Visual Studio 2005, le novità

Microsoft ha presentato le nuove versioni e le nuove politiche di licensing e abbonamento che nella seconda parte dell'anno accompagneranno Visual Studio 2005

Milano - Microsoft Italia ha presentato le nuove versioni di Visual Studio 2005 e l'aggiornato modello di licensing che, nella seconda metà dell'anno, accompagnerà sul mercato la nuova suite di strumenti per lo sviluppo di applicazioni.

Oltre alle tradizionali edizioni Professional e Standard, VS 2005 verrà venduto nella nuova versione Team System: quest'ultima integra strumenti per il design e lo sviluppo del software con tool per il controllo della qualità, i processi di previsione e la gestione dei progetti di sviluppo e dei relativi costi.

Con VS Team System, Microsoft afferma di voler raggiungere un pubblico più vasto che include, oltre a sviluppatori e team di sviluppo, anche project manager, software tester, architetti e responsabili IT: figure professionali a cui il nuovo pacchetto fornisce strumenti dedicati.
"Grazie a VS 2005 Team System, Microsoft introduce funzionalità e tecnologie in grado di supportare lo sviluppo di applicazioni attraverso tutte le fasi del ciclo di vita del software: dall'analisi alla scrittura del codice, dal test fino alla sua implementazione, oltre a facilitare la collaborazione interna ai team di sviluppo", ha dichiarato Giada Scarafiotti, product manager Developers Tools di Microsoft Italia.

La linea di prodotti VS Team System comprende tre edizioni: per architetti, per sviluppatori e per software tester. Un'ulteriore versione, la VS Team Foundation Server, è invece specificamente indirizzata ai gruppi di lavoro delle grandi aziende.

VS 2005 verrà poi commercializzato nella versione Tools per Microsoft Office System, dedicata agli sviluppatori che realizzano soluzioni basate su Office, e nelle edizioni Express, indirizzate invece a studenti e programmatori alle prime armi.

Per quanto riguarda le licenze, Microsoft ha spiegato che la nuova linea di abbonamenti inclusi in Visual Studio 2005 consentirà agli sviluppatori di avvalersi degli stessi servizi previsti dall'attuale iscrizione a MSDN, quali aggiornamenti, licenze per test e sviluppo di prodotti server e applicativi, e tool di sviluppo. Il big di Redmond sostiene anche di aver ridotto il prezzo della versione Professional.

Tra le altre novità annunciate da Microsoft si segnalano:
- aggiornamenti gratuiti per utenti MSDN Universal attivi: gli utenti attualmente abbonati a MSDN Universal possono passare a VS 2005 Team System ricevendo un aggiornamento gratuito a uno dei prodotti role-based a scelta, per ogni licenza di sottoscrizione attiva al momento della disponibilità del prodotto. Gli utenti possono, inoltre, decidere di rinnovare la sottoscrizione attiva mantenendo il costo attuale anche per i rinnovi futuri;
- offerta promozionale in attesa di VS 2005: Microsoft promette sconti a tutti coloro che desiderano sottoscrivere o rinnovare l'abbonamento a MSDN prima del lancio di VS 2005. Acquistando oggi MSDN Universal, si può ottenere un aggiornamento gratuito a VS 2005 Team System non appena il prodotto sarà disponibile;
- piani di transizione mirati per i partner.

I prezzi in dollari degli abbonamenti a MSDN per VS 2005 sono consultabili qui.
TAG: mercato
113 Commenti alla Notizia Visual Studio 2005, le novità
Ordina
  • Prima scrivi : "non ho detto che e'opera mia"   
    e poi affermi:
                a) "Non mi sembra una cosa troppo complicata. Per me lo e' stato.Perche'
                    NON e' il mio lavoro."
                b) "Sai non ci va una laurea a fare una cazzatina del genere"
                c) "Poi ho capito che ero in grado di finire il lavoro"
    Prendi una decisione: è opera tua si o no? Se no, non capisco i tuoi giudizi.

