Pedoweb, denunciati 28 utenti P2P

La Polizia Postale di Catania ha svolto le indagini sui network del file sharing individuando in tutta Italia utenti dediti al download e upload di file illegali

Catania - Sono molti i file illegali che circolano sulle reti del peer-to-peer e tra questi alcuni contengono immagini e video a contenuto pedofilo. Questi sono il genere di file che 28 persone in tutta Italia avrebbero scaricato, e in qualche caso uploadato sulle reti di sharing, secondo le indagini svolte dalla Polizia Postale.

Sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Catania, la PolPost ha eseguito una serie di blitz in tutta Italia nelle abitazioni delle persone denunciate per questi reati.

Gli inquirenti hanno spiegato che l'operazione di oggi è dovuta ad una indagine iniziata un anno fa. "Abbiamo compiuto perquisizioni e sequestri in varie città - ha fatto sapere la PolPost - Si tratta di persone che non hanno apparentemente contatti tra di loro, non c'è un'associazione".
A quanto pare, gli utenti individuati utilizzavano tutti Kazaa, il celebre software di file sharing. "Gli utenti - spiegano alla PolPost - caricavano o scaricavano video a contenuti pedofili col software di Kazaa. Non si tratta di video camuffati. Basta cercarli usando parole chiave in inglese".

Non è peraltro detto che a tutti gli indagati saranno contestati gravi reati, è ben noto infatti come possa talvolta capitare di entrare in contatto con certi materiali per errore. In analoghe recenti indagini proprio i cybercop italiani avevano spiegato di ritenere la masterizzazione o la duplicazione su altro supporto di quei materiali uno degli elementi discriminanti per comprendere l'atteggiamento del soggetto rispetto a quei file. Non tutti inoltre sarebbero colpevoli di aver posto in condivisione i materiali illegali.

"Ora - hanno spiegato gli inquirenti - bisogna analizzare il materiale sequestrato, vedere se negli hard disk delle persone indagate ci sono altri video, nel qual caso scatta anche l'accusa di detenzione, o se ci sono stati contatti tra di loro". In quest'ultimo caso scatterebbe l'aggravante dell'associazione.

Va ricordato che per difendere la propria immagine, di recente i maggiori produttori di software P2P hanno dato vita ad una alleanza per tentare di ridurre e contrastare la diffusione di certi contenuti sulle reti di sharing.
TAG: cybercops
148 Commenti alla Notizia Pedoweb, denunciati 28 utenti P2P
Ordina
  • Salve gente;
    Mi chiamo Gio e sono di Modena, il 2 dicembre del 2004 alle 06 del mattino, ho ricevuto la visita della guardia di finanza nella mia abitazione, per quanto professionali e competenti quelli del nucleo tecnologico di Roma, hanno fatto un putiferio, avendo in casa 4 pc per un totale di 1000 gb e circa 2000 cd di vario genere, si sono trovati davanti ad un incognita, cosa fare?:"per sicurezza portiamo via tutto" e cosi anno fatto, ecco perché nella immancabile conferenza stampa del PM, si registrava l?enorme mole di materiale sequestrato, si sono portati via anche la mia machina fotografica a pellicola e una serie di negativi di famiglia, compresa tutta la collezione di VHS walt disney di mio figlio,.
    Passiamo ai fatti:
    nel decreto di perquisizione c'era scritto che l'indagine partita nel febbraio del 2003 mi si accusava di aver sharato tramite kazaa il materiale vietato,da qui le accuse con Art. 600 ter e quater.
    rimanendo scettico sull'accusa ma probabile visto il funzionamento dei programmi p2p, dopo la loro uscita di casa mi sono recato dal mio avvocato e abbiamo valutato la situazione.
    premetto che per sharare uso principalmente dc++ per lo piu vecchi film e mp3, ma non nascondo anche qualche gioco e qualche film, Utilizzando kazaa solo per scaricare AIME'' file porno, in particolare dei siti "bang bus" e "teen for cash" "8th street" "cum fiesta" ai cui si accede con password. siti a mio avviso e a quello del mio avvocato legali,( visitate i siti per controllare) naturalmente visto il funzionamento del programma e abbastanza probabile scaricare visto le chiavi di ricerca (teen, sex, pregnant, mom, Mature, ecc.) anche del materiale vietato , (sfido chiunque a dire di non averne mai incontrato) ., infatti una volta controllato i file scaricati provvedo a cancellare quello non interessante e vietato.
    Ora premettiamo il fatto che quando scarichi con l'adsl avvolte lasci il pc acceso anche per giorni continuando a scaricare, probabile che fino a quando non vai a controllare il materiale scaricato puoi sharare qualsiasi file scaricato,anche vietato, ( provare per credere) basta che la Guardia di finanza scarica da te con una chiave di ricerca attinente al pedoporno, riscontrare dei file vietati sul tuo pc in quel momento rilevare l'IP ed il gioco è fatto. da questo momento si richiede al provider a chi risale l'IP e mettere il tuo nome e il tuo nik in una lista nera,. Appena la lista e abbastanza piena scattano le perquisizioni, se nelle operazioni sugli hard disk sono conservati file vietati, eccoti l'incriminazione sull'art 600. Ma faccio notare che l?operazione è partita nel 2003, e in 2 anni chi usa il pc per sharare, provare, giochi e programmi ,minimo avrà formattato il pc 4 volte.

