Microsoft C# diventa uno standard

Un organismo di standardizzazione europeo ha approvato due componenti chiave di .NET: C# e CLI, come tecnologie standard per lo sviluppo di Web service. Schiaffo a Java

Redmond (USA) - ECMA, un organismo internazionale di normalizzazione con sede in Svizzera, ha approvato a standard le specifiche del linguaggio C# e della Common Language Infrastructure (CLI), due tool di sviluppo creati da Microsoft come parte della sua piattaforma.NET. D'ora in avanti ECMA manterrà il controllo sullo sviluppo delle specifiche di queste due tecnologie.

"Microsoft ha sottoposto all'ECMA le specifiche di C# e di CLI nell'ottobre del 2000 - si legge in un comunicato di Microsoft - ed ha collaborato con una dozzina di leader dell'industria, inclusi HP, IBM, Intel e Netscape Communications, per completare le specifiche definitive delle due tecnologie".

C# è un linguaggio di programmazione orientato ai componenti e pensato in modo particolare per lo sviluppo di Web service basati su XML. Con questo linguaggio Microsoft spera di poter arrivare a rimpiazzare Java nella costruzione di componenti, applicativi e servizi per Internet.
La CLI è invece una tecnologia che Microsoft ha sviluppato per consentire ai programmatori di costruire Web service ed altre applicazioni avvalendosi di una certa varietà di linguaggi. Essa include un sistema di esecuzione virtuale ed una classe di librerie che definiscono i modi con cui vari tipi di dati possono interagire.

Microsoft sostiene che la decisione dell'ECMA rafforza la sua posizione nel settore delle piattaforme per lo sviluppo dei Web service, soprattutto nei confronti del suo nemico giurato: Java. David Smith, un analista del Gartner, ritiene però che tale riconoscimento, per gli utenti finali, potrebbe essere di ben poca importanza.

Al di là degli standard, sostengono altri esperti, C# dovrà dimostrare la sua validità sul campo e conquistare la fiducia degli sviluppatori così come in questi ultimi anni ha fatto Java. E Microsoft non ha dubbi che questo avverrà: questione di tempo.
TAG: mercato
75 Commenti alla Notizia Microsoft C# diventa uno standard
Ordina
  • O funiziona (male) solo sotto windstronz....

    non+autenticato
  • Lo stanno portando anche sotto Lincazz.

    - Scritto da: open
    > O funiziona (male) solo sotto windstronz....
    >
    non+autenticato
  • Non grazie ad M$ sicuramente; che detenendo il 90% dei PC-Home, almeno come o.s. principale, si chiude a riccio e chiude a riccio i propri ut. ulteriormente con questa mossa (.net).
    non+autenticato
  • > Non grazie ad M$ sicuramente; che detenendo
    > il 90% dei PC-Home, almeno come o.s.
    > principale, si chiude a riccio e chiude a
    > riccio i propri ut. ulteriormente con questa
    > mossa (.net).

    Bello, e la standardizzazione Ecma dove la metti ? Mi sembra che la mossa si proprio verso l'apertura.
    non+autenticato
  • Scambiare quello che è un "obbligo" per M$ se vuole che il suo C# venga usto da quello che vuole e che lascia intravedere, è un'errore.
    Ancora si devono vedere l'aiuto che M$ fornisce anche per soc. private, anche a pagamento, per portare C# (linguaggi simili diventeranno indispensabili nell'e-commerce con l'avvento di piattaforme simil .net) su altre piattaforme.
    non+autenticato
  • In buona sostanza: qualsiasi cosa faccia MS sbaglia. Se la fa sbagliata è perché voleva farla sbagliata. Se la fa giusta è perché si è sbagliata e in realtà voleva farla sbagliata ma non ci è riuscita.

    Siete patetici.