    Ancora scrivi :   "o finto di non sapere neanche aprire office"
    e poi affermi :   "Ho presentato un progetto scritto (addirittura?), con indicato ESATTAMENTE quello che mi serviva."
    Come si può definire "un progetto scritto DELL'ESATTAMENTE di ciò che serve" fatto da uno che non sa neanche aprire office?
    Che interlocutori avevi? Non ti capisco. Ti fai fare il calcolo del cemento armato dal cliente? Mha...


    "come db ho usato mySQL.Ho provato anche SQLserver, ma non sono riuscito a combinarci granche'"
    Ma perchè allora hai comprato SQLserver? Perchè lo hai comprato SQLserver, non è vero? e poi mySQL?


    Riguardo ai preventivi scrivi: "ne ho avuto 3"...tutti da 20000 ? immagino.
    Bene, ma allora perchè mi chiedi:"2500 a 5000 ? (questa e' la cifra che avevo in mente di spendere).Sono troppo pochi?"?
    Una domanda che faresti anche tu al mio posto:ma per chi mi hai preso?


    Per quanto riguarda i "toni piu' moderati" ti invito a rileggere ciò che hai scritto
    nei commenti precedenti in "SI SI" e a farti un esamino.


    saluti
    non+autenticato
  • avete mai sentito parlare di boo ?
    cioè non centra nulla con vstudio ma volevo
    segnalare lo stesso questo fantastico linguaggio
    managed .NET
    è tipo python solo static type ed un sistema
    di late binding (alla vbasic ) chiamato duck
    da provareA bocca aperta

    boo.codehaus.org
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    > avete mai sentito parlare di boo ?
    > cioè non centra nulla con vstudio ma volevo
    > segnalare lo stesso questo fantastico linguaggio
    > managed .NET

    Si, è verissimo. Nell'attuale implementazione,
    lo preferisco anche io a Phyton su .NET.
    non+autenticato

  • Qui c'è un esempio di un applicazione Gtk# convertita
    in Boo, ed è favoloso:

    http://usefulinc.com/edd/blog/contents/2005/03/26-...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > Qui c'è un esempio di un applicazione Gtk#
    > convertita
    > in Boo, ed è favoloso:
    >
    > http://usefulinc.com/edd/blog/contents/2005/03/26-

    si ho visto
    questo linguaggio è veramente notevole
    mi è piaciuto molto l'uso delle clousure
    e il duck type (figataA bocca aperta )
    credo che lo utilizzerò piu spesso
    non+autenticato
  • io l'ho provato e sono tornato a vb6...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > io l'ho provato e sono tornato a vb6...

    L'unico motivo per cui uno torna indietro e' perche' non capisce cosa sia l'object orientation, l'ereditarieta', il polimorfismo ecc.. vai avanti di copia e incolla ....
    non+autenticato
  • io l'ho provato e sono tornato al delphi...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > io l'ho provato e sono tornato al delphi...

    Perche' ?
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > - Scritto da: Anonimo
    > > io l'ho provato e sono tornato al delphi...
    >
    > Perche' ?

    Perchè no?
    non+autenticato
  • Io l'ho provato e sono tornato a gwbasic
    non+autenticato
  • Io l'ho provato e sono tornato a python
    non+autenticato
  • Io l'ho provato e sono tornato al COBOL
    non+autenticato
  • L' imbecille che scrive si sta divertendo...
    basta vedere data e ora !!

    Stai ad usare tutti i linguaggi che ti pare intanto
    io prendo 800 euro giornoA bocca aperta

    Bravo Troll
    non+autenticato
  • io ho usato TUTTO.
    VIsual Studio rimane il miglior tool di sviluppo per prodotti microsoft.
    Per java uso Jbuider X e sono contentissimo così.
    Per tutto il resto uso ultraedit.

