo piu vecchi film e mp3 amatoriali di gruppi emergenti, ma non nascondo anche qulche gioco e qualche film, Utilizzando kazaa solo per scaricare AIME'' file porno, in particolare dei siti "bang bus" e "teen for cash" "8th street" "cum fiesta" ecc. siti a mio avviso e a quello del mio avvocato legali, naturalmente visto il funzionamento del programma e abbastanza probabile scaricare visto le chiavi di ricerca (teen, sex, pregnant, mom, 18y, ecc) anche del materiale vietato , (sfido chiunque a dire di non averne mai incontrato) .
    Ora premettiamo anche il fatto che quando scarichi con l'adsl avvolte lasci il pc acceso anche per giorni continuando a scaricare, probabile che fino a quando non vai a controllare il materiale scaricato puoi sharare qualsiasi file scaricato,anche vietato, basta che la Guardia di finanza scarica da te con una chiave di ricerca attinente al pedoporno, riscontrare dei file vietati sul tuo pc in quel momento rilevare l'IP ed il gioco è fatto. da questo momento si richiede al provider a chi risale l'IP e mettere il tuo nome e il tuo nik in una lista nera,. Appena la lista e abbastanza piena scattano le perquisizioni, se nelle operazioni sugli hard disk sono conservati file vietati, eccoti l'incriminazione sull'art 600.
    Fortunatamente sul mio pc non c'era materiale pedofilo ma a mio dire qualche file ambiguo su qualche diciottenne che può o non essere, ma naturalmente uno che scarica di tutto e probabile che sia stato ritrovato qualche file vietato.
    Da qui incomincia la rovina di qualche navigatore che ha sul pc i soliti file vietati, la rovina di qualche navigatore che anche se prosciolto ha speso 5000? di avvocato come me, e la conferenza stampa con tanto di lodi del PM.
    sono a vostra disposizione per chiarimenti sulla vicenda a me capitata
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Salve gente;
    > Mi chiamo Gio e sono di Ascoli , il 2 dicembre
    > del 2004 ho ricevuto la visita della guardia di
    > finanza nella mia abitazione, per quanto
    > professionali e competenti quelli del nucleo
    > tecnologico di Roma, hanno fatto un putiferio,
    > avendo in casa 4 pc per un totale di 1000 gb e
    > circa 2000 cd di vario genere, si sono trovati
    > davanti ad un incognita :"per sicurezza portiamo
    > via tutto" e cosi anno fatto ecco perchè l'enorme
    > mole di materiale sequestrato,.
    > Passiamo ai fatti:
    > nel decreto di perquisizione c'era scritto che
    > l'indagine partita nel feb/mar. del 2003 mi si
    > accusava di aver sharato tramite kazaa il
    > materiale suddetto, rimanendo scettico
    > sull'accusa ma probabile, dopo la loro uscita di
    > casa mi sono recato dal mio avvocato e abbiamo
    > valutato la situazione.
    > premetto che per sharare uso principalmente dc++
    > per lo piu vecchi film e mp3 amatoriali di gruppi
    > emergenti, ma non nascondo anche qulche gioco e
    > qualche film, Utilizzando kazaa solo per
    > scaricare AIME'' file porno, in particolare dei
    > siti "bang bus" e "teen for cash" "8th street"
    > "cum fiesta" ecc. siti a mio avviso e a quello
    > del mio avvocato legali, naturalmente visto il
    > funzionamento del programma e abbastanza
    > probabile scaricare visto le chiavi di ricerca
    > (teen, sex, pregnant, mom, 18y, ecc) anche del
    > materiale vietato , (sfido chiunque a dire di non
    > averne mai incontrato) .
    > Ora premettiamo anche il fatto che quando
    > scarichi con l'adsl avvolte lasci il pc acceso
    > anche per giorni continuando a scaricare,
    > probabile che fino a quando non vai a controllare
    > il materiale scaricato puoi sharare qualsiasi
    > file scaricato,anche vietato, basta che la
    > Guardia di finanza scarica da te con una chiave
    > di ricerca attinente al pedoporno, riscontrare
    > dei file vietati sul tuo pc in quel momento
    > rilevare l'IP ed il gioco è fatto. da questo
    > momento si richiede al provider a chi risale l'IP
    > e mettere il tuo nome e il tuo nik in una lista
    > nera,. Appena la lista e abbastanza piena
    > scattano le perquisizioni, se nelle operazioni
    > sugli hard disk sono conservati file vietati,
    > eccoti l'incriminazione sull'art 600.
    > Fortunatamente sul mio pc non c'era materiale
    > pedofilo ma a mio dire qualche file ambiguo su
    > qualche diciottenne che può o non essere, ma
    > naturalmente uno che scarica di tutto e probabile
    > che sia stato ritrovato qualche file vietato.
    > Da qui incomincia la rovina di qualche navigatore
    > che ha sul pc i soliti file vietati, la rovina di
    > qualche navigatore che anche se prosciolto ha
    > speso 5000? di avvocato come me, e la conferenza
    > stampa con tanto di lodi del PM.
    > sono a vostra disposizione per chiarimenti sulla
    > vicenda a me capitata
    Non avevano altro di meglio da fare : Annoiato
    non+autenticato
  • Potevi farti dare un avvocato d'ufficio visto che era certo non avessero trovato nulla...non eri un po troppo preoccupato per uno che è sicuro della propria innocenza?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Potevi farti dare un avvocato d'ufficio visto che
    > era certo non avessero trovato nulla...non eri un
    > po troppo preoccupato per uno che è sicuro della
    > propria innocenza?