    - Scritto da: BSD_like
    > Scambiare quello che è un "obbligo" per M$
    > se vuole che il suo C# venga usto da quello
    > che vuole e che lascia intravedere, è
    > un'errore.
    > Ancora si devono vedere l'aiuto che M$
    > fornisce anche per soc. private, anche a
    > pagamento, per portare C# (linguaggi simili
    > diventeranno indispensabili nell'e-commerce
    > con l'avvento di piattaforme simil .net) su
    > altre piattaforme.
    non+autenticato
  • Non credo, scusa che faccia beneficienza; in generale.
    Non credo che la faccia neanche Sun, che difatti non ha mai dato lo standard Java, e che ha reso "open source" con lic. Sun, Solaris solo per rendere Solaris il più performante ed a basso costo (visti i progressi nell'open source).
    Ma neanche lo crdo di IBM, etc. anche se investono nell'open source; ma per l'appunto quello è un'investimento.
    Però, vedi tra tutte queste società che hanno comportamenti analoghi, la peggiore in generale resta M$.
    E lo affermo non essendo particolarmente anti-M$; ma anti-win*.
    non+autenticato
  • il C# e tutto .NET sta in porting su linux da
    un bel po.
    unica pecca e' che a capo del progetto di trova
    Icaza lo stronzetto che ha fatto ximian per poi
    vendere il suo red cazzet
    Ciao
    non+autenticato
  • Java e' un linguaggio interpretato/precompilato (a seconda delle opinioni) che gira ovunque.
    C# girera' solo su Microsoft o forse Linux, ma non e' ancora sicuro.
    Che senso ha allora compararli? Che senso ha dire che Java e' piu' lento? E' un trade-off, si sa, gira ovunque ma non e' il piu' veloce (interessante pero' vedere i benchmarks pubblicati da IBM sulla differenze di efficienza tra Java e C++).
    Perche' allora si desidera fare una differenza tra i due linguaggi?
    Java ha rappresentato una rivoluzione e si studia nelle Universita'. C# e' appena arrivato ma non ha nessun elemento di attrazione al momento.
    Certo, a parte un'orda di fanatici che gia' lo usano ... (vorrei avere del tempo per andarmi a fare delle belle risate sui vari bugs di .NET, ma non posso adesso, troppo impegnato).
    non+autenticato
  • > Java ha rappresentato una rivoluzione e si
    > studia nelle Universita'. C# e' appena
    > arrivato ma non ha nessun elemento di
    > attrazione al momento.

    Java una rivoluzione?
    si studia nelle universita, si, e' vero..
    allora?
    non vuol dire nulla, anzi, forse e' un male!
    Di didattico non ha nulla.
    Di rivoluzionario neanche, si basa su concetti vecchi di anni.
    Come C# d'altronde.
    Sono due evoluzioni dello stesso concetto, ma non delle rivouzioni.
    L'unico punto di forza di Java e' Sun.
    Se java fosse nato in qualche universita' come ML, sarebbe rimasto confinato.

    > Certo, a parte un'orda di fanatici che gia'
    > lo usano ... (vorrei avere del tempo per
    > andarmi a fare delle belle risate sui vari
    > bugs di .NET, ma non posso adesso, troppo
    > impegnato).

    la volpe quando non arriva all'uva dice che e' acerbaSorride

    ciao
    non+autenticato
  • > > Java ha rappresentato una rivoluzione e si
    > > studia nelle Universita'. C# e' appena
    > > arrivato ma non ha nessun elemento di
    > > attrazione al momento.
    >
    > Java una rivoluzione?

    Non una rivoluzione, vero, ma una bella riforma che ha significato molto, questo sì.

    > si studia nelle universita, si, e' vero..
    > allora?
    > non vuol dire nulla, anzi, forse e' un male!

    Non vuol dire nulla? Non credo...
    Un male? Perchè? Dipende dai corsi. Per certi corsi è un toccasana, e lo è anche per la sua logicità.

    > Di didattico non ha nulla.

