La cam Linux si controlla col cellulare

Sony Ericsson ha fatto vedere una piccola telecamera mobile che può essere controllata via Bluetooth con un telefono cellulare Java. Al suo interno batte un kernel Linux

Hannover - Linux è il cuore di una telecamerina robotizzata di Sony Ericsson, chiamata ROB-1, che può essere controllata via Bluetooth attraverso un telefono cellulare. La mini cam è anche in grado di trasmettere ad alcuni telefoni mobili compatibili il flusso video in tempo reale.

ROB-1, il cui profilo ricorda vagamente i bicicli di epoca vittoriana, può muoversi avanti e indietro alla velocità di 20 centimetri al secondo, girare su se stessa e ruotare il piccolo obiettivo digitale di alcune decine di gradi. Il diametro di questa curiosa "palla-cam" è di qualche centimetro più grande di quello di una pallina da tennis, mentre il suo peso è di circa 1 chilogrammo.

In occasione del CeBIT, Sony Ericsson ha mostrato come ROB-1 possa essere telecomandata attraverso un apposito software in Java da installare su di un telefono cellulare compatibile: oltre alla specifica Java MIDP 2.0, quest'ultimo deve supportare l'API Bluetooth JSR-82, un'interfaccia inclusa in alcuni fra i più recenti modelli di cellulare Bluetooth di Sony Ericsson (ad esclusione di K700i e Z1010) e di altre marche.
Il P900 e il P910 di Sony Ericsson sono gli unici due modelli di cellulare in grado di ricevere e visualizzare il flusso video VGA da ROB-1, eventualmente catturandone dei frame e salvandoli come immagini statiche.

ROB-1 contiene al suo interno un processore con cuore ARM-9 da 200 MHz, una memoria utente di 2 MB e una speciale versione embedded di Linux. Esternamente è invece dotata di 4 LED ad alta luminosità che, di notte, le permettono di illuminare gli oggetti più vicini.

Il target della cam radiocontrollata di Sony Ericsson è il mercato consumer, un settore in cui si affiancherà ai più costosi accessori per la telefonia cellulare. Il suo debutto commerciale dovrebbe avvenire durante il terzo trimestre dell'anno.
22 Commenti alla Notizia La cam Linux si controlla col cellulare
Ordina
  • ...Addio stupida cam!!! rotfl

    Certo che quella rotellina piccola lì davanti è una bella limitazione
    Anche semplicemente su un pavimento non perfettamente regolare tipo l'asfalto secondo me inciampaTriste
    non+autenticato
  • Io è da due anni che lo faccio con il motion ( motion.sourceforge.net ). E non via bluetooth, anche via gprs e UMTS.
    non+autenticato
  • Chi si è permesso di dare voto negativo? E' da 10 quest'intervento! Forse sta cam ha un'unica utilità... sotto la scrivania della segretaria! Te hai la postazione che ne so a una decina di metri... e sei apposto!Occhiolino

    Svegli eh, mi raccomando
    non+autenticato
  • Come da oggetto.
    A che sevre comandare un cam se la distanza operativa non è superiore a 1 metro? il BT dei cellulari di piu non va...a quella distanza ciò che vede la cam lo si vede anche da soli... mah
    non+autenticato
  • Il mio auricolare con il BT, garantito per un metro, 6-7 metri con un muro in mezzo li regge tranquillamente....poi comincia a fare rumore
    non+autenticato
  • dipende dalla classe.. si puo' arrivare fino a 100 metriCon la lingua fuori
    non+autenticato
  • Proprietà intellettuali,brevetti.. anche il supporto Bluetooth è andato...

    Fino ad oggi per sapere se una data periferica Bluetooth(c) era compatibile con Linux o meno bastava fare un salto sul sito di BlueZ.
    D'ora in avanti, scordiamocelo. Il 9 marzo 2005 la protesta di un membro registrato del Bluetooth(c) SIG ha fatto rimuovere la lista di dispositivi.
    L'uso di Linux per utilizzare queste interfacce è una violazione dell'accordo di licenza del protocollo Bluetooth(c).
    Il problema, come spesso accade, sta proprio nella (c)...

    http://www.holtmann.org/linux/bluetooth/devices.ht...

    leggete leggete,
    colgo l'occasione, in riferimento al software MPlayer e a tutti quelli che ben presto chiuderanno lo sviluppo causa brevetti software, per ringraziare il ministro Stanca!
    grazie signor ministro di aver anche appoggiato i brevetti software in europa, mi ricorderò di lei andando a votare, non ne dubiti, farò in modo che anche i "non tecnici" capiscano bene cosa ha fatto come loro rappresentante.