    Io prendo 2000? al mese e per ora mi bastano. ciao!
    non+autenticato
  • Spese folli per acquistare strumenti di design e sviluppo all'avanguardia(?);
    notti passate sui libri scritti malissimo per imparare nuovi linguaggi e nuove tecniche e alla fine
    ci si relaziona con il classio direttore CED esempio di italiano medio che ti dice:

    http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=9231...

    e ti offre questa grande prospettiva:

    http://pages.annunci.tiscali.it/scheda/annuncio/kb.../

    o questa

    http://pages.annunci.tiscali.it/scheda/annuncio/yv.../

    o questa

    http://pages.annunci.tiscali.it/scheda/annuncio/tb.../

    Ma andatae A*******O.
    non+autenticato
  • e che ti devo dire...questa è la vita......(o questa è l'italia...)
    non+autenticato
  • hai ragione ma pensa se arrivano gli ingegneri dei paesi emergenti tipo india....andiamo a pescare!!!!
    non+autenticato
  • magari..quelli pescano anche meglio di noi.... c'è poco da fare se loro arrivano qua è dura..si salvano solo i pizzaioli,almeno quella come la si fà in italia all'estero non la sanno fare...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > hai ragione ma pensa se arrivano gli ingegneri
    > dei paesi emergenti tipo india....andiamo a
    > pescare!!!!

    A si dimenticavo: poi ci sono i cinesi che costano niente, gli indiani che
    programmano con una scopa nel c**o e intanto ramazzano la stanza,
    i rumeni che sono più assertivi, i pakistani che sono più entusiasti,
    gli aborigeni australiani che aspettano solo i nuovi paruun italiani (ex-cantinari,neo-arrichiti e iper-politicizzati)
    per saltare come canguri.
    Ma nei paesi emergenti come India e Cina ora non si sta meglio? Non sono in pieno BUUMMM economico?
    Perchè dovrebbero venire qui a stare peggio? Lavorare 3 mesi e pagare tutto più caro?
    Aspetteranno il paruun italiano pronto a spendere soldi per farsi contraffare il prodotto.
    Perchè il paruun italiano è FUURRRBO!
    Quelli della Microsoft vendano e sponsorizzino sta roba agli ingegneri dei paesi emergenti, cosa stanno a fare qui?
    L'estero è meglio? Vadano a vendere all'estero emergente che è in pieno BUUMM economico!
    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo

    > ci si relaziona con il classio direttore CED
    > esempio di italiano medio che ti dice:
    >
    > http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=9231
    >
    > e ti offre questa grande prospettiva:
    >
    > http://pages.an****************

    "Stiamo cercando A/P", A/P che significa? attivo / passivo? eheheh
    non+autenticato

  • Ma non avete ancora capito che gli informatici
    non devono più lavorare come dipendenti, ma
    fare come gli avvocati nei paesi angolassoni:
    mettersi in società con qualche amico anche lui
    informatico, e fondare una società di consulenza
    informatica. Poi vai dalle aziende, gli mostri il
    listino prezzi dei servizi, e glielo metti in quel posto.

    Gli informatici bravi devono diventare liberi professionisti
    e fondare piccoli studi e società loro.
    Lavorare come dipendenti, oggi, significa essere
    pazzi. Contratto di collaborazione per 3 mesi? Dopo
    una laurea e una specializzazione? Mavvaff...

    non+autenticato


  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > Ma non avete ancora capito che gli informatici
    > non devono più lavorare come dipendenti

    Fare l'indipendente sta diventando una moda
    anche negli stati uniti. Leggete qui:

    http://loudcarrot.com/Blogs/dave/archive/2005/03/2...
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Gli informatici bravi devono diventare liberi
    > professionisti e fondare piccoli studi e società loro.