    Sono del parere esattamente contrario.

    > Di rivoluzionario neanche, si basa su
    > concetti vecchi di anni.

    Vero.

    > Come C# d'altronde.

    Vero anche questo. Java, però, è stato il primo ad offrire un certo tipo di mix, infarcito poi con idee nuove che derivano effettivamente dall'unire quelle vecchie.

    C#, invece, ripropone lo stesso mix, più una salsetta nuova e qualche cambio qua e là.

    Non fraintendermi, non credo C# sia un male, anzi..! Mi piace abbastanza, salvo per alcune cose che mi hanno fatto storcere il naso (ma anche jva, inizialmente, mi ha dato lo stesso effetto). Diamo a Cesare quel che è di Cesare, però...

    > Se java fosse nato in qualche universita'
    > come ML, sarebbe rimasto confinato.

    Ne sei sicuro? Io per nulla.

    Poi una domanda di carattere generico.
    Sappiamo tutti quanto la nascita di C# sia stata influenzata da Java. Se Java non fosse mai esistito, C# sarebbe mai stato ideato? Questa, ovviamente, è una domanda retorica. Quello che volevo chiedere è: data tale premessa, perché nella pagina linkata come riferimento della storia di ECMA, Microsoft parla di C# in termini di un figlio di C e C++? A me sembra più un nipote. Non che non vada bene, ma non ci vedo nulla di male illustrando quanto Java abbia influenzato C#. Perché non lo scrivono chiaramente? Quale è il problema? Mica c'è nulla di male, anzi, per fortuna che ogni volta non viene riscoperta l'acqua calda! E' ovvio che il motivo è di marketing, però leggendo certe cose io, come programmatore, mi sento deriso. Questa è la cosa che rimprovero a Microsoft.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Fred
    > Java e' un linguaggio
    > interpretato/precompilato (a seconda delle
    > opinioni) che gira ovunque.
    > C# girera' solo su Microsoft o forse Linux,
    > ma non e' ancora sicuro.

    Gira ovunque ci sia una CLI (che è standard per cui potrà essere implementata anche su altre piattaforme). Si chiama .NET.


    > Java ha rappresentato una rivoluzione e si
    > studia nelle Universita'.

    Rivoluzione? Per cosa scusa? Perché è multipiattaforma? Quando andavo all'università io scrivevo moduli in C, Fortran o in Basic e poi li facevo girare sulle diverse piattaforme (VMS, PC, PDP etc.). Certo se volevo qualcosa che girasse un po' più veloce dovevo ottimizzare per la piattaforma e... ehi, ma sto descrivendo proprio Java.


    C# e' appena
    > arrivato ma non ha nessun elemento di
    > attrazione al momento.

    Tranne il fatto di essere standard mentre Java no? Tranne il fatto di essere compilato JIT e quindi più veloce? Tranne il fatto di prendere il meglio delle caratteristiche di Java e di Delphi? Tranne il fatto di permettere di scrivere codice richiamabile da uno qualunque degli altri 10 linguaggi con i quali si può scrivere sotto .NET? Be' hai ragione. Tranne questo nulla di particolare.


    non+autenticato
  • - Scritto da: Darth Vader

    > Tranne il fatto di essere standard mentre
    > Java no?

    Ti abbiamo gia' detto cosa e' importante e cosa no.

    > Tranne il fatto di essere compilato
    > JIT e quindi più veloce?

    HotSpot cos'e' allora?
    Aspetto studi piu' approfonditi per discutere la cosa.

    > Tranne il fatto di
    > prendere il meglio delle caratteristiche di
    > Java e di Delphi?

    Certamente. E' arrivato dopo e quindi si avvantaggia dell'esperienza accumulata in precedenza. Nulla di male in cio'. Vorrei solo aggiungere che java e' un linguaggio in evoluzione. La 1.4 presenta' la novita' delle asserts. Ci si potrebbe aspettare altre novita' in futuro.