    non+autenticato
  • 1) Quello non c'entra un cavolo con i brevetti. Ma con il Copyright: nessuno ti può diffidare o impedire di utilizzare per i tuoi device bluethooth tecnologie Linux; solo che Linux (o meglio qualsiasi cosa ruoti attorno a Linux) non può utilizzare il nome bluethooth; semplicemente perchè non è autorizzato dal consorzio bluethooth.
    Può ad esempio esserlo una distro Linux che si sia assicurata questi diritti: ma allora solo in siti dedicati a questa distro si può utilizzare il nome bluethooth.
    Lo stesso problema possono averlo altri o.s.; ad esempio anche Tru64 se HP che si è assicurata il diritto di usare il nome, non l'ha magari esteso a questo suo UNIX.
    Se desiderano; possono continuare ad elencare quei prodotti come compatibili con Linux, senza riferirsi al nome bluethooth (si, lo sò: non avrebbe molto senso).
    2) Se dovevi cercare un modo per fare propaganda politica alla SX, è bene ricordarsi che alcuni deputati della SX italiana (e non solo), come Rutelli hanno votato a favore del primo testo della normativa pro-brevetti-modello-USA poi rigettata (tra l'altro Rutelli votò anche a favore della normativa che consentiva di chiamare cioccolato anche quello con aggiunti fino al 4% grassi diversi dal burro di cacao).

    Quando avrai memorizzato questo, e ricordato che Stanca ha varato il decreto che impone alle PA di mandare documenti fuori di esse (anche tra PA) solo in formato pubblico, e ha varato il decreto che consente alle PA di scegliersi il sw (tra closed e open) che preferiscono; ti sarà sbollita l'ira propagandistica.

    Ma capire prima di scrivere e sopratutto prima di fare propaganda alla propria parte politica, (IMMERITATA COME MAI IN QUESTO CASO!) non sarebbe meglio??
    Se prendessi per buono ciò che hai scritto, e lo confrontassi con la realtà, non dovrei concludere di votare a DX?!!?
    non+autenticato
  • > 1) Quello non c'entra un cavolo con i brevetti.>

    Tra l'altro prima che sia applicato qualcosa passeranno ancora alcuni anni.

    > Quando avrai memorizzato questo, e ricordato che
    > Stanca ha varato il decreto che impone alle PA di
    > mandare documenti fuori di esse (anche tra PA)
    > solo in formato pubblico,

    Cosa si intende per formato pubblico? oltre al formato testuale che c'è?

  • Credo che intendesse formato non proprietario, come il .doc del word.
    kubu
    117
  • - Scritto da: kubu
    > Credo che intendesse formato non proprietario,
    > come il .doc del word.

    Ma anche il PDF è proprietario, così come il formato di OO o quello di abiword.

  • RTF non credo sia proprietario...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > 1) Quello non c'entra un cavolo con i brevetti.
    > Ma con il Copyright:
    ---[ cut ]--------
    infatti ho scritto:
    colgo l'occasione, in riferimento al software MPlayer e a tutti quelli che ben presto chiuderanno lo sviluppo causa brevetti software, per ringraziare il ministro Stanca!

    sai leggere?

    > 2) Se dovevi cercare un modo per fare propaganda
    > politica alla SX, è bene ricordarsi che alcuni
    > deputati della SX italiana (e non solo), come
    > Rutelli hanno votato a favore del primo testo
    > della normativa pro-brevetti-modello-USA poi
    > rigettata (tra l'altro Rutelli votò anche a
    > favore della normativa che consentiva di chiamare
    > cioccolato anche quello con aggiunti fino al 4%
    > grassi diversi dal burro di cacao).
    >
    > Quando avrai memorizzato questo, e ricordato che
    > Stanca ha varato il decreto che impone alle PA di
    > mandare documenti fuori di esse (anche tra PA)
    > solo in formato pubblico, e ha varato il decreto
    > che consente alle PA di scegliersi il sw (tra
    > closed e open) che preferiscono; ti sarà sbollita
    > l'ira propagandistica.
    >
    > Ma capire prima di scrivere e sopratutto prima di
    > fare propaganda alla propria parte politica,
    > (IMMERITATA COME MAI IN QUESTO CASO!) non sarebbe
    > meglio??
    > Se prendessi per buono ciò che hai scritto, e lo
    > confrontassi con la realtà, non dovrei concludere
    > di votare a DX?!!?
    ma che ca..stai a di?
    ma ti senti?
    non sono le chiacchiere ma i fatti quelli che contano!
    i fatti dicono che il voto favorevole dell'italia è stato dato
    punto e basta il resto sono elucubrazioni tue, a me della politica non me ne frega uncà.. ma ti assicuro che di opensourc, linux etc..
    me ne frega abbastanza pertanto farò valere il mio voto
    punto e basta, le chiacchiere stanno a 0

