DTT, più trasparenza per La7

Insieme alle associazioni del consumo l'emittente modifica il suo contratto aderendo a standard che, dicono i consumatori, ora garantiscono l'utente. Irrisolto il nodo Mediaset

Roma - Adiconsum e Movimento Difesa del Cittadino hanno annunciato di aver raggiunto un'intesa con La7 che, sulla spinta delle associazioni del consumo, ha modificato il contratto dei servizi di tv a pagamento offerti attraverso il sistema "Cartapiù"; "un nuovo contratto - affermano le associazioni - che finalmente tutela i diritti dei consumatori".

A questo importante risultato si è arrivati dopo la sentenza dell'Antitrust che ha dichiarato ingannevoli gli spot che promuovevano la televisione digitale terrestre e dopo la diffida inoltrata dalle due associazioni alla stessa La7-Telecom e Mediaset.

Adiconsum ha spiegato in una nota che La7 a febbraio ha convocato diverse associazioni dei consumatori per costituire un gruppo di lavoro destinato a studiare il nuovo contratto. In particolare sono state approvate le seguenti clausole:
- accesso da parte dei clienti al servizio di Customer Care e alle relative numerazioni;
- comunicazioni e informative alla clientela;
- specificazione delle responsabilità espressamente riconducibili a La7 o viceversa ai produttori e/o rivenditori di decoder;
- diritto riconosciuto ai clienti di usufruire di specifiche garanzie nel caso di eventi non fruiti;
- tempi di sostituzione della Carta nel caso di malfunzionamento;
- istituzione di una procedura di conciliazione in collaborazione con le Associazioni dei Consumatori.

Il contratto ora disponibile sul sito di La7, spiegano le associazioni, sostituisce il precedente, "garantendo così i consumatori che hanno già acquistato o acquisteranno una smart card Cartapiù".

"Adiconsum e MDC - si legge in una nota - esprimono soddisfazione per quanto è stato fatto, soprattutto da parte di La 7- Telecom, che ha scelto di collaborare fattivamente con le associazioni consumatori, realizzando un contratto che possiamo definire di riferimento per tutti coloro che operano nei servizi della tv a pagamento".

Nessuna risposta è invece giunta da Mediaset. "In assenza di segnali di disponibilità - conclude la nota - le associazioni consumatori si vedranno costrette ad intraprendere altre vie legali per ottenere il riconoscimento dei giusti diritti degli utenti".
2 Commenti alla Notizia DTT, più trasparenza per La7
Ordina