    Fortunatamente sul mio pc non c'era materiale pedofilo ma solo dire qualche file porno ambiguo su qualche diciottenne che può o non essere, ma naturalmente uno che scarica di tutto e probabile che sia stato ritrovato qualche file vietato.
    Da qui incomincia il mio calvario, per gestire la causa il mio avvocato ha voluto 4000 ?uro, (anche perché quello di ufficio me ne ha chiesto 3.500 ?. ) per il disbrigo pratiche . Si solo per quello perché dopo 3 mesi mi hanno restituito tutto il materiale e l?accusa a mio nome e decaduta, con la motivazione che il fatto non costituisce reato. Quindi sono uscito fuori STRAPULITO.
    Pulito?
    NO
    Il 20 marzo , dopo una settimana che mi avevano restituito i pc, alle 06 del mattino si presentano i Carabinieri, con un mandato di perquisizione della procura di Aqui Terme, con l?accusa di aver divulgato materiale pedofilo, tramite WinMx il 3 febbraio del 2003, Praticamente appena uscito da una causa ne sono entrato in altra, appena riavuto i miei pc se li sono riportati, a nulla è servita la documentazione di tutto quello precedente,.
    Adesso mi sto organizzando per trovare altri ? 4000 , per il mio avvocato.
    Ragazzi attenti per megalomania di qualche PM rischiamo tutti un procedimento come il mio
    Sono a vostra disposizione per dare tutte le delucidazioni e spiegazioni su quello che mi è capitato
    non+autenticato
  • Salve gente;
    Mi chiamo Gio e sono di Modena, il 2 dicembre del 2004 alle 06 del mattino, ho ricevuto la visita della guardia di finanza nella mia abitazione, per quanto professionali e competenti quelli del nucleo tecnologico di Roma, hanno fatto un putiferio, avendo in casa 4 pc per un totale di 1000 gb e circa 2000 cd di vario genere, si sono trovati davanti ad un incognita, cosa fare?:"per sicurezza portiamo via tutto" e cosi anno fatto, ecco perché nella immancabile conferenza stampa del PM, si registrava l?enorme mole di materiale sequestrato, si sono portati via anche la mia machina fotografica a pellicola e una serie di negativi di famiglia, compresa tutta la collezione di VHS walt disney di mio figlio,.
    Passiamo ai fatti:
    nel decreto di perquisizione c'era scritto che l'indagine partita nel febbraio del 2003 mi si accusava di aver sharato tramite kazaa il materiale vietato,da qui le accuse con Art. 600 ter e quater.
    rimanendo scettico sull'accusa ma probabile visto il funzionamento dei programmi p2p, dopo la loro uscita di casa mi sono recato dal mio avvocato e abbiamo valutato la situazione.
    premetto che per sharare uso principalmente dc++ per lo piu vecchi film e mp3, ma non nascondo anche qualche gioco e qualche film, Utilizzando kazaa solo per scaricare AIME'' file porno, in particolare dei siti "bang bus" e "teen for cash" "8th street" "cum fiesta" ai cui si accede con password. siti a mio avviso e a quello del mio avvocato legali,( visitate i siti per controllare) naturalmente visto il funzionamento del programma e abbastanza probabile scaricare visto le chiavi di ricerca (teen, sex, pregnant, mom, Mature, ecc.) anche del materiale vietato , (sfido chiunque a dire di non averne mai incontrato) ., infatti una volta controllato i file scaricati provvedo a cancellare quello non interessante e vietato.
    Ora premettiamo il fatto che quando scarichi con l'adsl avvolte lasci il pc acceso anche per giorni continuando a scaricare, probabile che fino a quando non vai a controllare il materiale scaricato puoi sharare qualsiasi file scaricato,anche vietato, ( provare per credere) basta che la Guardia di finanza scarica da te con una chiave di ricerca attinente al pedoporno, riscontrare dei file vietati sul tuo pc in quel momento rilevare l'IP ed il gioco è fatto. da questo momento si richiede al provider a chi risale l'IP e mettere il tuo nome e il tuo nik in una lista nera,. Appena la lista e abbastanza piena scattano le perquisizioni, se nelle operazioni sugli hard disk sono conservati file vietati, eccoti l'incriminazione sull'art 600. Ma faccio notare che l?operazione è partita nel 2003, e in 2 anni chi usa il pc per sharare, provare, giochi e programmi ,minimo avrà formattato il pc 4 volte.