    Visto come va la giustizia in italia io sarei preoccupato anche se venissero a casa mia solo a chiedere una tazza d'acqua.
    Ha fatto benissimo ad affidarsi ad un avvocato privato, probabilmente se si fosse affidato all'avvocato d'ufficio ora sarebbe in carcere in attesa dell'esecuzione su sedia elettrica.

    Bye,
    Luca
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Potevi farti dare un avvocato d'ufficio visto che
    > era certo non avessero trovato nulla...non eri un
    > po troppo preoccupato per uno che è sicuro della
    > propria innocenza?


    bravo.

    ora che hai fatto superbo sfoggio della tua ignoranza nel campo del diritto posso notificarti che l'avvocato d'ufficio non e- a pagamento solo se sei al di sotto di una certa soglia di reddito, altrimenti lo paghi come un qualunque altro avvocato.

    non+autenticato
  • > l'avvocato d'ufficio non e- a pagamento solo
    > se sei al di sotto di una certa soglia di
    > reddito, altrimenti lo paghi come un qualunque
    > altro avvocato.

    Di più: questa soglia è molto ma molto bassa... In effetti però è sufficiente solo entrare in un qualunque studio di avvocati per ritrovarsi sotto a quel livello Triste
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Potevi farti dare un avvocato d'ufficio visto
    > che
    > > era certo non avessero trovato nulla...non eri
    > un
    > > po troppo preoccupato per uno che è sicuro della
    > > propria innocenza?
    >
    >
    > bravo.
    >
    > ora che hai fatto superbo sfoggio della tua
    > ignoranza nel campo del diritto posso notificarti
    > che l'avvocato d'ufficio non e- a pagamento solo
    > se sei al di sotto di una certa soglia di
    > reddito, altrimenti lo paghi come un qualunque
    > altro avvocato.
    >

    Scusami, ma vista la tua arroganza, non posso tenermi da far notare la tua, di ignoranza: anche l'avv. di fiducia, se sei al di sotto del reddito previsto dalla legge (che, per chi non lo sa, è di L. 18.000.000), è pagato dallo stato.
    Per farla breve: sia l'Avv. d'ufficio che quello di fiducia si pagano a tariffa, nello stesso modo; e sia l'Avv. d'ufficio che quello di fiducia non si pagano, se ci si ritrova al di sotto della soglia minima (che, come potete vedere, non è proprio bassissima: se uno lavora part-time, ci rientra tranquillo).
    Ciao e... occhio a chi da dell'ignorante agli altri: spesso è peggio Occhiolino
    non+autenticato
  • "Scarica il logo del NIT", "Scarica il logo di Telefono Arcobaleno", dice il sito. E a quando la vendita di cappellini e magliette? E l'album di figurine con gli eroi anti-pedofilia?
    Questa mi sembra la solita mania di protagonismo che contraddistingue da un pò di tempo gli organi addetti a "bloccare" il traffico pedo-pornografico.
    Comunque sappiate che su members.xoom.virgilio.it hanno messo l'ennesimo sito trappola che sfrutta un meccanismo "illecitamente lecito" per coinvolgere chi ci capita.
    p.s. com'è che cliccando su "forum" di punto informatico non compaiono tutte le discussioni che in realtà sono state postate? Stanno forse controllando la libertà di lanciare messaggi scomodi?...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > "Scarica il logo del NIT", "Scarica il logo di
    > Telefono Arcobaleno", dice il sito. E a quando la
    > vendita di cappellini e magliette? E l'album di
    > figurine con gli eroi anti-pedofilia?
    > Questa mi sembra la solita mania di protagonismo
    > che contraddistingue da un pò di tempo gli organi
    > addetti a "bloccare" il traffico
    > pedo-pornografico.
    > Comunque sappiate che su members.xoom.virgilio.it
    > hanno messo l'ennesimo sito trappola che sfrutta
    > un meccanismo "illecitamente lecito" per
    > coinvolgere chi ci capita..

    chevvordi "illecitamente lecito" ?

    > p.s. com'è che cliccando su "forum" di punto
    > informatico non compaiono tutte le discussioni
    > che in realtà sono state postate? Stanno forse
    > controllando la libertà di lanciare messaggi
    > scomodi?...

    il forum è in sviluppo, capitano queste cose.
    non+autenticato
  • Internet, droga e pornografia. Come faranno le leggi a bloccare tutto questo ?? Le carceri si riempiranno di questa gentaccia. Si avrà il collasso delle reti e della società.....si stanno vedendo le immagini che già decine di anni fa erano nei film che parlavano del "futuro". La pena di morte ci vorrebbe per questi e per tutti quelli che vendono "morte" e "immoralità"
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Internet, droga e pornografia. Come faranno le
    > leggi a bloccare tutto questo ?? Le carceri si
    > riempiranno di questa gentaccia. Si avrà il
    > collasso delle reti e della società.....si stanno
    > vedendo le immagini che già decine di anni fa
    > erano nei film che parlavano del "futuro". La
    > pena di morte ci vorrebbe per questi e per tutti
    > quelli che vendono "morte" e "immoralità"

    Le fiamme dell' inferno bruceranno i preti pedofili!
    non+autenticato
  • ...........e alla fine verra gesu cristo a separare gli agnelli dai caproni..........
    non+autenticato
  • don Fortunato Di Noto non è da anni al Telefono Arcobaleno. E' auspicio non abbianare la sua persona e il suo operato con la sudetta associazione.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 14 discussioni)