Mezza retromarcia TIM sull'estero

Dopo le dure reazioni all'aumento sugli SMS verso l'estero e delle chiamate in roaming internazionale, TIM cerca di salvarsi in corner con una ricarica pensata solo per l'estero

Roma - Dopo aver raddoppiato il prezzo degli SMS in uscita dall'Italia verso l'estero e quello delle chiamate e degli SMS in roaming internazionale, TIM si fa venire una nuova idea: una tariffa speciale per i clienti che si trovano all'estero.

Con TIM Ricarica Giramondo, attivabile dal 4 aprile scorso al 30 giugno 2005, TIM permette infatti di raddoppiare il valore del credito della ricaricabile per chiamare e inviare SMS dall'estero; attivando la promozione al prezzo di 5 euro, si ha diritto a 25 euro di traffico telefonico che diventano immediatamente 50 e vengono ripartiti in 40 euro di telefonate e 10 euro di SMS inviati dall'estero verso l'Italia.
Il bonus ha una durata di 30 giorni e, se non fruiti, non possono essere né utilizzabili né rimborsabili trascorso il periodo; inoltre per i 30 giorni successivi all'attivazione dell'offerta viene applicato il normale scatto alla risposta di 18 centesimi previsto per le chiamate dall'estero.

Per conoscere il bonus residuo anche dall'estero, occorre inviare un SMS gratuito al 4916 con testo "SALDO Roaming", mentre per sapere il credito residuo della ricaricabile, dall'estero si deve inviare un SMS gratuito al 4916 con il testo "Pre Cre SIM" o digitare senza spazi *123# e premere il tasto di Invio.
L'offerta ricorda le caratteristiche di Maxxi Ricarica Tim, con tutti i suoi pregi e i suoi difetti. Forse Tim cerca, con Giramondo, di tamponare le lamentele degli utenti, che non hanno gradito il rincaro dei prezzi in roaming e degli SMS inviati all'estero. Oppure, da un altro punto di vista, TIM ha sfruttato l'occasione data da questi recenti rincari proprio per lanciare Giramondo, con cui attirare nuovi utenti delusi dalle normali tariffe di roaming.

Peccato che non ci sia alcuna opzione, al momento, per avere pacchetti sconto di SMS da inviare all'estero. In particolare, ora sembra che proprio su questi ultimi gli operatori abbiano deciso di speculare per aumentare i propri margini di profitto, già molto alti sugli SMS, che hanno un costo a monte insignificante. Vodafone aveva infatti raddoppiato già a novembre il costo degli SMS verso l'estero.
6 Commenti alla Notizia Mezza retromarcia TIM sull'estero
Ordina