    Fortunatamente sul mio pc non c'era materiale pedofilo ma solo dire qualche file porno ambiguo su qualche diciottenne che può o non essere, ma naturalmente uno che scarica di tutto e probabile che sia stato ritrovato qualche file vietato.
    Da qui incomincia il mio calvario, per gestire la causa il mio avvocato ha voluto 4000 ?uro, (anche perché quello di ufficio me ne ha chiesto 3.500 ?. ) per il disbrigo pratiche . Si solo per quello perché dopo 3 mesi mi hanno restituito tutto il materiale e l?accusa a mio nome e decaduta, con la motivazione che il fatto non costituisce reato. Quindi sono uscito fuori STRAPULITO.
    Pulito?
    NO
    Il 20 marzo , dopo una settimana che mi avevano restituito i pc, alle 06 del mattino si presentano i Carabinieri, con un mandato di perquisizione della procura di Aqui Terme, con l?accusa di aver divulgato materiale pedofilo, tramite WinMx il 3 febbraio del 2003, Praticamente appena uscito da una causa ne sono entrato in altra, appena riavuto i miei pc se li sono riportati, a nulla è servita la documentazione di tutto quello precedente,.
    Adesso mi sto organizzando per trovare altri ? 4000 , per il mio avvocato.
    Ragazzi attenti per megalomania di qualche PM rischiamo tutti un procedimento come il mio
    Sono a vostra disposizione per dare tutte le delucidazioni e spiegazioni su quello che mi è capitato
    non+autenticato
  • Io sono stato denunciato per il cosidetto pedoweb dalla procura d'asti che ha denunciato oltre 300 persone in tutta Italia, ma dico, se sono tutte come me, hanno perso solo tempo e fatto spendere soldi a persone innocenti!