    > Tranne il fatto di
    > permettere di scrivere codice richiamabile
    > da uno qualunque degli altri 10 linguaggi
    > con i quali si può scrivere sotto .NET?

    Ti do raggione solo se parli della virtual machine. Quella di java e' pensata solo per eseguire java, purtroppo. Altrimenti, il binding tra java ed altri linguaggi non eseguiti nella VM puo' essere fatto in vari modi. Faccio un esempio, sul MacOSX di apple le applicazioni Cocoa possono essere scritte usando contemporaneamente linguaggi differenti: Objective C, C++, AppleScript e java.
    non+autenticato
  • Dimenticate una differenza fondamentale: Java nasce come linguaggio puramente ad oggetti, C# scopiazza dal C (fra le ire dei puristi) ed è quindi un linguaggio procedurale che implementa gli oggetti.
    non+autenticato
  • Altro che ire, la M$ non ha nessun diritto (moralmente) di prendere dal C, che è nato su altre piattaforme, usato per i kernel di altre piattaforme, e i cui creatori hanno lavorato e lavorano sempre su piattaforme UNIX (Bell Labs.).
    Purtroppo è di proprietà dell'umanità intera ormai da decenni (AT&T ci poteva pensare a liberarlo solo su piattaforme UNIX, allora; avremmo evitato simili distorsioni dal purismo); e quindi a disposizione anche di M$.
    Ah, già chi dice ciò è un'ortodosso, del purismo tecnico informatico, cioè talebano (ultima definizione dei seguaci M$ per chi professa il purismo tecnico), secondo i fans M$, ovvio.
    non+autenticato
  • Stai dimostrando la tua più completa incopemtenza nel campo della programmazione e superficialità nell'affrontare nuove tematiche tecnologiche.
    Il C non è OO mentre C# si. Se poi dichiari che hanno copiato dal C solo perchè ci sono le parentesi graffe, allora il C ha copiato dalla matematica !
    non+autenticato
  • > Dimenticate una differenza fondamentale:
    > Java nasce come linguaggio puramente ad
    > oggetti, C# scopiazza dal C (fra le ire dei
    > puristi) ed è quindi un linguaggio
    > procedurale che implementa gli oggetti.

    Ma tu hai studiato C# ? C# è component oriented puro (se vuoi una specializzazione della OOP). Ma forse dovresti prima informarti e non fermarti a qualche riga di codice letto qua e la.
    non+autenticato
  • Questa e' bella:

    [...] That means that C# and the CLI are now officially standards administered by ECMA. But Microsoft will retain control over who gets to license the technology and how it will be distributed, a company spokesman said.

    http://news.cnet.com/news/0-1003-200-8166213.html
    non+autenticato
  • > [...] That means that C# and the CLI are now
    > officially standards administered by ECMA.
    > But Microsoft will retain control over who
    > gets to license the technology and how it
    > will be distributed, a company spokesman
    > said.


    AUHUAHUHA e se l'ECMA alza troppo la voce billgayts se la compra licenzia il presidente e ci mette uno dei suoi geek.
    non+autenticato
  • Come forse molti sapranno Java NON è uno standard (Sun ha ritirato la richiesta di standardizzazione per poterlo mantenere proprietario e fare causa a chiunque tentasse di estenderlo: vale a dire Microsoft e IBM).

    Ora vediamo se qualcuno tra i supporter dell'anti-MS avrà l'onestà intellettuale di dire che questa volta Microsoft ha agito meglio di Sun e che C#, per questo motivo, è preferibile rispetto a Java.

    (By the way, personalmente non mi tange in quanto ho sempre ritenuto più significativi gli standard de facto rispetto a quelli de iure; ma visto che c'è chi fino a ieri squalificava le tecnologie Microsoft in quanto non standard de iure...)
    non+autenticato
  • > standard

    E ringraziamo Microsoft per aver esercitato in senso negativo le dovute pressioni presso gli organi che si sarebbero dovuti preoccupare della sua standardizzazione. Storia di qualche anno fa.