    non+autenticato
  • 1) Che in ciò che hai scritto non c'entri niente la politica, è talmente risibile, proprio perchè è ovvio che è meglio lasciar correre.
    2) Che tu dia più importanza ai brevetti sw e quindi al comportamento tenuto dagli amministratori (astenzione o votazione), rispetto all'obbligo di rilasciare i documenti con formati pubblici e alla libertà per ogni singola PA di scegliere il sw open o closed; sono tue libere visioni che tra l'altro condivido come ordine d'importanza. Che tu dia più grave la colpa (come ritieni sia) di votare/astenersi sul provvedimento EU dei brevetti, ad un ministro rispetto ad un semplice politico, sono sempre tue convinzioni che non condivido assolutamente (se colpa c'è, per me pari sono).
    Ecco per l'appunto queste sono tue convinzioni (che posso o meno condividere); cioè chiacchiere, il resto sono fatti.
    3) Tu non sai minimamente (cosi pare) la differenza tra un copyrigth di un marchio e un brevetto (o se lo sai, stai solo confondendo a puro scopo politico).
    I brevetti nascono per difendere (giusto o meno che sia; o meglio, meritato o meno che sia; visto che c'è chi ha brevettato il dondolarsi sull'altalena in un certo modo). Se qualcuno ha brevettato quella tecnologia non la puoi usare a meno di accordi commerciali. Il copyrigth difende un marchio e trova nel nome proprio la sua difesa (e non nella tecnologia).
    Il bluetooth è un insieme di marchio e specifiche tecniche (rese pubbliche). Se vuoi far aderire il tuo prodotto a quelle specifiche devi semplicemente farlo con una tecnologia che risponda in pieno a quelle specifiche (tecnologia che puoi brevettare); e pagare nel momento in cui viene messo in commercio le royalts all'ideatore/i delle specifiche (che alla fine paga chi acquista il prodotto fisico). Se poi, vuoi fregiare il prodotto del marchio bluetooth devi pagare le royalts sul marchio al consorzio bluetooth (che può anche prevedere dell'altro, come l'adesione forzata al consorzio stesso), essendo il marchio registrato.
    Quindi qualsiasi tecnologia fisica o metafisica che voglia fregiarsi del marchio bluetooth deve pagare le royalts per il marchio: non per il brevetto. Quelle le paga (casomai venga concesso) se sfrutta una tecnologia per le specifiche bluetooth già brevettata.
    Ragion per cui, se il sito da te citato vuole continuare ad utilizzare il nome bluetooth accanto a Linux, deve pagare le royalts per il marchio al consorzio.
    Ma nessuno impedisce al kernel Linux di utilizzare tecnologie per sfruttare le specifiche bluetooth dei device relativi; basta che queste non siano già brevettate; e basta che non citi accanto a queste tecnologie il nome bluetooth.

    Ora spero sia più chiaro!!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    -----[CUT]------
    > 2) Che tu dia più importanza ai brevetti sw e
    > quindi al comportamento tenuto dagli
    > amministratori (astenzione o votazione), rispetto
    > all'obbligo di rilasciare i documenti con formati
    > pubblici e alla libertà per ogni singola PA di
    > scegliere il sw open o closed; sono tue libere
    > visioni che tra l'altro condivido come ordine
    > d'importanza.
    beh, si certo! ..anche se io non ho mai mensionato o fatto paralleli con i formati pubblici

    > Che tu dia più grave la colpa (come
    > ritieni sia) di votare/astenersi sul
    > provvedimento EU dei brevetti, ad un ministro
    > rispetto ad un semplice politico, sono sempre tue
    > convinzioni che non condivido assolutamente (se
    > colpa c'è, per me pari sono).
    > Ecco per l'appunto queste sono tue convinzioni
    > (che posso o meno condividere); cioè chiacchiere,
    > il resto sono fatti.
    io do grave colpa ad entrambi incluso te perchè cerchi di far differenza, questi tizi hanno contribuito negativamente con dei fatti e io contribuirò negativamente con i fatti dove gli duole.
    Ti è sufficentemente chiaro o vuoi un schema?


    > 3) Tu non sai minimamente (cosi pare) la
    > differenza tra un copyrigth di un marchio e un
    > brevetto (o se lo sai, stai solo confondendo a
    ---[CUT]-----
    > Ora spero sia più chiaro!!

    guarda che si scrive copyright
    ...

    bye

    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > Il 9 marzo 2005
    > la protesta di un membro registrato del
    > Bluetooth(c) SIG ha fatto rimuovere la lista di
    > dispositivi.

    Sai per caso dove posso trovare tale lista che la piazzo immediatamente sul P2P e poi vediamo con chi fanno i bulli.

    Ciao,
    Luca
    non+autenticato
  • - Scritto da: Segfault
    > Sai per caso dove posso trovare tale lista che la
    > piazzo immediatamente sul P2P e poi vediamo con
    > chi fanno i bulli.

    La cache di google è un amore...

    http://216.239.57.104/search?q=cache:http%3A//www....

    Ciao,
    Luca
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)