    Sottoscrivo.
    Una volta le aziende informatiche erano piccole, il programmatore era ben pagato e c'erano pochi intermediari tra lui e il cliente.
    Adesso il programmatore è l'ultima ruota del carro, è come l'operaio della catena di montaggio. Tra lui ed il cliente c'è di mezzo: il responsabile di produzione, l'addetto al marketing, il responsabile di zona, il rivenditore, segretarie ecc... e tutti questi vivono col lavoro del programmatore..... la fetta di torta viene suddivisa in troppe parti.

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Gli informatici bravi devono diventare liberi
    > > professionisti e fondare piccoli studi e
    > società loro.
    >
    > Sottoscrivo.
    > Una volta le aziende informatiche erano piccole,
    > il programmatore era ben pagato e c'erano pochi
    > intermediari tra lui e il cliente.
    > Adesso il programmatore è l'ultima ruota del
    > carro, è come l'operaio della catena di
    > montaggio. Tra lui ed il cliente c'è di mezzo: il
    > responsabile di produzione, l'addetto al
    > marketing, il responsabile di zona, il
    > rivenditore, segretarie ecc... e tutti questi
    > vivono col lavoro del programmatore..... la fetta
    > di torta viene suddivisa in troppe parti.
    >
    Perchè sempre gli esempi come "ultima ruota del carro"
    e "operaio della catena di montaggio" e mai un esempio
    più realistico tipo "albero da frutti infestato di parassiti" ?
    Il lavoro dell'operaio io lo so fare, lui il mio lavoro NO!
    non+autenticato
  • ma vaff... tu. il mondo non stà aspettando te e neanche la tua
    fottuta laurea!
    enjoy mondo reale
    non+autenticato
  • ma molti onori vanno al 4, il primo a supportare 32bit.
    Il 3 era ancora decisamente immaturo ed il 5 era afflitto da parecchi problemi.
    Il 6 e' stato veramente eccellente.

    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > ma molti onori vanno al 4, il primo a supportare
    > 32bit.
    > Il 3 era ancora decisamente immaturo ed il 5 era
    > afflitto da parecchi problemi.
    > Il 6 e' stato veramente eccellente.
    >

    Pur restando (a mio personalissimo parere) uno dei peggiori linguaggi in circolazione... sicuramente poco potente, salvato forse dalla sua proverbiale "facilità" (anche se ha una sintassi che io trovo a dir poco odiosa... troppo "discorsiva").
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > Pur restando (a mio personalissimo parere) uno
    > dei peggiori linguaggi in circolazione...
    > sicuramente poco potente, salvato forse dalla sua
    > proverbiale "facilità" (anche se ha una sintassi
    > che io trovo a dir poco odiosa... troppo
    > "discorsiva").

    "poco potente" andrebbe argomentato per lo meno... sono curioso di sapere a che ti riferisci...
    1303
  • > "poco potente" andrebbe argomentato per lo
    > meno... sono curioso di sapere a che ti
    > riferisci...

    Per "VB" poco potente intendo ad esempio l'impossibilità di creare DLL personalizzate (almeno fino alla versione 6), la scarsa possibilità di utilizzo dei puntatori, l'impossibilità di creare applicazioni multi-threaded, la minor velocità di esecuzione dei programmi compilati rispetto a programmi scritti in altri linguaggi...
    non+autenticato
  • > Per "VB" poco potente intendo ad esempio
    > l'impossibilità di creare DLL personalizzate
    > (almeno fino alla versione 6), la scarsa
    > possibilità di utilizzo dei puntatori,
    > l'impossibilità di creare applicazioni
    > multi-threaded, la minor velocità di esecuzione
    > dei programmi compilati rispetto a programmi
    > scritti in altri linguaggi...

    Precisazione... con le ultime release di VB è possibile creare applicazioni multi-threaded (attraverso la API di Windows), tuttavia con alcune limitazioni...
    non+autenticato
  • 1) DLL personalizzate come dici con vb6 si possono fare


    2) multi-threaded in qualche modo si fa.In quanti programmi gestionali serve il multi-threaded ?