    > (Sun ha ritirato la richiesta di
    > standardizzazione per poterlo mantenere
    > proprietario e fare causa a chiunque
    > tentasse di estenderlo: vale a dire
    > Microsoft e IBM).

    Sun si e' rotta i ******** e ha deciso di continuare fregandosene della standardizzazione.
    Per me avrebbe dovuto insistere.

    > (By the way, personalmente non mi tange in
    > quanto ho sempre ritenuto più significativi
    > gli standard de facto rispetto a quelli de
    > iure...

    By the way, per me e' importante che le specifiche siano pubbliche e che siano rispettate.
    non+autenticato
  • - Scritto da: FDG

    > E ringraziamo Microsoft per aver esercitato
    > in senso negativo le dovute pressioni presso
    > gli organi che si sarebbero dovuti
    > preoccupare della sua standardizzazione.
    > Storia di qualche anno fa.

    Mi riferisco al tentativo di standardizzazione operato con ISO, non quello di ECMA.
    non+autenticato
  • il problema non e' che uno standard sia de facto o de iure ma se sia proprietario o no, a me non importa del resto ma se uno standard e' accessibile solo a pochi allora non va bene!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Darth Vader

    > Ora vediamo se qualcuno tra i supporter
    > dell'anti-MS avrà l'onestà intellettuale di
    > dire che questa volta Microsoft ha agito
    > meglio di Sun e che C#, per questo motivo, è
    > preferibile rispetto a Java.

    Eccomi!
    Beh se C# e CLI non avessero avuto specifiche riconosciute come std avrebbe avuto qualche difficolta` in piu` ad attirare sviluppatori.

    Comunque su C# e CLI sono il primo a dire che M$ forse l'ha fatta giusta (a meno di "monevre" in stile M$ in futuro..). Pensa che la Ximian (che produce Gnome) sta sviluppando Momo, che contiene un compilatore C# (JIT) e se non sbaglio una versione della CLI, tutto open source. La M$ avendo rilasciato le specifiche, ha reagito piu` che bene.
    (Darth, non rabbrividire!)

    In fondo a M$ non inporta piu` controllare solo il Desktop, ma il suo primo obbiettivo e` la rete! Anche Momo puo` essere una buona cosa per M$.. (Infatti io odio Momo e secondo me questo portera` Gnome alla rovina..)

    La parte brutta della storia non sono 'sti linguaggi piu` o meno standard (un altro molto bello e` l'Internet C++), e quanto saranno adottati: e` invece la faccenda dei "nuovi servizi" Internet, Passport, .Net etc.

    M$ non mi sembra in grado di garantire sicurezza sufficiente (non dico perfetta, che e` impossibile) per i dati degli utenti.

    Poi non mi piace il controllo ancora troppo centralizzato dei sistemi di raccolta/gestione dati.. e poi in mano ad un privato!

    E non credo che DotGNU o la Liberty Alliance avranno spazio..

    E infine non mi piace l'idea dei "servizi" in se: sono veramente indispensabili???

    Ciao!                                 S.
    non+autenticato


  • - Scritto da: S.L.
    > - Scritto da: Darth Vader
    >    
    > > Ora vediamo se qualcuno tra i supporter
    > > dell'anti-MS avrà l'onestà intellettuale
    > di
    > > dire che questa volta Microsoft ha agito
    > > meglio di Sun e che C#, per questo
    > motivo, è
    > > preferibile rispetto a Java.
    >
    > Eccomi!

    Mi associo alla prima parte (a malincuore), ma dissento sulla seconda (c# preferibile).

    >
    > In fondo a M$ non inporta piu` controllare
    > solo il Desktop, ma il suo primo obbiettivo
    > e` la rete!
    >

    Infatti ci avevano provato nel 95 con MSN, con i risultati che tutti sappiamo, poi ha mantenuto un saldo controllo con IE, ed ora il take-off di c# e correlati.

