Microsoft: sconti per certi pirati cinesi

Esteso il programma di rimpiazzo di Windows XP contraffatto con un Windows XP legale. La speranza Ŕ di indurre i cinesi a dire chi sono i rivenditori che agiscono nell'illegalitÓ

Roma - Microsoft ha deciso di estendere anche al mercato cinese una delle sue strategie pi¨ forti contro la contraffazione del proprio software, in particolare delle diverse versioni del proprio sistema operativo Windows.

L'azienda ha infatti deciso di offrire agli utenti che dispongano di copie pirata di Windows, uno sconto del 50 per cento sul prezzo del prodotto se riveleranno da chi e come hanno ottenuto la copia contraffatta di cui sono in possesso.

Fino alla fine di marzo, l'azienda consentirÓ agli utenti di acquistare Windows XP Home Edition al prezzo di 786 yuan (circa 72 euro) e la Professional Edition a 1270 yuan (quasi 116 euro).
Per ottenere lo sconto, chi se la sentirÓ di denunciare il negozio o la persona che gli ha passato la copia pirata dovrÓ compilare un modulo online nel quale fornirÓ tutte le informazioni relative, ad esempio se si sono ritrovati quella copia su un PC comprato da un rivenditore, oppure se l'hanno acquistata sul mercato nero.

Come si ricorderÓ, lo scorso novembre Microsoft aveva lanciato un programma simile nel Regno Unito. In quel caso, per˛, si era offerta di sostituire una copia di Windows in via del tutto gratuita a chi avesse dichiarato dove e come si Ŕ procurato l'attuale copia pirata. La differenza tra i due programmi si deve probabilmente al fatto che la percentuale di prodotti contraffatti in Cina Ŕ assai pi¨ elevata che in UK, ed entrano quindi in gioco dinamiche economiche assai diverse.

Va detto anche che in Cina Ŕ giÓ attivo un programma che sarÓ via via esteso a tutti i paesi nel corso dell'anno, e che per ora riguarda anche Norvegia e Repubblica Ceca, che consente l'aggiornamento di Windows soltanto a quei privati e a quelle aziende che verifichino online, con i tool messi a disposizione da Microsoft, se la propria copia di Windows sia legale o meno.
TAG: microsoft
58 Commenti alla Notizia Microsoft: sconti per certi pirati cinesi
Ordina

  • E' da un po' che non si sente parlare di informatica e pubblica amministrazione delle grandi citta' della Cina.

    Solo annunci sulla diffusione nelle emergenti aziende cinesi.

    Con i finanziamenti alle due distribuzioni Linux cinesi piu' famose tra cui la Red Flag Linux, la pubblica amministrazione cinese utilizza sempre di piu' Linux e soprattutto in quegli enti governativi dove la privacy e il riserbo dei dati e' molto importante.

    Li' Micro$oft ha problemi a penetrare, e' un mercato ormai perso ma sicuramente solo a causa della natura closed del codice e il pericolo di backdoor e spyware, e non del prezzo perche' la Cina compra il petrolio a qualsiasi prezzo, se ne avesse veramente bisogno e lo trovasse valido e fidato pagherebbe anche per Winzozz.

    Sono incredibili e gia' molte smascherate le backdoor in Winzozz che permettono di eccedere ad un computer remoto e carpirne chissa' quanti segreti.

    Daltronde tra Patriot Act e minacce di indagini antitrust il governo USA puo' chiedere a Bill Gate$ di mettere qualsiasi cosa loro richiedano, all'interno di Windoze.

    Come dire che il suo governo tiene Bill per le palle e puo' stringerle quando e quanto vuole per fargli cantare piu' forte l'inno nazionale.

    Anche per questi motivi io sarei il primo a dubitare della sicurezza dei "miei" dati e della "mia" privacy se dovessi adottare Win in una mia azienda o Ente.

