L'Europa va matta per i DVD

Mentre le major si angosciano per il file sharing le vendite di DVD schizzano nel Vecchio Continente. Si compra a più non posso nonostante P2P e banda larga

Roma - Rischia di diventare sempre più difficile per le major e i detentori del diritto d'autore dimostrare una qualche correlazione tra uso del P2P e contrazione delle vendite: gli ultimi dati sui mercati europei indicano infatti che per i DVD le vendite stanno salendo rapidamente ovunque.

Stando ai numeri raccontati dall'osservatorio di In-Stat sia gli acquisti che i noleggi di DVD stanno conoscendo in Europa un vero e proprio boom, con benefici sia per i produttori del Vecchio Continente sia per le major americane di Hollywood.

Nel 2004 secondo In-Stat il mercato dei DVD ha raggiunto quota 7 miliardi di euro ma se i ritmi rimarranno quelli attuali nel 2009 il volume d'affari raggiungerà uno strabiliante 13 miliardi di euro. A tutto questo poi si deve associare il forte interesse degli utenti per i film trasmessi su pay-tv o altri meccanismi di distribuzione online.
Un ulteriore boom che dovrebbe rallegrare i produttori cinematografici è previsto con la progressiva espansione della televisione digitale terrestre e delle nuove opportunità di mercato che si presenteranno. Entro il 2009 si ritiene che in Europa riceveranno in modalità DTT almeno 23,7 milioni di famiglie contro gli attuali 4,9 milioni.

"I nuovi servizi di distribuzione digitale - ha spiegato un analista di In-Stat - non rimpiazzeranno i DVD ma aggiungeranno per gli utenti una migliorata accessibilità, convenienza e flessibilità dei contenuti".
TAG: mondo
36 Commenti alla Notizia L'Europa va matta per i DVD
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)