    > La parte brutta della storia non sono 'sti
    > linguaggi piu` o meno standard (un altro
    > molto bello e` l'Internet C++), e quanto
    > saranno adottati: e` invece la faccenda dei
    > "nuovi servizi" Internet, Passport, .Net
    > etc.
    >

    Concordo: anche se non sono ferrato in materia, a livello di strategia penso che stiano facendo i passi giusti.

    P.S.
    Un anno fa durante il JIA a Padova chiedemmo scherzosamente a Puliti un suo parere su come serebbe andato il processo dell'antitrust contro Microsoft, e la sua risposta (altrettanto spiritosa) fu "dipendera' da chi vince le elezioni".
    Questo per dimostrare di come sia anche piu' facile muoversi in terreni non ostili.

    Ciao
    K.

    non+autenticato
  • - Scritto da: Darth Vader
    > Come forse molti sapranno Java NON è uno
    > standard (Sun ha ritirato la richiesta di
    > standardizzazione per poterlo mantenere
    > proprietario e fare causa a chiunque
    > tentasse di estenderlo: vale a dire
    > Microsoft e IBM).

    errore di sun. Tra parentesi, java e' uno schifo. Avra' dei pregi ma il jdk fa pieta' e da gestire e' un casino.

    > Ora vediamo se qualcuno tra i supporter
    > dell'anti-MS avrà l'onestà intellettuale di
    > dire che questa volta Microsoft ha agito
    > meglio di Sun e che C#, per questo motivo, è
    > preferibile rispetto a Java.

    Se sottopongono il loro linguaggio a standardizzazione e lasciano la libera implementazione a chiunque, non ho niente in contrario, anzi. Esattamente come C++, C# puo' essere effettivamente un buon linguaggio e puo' dare buoni frutti.
    Vedremo.... io di microsoft non riesco piu' a fidarmi sorry...

    > (By the way, personalmente non mi tange in
    > quanto ho sempre ritenuto più significativi
    > gli standard de facto rispetto a quelli de
    > iure; ma visto che c'è chi fino a ieri
    > squalificava le tecnologie Microsoft in
    > quanto non standard de iure...)

    uno standard de facto mi va bene. Ma se e' standard de facto deve essere liberamente implementabile da tutti. il .doc e' uno standard de facto ma, tralasciando gli enormi difetti che ha, nessuno oltre microsoft puo' implementarlo e nessuno oltre a microsoft puo' sviluppare qualcosa che lo gestisca... cosa che invece non vale per pdf (in lettura).
    Se l'informatica e' la lingua del futuro, non credo ti farebbe piacere dover rendere conto a qualcuno delle parole italiane che usi. Uno scenario del genere c'e' gia' stato durante l'inquisizione (ipse dixit) e non mi sembra sia stato un periodo allegro della storia umana. Vogliamo rifare gli stessi errori ?
    Posso concordare con te che le implementazioni possono essere chiuse, ma i formati, quelli no... per analogia, voglio vedere come diventi allegro se il tuo idraulico ti monta tutti i manicotti con filettature sue proprietarie invece che ISO. Appena devi cambiare una guarnizione salutamelo.
    non+autenticato

  • - Scritto da: munehiro
    >
    > errore di sun. Tra parentesi, java e' uno
    > schifo. Avra' dei pregi ma il jdk fa pieta'
    > e da gestire e' un casino.

    Ben arrivato.
    Nel 1995-96, in area nazionale PROGRAMMAZIONE.ITA (ovviamente FIDOnet) aprimmo un sanguinosissimo flame al riguardo. Io ed un paio di altri eroici programmatori assembly di lungo corso sostenevamo esattamente che java fa schifo, contro tutto il resto del mondo allora conosciuto, che invece si prostrava ai piedi del nuovo proiettile d'argento che prometteva mari e monti.
    Nemo profeta in patria... Sorride
    Quantomeno, è verissimo quello che diceva Mazarino: le notizie vere vanno smentite. Quelle false si smentiscono da sole...