    --
    Mr. Mechano

  • > Li' Micro$oft ha problemi a penetrare, e' un
    > mercato ormai perso ma sicuramente solo a causa
    > della natura closed del codice e il pericolo di
    > backdoor e spyware, e non del prezzo perche' la
    > Cina compra il petrolio a qualsiasi prezzo, se ne
    > avesse veramente bisogno e lo trovasse valido e
    > fidato pagherebbe anche per Winzozz.

    La cosa è di un certo spessore, considerando che la popolazione cinese rappresenta almeno un sesto del genere umano! Per questo pratica questi sconti da mercatino della domenica...

    > Daltronde tra Patriot Act e minacce di indagini
    > antitrust il governo USA puo' chiedere a Bill
    > Gate$ di mettere qualsiasi cosa loro richiedano,
    > all'interno di Windoze.
    >
    > Come dire che il suo governo tiene Bill per le
    > palle e puo' stringerle quando e quanto vuole per
    > fargli cantare piu' forte l'inno nazionale.

    La cosa è agghiacciante e preoccupante... Perchè il governo può tenere Bill per le palle ma non la comunità open source, a meno che (come temo) non si inventino qualche leggina folle. O spingano verso il Palladium...Deluso:|:|:|:|:|

    > Anche per questi motivi io sarei il primo a
    > dubitare della sicurezza dei "miei" dati e della
    > "mia" privacy se dovessi adottare Win in una mia
    > azienda o Ente.

    Il mio sogno è che se ne accorgano anche le aziende italiane... Per quel che mi riguarda in ufficio uso al 99% linux e sto cercando di spingere il più possibile i colleghi a fare altrettanto e finalmente sto ottenendo qualche risultato!Sorride

    TAD
  • Io ho installato un sistema operativo che stava accluso ad uno di quei giornalacci per acchers... Mi sa che non sono in regola. La licenza era scritta in inglese e non l'ho letta. Sui CD ci stava scritto "Linux", e da come funziona bene deve valere un sacco di bei dindi. Bill Gates si arrabbierà con me per quello che ho fatto? Che ne dite...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Io ho installato un sistema operativo che stava
    > accluso ad uno di quei giornalacci per acchers...
    > Mi sa che non sono in regola. La licenza era
    > scritta in inglese e non l'ho letta. Sui CD ci
    > stava scritto "Linux", e da come funziona bene
    > deve valere un sacco di bei dindi. Bill Gates si
    > arrabbierà con me per quello che ho fatto? Che ne
    > dite...

    Certo!!! Quella roba per acchers viola 200 brevetti di cose che ha inventato Bill Gates!!! Tra poco ti manderà una lettera per dirti di disinstallare subito quel sistema non autorizzato dal tuo pc e ti offrirà uno sconto per il suo nuovo paccozzo Windows Super Profescional, in alternativa una bella Xbox2!!!A bocca aperta:D:D

    TAD
  • ... di conquista, ditemi voi quale sw house può ribassare così il prezzo dei suoi prodotti, solo M$ grazie alla immensa diffusione del suo 'sistema operativo'. Stanno facendo in cina ciò che hanno fatto (e fanno) da anni in europa e usa, prima tollerano la pirateria casalinga (così diffondono la loro merce) , poi ribassano i prezzi per raschiare il fondo del barile e poi, quando gli utenti saranno lobotomizzati a dovere e con un pc palladium, rialzeranno i prezzi a loro piacimento... che schifo.
    non+autenticato
  • Il nostro vecchio caro Guglielmo Cancelli ha una vaga ida del fatto che è proprio il governo cinese a "non ostacolare" (per non dire favorire) la diffusione del SW pirata?

    Nei dintorni di Pechino, non c'è neanche una realtà industriale che abbia sw registrato...Ivi compresi AUTOCAD, PRO-E, SOLID EDGE e altre amenità costose.

    E il governo cinese avalla.

    ???
    non+autenticato
  • Cinesi non siate tonti, usate linux, mandate al diavolo gates , il suo monopolio e i suoi software da strapazzo....
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)