Telefonia? Buone tariffe, cattive tasse

A bastonare il Bel Paese ci pensa il Garante britannico che fa una comparazione europea e boccia l'Italia. Gli italiani secondo Ofcom pagano pegno

Londra - Nei giorni caldi della denuncia contro i prezzi troppo elevati dell'ADSL italiana rispetto a quelli europei, a confermare che il mercato nostrano è tartassato ci pensa Ofcom, ente poco noto in Italia ma che nel Regno Unito svolge il ruolo fondamentale di Garante del mercato dei media e delle TLC.

Ofcom ha infatti presentato i dati relativi al confronto fra i servizi di telefonia mobile in Francia, Germania, Svezia, Regno Unito e Italia; dal rapporto si evince che l'Italia nel panorama europeo non sfigura sul fronte delle tariffe eppure non brilla affatto, e questo perché troppo elevati sono gli oneri di tasse e IVA, che penalizzano le tasche degli utenti, soprattutto di quelli che usufruiscono dei servizi in abbonamento.

Per quanto riguarda il prezzo degli abbonamenti, la Ofcom, prendendo come indice di riferimento il valore 100 raggiunto dal Regno Unito, colloca l'Italia all'ultimo posto a quota 96 (ossia ad un prezzo più alto), preceduta dalla Svezia a 97, con Germania e Francia al di sopra della soglia (102, 105). Per quanto riguarda invece i costi mensili l'Italia sale al primo posto a causa della tassa di concessione governativa, sconosciuta alla maggiorparte degli utenti europei, e dell'IVA al 20%. Per quanto riguarda le tariffe prepagate, il Regno Unito è il Paese più conveniente (100) e l'Italia è al secondo posto seguita dalla Svezia, dalla Germania e dalla Francia.
Non è la prima volta che le indagini Ofcom evidenziano un ritardo dell'Italia, confronti con l'Europa che possono destare molte domande nei consumatori, alle quali gli organi regolamentari italiani sono dunque inevitabilmente chiamati a rispondere.
13 Commenti alla Notizia Telefonia? Buone tariffe, cattive tasse
Ordina
  • Oltre all'iva, le aziende devono caricare sul prezzo di vendita un sacco di tasse e tassette indirette che lo fanno lievitare
    non+autenticato
  • giudecca per i politicanti ti mer*a che governano e hanno governato l'italia!!!!!!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Oltre all'iva, le aziende devono caricare sul
    > prezzo di vendita un sacco di tasse e tassette
    > indirette che lo fanno lievitare

    Almeno per tasse e tassette (in questo caso)... sto governo non c'entra ... almeno questo è innegabile (se a qualcuno venisse in mente di parlare di antitrust... meglio che si vada a vedere chi comanda all'antitrust... perche sono tutti di sinistra... capo incluso)
    se poi vogliamo parlare dell'iva ... è al 20% da un casino ... sempre roba dei precedenti governi
    non+autenticato
  • Per capire che la tassa governativa di 15 euro al mese è una fregatura. Perchè le accise sui carburanti scherzano!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Per capire che la tassa governativa di 15 euro al
    > mese è una fregatura. Perchè le accise sui
    > carburanti scherzano!

    Questo è il modo in cui riducone le tasse, ti danno 1 per toglierti dieci con le tasse indirette
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Per capire che la tassa governativa di 15 euro al
    > mese è una fregatura. Perchè le accise sui
    > carburanti scherzano!
    Veramente basta solo guardare la composizione del costo di una qualsiasi cosa in questa disgraziata nazione per rendersene conto....
    Cosa ti aspetti da chi tiene l'IVA al 20% sul gas usato in casa per uso domestico e riscaldamento, con la conseguenza che il pensionato che ha il riscaldamento autonomo paga la stessa IVA di chi usa il gas per fondere metalli e guadagnarci rivendendoli? mi sembra che il pensionato NON abbia ricavi dall'uso del gas...mah. misteri dell'economia ;-(Indiavolato
    non+autenticato
  • Guarda che chi usa il gas per la sua attività lavorativa l'IVA la scala e non la paga. L'IVA è tutta in carico all'ultimo cliente della catena.
    non+autenticato
  • > Cosa ti aspetti da chi tiene l'IVA al 20% sul gas
    > usato in casa per uso domestico e riscaldamento,
    > con la conseguenza che il pensionato che ha il
    > riscaldamento autonomo paga la stessa IVA di chi
    > usa il gas per fondere metalli e guadagnarci
    > rivendendoli? mi sembra che il pensionato NON

    l'IVA a casa e' il 10%
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > > Cosa ti aspetti da chi tiene l'IVA al 20% sul
    > gas
    > > usato in casa per uso domestico e riscaldamento,
    > > con la conseguenza che il pensionato che ha il
    > > riscaldamento autonomo paga la stessa IVA di chi
    > > usa il gas per fondere metalli e guadagnarci
    > > rivendendoli? mi sembra che il pensionato NON
    >
    > l'IVA a casa e' il 10%
    L'IVA per chi ha riscaldamento autonomo a gas è il 20%, la stessa applicata per le attività produttive......
    non+autenticato
  • E possiamo salutare ogni possibilità di abbassamenti dei prezzi, ma per la verità questo lo avevamo già capito...

    Resta però il fatto che le connessioni negli altri paesi sono più veloci, e qui non ci sono scusanti, il servizio con le tasse Italiane, può costare anche il doppio, ma non si capisce però perchè fa 4 volte più schifo!

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > E possiamo salutare ogni possibilità di
    > abbassamenti dei prezzi, ma per la verità questo
    > lo avevamo già capito...
    >
    > Resta però il fatto che le connessioni negli
    > altri paesi sono più veloci, e qui non ci sono
    > scusanti, il servizio con le tasse Italiane, può
    > costare anche il doppio, ma non si capisce però
    > perchè fa 4 volte più schifo!
    >

    No, resta il fatto che uno stipendio UK è il doppio dello stipendio nostro.

    Questo non lo dicono mai.
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > No, resta il fatto che uno stipendio UK è il
    > doppio dello stipendio nostro.
    >
    > Questo non lo dicono mai.

    uno stipendio inglese varia da circa 1,5 volte a 2,5 volte lo stipendio di noi italiani...

    ma non bisogna generalizzare, le tariffe inglesi sono in proporzione in linea con quelle italiane...
    mentre da noi sono ~35 euro al mese li sono ~29 sterline al mese..
  • e quindi si ritorna al fatto che guadagnano di +, ma non spiega, p.es., perché in francia hanno la VDSL a 52Mbit e noi no...
    non+autenticato