    > Se sottopongono il loro linguaggio a
    > standardizzazione e lasciano la libera
    > implementazione a chiunque, non ho niente in
    > contrario, anzi. Esattamente come C++, C#
    > puo' essere effettivamente un buon
    > linguaggio e puo' dare buoni frutti.
    > Vedremo.... io di microsoft non riesco piu'
    > a fidarmi sorry...
    C# ha, in effetti, dei punti interessanti.

    MS lavorava discretamente ai tempi del DOS (se escludiamo il 4.0... SHUDDER), per quello che era l'ambito delle macchine SOHO. Molti sistemisti e programmatori di vecchia data, me compreso, hanno iniziato decisamente a cambiare strada poco dopo l'affermazione di win 3.11, parecchi hanno ceduto le armi dopo la mazzata del '95. Tra parentesi, questa questione ha alimentato flames mostruosi su FIDO con i sostenitori di win... la diatriba tecnica DOS vs Win è vecchissima, e ben antecedente la contrapposizione di principio OS vs MS.
    Vedremo se questa è una svolta, ovvero un ritorno, oppure solo un fuoco di paglia...
    non+autenticato
  • come da titolo cosa dire di più.
    C# e il linguaggio mix con la potenzialità di diventare veramente grande, in se contiene tutti i preggi dei migliori linguaggi e nessun difetto.
    Un altro punto per MS
    non+autenticato
  • Che C# sia un linguaggio molto bello (sviluppo in C# da 11 mesi) è fuor di dubbio.
    Più che di difetti, parlerei di mancanze. La programmazione generica impone l'uso di templates (sempre molto utili in certi contesti).
    In ogni caso, è un ottimo linguaggio...disponibile già all'80% su linux.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Antibufala
    > Che C# sia un linguaggio molto bello
    > (sviluppo in C# da 11 mesi) ?fuor di
    > dubbio.
    > Pi?che di difetti, parlerei di mancanze. La
    > programmazione generica impone l'uso di
    > templates (sempre molto utili in certi
    > contesti).

    se lo usi da cosi tanto tempo dovresti sapere che i templates come l'ereditarieta multipla non sono mancanze sono state evitate di proposito(infatti non verranno mai introdotte) questo perchè il c# e nato per evitare i principali problemi a runtime che si verificano in c++ e altri linguaggi e per fare ciò non sono state introdotte queste due funzionalita.

    > In ogni caso, ?un ottimo
    > linguaggio...disponibile gi?all'80% su
    > linux.
    non+autenticato
  • > se lo usi da cosi tanto tempo dovresti
    > sapere che i templates come l'ereditarieta
    > multipla non sono mancanze sono state
    > evitate di proposito(infatti non verranno
    > mai introdotte) questo perchè il c# e nato
    > per evitare i principali problemi a runtime
    > che si verificano in c++ e altri linguaggi e
    > per fare ciò non sono state introdotte
    > queste due funzionalita.

    L'ereditarietà multipla di implementazione non è stata presa in considerazione perchè pone più problemi che soluzioni. So invece che per quanto riguarda i templates è una cosa che volevano mettere ma mancava il tempo per farlo con giudizio (non alla C++). La programmazione generica lo richiede.
    non+autenticato