    3) velocità di esecuzione,si rispetto al c++,o al c,perchè rispetto a .net o a java vb 6 è più veloce (chi dice il contrario faccia le prove come ho fatto io). In quale programma gestionale serve più velocità?

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > 1) DLL personalizzate come dici con vb6 si
    > possono fare
    >
    >
    > 2) multi-threaded in qualche modo si fa.In
    > quanti programmi gestionali serve il
    > multi-threaded ?
    >
    >
    > 3) velocità di esecuzione,si rispetto al c++,o al
    > c,perchè rispetto a .net o a java vb 6 è più
    > veloce (chi dice il contrario faccia le prove
    > come ho fatto io). In quale programma gestionale
    > serve più velocità?
    >

    Be' ti assicuro che in un programma gestionale, avere una GUI che non si blocca mentre esegui qualche operazione un po' "prolungata" non sarebbe male (e qui tornerebbe utile il multithreading).
    Sicuramente la velocità di esecuzione di VB è superiore a Java perchè Java è solitamente "interpretato" e non compilato, ma fra i linguaggi compilati è probabilmente uno dei più "lenti".
    Ora... perchè per un "programma gestionale" dovrei usare VB quando ad esempio in Delphi (tanto per fare un esempio) ho un ambiente RAD altrettanto semplice da utilizzare, ma un linguaggio molto più potente e che risulta anche leggermente più veloce una volta compilato? Sorride
    non+autenticato
  • " avere una GUI che non si blocca mentre esegui qualche operazione un po' "prolungata" non sarebbe male " lo si può fare in vb6,anzi io nei mia applicativi lo faccio soventemente...

    Sulle prestazioni ho i miei seri dubbi sulla netta superiorità di Delphi, non solo,te lo dice chi ama il pascal, l'ambiente vb6 è troppo più snello e produttivo di delphi.........
    Poi ognuno faccia la sua scelta ma non mi si dica che vb6 è un giocattolo , io ne vedo di applicativi in giro, mi sembra che ve ne sia molti scritti in vb, e le società che scelgono altre piattaforme spesso sacrificano qualcosa nello sviluppo del software.
    non+autenticato
  • > Sulle prestazioni ho i miei seri dubbi sulla
    > netta superiorità di Delphi, non solo,te lo dice
    > chi ama il pascal, l'ambiente vb6 è troppo più
    > snello e produttivo di delphi.........
    > Poi ognuno faccia la sua scelta ma non mi si dica
    > che vb6 è un giocattolo , io ne vedo di
    > applicativi in giro, mi sembra che ve ne sia
    > molti scritti in vb, e le società che scelgono
    > altre piattaforme spesso sacrificano qualcosa
    > nello sviluppo del software.

    Non bisogna avere dubbi... basta provare Occhiolino VB è più lento di Delphi oltre che meno potente (per i suddetti motivi)...
    non+autenticato
  • Hai mai usato Delphi?

    1) È compilato, non interpretato né P-Code. Assembler integrato. Il codice è di gran lunga più veloce
    2) Linguaggio completamente object oriented
    3) Non ha bisogno di runtime
    4) Completo accesso alle API di Windows
    5) Una liberia di componenti ben fatta
    6) Eccellenti componenti di terze parti
    7) Codice sorgente della libreria disponibile
    8) Ottimo IDE e form designer
    9) Ottimo accesso a parecchi DB, non solo quelli MS.

    Ah, per la cronaca: Hans Hejlsberg, il creatore di C# e .NET, è anche il creatore di Delphi... quando MS ha avuto bisogno di qualcuno che capisse qualcosa di linguaggi di programmazione ha dovuto cercarlo in Borland.

  • - Scritto da: Anonimo

    > Sicuramente la velocità di esecuzione di VB è
    > superiore a Java perchè Java è solitamente
    > "interpretato" e non compilato

    Non e' proprio vero al 100% (JIT)
    11237
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)