    Racconto il mio fatto: la scorsa settimana alla 6 di mattina hanno suonato il campanello di casa mia, i carabinieri con un mandato di perquisizione. Mi hanno sequestrato computer, videocamera, e tutti i cd (circa 200) che avevo in casa... Per lavoro io faccio il web design, quindi con il computer ci vivo e faccio vivere la mia famiglia... Il computer l'ho comprato a gennaio di quest'anno. La denuncia era datata 15 marzo 2003!!!! In quella data, abitavo in un'altra casa ed usavo un altro computer ed in due anni, se ero un vero pedofilo, potevo fare di tutto!

    Sono stato denunciato perchè sono stato su un sito pedopornografico per una durata di 9 secondi!!! La polizia postale dovrebbe anche sapere che in 9 secondi una pagina web con una linea 56K non si carica nemmeno... C'è giusto il tempo di vedere che sito era, e di chiudere la pagina!

    Adesso mi trovo con una spesa di circa 1500 euro per un computer nuovo, la spesa per un avvocato e lavoro iniziato con miei vari clienti completamente perso...

    E devo anche vivere...

    non+autenticato
  • Un'altro dei soliti imbrogli dello stato.
    Anzitutto non dovevano arrivare prima delle 7.
    Il tuo avvocato era presente alla perquisizione?
    O un tuo vicino, un amico?.
    Dovevano sequestrarti esclusivamente le memorie di massa,
    sempre che ci fosse palesemente traccia di eventuali file
    illegali, non tutti i cd con software e dati personali
    sopratutto dati dei tuoi clienti.
    Essendo il computer stato acquistato in una data successiva
    a quella del reato, non poteva essere riconducibile al reato
    configurabile.
    Tanto meno lo poteva essere la videocamera che non ha nulla a che vedere con lo scarico o la visione di eventuale materiale illegale da internet.
    Il sito contestato era per caso italiano? Puoi almeno indicare una particolare parola dell'url? E' probabile che fosse un sito esca, la cui sola funzione è quella di distribuire a titolo gratuito materiale pedopornografico ad un numero indeterminato di persone.
    Cosa peraltro già considerata illecita da una sentenza,
    http://www.penale.it/giuris/cass_023.htm
    Stessa tattica stanno usando sul p2p.
    L'eventuale perizia del materiale deve essere fatta in presenza tua e del tuo legale, altrimenti possono inventarsi qualsiasi cosa, e il tuo perito di parte non servirebbe più a nulla perche i dati sono già stati manipolati ad arte.
    Fai presente queste cose al tuo avvocato e (ovviamente) richiedi i danni morali e materiali.
    Ritengo questi metodi vergognosi, ma se non fate niente voi che siete i diretti interessati, la cosa non verrà mai alla luce!
    non+autenticato
  • > ma se non fate niente voi che siete i diretti interessati, la cosa non verrà mai alla luce!

    Giusto! Ben detto!Sorride
    non+autenticato
  • E non ricordi se alla fine dell'url c'erano lettere casuali tipo: /abcd/
    non+autenticato
  • era più o meno, non ho le carte sotto mano...

    http : / / digilander . libero . it/ cgpi/ tablon/ (qualcosa).htm
    non+autenticato
  • Sarà, ma a me ricorda un modo di procedere che hanno specificato in fondo a questo articolo:
    http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=8271...
    non+autenticato
  • Se la mia citta' rispecchia la media nazionale...
    1 italiano su 500 e' indagato x pedofilia!!!

    Questo devo evincere dalla notizia (avuta x via confidenziale)
    che 200 miei concittadini risultano indagati a vario titolo x reati legati alla pedofilia...

    E qualcuno ancora non crede alla caccia alle streghe... Triste
  • BASTAAAA
    sempre a parlare di gente che vuole limitarci la libertà, guardate che chi scarica certa roba merita di essere beccata e condannata e se queste robe hanno nomi tipo cartoni animati o altro di sicuro non ce le ha messe la guardia di finanza, i pedofili sono merda e come merda devono essere calpestati e uccisi!!
    e io sono pacifista...