  • - Scritto da: Antibufala
    > > se lo usi da cosi tanto tempo dovresti
    > > sapere che i templates come l'ereditarieta
    > > multipla non sono mancanze sono state
    > > evitate di proposito(infatti non verranno
    > > mai introdotte) questo perch?il c# e nato
    > > per evitare i principali problemi a
    > runtime
    > > che si verificano in c++ e altri
    > linguaggi e
    > > per fare ci?non sono state introdotte
    > > queste due funzionalita.
    >
    > L'ereditariet?multipla di implementazione
    > non ?stata presa in considerazione perch?
    > pone pi?problemi che soluzioni. So invece
    > che per quanto riguarda i templates ?una
    > cosa che volevano mettere ma mancava il
    > tempo per farlo con giudizio (non alla C++).
    > La programmazione generica lo richiede.


    e inutile se hai un oggetto comune da cui derivare tutti gli altri, comunque a parte lotte di religione sui template STL ecc... non è stata inserita perche non necessaria e i pochi vantaggi che da (tutti illusori) sono superiori agli svantaggi.

    i peggiori buchi ha runtime li ho avuti con i template, ed infatti MS non li ha inseriti in c#.
    non+autenticato
  • > e inutile se hai un oggetto comune da cui
    > derivare tutti gli altri, comunque a parte
    > lotte di religione sui template STL ecc...

    La nascita delle STL deriva dal fatto che la gestione delle liste, collezioni, ecc. in C/C++ era sempre come reinventare l'acqua calda. In .NET le STL ci sono già in quanto tutti gli oggettji derivano da object e quindi i contenitori non hanno problemi.

    > non è stata inserita perche non necessaria e
    > i pochi vantaggi che da (tutti illusori)
    > sono superiori agli svantaggi.

    Non è detto. Nella programmazione generica (target limitato ma non inesistente) sono assolutamente necessari.

    > i peggiori buchi ha runtime li ho avuti con
    > i template, ed infatti MS non li ha inseriti
    > in c#.

    Sono previsti per il futuro, pare...
    non+autenticato
  • A me piaciono i template, generano codice velocissimo rispetto a classi virtuali e altre mode di questo tipo (anche se vengono sfornati dei eseguibili belli lunghi). In ogni modo, penso che il linguaggio piu flessibile ed elegante (se usato con cognizione di causa ovviamente) rimane il C++.
    non+autenticato


  • - Scritto da: fredi
    > A me piaciono i template, generano codice
    > velocissimo rispetto a classi virtuali e
    > altre mode di questo tipo (anche se vengono
    > sfornati dei eseguibili belli lunghi). In
    > ogni modo, penso che il linguaggio piu
    > flessibile ed elegante (se usato con
    > cognizione di causa ovviamente) rimane il
    > C++.

    vedi a me piacciono gli esplosivi però non li posso usare perche un'autorità superiore per mettere a riparo me ed altri a detto che sono fuorilegge e li puoi comprare e usare solo se ai il patentino.

    infatti i template sono belle eleganti ecc.. ma sono pericolosi ecco perche la ms non li ha messi nel c#
    non+autenticato
  • - Scritto da: ok

    > C# e il linguaggio mix con la potenzialità
    > di diventare veramente grande, in se
    > contiene tutti i preggi dei migliori
    > linguaggi e nessun difetto.

    Non esistono soluzioni universali.
    non+autenticato


  • - Scritto da: FDG
    > - Scritto da: ok
    >
    > > C# e il linguaggio mix con la potenzialit?
    > > di diventare veramente grande, in se
    > > contiene tutti i preggi dei migliori
    > > linguaggi e nessun difetto.
    >
    > Non esistono soluzioni universali.
    ai raggione ma csharp ci si avvicina molto
    non+autenticato
  • - Scritto da: ok
    > come da titolo cosa dire di più.
    > C# e il linguaggio mix con la potenzialità
    > di diventare veramente grande, in se
    > contiene tutti i preggi dei migliori
    > linguaggi e nessun difetto.
    > Un altro punto per MS
    Già e farà buttare nel cesso tutto il resto. Il suo solito sistema. Creare cose fuori standard che poi diventano standard per miracolo. Se Bill non avesse i soldi che ha lo avrebbero già silurato.
    Ma fammi il picere, và!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)