  • - Scritto da: hakare
    > BASTAAAA
    > sempre a parlare di gente che vuole limitarci la
    > libertà, guardate che chi scarica certa roba
    > merita di essere beccata e condannata e se queste
    > robe hanno nomi tipo cartoni animati o altro di
    > sicuro non ce le ha messe la guardia di finanza,
    > i pedofili sono merda e come merda devono essere
    > calpestati e uccisi!!
    > e io sono pacifista...

    Si, come no!!!
    E sei anche un esempio di coerenza!!!
    Qualcuno disse che chi rinuncia alla propria liberta' in nome della sicurezza non merita ne la liberta' ne la sicurezza.
    Ma a te che te frega!!!
    Tu sei un pacifista a cui piace vivere in una gabbia dorata e fare violenza su altri esseri umani, fossero anche pedofili.
    Quindi sei a posto cosi'...

  • - Scritto da: hakare
    > BASTAAAA
    > sempre a parlare di gente che vuole limitarci la
    > libertà, guardate che chi scarica certa roba
    > merita di essere beccata e condannata e se queste
    > robe hanno nomi tipo cartoni animati o altro di
    > sicuro non ce le ha messe la guardia di finanza,
    > i pedofili sono merda e come merda devono essere
    > calpestati e uccisi!!
    > e io sono pacifista...

    Quì non si tratta di difendere le libertà dei pedofili (che giustamente vanno presi e puniti) ma bensì di difendere quelle libertà che fino a ieri avevamo.
    Non ti dice niente una certa legge che stanno per varare la quale vorrebbe impedire di visionare una fanciulla MAGGIORENNE solo perchè dalla foto imostrerebbe meno di 18 anni???
    Per non parlare poi di tutte le altre iniziative liberticide che sto governo ogni giorno s'inventa.
    Mi spiace (non è una minaccia) ma io alla mia libertà non ci rinuncio.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > Non ti dice niente una certa legge che stanno per
    > varare la quale vorrebbe impedire di visionare
    > una fanciulla MAGGIORENNE solo perchè dalla foto
    > imostrerebbe meno di 18 anni???
    > Per non parlare poi di tutte le altre
    > iniziative liberticide che sto governo ogni
    > giorno s'inventa.
    > Mi spiace (non è una minaccia) ma io alla mia
    > libertà non ci rinuncio.


    Di certo non convincerete le persone a lottare contro quella legge (ingiusta) dicendo che in fondo ognuno deve essere libero di scaricare quello che gli pare (basta che non paghi), tesi assurda, vergognosa e senza logica.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > >
    > > Non ti dice niente una certa legge che stanno
    > per
    > > varare la quale vorrebbe impedire di visionare
    > > una fanciulla MAGGIORENNE solo perchè dalla foto
    > > imostrerebbe meno di 18 anni???
    > > Per non parlare poi di tutte le altre
    > > iniziative liberticide che sto governo ogni
    > > giorno s'inventa.
    > > Mi spiace (non è una minaccia) ma io alla mia
    > > libertà non ci rinuncio.
    >
    >
    > Di certo non convincerete le persone a lottare
    > contro quella legge (ingiusta) dicendo che in
    > fondo ognuno deve essere libero di scaricare
    > quello che gli pare (basta che non paghi), tesi
    > assurda, vergognosa e senza logica.

    Per lottare contro questa legge , non c'è bisogno di convincere nessuno. Ogniuno fa per se, e lo farà nel modo che riterrà più opportuno.
    E per che cosa ci dovremmo vergognare?? Io dico che invece si dovrebbe vergognare chi mette in vendita musica e software a prezzi da strozzinaggio .
    Quelli si che dovrebbero vergognarsi.
    Ma a quanto pare sembra che tu stia dalla parte dei forti e prepotenti.
    Beh; io invece sto dalla parte delle persone.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 16 discussioni)